.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


26 aprile 2013

CICCIOLINA: "Il malaffare politico lo denunciai già negli Anni '80" (tratto da "Le Città" www.lecitta.it)

ROMA CAPITALE

Cicciolina. «Malaffare politico lo denunciai già negli anni '80»

«Quando fui eletta in Parlamento, negli Anni '80, denunciai, prima e meglio di Beppe Grillo, la crisi della partitocrazia ed il malaffare politico - afferma in una nota Ilona Staller, candidata alle amministrative di Roma con il Partito Liberale -. Oggi la situazione è ulteriormente peggiorata e così, assieme all'amico scrittore, giornalista e blogger Luca Bagatin - che mi ha presentata al Partito Liberale – e che ha ideato la mia candidatura e che sarà candidato con me in lista, ho deciso di tornare ad impegnarmi concorrendo alla carica di consigliere comunale. Sempre dalla parte dei cittadini e sempre con idee libertarie. Vorrei una Roma diversa rispetto a quella degli ultimi vent'anni. Una Roma senza burocrazia, senza clientelismo, alternativa rispetto a coloro i quali l'hanno governata in questi anni.  Destra e sinistra, in Italia ed a Roma, praticamente, si assomigliano. Fingono di litigare fra loro, ma, alla fine, si spartiscono il potere. E' quanto accade ed è accaduto, per questo ho deciso – con Luca Bagatin – di presentarmi, come già feci in passato, in un partito diverso: il Partito Liberale Italiano, che ha una storia antica e porta avanti ideali di libertà, al di fuori del Pd e del PdL. Roma è una metropoli, ma non ha raggiunto ancora livelli europei di vivibilità. Pensiamo ai trasporti pubblici: dopo le 22 di sera le metropolitane finiscono la loro corsa e, la domenica, i mezzi pubblici sono ridottissimi. Come fa un povero cittadino o un turista ad andare da una parte all'altra della città? Poi c'è la questione della continua cementificazione del territorio: si continua a costruire da decenni, senza criterio e l'ambiente non è salvaguardato. E a guadagnarci sono solamente i grandi costruttori e non certo la povera gente, che cerca casa ma non la trova se non a prezzi elevatissimi».
«E' fondamentale poi - prosegue la Staller -, eliminare gli sprechi di danaro pubblico dell'amministrazione Capitolina, destinando risorse ai più bisognosi e meritevoli, accorpando magari anche le varie circoscrizioni. Un'altra mia storica battaglia è quella della regolamentazione della prostituzione. I comuni sono pronti ad incassare i miliardi di euro che si avrebbero da una prostituzione censita, fiscalizzata e controllata, evitando così prelievi “pornografici” come l'Imu. Voglio quindi istituire un comitato elettorale fuori dai partiti e trasversale, magari proprio a partire da Roma. Con Luca Bagatin e Soraya Roselli, entrambi candidati con me nella lista del Partito Liberale a mio sostegno, proponiamo poi la realizzazione dei Parchi dell'Amore, sull'esempio dei Paesi più civili d'Europa, destinate ad attività sessuali in piena sicurezza.  Poi, sempre assieme a Bagatin ed a Roselli, ho sottoscritto ieri la piattaforma "Per Roma Gay Friendly", proposta dalle associazioni Gay Center, Arcigay Roma, ArciLesbica Roma e Azione Trans, che si sostanzia in questi punti fondamentali: riconoscimento e tutele per le coppie di fatto. Roma, dove c’è una delle maggiori realtà metropolitane italiane, deve adoperarsi per sostenere la famiglia recependo la definizione che ne dà il DPR 223/89. Con tale definizione, si ricomprendono infatti nel concetto di famiglia anche le coppie di persone dello stesso sesso conviventi e ad esse si attribuiscono i medesimi diritti che hanno tutte le famiglie. In questo modo è possibile rafforzare e incrementare i servizi per tutte le forme familiari, a prescindere dal tipo di riconoscimento giuridico, come ad esempio per l’assegnazione delle case popolari o il sostegno alle giovani coppie».
«E' poi necessario dedicare più attenzione agli aspetti culturali del mondo LGBT incentivando, sviluppando e sostenendo progetti per la realizzazione di spazi culturali, mostre, cinema, teatro e di tutte le forme artistiche che si propongono di diffondere una cultura dell’inclusione e delle differenze. Roma deve riconoscere e valorizzare le iniziative a temativa LGBT di aggregazione e visibilità nei quartieri della città, così come le attività turistiche e commerciali aperte a tutte e a tutti, per superare ogni forma di discriminazione, partendo dalla attuale Gaystreet, favorendo tale modello anche in altre zone della città. Bisogna migliorare i servizi di assistenza e di prevenzione relativi alle malattie a trasmissione sessuale. Un particolare riguardo va riservato alle persone sieropositive all'HIV o affette da AIDS, per le quali vanno migliorate l'assistenza domiciliare e gli altri servizi sociali. Sono infine necessarie specifiche campagne e iniziative di informazione e comunicazione tese a contrastare il pregiudizio omofobico e transfobico e le discriminazioni, soprattutto attraverso interventi nelle scuole e promozione di buone pratiche» conclude Cicciolina.

www.lecitta.it

www.ilonastallerperroma.blogspot.it

Il 26 e 27 maggio, alle comunali di Roma hai ben tre scelte possibili: Luca Bagatin (nr. 4); Soraya Roselli (nr. 39); Ilona Staller (nr. 42).
Vota i candidati dell'Amore e dell'Eros nella lista Liberale e Repubblicana per Roma Capitale !!!!! ;)))

http://www.romatoday.it/politica/elezioni/comunali-roma-2013/partito-liberale-italiano-nomi-candidati.html




11 marzo 2011

Ciao Italo !



Ho appreso ora della morte di Italo Corai, scrittore pordenonese e mio maestro politico (nonostante da diversi anni ci fossimo allontanati).
Avevo visto Italo solo venerdì scorso, alla presentazione del volume del suo caro amico Angelo Pezzana "Un omosessuale normale". Era allegro ed entusiasta nel vedere così tanti militanti gay riuniti assieme, che avevano finalmente il coraggio di mostrare la loro faccia in pubblico.
Ricordava, lui, primo militante omosessuale del Friuli Venezia Giulia - nota terra bigotta -
come ai suoi tempi gli omosessuali fossero guardati con sospetto e sberleffo. E di come anche lui, allora insegnante di matematica, fosse stato spesso discriminato.
Conobbi Italo nel 1996, quando avevo diciassette anni. Allora, dopo una lunga militanza nel Partito Radicale, ricopriva la carica di Portavoce dei Verdi di Pordenone. Fu lui ad insegnarmi i rudimenti della militanza politica e se oggi ho un carattere più sicuro di allora, lo devo a lui ed al suo piglio coriaceo.
Io, in cambio, gli insegnai ad utilizzare il computer ed i primi ridumenti di internet.
Ci eravamo persi da anni, ma eravamo felici di esserci rivisti, anche solo per un saluto, alcuni giorni fa.
Ciao Italo.

Luca



19 maggio 2010

A proposito dei manifesti anti-omofobia a Pordenone e Udine.....da quando un bacio può considerarsi aggressivo ?

COMUNICATO STAMPA



Relativamente alla campagna anti-omofobia lanciata da Arcigay e Arcilesbica nei giorni scorsi a Pordenone e Udine, è oltremodo ridicolo che il tutore dei minori - il Consigliere regionale leghista Edouard Ballaman -  consideri un bacio come "una comunicazione eccessivamente aggressiva". Da quanto un bacio può considerarsi, infatti, aggressivo ?
Ritengo invece che questa campagna possa sensibilizzare proprio i minori e far comprendere loro che l'amore va ben oltre l'orientamento sessuale. E poi se un minore avesse pulsioni omosessuali sono proprio campagne di sensibilizzazione come queste che gli permetterebbero di sentirsi "meno solo" in una società che culturalmente sembra considerare "normale" unicamente l'eterosessualità.
Come laici, peraltro, sono decenni che chiediamo l'introduzione di un'ora di educazione sessuale obbligatoria a scuola (ove si insegna fra l'altro che l'amore di due uomini o di due donne è condizione del tutto naturale), come avviene nella gran parte dei Paesi europei e negli Stati Uniti d'America.

Luca Bagatin
componente del direttivo del Partito Repubblicano Italiano della provincia di Pordenone




DA www.ilfriuli.it
del 18 maggio 2010

I commenti a caldo

Telegrafico Luca Bagatin, componente del direttivo del Partito Repubblicano Italiano della provincia di Pordenone, che in una nota afferma "Relativamente all'oscuramento dei manifesti di Arcigay ed Arcilesbica rivendicato dall'esponente de La Destra Ernesto Pezzetta, penso che ci sia davvero di che riflettere relativamente alle legittimazione democratica di movimenti estremisti come il suo, che dimostrano di non rispettare nemmeno le regole del comune senso civico. E' oltremodo ridicolo, pertanto, che egli affermi di rispettare le persone omosessuali".



13 gennaio 2010

UN RICORDO DI ALFREDO ORMANDO di Luca Bagatin e Peter Boom

L'OLOCAUSTO DI ALFREDO ORMANDO
di Luca Bagatin



Alfredo Ormando fu scrittore italiano che il 13 gennaio del 1998 si diede fuoco in Piazza San Pietro per protestare contro l'intolleranza della Chiesa cattolica nei confronti degli omosessuali.
Diranno che si è suicidato perché...aveva problemi in famiglia.
Diranno che il suicidio.....non è moralmente accettabile. Che - chi si suicida - va all'Inferno.
Una persona per me speciale recentemente ha scritto: "C'è un taglio, c'è chi se lo è fatto. Chi se lo è fatto per sentire più amore".
C'è chi ha avuto una sensibilità così profonda da percepire su di sé tutto l'odio degli uomini.
C'è chi, come Gesù detto il Cristo, ha accettato su di sé tutte le sofferenze e l'odio del mondo.
Per amore. Solo per amore.
C'è chi, sordo al richiamo dell'uomo e dunque di Dio, non conosce l'amore.
In Piazza San Pietro, quel 13 gennaio 1998, si è compiuto un olocausto. Un olocausto di amore.
C'è chi, assorbito dal dogma della Religione del Libro, ancora non vede: non vuol vedere né sentire. Per pregiudizio, per convenienza, e - quel che è più grave - per odio.
C'è chi, ancorché le Crociate siano terminate da secoli, porta nella sua coscienza una scia di sofferenza, odio e pregiudizio enormi. Contro l'Umanità e quindi contro lo stesso Dio nel cui nome ritiene di parlare.
Ed ora lascio la parola, il ricordo, all'amico Peter che ci regala anche una lettera di Ormando ad un amico.
Per non dimenticare, mai.

Luca Bagatin

COMMEMORIAMO ALFREDO ORMANDO IN PIAZZA SAN PIETRO !
di Peter Boom



Il 13 c.m. ricorre l'undicesimo anniversario dall'immane
sacrificio di Alfredo Ormando e ci sarà (almeno lo voglio
sperare) la commemorazione presso il confine con lo stato
del vaticano. Lo Stato Italiano (venduto al Vaticano) non
sta facendo niente per sollevare dall'oppressione i milioni
di gay, bi- e pan-sessuali italiani. L'anticristica
religione cattolica non ha firmato per la depenalizzazione
dell'omosessualità proposta presso le Nazioni Unite dalla
Francia (Liberté, Egalité, Fraternité) mettendosi di
fatto sulle stesse posizioni dei paesi islamici.
OMO-, BI_ e PANSESSUALI ITALIANI SVEGLIATEVI, altrimenti Vi
cammineranno sopra. Protestate e andate in massa alla
commemorazione di Alfredo Ormando (il nostro Jan Palach).

Peter Boom.

CHI ERA ALFREDO ORMANDO
una testimonianza di Peter Boom



Alfredo Ormando, orfano di padre e ultimogenito di una
famiglia con otto figli di San Cataldo (Sicilia), due anni
di seminario e un tormentato periodo universitario, si e'
immolato con la benzina in piazza San Pietro a Roma il 13
gennaio 1998.
Sua madre lo aveva sentito la sera prima. Alfredo le aveva
telefonato dicendole che si sarebbe recato a Roma per motivi
di studio. Gaetano Mangano, luomo che gli aveva affittato
una stanza a Palermo, laveva visto due giorni prima
quando Alfredo gli aveva chiesto in prestito centomila lire.
Una donna che pulisce i gabinetti a piazza San Pietro ha
visto Ormando mentre si versava addosso la benzina e poi
correva avvolto dalle fiamme verso il centro della piazza.
Gli agenti di polizia l'hanno subito soccorso e uno di
loro ha anche tentato di spegnere le fiamme usando la
propria giacca. Prima di perdere coscienza Alfredo disse:
"Non sono neanche stato capace di morire".
Fu trasportato all'ospedale Sant'Eugenio dove morì
dopo dieci giorni di atroce agonia.
Le lettere che si era portato appresso non furono pubblicate
e la sala stampa del Vaticano rilascio' un comunicato
stampa, dichiarando che Alfredo Ormando non si era suicidato
a causa della sua omosessualita' o in protesta contro la
chiesa cattolica, ma perche' aveva problemi in famiglia.
Ma, subito dopo la sua morte l'ANSA ricevette le sue
lettere con la posta e ne pubblico' parte.
Ormando aveva inviato da Palermo una copia all'ANSA, prima
di prendere il treno per Roma. Sapeva benissimo che le
lettere, una volta nelle mani dei preti, non sarebbero mai
state pubblicate.
Un mese dopo la sua morte (febbraio 1998) ci siamo recati in
nove in piazza San Pietro per porre dei fiori sul luogo dove
lui si era bruciato come un bonzo. Arrivo' subito la polizia
e ci intimo' di andar via. Avevano l'ordine del Vaticano
di far togliere anche i fiori. Io dissi loro che se Gesu'
Cristo si fosse trovato sul sagrato della basilica, Lui
sarebbe sceso e ci avrebbe abbracciato uno per uno e che
quindi il Vaticano aveva dato ancora una volta dimostrazione
di essere anticristico.
Gli uomini delle Forze dell'Ordine erano visibilmente
commossi e dispiaciuti; avevano visto Ormando bruciare e uno
di loro mi disse che anche lui era Siciliano; un altro mi
racconto' che il poliziotto che aveva tentato di spegnerlo
con la propria giacca era ancora sotto shock e di notte non
riusciva a dormire.
La piu' bella pianta la regalai per farla dare a quel
poliziotto per ringraziarlo per la sua buona azione.
Nel 1999, sotto una pioggia battente, eravamo di nuovo a San
Pietro per commemorare Ormando. Questa volta erano presenti
anche i presidenti Arcigay (Sergio Lo Giudice) e del Mario
Mieli (Imma Battaglia). La polizia non poteva permetterci di
entrare sulla piazza e cosi' decidemmo di deporre i fiori
sul suolo italiano, al confine con lo Stato del Vaticano,
una chiara dimostrazione del comportamento anticristico di
quello Stato.
Anche gli anni passati ando' alla stessa maniera e la
Polizia permise la nostra commemorazione.

Peter Boom.

LETTERA AUTOGRAFA DI ALFREDO ORMANDO AD UN AMICO



Palermo, Natale 1997

Caro Adriano, questanno non sento piu' il Natale, mi e'
indifferente come tutte le cose; non ce' nulla che riesca
a richiamarmi alla vita.

I miei preparativi per il suicidio procedono
inesorabilmente; sento che questo e' il mio destino, l'ho
sempre saputo e mai accettato, ma questo destino tragico e'
la' ad aspettarmi con una certosina pazienza che ha
dellincredibile.

Non sono riuscito a sottrarmi a questa idea di morte, sento
che non posso evitarlo, tantomeno fare finta di vivere e
progettare per un futuro che non avro': il mio futuro non
sara' altro che le prosecuzione del presente.

Vivo con la consapevolezza di chi sta per lasciare la vita
terrena e cio' non mi fa orrore, anzi !, non vedo lora di
porre fine ai miei giorni; penseranno che sia un pazzo
perche' ho deciso piazza San Pietro per darmi fuoco, mentre
potevo farlo anche a Palermo.

Spero che capiranno il messaggio che voglio dare: e' una
forma di protesta contro la Chiesa che demonizza
l'omosessualita', demonizzando nel contempo la natura,
perche' l'omosessualita' e' sua figlia.

Alfredo



4 agosto 2009

PETER BOOM: una biografia militante



Peter Boom è decisamente un personaggio avventuroso.
Non avrei mai pensato di offrirgli uno spazio su questo blog se non mi avesse colpito subito appena conosciuto. E da subito siamo diventati amici.
Quando lessi i suoi primi pezzi ancora non sapevo bene chi fosse. L'unica cosa che mi aveva incuriosito molto era l'aver appreso che aveva recitato - fra l'altro - nel film "Non ci resta che piangere" con Roberto Benigni e Massimo Troisi, nelle vesti di un frate "alla Savonarola", il cui video potete rivedere al link:

http://www.youtube.com/watch?v=AI96e1vGvpk

Chi mi legge da più di un anno, sa bene quanto preziosi siano i contributi libertari di Peter, specialmente contro l'omofobia ed in favore di una sessualità libera e consapevole.
E' fuor di dubbio che questo blog è, infatti, sessualmente rilevante e psico-politicamente attivo.
Anche per questo e quale omaggio a Peter, di seguito riporto la sua piccola biografia militante che egli stesso mi ha fatto avere, assieme ad alcune foto dell'epoca.
Un'epoca, i '70, irripetibile forse.
Ma il cui spirito continua libertariamente ad aleggiare per una società libera da pregiudizi, da psicopatologie politico-clericali e da puttanate pretofilo-irreligiose.

Luca Bagatin

PETER BOOM: UNA BIOGRAFIA (omosessualmente) MILITANTE



Nel 1972 esce il primo disco gay in Italia con le canzoni FUORI e LUI AMA LUI (Lei ama lei), un 45-giri registrato alla Sonic (RM), cantato da Peter Boom che poté registrare i brani una sola volta a causa della paura del titolare dello studio che temeva carabinieri, ritorsioni, etc.
Il disco ancora senza copertina veniva sequestrato a causa dell'etichetta "Ciao 2001", che era anche il nome di una nota rivista per giovani, la quale bloccò l'uscita non volendo compromettere il buon nome del periodico.
La carriera di cantante di colonne sonore (dischi, cinema, serate) di Peter venne di colpo bloccata.
Un cantante apertamente gay non poteva ancora essere accettato dalla società italiana e purtroppo ancora meno dagli stessi omosessuali.
Peter era apparso su giornali e riviste coperto solo dalla scritta FUORI e nudo su una croce (davanti e di dietro) con invece di INRI la scritta FUORI (Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano, federato al Partito Radicale e fondato da Angelo Pezzana n.d.r.).



Intanto Peter era riuscito a salvare una certa quantità dei dischi già stampati e li spedì nel 1975 a molte radio libere, che da poco avevano iniziato le loro trasmissioni in Italia.
A Radio Antenna Musica (Roma) trasmisero il disco e gli fecero un'intervista nella quale dichiarò di non essere sicuro dell'omosessualità di papa Paolo VI, ma che, nel caso costui lo fosse veramente, come affermato da Roger Peyrefitte e da molte altre voci, allora sarebbe la persona più abbietta e ipocrita del mondo, soprattutto dopo quello che aveva scritto sull'HumanaeVitae.
Chiaramente queste parole non erano attaccabili legalmente, come prima non lo erano stati i testi delle canzoni FUORI e LUI AMA LUI, ma evidentemente non venivano perdonate.
Due giorni prima dell'assassinio di Pier Paolo Pasolini Peter subì un attentato che gli costò un dente e diverse abrasioni . Nel mese di aprile 1976 i CC gli ruppero la porta di casa con un mandato che conteneva infamanti accuse. Peter scosso da tutti questi fatti tornò in Olanda dove fece rapporto delle sue disavventure in Italia ad un importante funzionario della Polizia olandese.
Avrebbe voluto denunciare lo Stato Italiano e chiedere risarcimenti per tutti i danni ricevuti.
Tornato a Roma fece parte del primo collettivo omosessuale del quale fecero parte Don Bisceglie (fondatore dell'Arcigay), Nicky Vendola e pochi altri coraggiosi.
E' lì che conosce Franco Grillini e Peter fu uno dei fondatori dell'Arcigay di Roma.
Inoltre frequentava l'Ompos di Massimo Consoli.
Peter, dopo che gli avevano bloccato la carriera di cantante, doveva pur continuare a lavorare e si esibì con I CANTORI MODERNI, fece molti doppiaggi, cinema, teatro e mille altre attività.
Le canzoni FUORI ( su cd: GAY RIGHT COMPILATION - cod.GR/02 - prodotto da GRN, giugno 2002) e LUI AMA LUI si possono ascoltare in un video girato a Nepi "Un barbaro a Nepi" di Marcello Felici e in "Odio i saluti" (Un ricordo di Piera Zanotti) di Julia Pietrangeli.



Il seguente testo uscirà tra poco su un cd, prodotto a Berlino.


LA DOTTRINA DEL DISPREZZO

Sono nero, giallo, bruno, meticcio, bianco albino.
Sono un ebreo, sono vecchio, malato, bambino.
Sono arabo, sono nato nel Sud, di un'altra religione,
di nessuna religione.
Sono omosessuale, cieco e amo la natura.
Non so chi è mio padre, mia madre forse puttana.
Sono donna, sono povero, sono paria e andicappato.
La mia sedia a rotelle è questa società.

Sono un indiano, e sono meno di te e son strano, diverso.
La mia squadra di calcio non è la tua. Peccato.
Porto i capelli fuori moda e vestiti rattoppati.
Sono un animale, una pianta e rispetto la natura.
Sono tutto questo, sono la maggioranza!
E poi sono razzista, ma solo con i razzisti!

Peter Boom

(English Version)
THE DOCTRINE OF CONTEMPT

I'm black, yellow, brown, halfbreed, albino white.
I'm old, I'm a Jew, I'm ill, only a child.
I'm an Arab, born in the South, of another religion,
of no religion.

I'm blind, homosexual, and I love nature.
I don't know my father, my mother perhaps a whore.
I'm a woman, I'm poor, I'm a pariah and handicapped,
my wheelchair is this society.


I'm an indian, I'm less than you and I'm strange, different.
My soccerclub is not yours, sorry.
My haircut is out of fashion and my clothes are patched.
I'm an animal, a plant and I respect nature.
I'm all this, I'm the majority.
And then... I'm a racist, but only with racists.
Peter Boom


FUORI

Musica:Tannis Testo:Boom

Noi usciamo fuori
e con orgoglio al mondo
noi diciam così:
Siamo omosessuali
e siam contenti
di saper amar così!
Via l'ipocrisìa!
E con allegria
noi usciamo fuori
e per l'amor
vogliam la libertà.

Gli omosessuali
son tanti in tutto il mondo
non li sai contar.
Siamo rivoluzionari,
del corpo nostro
disponiamo solo noi.
Via Fallocrazìa!
Via ogni oppressione.
Grideremo insieme
abbasso questa falsa società


LUI AMA LUI (Lei ama lei)

Musica Tannis Testo:Boom

Io amo lui
lui ama me.
La società dice di no!
Ma noi, ce ne freghiamo,
perché l'amore
è più forte
di ogni cosa
al mondo.
Si. Si!

Mio padre disse:"Guai!"
Mia madre singhiozzò.
Non possono capire,
che l'amore, non è far figli.
Un puro amore,
voler bene a lui
con la gioia
nel cuore.
Si. Si!


sfoglia     marzo        maggio






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini