.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


1 marzo 2010

QUAL E' IL MISTERO DELL'HOTEL "LA CORRIDA" ? racconto by Luca Bagatin

Come vi prennunciai nel post del 20 febbraio scorso, ho deciso di pubblicare il racconto (la cui mia prima stesura risale al 1998) che avrei voluto proporre al concorso IoScrittore, ma che, per motivi di parametri ristretti non ha potuto partecipare.

Trama

In effetti non è cosa semplice narrare un film al proprio produttore cinematografico.
Tanto più se il film è grottesco, assurdo e alquanto sconclusionato. Per quanto affatto privo di stupecafenti colpi di scena degni di un vero e proprio trhiller poliziesco.
E' purtuttavia ciò che tenta di fare Harry Mellish, autore e regista alter ego o - che dir si voglia -  parodia di Woody Allen, in questo particolarissimo racconto il cui "cuore" è la narrazione del film stesso.
Un film/racconto costruito come sceneggiatura: ambientato nell'hotel di una Barcellona senza tempo in cui si alterneranno aspiranti modelle, un compassato detective privato, noti stilisti, improbabili mafiosi, fotografi perfezionisti e bellissime amanti dai gusti sadomaso, in un crescendo di colpi di scena grotteschi come in un vero e proprio Circo Barnum.  
Ma tutto ciò nasconde un mistero: che cosa si cela - infatti - dietro all'Hotel La Corrida ?




Allora, Bill, iniziamo dai titoli di testa…


LA PARAMOUNT PRODUCTION PRESENTA:


Qual è il mistero dell’Hotel La Corrida?

Una storia di mafia, di donne, di moda, di sesso al limite del paradossale e del ridicolo

UN FILM DI HARRY MELLISH




Henry Humprey passeggia per le vie di Barcellona alla ricerca del “suo uomo”.
Sigaretta tra le dita, impermeabile alla Marlowe, sguardo smorto e triste: questo il nostro investigatore privato stile anni ‘40. Era di New York, cinquanta anni circa e al momento lavora per conto di un certo Louis di New Orleans che ha perso la ragazza, fuggita a Barcellona con un italiano pieno di soldi.
Ah, le donne! Perdono sempre la testa per uno pieno di soldi!
Henry è appunto sulle tracce di questo riccone e magari pure mezzo mafioso di italiano. Louis gli ha fornito un indirizzo di Barcellona ove ritiene possa trovarsi la ragazza, Mina, è il suo nome.
Henry continua a passeggiare avvolto nel suo impermeabile e si accende la seconda sigaretta, una di quelle senza filtro che con due tiri ti senti già al settimo cielo. Ama le emozioni forti, Henry! Gli piace anche bere, ma di questo parlerò a tempo debito.

Esterno giorno: Debby passeggia con tre o quattro borse piene di abiti. La ragazza non avrà che vent’anni, occhi grandi, sguardo vispo e allegro, trucco leggero, abiti metallici che le mettono in risalto il prosperoso seno con  capezzoli appuntiti sui quali brillano due diamanti rossi e lucenti.
Entra in un enorme hotel del centro denominato “La Corrida”. La hall è stata adibita a studio fotografico.
Un ragazzo dal fondo della hall, con fare femmineo si rivolge alla nostra eroina: - Debby, in ritardo anche oggi, cazzo! Se hai le tue cose, stattene a casa, tesoro, che non abbiamo bisogno di gente come te! -
- Smettila di rompere Miguel, e cominciamo il servizio! - risponde lei spazientita.
Miguel è alla macchina fotografica, Debby si slaccia gli abiti metallici abbassando una cerniera: ora possiamo vedere che il suo seno non è poi tanto prosperoso e i capezzoli appuntiti non erano che un’illusione dell’abito.
In pochi secondi si infila un lungo abito da sera nero molto aderente che le mette in risalto il sedere rotondo e bello sodo (questa volta non fasullo!). Miguel scatta alcune foto di lei in diverse pose. Poi Debby cambia abito: un completino sadomaso da schianto con tanto di borchie e catene...e frustino naturalmente. Miguel continua a scattare finchè lei...:
 - Basta, Miguel, sono stufa, sono ore che lavoriamo senza sosta! E poi sono stufa di essere fotografata così, mi sento ridicola! -
- Ho capito, tesoro, hai le tue cose, e va bene, facciamo una pausa di trenta minuti, va bene. -
Poi la prende per il collo e le dice:
 - Ascoltami bene, piccola, se hai intenzione di mandare a monte il mio servizio io ti strangolo! Lo sai quanti cazzo di fottuti soldi ho dovuto spendere? Lo sai, troietta da quattro soldi? -
- Lasciami, mi fai male, brutto frocio di merda! -
Miguel la guarda con odio e le sferra uno schiaffone che la fa cadere a terra con tanto di filo di sangue che le esce dalla bocca, poi le dice:
- Puttana! Con me hai chiuso! - E se ne va via adirato.

Interno notte: hall dell’hotel “La Corrida”.
Pedro, un uomo sulla trentina, entra nell’hotel e si dirige verso la reception.
Poggia la sua enorme valigia a terra e suona il campanello posto sul tavolo.
Poco dopo compare il portiere, un anziano signore sulla sessantina con giacca rossa d’ordinanza:
- Desidera, signore? - chiede il portiere.
- Vorrei una stanza -
- Ha una prenotazione a suo nome, signore? -
- Veramente no...Mi chiamo Pedro Martinez. Eccole un documento. -
- Bene, signore, eccole le chiavi della 315. Fernando, accompagna il signor Martinez alla 315. -
Il facchino prende la valigia con qualche difficoltà dato l’enorme peso e accompagna Pedro alla 315.
Pedro poggia la valigia sul letto e corre a farsi una doccia.

Henry Humprey passeggia avvolto dalle tenebre quando d’un tratto vede l’insegna luminosa di un pub: “Folies”. Vi entra e si siede al banco.
Ordina un whisky doppio con ghiaccio, lo beve d’un sorso e si accende l’ultima sigaretta del suo pacchetto.
Intima poi all’oste di avvicinarsi e questo si china verso di lui.
- Hai mai visto questa ragazza? - chiede Henry in perfetto spagnolo mostrandogli una foto di Mina e allungandogli un bigliettone da 100 dollari.
- E’ la ragazza di Antonio Ripamonte, il boss del quartiere. Un uomo molto pericoloso. Amico, ti consiglio di stargli lontano il più possibile se non vuoi ritrovarti disciolto nell’acido come è capitato a Carrasco, il barbiere il mese scorso -
- Che aveva combinato questo Carrasco? - chiede Henry.
- Non aveva pagato le tasse - risponde tranquillo l’oste.
- Evasore fiscale, eh? -
- In un certo senso -
- E dove alloggia questo “esattore delle tasse”? -
- All’hotel “La Corrida”, in pieno centro città -
- Sta con la ragazza?-
- Che cazzo vuoi che ne sappia io, amico, mica mi impiccio dei cazzi altrui! - risponde l’oste spazientito.
Henry fra sè: - Proprio come mi aveva detto Louis -
- Che hai detto? - chiede l’oste ad Henry.
- Ma fatti un po’ i cazzi tuoi, oste della malora! - risponde Henry con la sua solita flemma.
Paga il conto ed esce dal pub.
All’uscita lo bloccano due energumeni che lo spintonano e quasi lo gettano a terra.
- Sei un poliziotto? - gli chiede uno di loro.
- Agente privato Henry Humprey - e mostra loro il suo tesserino di riconoscimento.
- Sbirro, un uccellino è venuto a dirci che vorresti la ragazza del nostro capo, non è così? - gli fa, ironico, uno di loro.
- Un uccellino? Questo, forse? - dice Henry e gli sferra un calcio sotto la cintura.
L’energumeno si porta una mano lì e si lamenta, un altro estrae un coltello ma Henry, più veloce, riesce a disarmarlo. Il coltello cade a terra. Ora Henry estrae la sua pistola dalla giacca e la punta loro contro dicendo: - Dite al vostro capo che mi farò vivo al più presto -. Intasca la pistola nell’impermeabile e se ne va con le mani in tasca e camminando con passo tranquillo.
L’energumeno disarmato raccoglie il coltello precedentemente caduto e si sferra contro la schiena di Humprey. Henry, tuttavia, con scatto fulmineo si gira, estrae la pistola che aveva intascato e gli spara ferendolo ad un braccio.
- Ah, cazzo! - esclama il manigoldo.
- E che ti serva di lezione, ragazzo. Mai mettersi contro uno più vecchio di te di vent’anni - dice Henry che riprende il suo tranquillo cammino lasciandosi alle spalle i due malandati energumeni.

Interno giorno hotel “La Corrida”:
Debby scende le scale dell’hotel con una borsa voluminosa di abiti.
Ad attenderla c’è Miguel spazientito e una modella seminuda.
Lo sguardo di Debby si posa subito sulla modella dal corpo perfetto che  le sorride.
- Avanti principessa, avanti! Le sono passate le sue cose? Possiamo riprendere il servizio oppure desidera cappuccino e cornetti per ridestarsi dal suo profondo sonno ristoratore? - dice Miguel rivolgendosi a Debby.
Debby pare cadere dalle nuvole e soprappensiero: - Grazie, ma preferirei del ciocc...Oh! Scusami Miguel, caro...scusami...em...riprendiamo il servizio, và -
Miguel le rivolge un sorriso sarcastico e dice rivolgendosi all’altra modella: - Riprendiamo, và! La principessa è ritornata nel mondo reale -
- Questa è Gaia, tesoro, e lavorerà con te per il resto del servizio. Spero andrete d’accordo, perché se c’è una cosa che non sopporto è vedere due galline che starnazzano insultandosi a vicenda! -
- Due galline? - dice Gaia con la sua voce vagamente rauca.
- Puoi giurarci, Miguel, andremo d’accordo come...due angioletti - dice Debby sorridente ed emozionata.
- Lo spero bene, principessa sul pisello - risponde Miguel. - E adesso due minuti di pausa e poi si comincia - e si dirige verso l’uscita dell’hotel accendendosi una sigaretta.
Gaia si rivolge a Debby: - Se c’è uno che sta sul pisello quello è proprio lui, quello stronzo! -
- Non ti preoccupare, è fatto così. Lavoro con lui da alcune settimane e mi ha già picchiata perché mi ero stufata del suo perfezionismo maniacale da checca isterica e mi ha anche licenziata. Per fortuna poi le sue cose gli sono passate e mi ha riassunta. E’ uno stronzo, sì, ma quando gli passa l’incazzatura si può riprendere a lavorare e lavorare è quello che mi serve in questo momento. Altrimenti come mi mantengo? E poi chi me li compra gli abiti firmati -.
- Presumo quindi che tu non sia fidanzata....- dice Gaia.
- Fidanzata? Assolutamente no - risponde Debby con enfasi.
- Siamo in due allora. Quà la mano, socia! - dice Gaia stringendole la mano.
Le due si guardano fisse negli occhi...languidamente...si sorridono, si avvicinano l’una all’altra e...Entra Miguel: - Avanti, tesori, vestitevi, amori, si comincia... PRESTO! -.

Interno giorno stanza 315:
Pedro si sistema la cravatta davanti allo specchio della sua camera d’albergo. E’ vestito molto elegantemente con giacca e pantaloni blu scuro.
Si dirige verso il letto sul quale è posta la sua enorme valigia. La apre e ora possiamo vedere la canna di un fucile con silenziatore diviso in tre parti. Pedro provvede ad assemblare le parti. Lo lucida e lo pulisce sia internamente che esternamente. Lo prova, lo osserva e successivamente lo smonta e lo ripone nella valigia.
Esce dalla stanza con la valigia.
Si dirige verso la stanza 356, bussa e subito gli è aperto. Entra. Davanti a lui possiamo vedere  un’immensa scrivania con dietro una imponente poltrona che gli dà le spalle sulla quale vi è seduto un uomo che non ci è possibile al momento scorgere.
- Tutto ok, signor Ripamonte -. dice Pedro.
L’uomo sulla poltrona si volta e ora vediamo che si tratta di un bel giovane sbarbato che fuma il sigaro: - Benone Pedro, allora a questa sera al gala dell’hotel. Mi raccomando, dovrà essere un delitto perfetto, senza troppi spargimenti di sangue, lo sai quanto io detesti il sangue, mi fa venire il voltastomaco - gli risponde il giovane con accento siciliano.
Pedro batte i tacchi e se ne esce.

Esterno/interno giorno hall hotel “La Corrida”:
Henry Humprey entra nell’hotel con passo tranquillo, sigaretta in bocca e mani nelle tasche.
Si dirige verso la reception e chiede al portiere: - Alloggia qui Mr. Antonio Ripamonte? -
Il portiere lo guarda stupito e gli si avvicina: - Parli più piano signore - gli risponde il portiere a bassa voce. Poi continua con tono normale: - Desidera una stanza, signore? Ne abbiamo di meravigliose, con vista sul centro storico...-.
- Vorrei solo sapere se alloggia qui Mr. Ripamonte, amico - dice Humprey tranquillo ma vagamente spazientito.
Il portiere gli si avvicina nuovamente e a bassa voce: - Signore, vuole farmi licenziare? La prego...-
Henry gli allunga un biglietto da 100 dollari e dice: - E allora, amico? -.
Il portiere tossisce, si guarda intorno e, sempre vicino a lui e con voce bassa: - Stanza 356, non mi chieda di più! -
- Right. Mi può bastare - dice Humprey spegnendo la sigaretta nel posacenere posto sul bancone. Poi si volta e si ferma ad osservare un manifesto posto su una delle colonne della hall:

“Questa sera l’Atelier della Moda di Barcellona in collaborazione con la Direzione dell’Hotel La Corrida ha il piacere di invitarvi alla serata di gala per la presentazione della collezione primavera/estate ‘99
Sono ammessi solo i villeggianti muniti di apposito invito”

Henry si rivolge al portiere: - Scusa amico, a chi devo rivolgermi per avere un invito per questa “serata di gala”? -
- Ma, veramente, signore l’invito è riservato alle agenzie di moda ed ai loro collaboratori...non credo che... - e il Nostro gli allunga un altro biglietto da 100 dollari -...ah, capisco, lei è un agente di moda...dovevo capirlo subito, mi scusi ancora ed eccole un invito -.
- Vedo che noi due ci intendiamo, amico - risponde Humprey intascandosi l’invito e se ne esce dall’hotel.
Qui incrocia Miguel e urtandolo gli fa cadere alcuni rotoli di stoffa.
- Cazzo! Ma guardi un po’ dove cammina! - esclama Miguel chinandosi a raccogliere i rotoli.
- Scusa, amico, sono mortificato - risponde Henry aiutando a raccoglierli.
Gli sguardi si incrociano. Quello di Miguel, prima cupo e incazzoso ora è mite come quello di un agnellino osservando lo sguardo macho e attempato di Henry.
- Scusa ancora, ero sovrappensiero - dice Humprey.
- Ma si figuri! Sono io che sono sempre la solita sbad...ehm...il solito sbadatone! - esclama Miguel sfolgorando un sorriso a 360 gradi e fissando languidamente lo sguardo del nostro detective privato.
- Right. Ci vediamo, amico - conclude Humprey.
- Speriamo presto - lo saluta Miguel al quale dall’emozione cadono ancora una volta i rotoli di stoffa sui quali inciampa. - Debbyyyy, Gaiaaaa, venite ad aiutarmi! Cretineeee! - urla Miguel a terra.

Il portiere si rivolge al giovane facchino con fare preoccupato grattandosi la testa calva: - Fernando, ho paura che questa sera ne vedremo delle belle! Tieniti a disposizione, comunque. Qualsiasi cosa fuori dall’ordinario succeda, non esitare a chiamare la polizia, mi raccomando! -. E il facchino fa cenno di sì con la testa.

Interno sera: Salone delle Feste hotel “La Corrida”:
Tutto è pronto per la serata di gala offerta dall’Atelier della moda di Barcellona: è stato allestito un imponente e sfarzoso palco che occupa, insieme alle numerosissime sedie e al tavolo del rinfresco quasi interamente il Salone delle Feste dell’hotel.
Miguel è nervosissimo e non la smette di fumare e di passeggiare avanti e indietro in attesa degli invitati.
Le modelle delle principali agenzie di moda d’Europa sono dietro le quinte e terminano di prepararsi. Tra loro, anche Debby e Gaia, che si sistemano reciprocamente gli abiti sadomaso della collezione di Miguel.
Gaia indossa un gilet e dei pantaloni in pelle nera che le mettono in evidenza le già evidenti curve e ai piedi calza degli stivali con il tacco alto che sembrano dire: “vieni qui che ti calpesto!”, mentre Debby indossa una casacca in pelle bianca e una gonna in raso blu ed ai piedi delle zeppe nere, ma la cosa che la caratterizza è un collare acuminato che le stringe il collo con tanto di catena che Gaia dovrà tenere sul palco assieme ad una frusta per “domarla”.
Gaia si accende una sigaretta e si dirige verso la toilette. Debby si guarda intorno e poco dopo la segue. Alcune ragazze alzano le spalle come per dire “Bho!?!”
Gaia fuma tranquillamente, mentre Debby la sorprende: le getta via la cicca (lei non sopporta il fumo) e le getta anche le braccia al collo e la bacia appassionatamente. Poco dopo tossisce: - Ma quando la smetterai di fumare? -
- Per te, anche subito - le risponde maliziosamente Gaia gettando il pacchetto delle cicche nel bidone della spazzatura.
- Non so cosa mi sta succedendo, ma...ma...credo di essermi innamorata. E quel che è peggio, di una donna! dice Debby imbarazzata e poi continua emozionata - Ma...ma..che cosa hai detto? Che smetti di fumare....PER ME?!? -.
- Certo, guarda che anch’io...insomma...mi sono innamorata - e le due riprendono le effusioni amorose interrotte.
Poco dopo nella toilette entra Henry Humprey che, anche vedendo le due ragazze, rimane indifferente e con la sua proverbiale flemma: -Scusate ragazze, non è certo mia intenzione disturbarvi, ma ci deve essere un errore...-
Debby: - Certo che c’è un errore, BRUTTO MANIACO! -
- Ehm, intendevo dire un altro tipo di errore - e indica loro l’insegna della porta con la scritta: “Hombres”.
Debby arrossisce e guarda Gaia che risponde: -MMM..... scusate, dev’essere stata colpa mia, non conosco molto bene lo spagnolo...e poi, l’abitudine... -
Debby: - ‘ndiamo via và, che Miguel ci starà cercando -
- Siete due modelle per caso? - chiede Humprey.
- Sì, perché? -
- Perché temo che se Miguel è quello che dico io, è fuori di sè per la rabbia -
- Andiamo, Gaia, cazzo! -
- Arrivo...amore! -
Humprey, sempre senza espressione, questa volta improvvisa un sorriso di compiacimento, ci volta le spalle e si dirige verso il water.

Interno sera: Salone delle Feste hotel “La Corrida”:
Il Salone delle Feste è gremito di gente, principalmente collaboratori di agenzie di moda, fotografi, giornalisti, donne dell’Alta Società europea, stilisti famosi quali Gianfranco Ferrè e Gian Paul Gaultier, ai quali un nervoso Miguel ha già rivolto un caloroso saluto (le linguacce!), il giovane Antonio Ripamonte in qualità di Direttore dell’hotel e Henry Humprey, in qualità di “agente di moda”.
La sfilata quindi ha inizio, ma la nostra attenzione ora è rivolta verso la scala che sovrasta il palco e che porta ai piani superiori. Qui infatti troviamo il sicario Pedro Martinez che, nascosto dalla penombra di un cactus, armeggia con il suo fucile con silenziatore e con mirino ad alta precisione, che punta in direzione del povero Miguel. Dopo aver preso accuratamente la mira è ora pronto a sparare......- Pedro, caro, che combini? - lo chiama una voce soave e melodiosa di un’altrettanto soave e curvilinea fanciulla.
- Ehm...padrona...che ci fa qui? Non le aveva detto Mr. Ripamonte di rimanere nella sua stanza? - chiede  imbarazzatissimo e sottomesso Pedro.
- MMMM, fosse per Antonio! Dovrei rimanere chiusa in camera come un cadavere nella tomba! Ma io sono giovane e piena di vita e ho voglia di stare in società! Ma tu non mi hai risposto. Che cavolo ci fai con quell’arnese in mano, trombolotto? -
- ................. -   Pedro arrossisce sempre più e rimane interdetto.
Henry Humprey, che si trova seduto tra la folla, alza la testa e scorge Lei sullo scalone che parla con un cactus e rimane impietrito da cotanta bellezza e pensa: - Eh, alla mia età e con il cuore che mi ritrovo, guarda cosa mi tocca vedere! -, ma non resiste al suo cuore e “l’uomo di roccia” che non si scompone da almeno vent’anni, neanche se si tratta di pagare una montagna di tasse, si alza dalla sedia e si dirige verso la scalinata.
Pedro si accorge che qualcuno sta per salire e...: - Scusi, signorina Mina, ma devo proprio andarmene - e se ne va carponi portandosi dietro il cactus.
- .................. -  risponde Lei continuando ad osservarlo stupita.
- Coff...coff...- tossisce Humprey schiarendosi la voce -....ehm, che ci fa una dolce fanciulla come lei in questo luogo così appartato, invece di sfilare in passerella per la gioia di noi agenti di moda? -
- Bè, a dire la verità non sono una modella. Sono la fidanzata di Antonio Ripamonte. Fidanzata.......poooi......diciamo che sto con lui, ecco. Anche se è pieno di soldi è un tal gelosone che non le dico! Mi tiene segregata in camera, la 356, ventiquattrore al giorno! E adesso mi sono rotta! Adesso scendo e gli dò il benservito a quello...a quello...stronzo, scusi! E lei chi è, un agente di moda mi diceva? Mi farebbe sfilare? Non sono il massimo ma mi tengo bene!.....-
- Ehhh, non c’è che dire, indubbiamente! - esclama Henry inebriato da quel bombardamento ininterrotto di frasi proferito da una fanciulla così incantevole (troppo bella per descriverla, ma diciamo che per interpretarla vorrei o Megan Gale, o Anna Falchi o Manuela Arcuri o Laetitia Casta, oppure tutte e quattro insieme! Basta che mi mangi con gli occhi e che sia forte di petto e soprattutto...che ci stia con me!).
- Ma, diceva che è la fidanzata di Mr. Ripamonte? -
- Non sono la fidanzata...-
- Vabè quello che è...E poi mi parlava della stanza 356, quella di Mr. Ripamonte appunto! -
- Diamoci del tu, via, e poi non capisco perché mi fai tutte queste domande...tesoruccio!
Humprey tossisce e si accende una sigaretta: - Avrei bisogno di un whisky, doppio! - e poi continua: - Non sarai mica Mina? -
- Sì, sono io, anche se non ho inciso nessun disco con Celentano! - e se la ride da sola visto che Henry non conosce le canzoni italiane.
- Ma allora ti ho trovata, finalmente! -
- Perché, cercavi proprio me? Guarda, ti avverto: o mi ingaggi per un miliardo o non sfilo per nessuno, neanche per Gaultier! -
- Ingaggi? Un miliardo? Ma che stai farneticando? Io sono l’agente privato Henry Humprey e lavoro per Louis di New Orleans, una tua vecchia conoscenza, o mi sbaglio? -
- Ah, quello! Sì, lo conoscevo, sì. L’ho anche amato, lo confesso, ma poi mi sono accorta che era di una noia mortale e me ne sono andata: come si fà a stare con uno che ti fa fare sesso orale dalla mattina alla sera, nel senso che te ne fa parlare per ore e non ti fà mai combinare nulla! -
- Bhè, insomma, poche storie, ragazza! Tu adesso vieni con me a New Orleans da Louis e il caso è chiuso, right! -
- Right un cavolo fritto, carino! Prima ti fai passare per un agente di moda e adesso ti metti a dare pure ordini! Io da Louis NON-CI-TORNO! E poi...mi piaci tu. -
Henry accenna un sorriso e poi il suo volto torna triste: - Tu di più, purtroppo. -
Mina accompagna Henry verso la stanza 356, la apre e lo fa accomodare su una poltrona. - Aspettami qui, bello, vado a farmi una doccia e torno. Serviti pure del whisky, se vuoi - e gli manda un bacio a distanza.
Henry si alza dalla poltrona e va verso il frigobar dove beve a collo un’intera bottiglia di gin, poi torna a sedersi e si accende una sigaretta.
Alcuni minuti dopo Mina esce dalla toilette indossando una maschera nera tipo Zorro, un reggiseno ed una minigonna in pelle rigorosamente nera e dei sandali con i tacchi a spillo.
Lei va verso il Nostro e il suo sguardo è amorevole e smaliziato. Lo prende per mano e lo fa alzare. Tenendolo sempre per mano e accarezzandogli la spalla, lo accompagna verso un meraviglioso arazzo del XVII secolo. Qui schiocca le dita e l’arazzo cade a terra, scoprendo una miriade di attrezzi di piacere: frustini (come potrebbero mancare!), collari acuminati, peni di plastica di varie dimensioni, coltelli, manette con tanto di catene....
- Sei una dura, eh? A me piacciono le tipe dure! - dice Henry sempre impassibile ma ora, sarà per l’effetto dell’alcol (strano, lui regge benissimo!), sarà per l’effetto della vista di tanto ben di dio (Lei & l’attrezzatura), è un po’ meno impassibile del solito, tanto che le cinge la vita e la bacia con trasporto.
- Tesoruccio, scegli ciò che più ti aggrada - lo esorta Mina indicando gli attrezzi.
- Eh, ai miei tempi certe cose non si usavano! Ma questi credo andranno bene. - risponde Humprey porgendole frusta e  manette.
Poco dopo Henry è completamente nudo e ammanettato con i polsi legati alla spalliera del letto a lei che alterna scudisciate a baci appassionati.
- MMM, mai goduto così, mio schiavo d’amore! - grida Mina che, salita sul letto, calpesta il muscoloso petto di Henry imprimendo sulla carne i segni dei tacchi a spillo.
- Neanche io, in mezzo secolo di vita! - dice flemmatico ma sorridente il Nostro.
Musica in sottofondo. Si spengono le luci. Colpo di arma da fuoco nella notte crudele e dolce.
- Oddiomadonna! Che è stato? -
- Non lo so, piccola, ma se non mi sleghi non lo saprò mai! -
Mina in fretta e furia slega Humprey, ma, nella fretta, appunto, con le sue unghie affilate, gli fa un taglio sulla mano che gli fa uscire molto sangue.
- Oh,  poverino, scusa......- e gli lecca amorevolmente la ferita.
- Non c’è tempo, principessa, il lavoro mi aspetta! - ed esce dalla stanza praticamente nudo, ciò che fa svenire alcune signore.
- Occazz...Ho proprio perduto la ragione - e corre a rivestirsi.


Interno notte: Salone delle Feste hotel “La Corrida”:
Nel Salone si è scatenato il panico: urla e fischi la fanno da padroni!
Il portiere al facchino: - Fernando! Chiama la poliziaaaaaa!
Improvvisamente si riaccendono le luci e troviamo a terra Miguel ferito ad un braccio.
- AAAAAAAAAAAAH! CHE DOLOREEEE! Qualcuno mi salvi, PERDIOOO! -
Henry Humprey accorre e Mina lo segue.
- Che diavolo è accaduto?!? -
- Ma non lo vedeee! Hanno attentato alla mia personaaa! -
Debby: - Era ora che qualcuno ci pensasse a quella checcha isterica, non è vero, Gaia? Gaia? Dove sei? Gaia? -
Humprey: - Che nessuno si muova di qui! -
Ma il pubblico, urlante, è in agitazione: chi sviene dallo spavento, chi tenta la fuga…tuttavia le uscite sono tutte bloccate!
Sulla scala che sovrasta il palco, intanto, c’è Antonio Ripamonte che parla con un cactus e gli dice: - Imbecille! Che minchia di mira c’hai! L’hai colpito solo di striscio! Quel finocchio doveva andare all’altro mondo! Ti rendi conto che non ha pagato il ‘pizzo’ mensile? Nessuno è mai sopravvissuto alla famiglia Ripamonte!-
- Ma, io, veramente? - risponde Pedro-cactus.
- Antoniuccio, che fai? Tra tutto questo casino, ti metti a parlare con un cactus? - chiede Mina al suo “boy-friend”.
Ripamonte rimane interdetto e bestemmiando, scappa con il cactus.
- Antonoooo! Ma dove vaiiii? -
- Ah, e quello sarebbe Mr. Ripamonte, suppongo! - Humprey sale le scale e lo insegue sfoderando la sua Bodeo, ma si ferma in cima, dove scorge un silenziatore per fucile ancora caldo. -Mmm...Interessante...Antoniooooo! Vieni un po’ quiiiii! - e prosegue l’inseguimento.
- Cazzooooo! Qualcuno mi vuole aiutareee!- urla il povero Miguel ancora a terra, e subito accorre Mina.
- Poooverrinnno! Ti currro io! - esclama la dolce.
- Sto già maglio, cara, sto già maglio, grazie! - dice incazzoso Miguel rialzandosi e portandosi una mano sulla ferita (si scoprirà poi che era stato ferito solo di striscio e che poteva cavarsela con poco e di questo, l’esperto Henry, se n’era accorto).
- Ma dove è andato, quel bel ragazzetto? - prosegue Miguel rivolgendosi a Mina.
- Mha, sai come sono gli uomini, prima ti usaaaano....e poooooi....ti piantano in asso! - risponde enfatica la ragazza.
- Sono proprio dei mascalzoni! - esclama Miguel portandosi leziosamente le mani sui fianchi, poi continua: -...pensa che io, l’altr’anno, incontrai un bel giovane che...- e i due proseguono il discorso prendendosi sottobraccio e voltandoci le spalle.
Musica di sottofondo per sottolineare l’uscita di scena di Mina e Miguel.

Il portiere da sotto al bancone al facchino: - Fernando! Hai chiamato la polizia?-
Il facchino fà cenno di sì con la testa.

Interno notte: piani superiori hotel “La Corrida”:
Henry, intanto è ancora sulle tracce di Ripamonte e del cactus ed ora si aggira per il corridoio del settimo piano dell’hotel (gli altri sei erano pressoché deserti).
Da una stanza esce una mano con una pistola, che si scarica su Humprey, che agilmente evita i colpi.
- Che cazz...-
Dalla stessa stanza un uomo fugge.
Henry guarda la porta e vi scorge il numero 356 e la ispeziona cautamente, facendo attenzione che non vi sia nessuno.
All’interno, anziché gli “arnesi” di Mina, vi trova un’enorme profilattico gonfiato color fragola che viene pompato da un apparecchio elettronico con voce di donna che dice: - Questa stanza tra dieci secondi si trasformerà in un immenso lago di......- e la registrazione si inceppa...
-....proprio sul più bello! - esclama Humprey.
Sulla porta troviamo Ripamonte: - Caro vecchio, soprattutto vecchio, agente privato Humprey! Credi di essere il più forte, eh! Ma io ti ho giocato! Mina puoi anche tenertela, non mi serve più, ormai! Ma non posso permettermi di avere uno sbirro che mi stà alle calcagna, voglio essere a piede libero! - e, con un telecomando, chiude la stanza lasciando il Nostro in balia del profilattico gigante.
- Goddam’nt! E adesso, che faccio! Aspetto che quel coso scoppi? E che mi inondi di cosa, poi...?!? - Humprey per la prima volta dopo vent’anni, cambia espressione e comincia a sudare freddo. Il condom esplode - .....che mi inondi di...oh NOOOOO! - ed esce una sostanza viscosa (?!?).
Il Nostro, senza pensarci due volte e ovviamente prima di essere inondato da quella specie di “Blob spermatico”, si precipita verso la finestra e si getta di sotto, dove riesce miracolosamente ad aggrapparsi al pennone della bandiera spagnola dell’hotel.
- Qualcuno mi aiutiiii! Soffro di vertig...Occazz...! esclama guardando di sotto.
Nella stanza sopra al pennone troviamo Gaia e Debby seminude che si stanno baciando, o meglio, che si stavano baciando prima che il poderoso urlo di Henry le interrompesse.
- Mio Dio, il tipo della toilette! - esclama Debby coprendosi le nudità più nudose.
- Si, piccola, ma adesso, vuoi aiutarmi o vuoi farmi raggiungere l’inferno prima del necessario? -
- Aspetti, mi vesto -
- Ah, le donne! -
Gaia punta una pistola contro Debby. - Non provare ad aiutarlo! -
- Ma...Gaia! -
- Sono un Agente Federale della CIA ed ho ricevuto ordini precisi! Ho ricevuto l’ordine di catturare questo pollo e di condurlo presso il nostro Servizio Segreto di Washington. La CIA ha ancora dei conti in sospeso con Mr. Humprey dai tempi della guerra d’Algeria… non è vero Mr. Humpery? Tu naturalmente, mi aiuterai...tesoro -
- Ma, io, non capisco...io -
- Ingenua, sei solo un’ingenua –
Henry: - Non mi fai certo paura, ragazzina! E neanche quelli del Servizio Segreto Federale: appena li vedo gli faccio un culo così come ai vecchi tempi! –
Gaia si affaccia alla finestra: - Senti, vecchio, statti zitto o ti impallino! -
Debby ha così il tempo di scraraventerla a terra e di sottrarle la pistola.
- Odddio...cosa devo fare? -
- Aiutooo, tirami suuu! Non sono più un ragazzinooo! - urla Humprey.
- Ehm, sì, ma Gaia....Meglio legarla. Scusami, amore, ma devo farlo - e la lega utilizzando le sue calze come corda ed il suo reggiseno come bavaglio.
Poi lega alcuni reggiseni tra loro e li utilizza come corda per tirare fuori il Nostro da quella posizione così scomoda.
- Però! Ingegnosa la piccola! - esclama Henry.
Henry viene quindi slavato dalla Nostra Debby.
- Adesso ragazza tieni d’occhio la tua amante, mentre io vedo di rintracciare quel mafioso –
- Right! Ricevuto! –
Henry fa l’occhiolino a Debby ed esce di corsa dalla stanza.

Interno notte: hall dell’Hotel “La Corrida”:
Primo piano di Antonio Ripamonte: ‘Quel finocchio di Miguel non mi ha pagato il ‘pizzo’ e i miei scagnozzi non l’hanno ucciso, quella sgualdrina di Mina mi ha lasciato e quel ficcanaso di uno sbirro mi è alle costole! Ma non sono ancora fottuto! Terrò in ostaggio tutti gli ospiti della serata: da Ferrè a Galtier, da Laetitia Casta a Madonna! E chederò un colossale riscatto alle Multinazionali della moda, del cinema, dello spettacolo, dell’Universo!’
- Senor Ripamonte, ma gli invitati sono migliaia e lei…non dispone di nessun…nessun corpo di guardia…di nessun uomo ai suoi ordini qui a Barcellona per tenere in ostaggio tutta questa gente…tranne me e pochi altri…- proferisce un imbarazzato quanto tremante Pedro Martinez.
- Certo Pedro, ma neanche tu conosci il mistero di questo hotel, il segreto più segreto di tutti i segreti di Barcellona, della Spagna e del Mondo intero: l’Hotel “La Corrida” è un’astronave!
Un’ astronave che ci condurrà tutti su Marte, in cui mio padre, Julius Ripamonte, esimio astronauta e collaboratore della CIA al tempo della Guerra Fredda, costruì la Sede Operativa della Mafia Interstellare, la SOMI. E’ sufficiente che io prema il pulsante rosso di questo telecomando che nel giro di pochi secondi ci troveremo nella SOMI, dalla quale nessuno di questi fottuti stilisti o artisti del mio culo potrà figgire! –

- Fernando! Ma quanto ci mette la polizia ad arrivare! – urla il portiere al facchino.
Ripamonte lo fredda sparandogli un proiettile nel cranio.
- Testa di cazzo! Il tuo facchino è muto! –
Il facchino allarga le braccia e sorride a Ripamonte come a dire: ‘tutto è bene quel che finisce bene”

A questo punto Ripamonte sta per premere il fatidico pulsante…ma, proverbiale come sempre, un proiettile gli rende la mano destra inservibile e, quindi, gli fa cadere il telecomando a tarra.
Il proiettile è partito dalla Bodeo di Henry Humprey, il quale raccoglie il telecomando, punta la pistola contro Ripamonte e Pedro e, da esperto di TV, premendo il tasto verde del telecomando raccolto, sblocca tutte le uscite e fa uscire gli invitati presenti: - Fuori ragazzi, la festa è finita, arrivederci alla prossima sfilata…-
Arriva la polizia e arresta Ripamonte e il suo socio. Gaia viene trovata imbavagliata ma poco dopo rilasciata...viste le sue credenziali (Sappiamo che tornerà a Washington dove mollerà la CIA per aprire un locale gay in California).
Miguel si avvicina a Henry, come per dargli un bacio ma Debby lo spinge via a forza: - Avanti Miguel! Fuori dalle balle! –

L’Hotel “La Corrida” è ora vuoto, Henry si dirige verso il bancone del bar accendendosi una delle sue senza filtro…musica di sottofondo…poco dopo arriva la bellissima Mina che lo abbraccia e lo bacia con trasporto: - Tu si che sei un vero uomo! Vuoi essere il mio, per sempre? –
- Vedi, baby, io sono venuto qui a Barcellona lasciando la mia amata Manhattan per rintracciare te e riportarti da quello sfigato di Louis. Arrivato qui me ne è capitata una dopo l’altra! Un finocchio, due lesbiche, un mafioso di Marte, un profilattico gonfiato… E sono addirittura diventato il salvatore delle Multinazionali del Mondo dello Spettacolo…Wow! Roba da farti venire i brividi! Adesso chi se ne frega di tutto. Del mio passato del tuo... Ti va un viaggetto… -
- Alle Maldive…ai Tropici ? –
Henry preme il pulsante rosso del telecomando di Antonio Ripamonte.
L’hotel si trasforma il un’enorme astronave…si alza da terra…e vola in cielo…adesso è una piccola stella lucente.

Sullo schermo appare la scritta FINE e i titoli di coda.
La musica di sottofondo diventa un concerto.




- Ebbene, questo è il mio film! Che ne pensi Bill? - chiese Harry Mellish, un omuncolo occhialuto, sguardo triste, pochi capelli ricci in testa, basso e mingherlino, rivolgendosi al produttore della Paramount Bill Cook, dopo avergli raccontato la trama della sua opera.
Cook, seduto alla scrivania del suo studio lo guardò con severità ed un’accennata ironia, poi gli disse:
- Harry, e questo me lo chiami un film? E’ un concentrato di spazzatura mista a volgarità e violenza gratuita! E’ un cesso totale! E poi come mi hai mimato tu le scene, con anche le voci delle ragazze che...lasciamo perdere -
- Ma...ma...io…io… non capisco, che cosa c’è che non va? Io..io...credevo di aver creato il capolavoro della mia vita... -
- Tanto per cominciare Henry Hum... -
- Humprey! Henry Humprey -
- Sì, proprio lui, è un personaggio diseducativo: beve whisky e fuma tabacco della peggior specie. Pensa che cosa direbbero le associazioni salutiste! Già li vedo i titoli sui giornali! E poi quell’insieme di scenette sadomaso al limite del pornografico! E inserire anche due lesbiche e…un finocchio! Te le immagini le associazioni religiose che razza di casino pianterebbero? Harry, hai davvero superato i limiti, cribbio! Diciamocelo chiaramente, in questo, chiamiamolo film, hai inserito tutte le tue nevrosi, i tuoi stress quotidiani, le tue perversioni, insomma! Se proprio vuoi un consiglio da amico, Harry, torna al genere comico! Riposati! Ritrova te stesso, cribbio! I tuoi vecchi film hanno avuto un successo senza precedenti, e ora ti vuoi rovinare con questa porcheria? -
- Capisco Bill - rispose Harry abbassando lo sguardo che nel frattempo si era ancora più intristito.
- Bene, amico, sapevo che avresti capito! Ed ora facciamoci un buon caffè! - disse Cook felice e sorridente.
- Mi ci vorrebbe un whisky, doppio Bill - e se ne esce ancora con lo sguardo abbassato.   
All’uscita lo attende una ragazza sulla ventina, bionda, occhi azzurri, corpo meraviglioso, e degli aderenti abiti in pelle nera.
- Com’è andata, Harry? -
- Uno schifo totale, Samantha, una catastrofe universale! Non gli è piaciuto per nulla! Ha detto che è meglio che ritorni al comico! Faccio proprio ridere, vero Sam? -
La ragazza gli si avvicina, gli cinge la vita, lo stringe a se e lo bacia, poi gli dice: - No, cucciolo, in fondo io ti amo e non ti lascerò mai -
- Certo che sei proprio matta, Sam, non sai quante volte mi lascerei io se potessi! Ma forse quello che conta è proprio l’amore –.



12 settembre 2009

Intervista esclusiva all'attrice Valentina D'Agostino per www.lucabagatin.ilcannocchiale.it by Luca Bagatin

Vorrei parlarvi di Valentina D'Agostino un'attice palermitana che mi ha subito colpito vedendola indossare i panni dell'esuberante piperina Alessia nella commedia a puntate "Piper", trasmessa recentemente da Canale 5 ed alla quale ho anche dedicato un entusiastico articolo.
Oggi ho avuto l'amichevole possibilità di intervistarla e, da amante della recitazione e dell'arte, confesso, non le avrei mai proposto un'intervista se non avessi da subito creduto nelle sue capacità artistiche.


Luca Bagatin: Come hai mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo ?

Valentina D'Agostino: Ho accompagnato in estate, dopo la maturità, una delle mie ex-compagne di scuola a un’audizione per la scuola di recitazione del Teatro Stabile di Palermo e uno degli insegnanti mi chiese di salire sul palco e fare un esercizio di improvvisazione. Passai così la successiva selezione.

Luca Bagatin: In televisione sei ricordata in particolare per i ruoli che hai interpretato nelle miniserie "Raccontami" (nel ruolo di Italia) su Rai Uno e nel recente "Piper" (nel ruolo gi Alessia) su Canale 5.
In entrambi i casi hai recitato il ruolo di ragazze simpatiche, ma furbe...che utilizzano la loro avvenenza per un secondo fine. Per quanto senza vera cattiveria, per così dire. Hai avuto difficoltà a calarti in questi ruoli ?

Valentina D'Agostino: Interpretando Italia in “Raccontami” è stato divertimento allo stato puro. Interpretavo una siciliana, quindi avevo come punti di riferimento le donne della mia terra, che ho conosciuto nella mia infanzia: furbe e disinvolte, poi con i registi Riccardo Donna e Tiziana Aristarco e gli attori è scattato subito il feeling giusto. Alessia, in Piper, era un bel ruolo. Ho dovuto ripescare quegli atteggiamenti da Lolita che trovo teneri e a volte anche buffi.


Luca Bagatin: Da Palermo ti sei trasferita a Roma per lavoro. Ti manca molto la tua città ? Ti senti una palermitana doc o sei piuttosto una cosmopolita ?

Valentina D'Agostino: Mi sento palermitana, lo sono e lo mostro anche. Penso in siciliano a volte. Mi manca la città, i suoi ritmi (lentissimi), ma sono contenta d’essere riuscita quanto meno ad allentare il cordone ombelicale con Palermo, che bene non mi faceva.


Luca Bagatin:
Sei molto giovane, ma non vuoi rivelare la tua età. Un vezzo ?

Valentina D'Agostino: ho quasi 27 anni.

Luca Bagatin: Il sottoscritto, entusiasta per natura, ma anche misurato nei giudizi, ti ha definita in un recente articolo la "Brigitte Bardot degli anni 2000".
Ti riconosci in questa definizione ? Quanto di B.B. c'è veramente in te, che pur esteticamente e dal punto di vista recitativo sembri incarnare un'attrice d'altri tempi, simpatica ma smaliziata e disincantata al tempo stesso ?

Valentina D'Agostino: C'è di B.B. tutto in me nello sguardo degli altri. In molti mi dicono che le somiglio tanto. Cambierò colore di capelli, cambierà qualcosa?  Dal punto di vista recitativo, in “Raccontami” e “Piper” ero negli anni '60. Ho cercato di recuperare dalle foto e dai racconti il modo di fare, le movenze, il modo di pensare e quindi di parlare delle mie nonne. Se faccio così anche nei film ambientati ai giorni nostri mi sa che sarebbe un disastro….


Luca Bagatin: Hai recitato dal 2002 al 2006 anche per il teatro in importanti commedie. Preferisci il teatro o la televisione ?

Valentina D'Agostino: Preferisco il teatro che vuole comunicare qualcosa. Esprimerla quantomeno. I polpettoni di un teatro vecchissimo che si ripete sempre uguale a sé stesso mi avevano stancato...

Luca Bagatin: Che ruolo vorresti veramente interpretare ?

Valentina D'Agostino: Beatrice Cenci. Prima che io diventi troppo grande.

Luca Bagatin: Ti autodefinisci un'attirce precaria.....ma è veramente così ?

Valentina D'Agostino: No, non ho mai detto d’essere un'attrice precaria. Il mestiere dell’attore è precario.

Luca Bagatin: Quali sono le tue prospettive future, insomma ?

Valentina D'Agostino: Lavorative ? Ho finito di recitare in un film per Rai Uno, dal titolo “Le cose che restano” di Gianluca Tavarelli, il lavoro in assoluto che mi ha sin ora affascinato di più.




Ringrazio davvero Valentina per la sua immensa disponibilità nell'avermi concesso quest'amichevole intervista, riuscendo anche a prendermi in contropiede (rivelandomi fra l'altro la sua età...).
Ribadisco che questa ragazza sarà una vera rivelazione e non ci resta che attendere di vedere la nuova fiction "Le cose che restano" (nel cast anche Paola Cortellesi ed Ennio Fantastichini), di cui ci ha dato un'anticipazione e che sarà in onda nell'ambito della nuova stagione televisiva di Rai Uno in quattro puntate.

Luca Bagatin



6 giugno 2009

Piper: una commedia rivelazione.....davvero okay !



Mi ha letteralmente entusiasmato, divertito, persino commosso.
Erano forse anni che non si vedeva una commedia così in televisione: pulita, priva di volgarità, a tratti irriverente e persino romantica
Sto parlando di Piper, che Canale 5 ha trasmesso in queste settimane con sei puntate magistralmente dirette da Francesco Vicario (già noto per essere regista della famosissima serie tv I Cesaroni e per aver diretto, negli anni '80, Cristina D'Avena negli sdolcinatissimi serial per ragazzi Love me Licia & Co.).
E certo si vede che lo stile è assai diverso dalle bagaglinate sfottò alla Pingitore o dalle spaghettate alla fratelli Vanzina, che non mi pare brillino né per originalità, né per buon gusto (con tutto il rispetto, ma è un po' come mettere a confronto il ciclo di Fantozzi con la filmografia di Federico Fellini).
Ambientazione perfetta: i mitici anni '60 vissuti dento e fuori dal mitico locale giovane ed alla moda dell'epoca tanto amato da Patty Pravo.
Anni che mitici furono davvero sia per chi li visse in prima persona, sia per chi non li visse, ma attinse alla libertà che li percorreva  – così opposti ai bigotti e perbenisti anni '50 – così colorati e anticipatori della psychedelia e del cyberpunk anni '70 ed '80.
E così Piper ci ha offerto una miriade di storie condensate (e persino intrecciate fra loro) in ogni puntata: un Teo Mammucari meno gigione del solito (una volta tanto se lo merita, veh !) alla direzione di un autosalone a rischio fallimento ed una Anna Falchi che ritorna in tv interpretando la sua determinatissima e romagnolissima neo-consorte; una Valeria Marini attrice ed amante del potente Onorevole democristiano di turno (non è detto nella commedia che sia democristiano, ma un sacco di elementi di finto bigottismo lo lasciano ben intendere); un giovane sognatore amante della musica ed il suo gruppo di Demoni, che vuole sfondare come cantante armato solo del suo entusiasmo, ma supportatissimo da una famiglia semplice e che fa un sacco di sacrifici per tirare a campare (capitanata da Maurizio Mattioli, che finalmente sembra essersi sganciato dallo stile avanspettacolo, giungendo persino a far commuovere, oltre che a far ridere); un borghesissimo ed integerrimo giudice della Censura interpretato da un volutamente invecchiato Maurizio Casagrande, che finirà per innamorarsi di Alessia, una peperina piperina ben più giovane di lui ed interpretata da una magistrale Valentina D'Agostino. Per finire una storia romanticissima, a tratti tragica, ma pur sempre romantica: un giovane artista fotografo (altro sognatore del cast) che si innamorerà della bella Azzurra (Nathalie Rapti Gomez), ma alla quale finirà per rivelare di aver avuto una relazione precedente con sua madre, la Marchesa Cafiero (Carol Alt).
E' il sogno dei giovani degli anni '60 che percorre e pervade Piper ed anche il Piper, quello vero, di quell'epoca.
Giovani ribelli, neo-anticonformisti, riluttanti a scelte comode e borghesi, come si sarebbe detto un tempo.
E forse è proprio il più borghese dei personaggi che alla fine lo dice, lo afferma con forza, persino con un megafono e nella situazione scomodissima di trovarsi sul conricione di un condominio (vicissitudini dell'amore.....). E' infatti proprio il giudice della Censura Giampaoli che urla che forse ci siamo sbagliati a dare addosso alle piperine, ai capelloni, alle minigonne troppo corte, agli sconciati, ai sognatori e via discorrendo sarà proprio lui a scegliere una vita di ribellione, mandando a farsi benedire il suo borghesissimo matrimonio senza amore, per correre dalla giovanissima ed innamorata Alessia (la peperina piperina di cui sopra).
E' una scena che, a parer mio, racchiude tutto il senso della commedia. Così come il perdono di Azzurra nei confronti del suo ragazzo, evitando così di scegliersi una vita comodamente borghese, ma senza sogni, senza vero amore.
Penso che Piper non sarebbe stato tale senza gli attori e soprattutto le attrici giuste: senza la cattiva Clizia Fornasier, senza la romantica e bambina Nathalie Rapti Gomez e, lasciatemelo dire, senza quella che definirei la Brigitte Bardot degli anni 2000: Valentina D'Agostino.
Premetto che non la conoscevo, ma, una volta vista recitare, debbo confessare che è risultata la più credibile. Il suo fascino è totalmente anni '60 (si lasci da parte anche il trucco di scena) ed il suo personaggio si è mosso fra ironia ed ammiccamenti tipici delle piperine di quegli anni. Sono certo farà molta strada come artista.
Vorrei terminare dicendo almento una parola sulle musiche della commedia, ma, confesso, non sono un musicista, né capisco più di un acca di musica.....come si suol dire (per quanto personalmente mi sia identificato moltissimo nel musicista capellone della fiction, Mario Proietti, ma più che altro per lo spirito battagliero e sognatore).....
L'unica cosa che azzarderei è che la sigla Bye bye beautiful (guarda caso cantata proprio dal Proietti di cui sopra, interpretato, nella realtà, dal giovane Giulio Forges Davanzati) è già un cult su Youtube !
Vi ho detto tutto o quasi. L'unica cosa che mi chiedo – magari con un tantino di timore - è se vi sarà ancora spazio per altre commedie con e di questo stile e tenore.
La televisione nostrana ne sentiva davvero estremo bisogno. E direi che ciò significa che solo attingendo al nostro passato si può guardare meglio al nostro presente e, forse, anche ad un futuro artisticamente meno banale, più brillante, più creativo, più colorato e forse finanche psychedelico.
Chissà.....




Luca Bagatin

PS: per questo articolo ho fatto uno strappo ad una delle mie regole ferree (e forse anche di altri scrittori) e cioè mai far leggere niente a nessuno prima della pubblicazione.
Istintivamente ho voluto che fosse proprio l'attrice Valentina D'Agostino a leggerlo in anteprima e......sono rimasto molto lusingato dalla sua risposta !
Penso proprio che questo blog meriti di dare - nell'imminente futuro (imminente futuro....mmm...ho forti dubbi su quest'espressione, ma rende alla grande) - ampio risalto alla nuova Brigitte Bardot (non esagero, no.... Chi mi legge da qualche annetto sa che nei miei giudizi sono molto diretto e obiettivo).


sfoglia     febbraio        aprile






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini