.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


28 maggio 2010

My Band: Betty Poison

Che fine ha fatto Lucia Rehab Conti ?
Aprii qualche anno fa, su di lei, una rubrica apposita su questo blog.
Con Lucia scrissi a quattro mani anche qualche racconto noir e grottesco (pubblicati sia sul blog che altrove. Un amico ci sta anche lavoricchiando per realizzarne un cortometrtaggio-cartone animato), in linea con la sua personalità fuori dagli schemi, profondamente colta, a tratti malinconica, onirica, sospesa fra Edgar Allan Poe e David Lynch.
Da parecchio tempo le nostre strade si sono pressoché divise e purtroppo non ho più avuto modo di sentirla. E questo, lo confesso, mi spiace molto.
Oggi lei, da vocalist dei Betty Ford Center - il piccolo gruppo fuck'n roll di Frosinone nato nel 2005 - è vocalist dei Betty Poison, ormai conosciuti a livello internazionale.
Lucia e i suoi compagni, diciamola tutta, se lo meritano davvero.
Vorrei dedicare a lei, ai Betty Poison ed a tutti voi lettori, la pubblicazione di questa video-intervista che vede protagonista la stessa Lucia che, alla fine del video, riassume la sua filosofia "politicamente scorretta": "L'Italia deve diventare più agile...eliminando molte dissertazioni....e provare a suonare".
Come non condividerla !

L.B.



3 dicembre 2009

SILLY POP SONG by Betty Poison



Trovo che lo stile di Lucia "Rehab" Conti sia da sempre inconfondibile.
Su questo blog, peraltro, come sanno bene gli assidui lettori, ho aperto da alcuni anni una sezione intereamente dedicata a lei ed al suo stile.
Uno stile gotico, grottesco, a tratti macabro e dal sapore per nulla rassicurante.
Ascoltarla è sempre un viaggio all'interno di un universo duro. Duro come la vita dalla quale, presto o tardi, ad ogni modo, si riemerge sempre.

Ecco dunque SILLY POP SONG: il nuovo video dei Betty Poison (già Betty Ford Center), cantato ed interpretato da Lucia "Rehab" Conti:





19 giugno 2009

PRIMA PERDERSI POI RITROVARSI: sceneggiatura per mediometraggio by Luca Bagatin



Luci soffuse su fondo viola.
Ilona (Staller) all'arpa. Valentina (D'Agostino) vestita da angelo e sorretta da una corda. Metis (Di Meo) al centro della scena vestita con un lungo abito verde.
Dale Cooper (un sosia di Kyle MacLachlan, magari più giovane) al centro, di fronte a Metis, e con le mani intrecciate dietro la nuca.
- Okay, ragazzi ! Per oggi abbiamo finito ! - grida Baglu dalla cabina di regia.
La penultima scena del film sembrava perfetta.
Gli attori non si muovono dalla scena. Baglu scoppia in una fragorosa risata.
Parte una musica jazz di sottofondo. Entra in scena Lucia (Lucia “Rehab” Conti). Il sottofondo jazz si interrompe e lei inzia a suonare e cantare il suo pezzo, Psychovicious dei Betty Ford Center.
Ilona posa l'arpa. Guarda in alto verso la cabina di regia. Inizia a muovere lentamente la testa ora a destra, ora a sinistra.
Valentina canta, seguendo Lucia.
Metis stringe a sé Dale Cooper.
Baglu osserva, in silenzio. Poi, dopo essersi acceso un sigaro, scoppia in una fragorosa risata.



Nella scena successiva una bambina con il cappotto rosso prende per mano Baglu che continua a fumare il sigaro.
- Andiamo -
- Andiamo ? -
- Sì, andiamo -
- Non abbia paura -
- No.... -
- No -
- Devo mostrarle delle cose..... -
- Sì -
- Certo....signor Baglu -
- Andiamo.... -
- Sì, andiamo -

Dalla nebbia (molto simile al fumo del sigaro di cui sopra) appare un grande cancello ed una scritta ARBEIT MACHT FREI........
Moltitudini di uomini e donne scarni e nudi dietro al reticolato.
Parole gutturali...tedesco forse.....suoni disturbati.....
Un uomo indifeso è percosso dal calcio del fucile di un soldato.
Ad una donna viene strappato un bimbo che stava allattando ed al quale è fracassato il cranio contro un'incudine.
Baglu ora ha gli occhi rossi di pianto.

- Ma non è successo veramente – lo rassicura la bambina
- N....No ? - risponde Baglu a fatica
- Non proprio. E' successo molto di più. Qui.....e in tutto il mondo..... Non ricorda ? -
- S....Sì -
- Che ne pensa ? -
- Che gli uomini sono dei bastardi -
- Non dica così, signor Baglu. Tutti possono sbagliare.... -
- Sbagliare ? -

Ora le moltitudini di uomini e donne sono separati in due file....pronti ad andare dritti dritti verso le cambere a gas.
Bambini in divisa da carcerato singhiozzano.

- No ! Io devo fare qualcosa ! -
- Signor Baglu, le ricordo che lei non può far nulla. Non siamo in una delle sue storie. Siamo nel bel mezzo della Storia -
- Perché mi hai portato qui, piccola ?-

La bambina con il cappotto rosso abbassa lo sguardo. Singhiozza. Piange.
Il cuore di Baglu batte forte, all'impazzata.
- Devo.....devo fare qualcosa ! -

Irrompe nella scena e si scaglia contro uno dei soldati. Lo percuote. E' un manichino.
Un altro soldato lo colpisce in pieno stomaco. Baglu cade a terra.
E' subito denudato e messo nella fila degli uomini.
- Non ho paura di morire.....Non l'ho mai avuta. Salvo quando ero bambino -
Uno dei crucchi gli intima di fare silenzio.
- Non è questo il problema. Il problema è quello che viene prima, durante.....insomma, la sofferenza..... -
Il soldato lo spintona, lo getta a terra. Gli sferra un calcio in pieno volto facendogli sanguinare il naso.
- Non è questo il punto, dicevo..... -

La bambina con il cappotto rosso gli viene incontro.....
- Signor Baglu ! -
La prendono in un batter d'occhio e la spintonano verso gli altri bambini.

- NOOOOOOOOOOOOOOOO -

Baglu sferra un pugno in pieno volto al soldato che ha di fianco.
Gli uomini diretti alle camere a gas cercano di dissuaderlo:
- No, signor Baglu, no. Lasci stare.... -
Baglu prende uno dei fucili ed inizia a sparare contro i soldati. Li colpisce uno ad uno.
Finiti i colpi riesce a recuperare i fucili dei soldati morti e così avanti.
Sino a che uno dei crucchi lo colpisce.....

La scena si interrompe con Baglu, nudo, che sta per cadere a terra.



Terza scena. Nuovamente Baglu che tiene per mano la bimba con il cappotto rosso.
- Hey Baglu, non mi dire che hai avuto paura ! -
- Anni fa avrei detto che....sono un duro ! -
- Voglio dire.....sai che è tutta un'illusione. Anche se sono cose accadute VERAMENTE ! -
- La vita è tutta un'illusione. Ma ciò non significa che sia meno vera o meno reale -
- Bravo ! L'importante è andare sempre dritti alla meta anche se non sempre ci si ritrova in un bosco pieno di lamponi ! -

Baglu sorride.
Ora la bambina si trasforma in un angelo. Anzi, in Valentina vestita da angelo.
Questa volta però non c'è nessuna corda a sorreggerla. Vola da sé.
Baglu la segue, volando a sua volta.

Voce fuoricampo (megafono): SAREBBE BELLO PERDERSI NEI TUOI OCCHI E RITROVARSI SUL TUO SORRISO

Ultimissima scena. Il numerosissimo pubblco che stava guardando il film di cui sopra sbotta:

- E' un assurdità ! Ridateci i soldi del biglietto ! -

Uomini e donne si alzano e vanno verso l'uscita del cinema, arrabbiatissimi, disgustati, bellicosi.
Ad attenderli al botteghino la bigliettaia, Metis. Li guarda sorpresa.....poi li risarcisce uno ad uno.
Sono una moltidudine, un migliaio di persone circa che esce quasi di corsa dal cinema, quasi a prendere una boccata d'aria.
Gli attori Ilona, Valentina, Lucia, Kyle, sorridenti e festanti, all'uscita, lanciano al pubblico manciate di coriandoli e stelle filanti. A loro si aggiunge anche Metis.
Un elicottero è sopra le loro teste. Vola a bassa quota ed all'interno vi è Baglu che scarica addosso al pubblico un sacco pieno zeppo di coriandoli.
Ride a squarciagola.
Il pubblico è ricoperto di coriandoli. Ora tutti sorridono o quasi.
La telecamera inquadra in un Primissimo Piano una bambina. Indossa un cappotto rosso, ci saluta e fa l'occhiolino.
Psychovicious è la colonna sonora finale.   




9 febbraio 2009

TrasgreKattiva ragazza per TrasgreKattivo blog



Ahahaha...in 30 anni di vita penso di non aver mai conosciuto una donna che mi ha fatto virtualmente girare la testa come lei. Al punto che - pur da fuorilegge del matrimonio - se mi chiedessero di sposarla non ci penserei due volte, a costo di rovinarmi definitivamente la vita e soprattutto di rovinarla a lei !
Così frizzante e creativa. Così piena di scritte sulle braccia. Così naturalmente vicina al mio stile nell'intendere la vita ed agli spunti a tratti surRenali che vi propino in questo blog.
E' da un po', forse, che non parlo di lei, ma di sicuro non me ne sono scordato.

Non avendo la possibilità tecnica di postarli, vi segnalo i link ai video di Youtube su Lucia "Rehab" Conti che più mi hanno divertito ed appassionato:

http://www.youtube.com/watch?v=Z1dat_3Q5Xw&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=czKi_v0iXuI
(qui non spaventatevi se vedete Maurizo Costanzo all'inizio del video e lo sentite dire robe tipo "sciosciaria rock" o "è una cattiva piena"...sic !)

Inoltre ecco a voi il link al nuovissimo video dei Betty Ford Center PSYCHOVICIOUS che personalmente mi ricorda un po' il fumetto "Maus" di Spiegelman ed un racconto horror/grottesco dal titolo "Niente è mai come sembra", che scrissi a quattro mani proprio con Lucia qualche anno fa ambientato - anche - in un manicomio.

http://www.youtube.com/watch?v=nntMHU7ZOY4






25 ottobre 2008

"Lucia "Rehab" Conti nel Paese delle Bambole": mediometraggio allegorico by Luca Bagatin



Non si sa com'è e/o come non è.
Fatto sta che Lucia "Rehab" Conti si ritrovò nel bosco circondata da bambole d'ogni specie e orsacchiotti di pezza dalle dimensioni a dir poco smisurate.
Vestita nel suo abito da sera più nero e fine, con indosso delle calze nere provocanti e delle scarpette rosse con il tacco da far invidia alla versione più avventente di "Dorothy" del Mago di Oz, ella guarda il nostro teleobiettivo, sorniona e divertita. Per nulla stupita da ciò che la circonda.
Il nostro teleobiettivo inquadra l'evidente scritta rossa sul suo decoltè: ALICE.
Ora si siede per terra, incurante del tavolino e delle sedie bianche sulle quali sono sedute talune bambole dagli abiti coloratissimi e financo d'epoca (vi sono bambole abbigliate con costumi del '500 e del '700).
Si ravviva i lunghi capelli neri. Si sente anch'ella un po' bambola, un po' bambina, un po' donna.
Se non che una di queste simpatiche creaturine immateriali prende vita. E' una Barbie o simila. Biondissima, con un abitino da collegiale, sorridente nella sua innocenza. Tende la mano a Lucia, la quale gliela bacia con una certa voluttà lasciandole copiosamente il segno del rossetto.
La bambola ritira la mano e se la porta alla bocca, baciando a sua volta il rossetto lasciato da Lucia, la quale si alza, fa l'occiolino verso di noi e porge le braccia al collo della biondona oramai non più immateriale.
La bambola la guarda con i suoi occhioni azzurri, le sorride ancora....ma il suo sorriso si ferma nel momento in cui Lucia la bacia sulla bocca con trasporto.
Le due donne si avvinghiano l'un l'altra giungendo a fondersi.
E' qui che il nostro teleobiettivo smette di riprenderle per lasciare tranquillamente alle loro effusioni.
L'orsacchiottone senza un occhio, seduto sulla bianca seggiola, ci guarda, un po' corrucciato. E' in quel momento che ci accorgiamo che, poco più in la, sono riuniti dei gatti d'ogni colore e razza, eretti su due zampe, in una stanza senza pareti ma con il solo pavimento a scacchi bianchi e neri. Bardati tutti quanti con fascie, medaglioni, guanti bianchi e grembiulini.
Si tratta senza dubbio della Gran Loggia dei Gatti.
Un gatto bianco, poco più grosso degli altri, è posto fra due colonne contrassegnate, alternativamente, dalle lettere J e B che sorreggono: l'una il Sole, l'altra la Luna.
Si tratta di Fat McQuack, il Maestro Venerabile.
Gli altri gatti, rispettosamente, lo ascoltano mentre lui brandisce un maglietto.
"Fratelli, i Lavori di questa Rispettabile Loggia devono proseguire nella Camera di Mezzo. Fratello Maestro delle Cerimonie, conduci i Fratelli Compagni d’Arte fuori dal Tempio, avvertendoli di attendere la ripresa dei Lavori nel loro Grado".
Uno dei gatti, quello rossiccio, esegue.
"Fratello Maestro delle Cerimonie, provvedi a decorare il Tempio per la Camera di Mezzo."
Il gatto Maestro delle Cerimonie esegue.
Il Venerabile McQuack batte tre colpi di maglietto.
Poi prosegue: "Fratello 1° Sorvegliante, sei tu Maestro Libero Muratore?"
Il gatto che ora inquadra il nostro teleobiettivo, a chiazze nere e bianche, risponde senza indugio: "Venerabilissimo Maestro, come Apprendista ho imparato a conoscere gli strumenti del Libero Muratore ed ho salito una scala dritta di tre gradini; come Compagno d’Arte ho imparato a servirmi degli strumenti ed ho salito una scala curva di cinque gradini; ora conosco l’Acacia e sono in grado di lavorare sulla Tavola da Disegno".
.........
La tenuta di Loggia è improvvisamente interrotta dall'arrivo di Lucia e della Barbie di cui sopra....
"MIAOOOOO.....Due donne !" qualche gatto afferma allarmato.
"Calmatevi, Fratelli !" interviene Fat McQuack. "Le signore avranno i loro buoni motivi per aver interrotto i lavori di questa Rispettabile Loggia....nevvero ?".
Lucia, sommessamente interviene: "Beh....no....dev'essere questo bosco...."
Fat McQuack la osserva, comprensivo e sorridente. Nell'ostilità generale, specie dei gatti-massoni più anziani.
"Siamo passate dalla stanza delle tende rosse....." cerca di spiegare Lucia.
Il Maestro Venerabile assume un'espressione improvvisamente seria e preoccupata.
Una luce abbaglia tutti i presenti e lo stesso nostro teleobiettivo si annebbia completamente.....sino a fissarsi su una figura, una donna in età, con i capelli castani e gli occhiali grandi e spessi. Tiene in mano un ceppo di legno. Ne siamo certi: è la Signora Ceppo.
"....ora l'afferra.....la sta schiantando a terra.....non c'è......non c'è più.....non c'è più il soffio.....il soffio della vita" proferisce con roca flebile voce scoppiando in un pianto a dirotto che si trasforma in un lamento e successivamente in un latrato.
La Signora Ceppo scompare.
Fat McQuack si mette una zampa sotto il mento, pensoso. "FORZA" "SAGGEZZA", gridano i gatti-massoni tutti quanti assieme.
Fat McQuack annuisce, poi afferma: "Contro l'ipocrisia". Fa un lungo silenzio, poi riprende: "L'individuo è lo specchio del mondo. L'ipocrisa presuppone il "non detto". Ma il vero Segreto è il Conosci te stesso. La menzogna e la calunnia, il non detto, l'ipocrisa....sono il tradimento del Segreto. La negazione della Vita".
"LO SPECCHIO RIFLETTE IL SEGRETO" proferiscono in coro i gatti-massoni.
Il nostro teleobiettivo inquadra la scritta rossa sul decoltè di Lucia: ALICE.
Lucia e Barbie si baciano appassionatamente.
DISSOLVENZA.
Nella scena successiva compare improvvisamente Leonardo Da Vinci (interpretato da Peter Boom) che fissa il nostro teleobiettivo, pensoso.
Con marcato accento olandese ci dice: "Sesso e genere sono insignificanti fra loro. L'essere umano è un essere sessuale completo. Il problema nasce con il condizionamento....esterno".
DISSOLVENZA
Lucia "Rehab" Conti ci guarda. Ci manda un bacio, mostrandoci il suo sguardo più accattivante.
Infine inghiotte una tartaruga.



by Luca Bagatin



22 ottobre 2008

Lucia "Rehab" Conti........il ritorno



Ancora tu....ma non dovevamo vederci più ?
Non mi sorprende lo sai ?
Tu come stai ?
E' stupido lo sai.
Che domanda inutile anche se sembri più giovane.
Sarò ancora....sperando che non sia follia.
E tu........(ci) sarai ?



23 luglio 2008

"IL BASSO E LA ZEPPA" racconto (all'altezza o meno) by Luca Bagatin (da un'idea di Lucia "Rehab" Conti)




Mi chiamo Francesco, ma per tutti sono il Basso. In effetti la mia altezza  - tanto per usare un eufemismo - non supera gli 80 centimetri.
Conobbi la Zeppa l'anno scorso in quel di Berlino, all'omonimo zoo.
Io ero una delle tante attrazioni turistiche: faccio il giocoliere.
Ella, invece, è ed era bellissima. Di professione faceva la venditrice di biglietti dello Zoo di Berlino, appunto: rinomato luogo per tossici.
Conobbi la Zeppa dicevo, ma, più che altro, fu lei che mi conobbe, anzi, diciamo pure che scivolò su di me nella sua "pausa sigaretta".
"Fuck !" esclamò inacidita lei.
"A chi, a me ? E che ci posso fare se sono alto quanto una delle tue zeppe ?" In effetti ella calzava un bel paio di zeppe alte almeno 20 centimentri.
"Aò, paisà !" mi gridò lei aiutandomi a rialzarmi. Era di Pomigliano d'Arco.
"Ammazza quanto sei......"
"Grasso ? Lo so, lo ammetto. E' che sono una buona forchetta. Adoro gli arancini preparati da mia sorella Stella....."
"Macchéstaiaddicere ! Ammazza quanto sei ciccillo !", la Zeppa, per quanto faticasse a parlare l'italiano a causa della sua prolungata permamenza in Germania, sapeva come prendermi per la gola !
"Grazie, baby !", le risposi ammiccante e accendendomi un Antico Toscano.
"Aspé, mo devo tornare al travagghio....al lavoro. Ma ci vediamo....iamme, bbé !"
Mi lasciò lì, imbambolato ad ammirare le sue lunghe ed affusolate gambe, i suoi lunghissimi e nerissimi capelli al profumo d'incenso, i suoi profondi occhioni neri che, nel voltarsi indietro, ammiccavano sornioni......
Sospirai.
"Noi, gente di spettacolo facciamo sempre colpo, in effetti !" pensai fra me e me.
Tornai ai miei numeri da circo.
Eccoli arrivare. Di nuovo. Puzzolenti di birra e di piscio irrancidito. Detesto gli Hell's Angels, ma, soprattutto, loro (essi ?) detestavano me.
Eccoli arrivare con le loro catene e i loro gutturali vocaboli teutonici, minacciosi, verso il sottoscritto.
Sempre a prendersela con i più piccoli. Peccato che io avessi le mie armi segrete.
"Ehy, tu, pikkola mosca italika, ja ? Tu rikorda noi, ja ?", ringhiò il primo - Asterix - noto per i suoi baffoni biondi e le trecce.
Lo guardai impensierito. Per lui, ovviamente.
Era la terza volta in due giorni che tentavano di farmi paura interrompendo i miei numeri.
Ora, io sono piccolo e, nella botte piccola ci sarà anche il vino buono......però si da il caso che io sia molto ma molto cattivo. Sarà perché, più che piccolo, diciamocelo pure, sono nano.
Gli scagliai una delle mie palline da circo carica di tritolo, che gli fece scoppiare le cervella le quali si sparsero un po' quà un po' là......toh, un pezzettino finì nella gabbia di Gretha, la tigre, la quale si pappò quelle succulente carni magre e mollicce.
Sorrisi agli altri Hell's: "Ragazzi, che ci volete fare....sono un patito delle bombe a mano".
Ringhiarono, ma non si arrischiarono a rispondermi. Fuggirono immantinente sui loro bolidi motorizzati.
"Ammappalo chegganzo !" mi venne incontro la Zeppa chinandosi e cingendomi le spalle.
"Oh...." arrossii. "Beh....non è stato nulla. A proposito, scusami se prima non mi sono presentato. Piacere, Francesco" le sorrisi, bonario, porgendole la mano.
"Piacere Antonella ma......chiamame Zeppa, và ! E' pè via de 'sti due trampoli che m'hanno detto che fa tanto tendenza.....mah......"
Le feci il baciamano e le dissi: "Allora tu chiamami pure Basso. E' per via......"
"Del fatto che sai suonà !"
"?"
"Beh, pur io me diletto.....Sai, suono il basso"
"Non immaginavo avessi gusti sadomaso......per quanto qualcuno (ma non io !) sosterrebbe che tutte le ragazze vestite di nero in odor di darkettone siano inevitabilmente sadomaso....."
"Ma che stai addicere ! Basso ! Il basso nel senso de na chitarra elettrica, dicemo così !"
"Ahhhhhh....... Beh, quindi abbiamo qualcosa in comune"
"Perché, pure tu suoni qualcosa ?"
"Più che altro diciamo che io "le suono". Sai, se qualcuno mi calpesta le mie scarpette numero 20......"
"Basso, tu sipproprio nu guaglione ciccillo !"
"E tu sipproprio....."....non riuscii a terminare la frase in quanto Zeppa fu chiamata da una signora di mezza età, impettita, indispettita, imbiondita, imbottita che la redarguì nel tedesco più stretto portandosi un pugno sul fianco e agitando una bacchetta in aria.
Capii trattarsi della sua capa, ovvero della sua Kapò.
"Tu appantonato tua postazione, ja ? Tu kiakkiera kiakkiera con pikkola moska italika, ja ?"
La Zeppa si girò verso di me, comprese il mio telepatico messaggio e mi fece un cenno d'intesa.
"Al volo Zeppa !" le lanciai una delle mie palline speciali.
"Tu stronza Hell's Angels ! Beccati 'sto numero da circo !" urlò Zeppa alla stronza di cui sopra e gliela ficcò nel decolté.
Questa volta Gretha, la tigre, si pappò due mammelle che parevano budini con la ciliegina.
Era evidente che io e Zeppa eravamo fatti l'uno per l'altra.
"Alti e bassi", come si dice anche nella musica, oltre che, inevitabilmente nella vita.
Zeppa mi prese in braccio e mi diede un lungo bacio con tanto di schiocco e da allora viviamo felici ai margini di una società che non riusciremo mai ad accettare per quella che è.




9 luglio 2008

NOI, BAMBINI DI IERI


Il fanciullo è, più spesso di quanto non si creda, "il padre dell'uomo"
da "Zanoni" di Edward Bulwer Lytton






Il little Bazardelleparole ed il grande Dario Marini sosia di Veltroni
La simpatica little Annina Esposito e la grande Vulvia
Lo svedese little Bagatin e l'evergreen Baglu
La vispa little Rehab e la grande bomba Lucia Conti



26 maggio 2008

VERTIGINE by Luca Bagatin



Vertiginosamente avvolto da uno sguardo stregato nascosto da lunghi capelli corvini.
Vertiginosamente perduto in un labyrinto di calda emotività che coinvolge lo stomaco prima ancora che il cuore e l'intelletto.
Vertiginosamente perduto negli anfratti procaci di filiformi ma solide forme che riempiono il tuo sguardo di intelligente semplicità.
Vertigionosamente attratto dalla tranquillità che la tua immagine infonde nemmeno avesse qualche cosa di mistico.
E' quel frammisto di emozioni sottopelle. Emozioni tue prima ancora che altrui.
Arte Vitale sei tu.
Vitale perché nasce dal buio profondo della psiche umana e si manifesta con sapiente ironia ed autoironia.
Arte che nasce dalla disperazione, una disperazione che fa Rinascere.
Anima, mente, intelletto, sesso, eros.
Vertigine tu sei. E perdersi in te è l'unico modo per comprendere l'immensa corrente di tutto ciò che ci e ti circonda.
Che tutto trascina, che tutto fa passare, che tutto lava e scorrere.
Ed il cerchio si chiude con al centro il Tutto.




25 marzo 2008

"Il Convitato di Pietra": rubrica di surRenalità by Luca Bagatin



C'è chi in settimana mi ha chiesto se sono innamorato di Lucia "Reahb" Conti, vocalist del gruppo fuck'n roll Betty Ford Center.
Curiosa domanda merita curiosa risposta, ovvero una nuova domanda: "Io innamorato ?".
Certo che per sviare i discorsi le pensiamo proprio tutte ! Ad ogni modo trovo che il termine "innamoramento" implichi un sacco di aspetti che meriterebbero approfondimento.
Per cui semplifichiamo: l'"innamoramento in Luca Bagatin" implica inappetenza, insonnia e tendenza ad un fumo di sigarette smodato.
Tre aspetti già di per sé rarissimi in me: gran mangiatore, noto dormiglione e fumatore moderato (tanto poi mi dite che sono estremista in altro...sic !).
Ergo: cambiamo discorso.
Certo che Sbriciolina non mi ascolterà mai ! E' la sosia sputata di Ambra Angiolini e, anziché sfruttare la cosa.....che fa ? Continua a scrivere racconti pseudo-erotici con un utilizzo personalissimo della grammatica !
Le ho dato dei consigli ma lei....nisba ! Potrebbe realizzare dei video cantando "Margheritando il cuore" ed invece....preferisce posare seminuda per i raccontini del suo blog.
Mah...
Certo che dovrei telefonare a Piattaforma in arte Valeria Manieri (o viceversa !) e chiederle come sta Roberto Cicciomessere che, chissà perché, quando lo nomino in quel di Pordenone molti mi chiedono a loro volta se è quel tal "noto fascista vattelapesca".
Ma Wikipedia la sapete usare ? O vi basta sgobbare in infimi mobilifici 10 o 12 ore al giorno e portarvi a casa i dané ?!?
Perdonatemi, ma il Nord Est italiano con particolare riferimento a Pordenone e dintorni mi fa proprio schifo !
Ooopsss...forse non è il caso di essere così "politically uncorrect" ! Poi finisce che mi dicono per l'ennesima volta che scrivo come Vittorio Feltri che, del resto come me, ha un carattere assolutamente impossibile.
Avete mai sentito parlare dei tipi "umorali" ?
Non che io lo sia in sé e per sé. Di umorale al massimo conosco l'"umor vaginale" che smodatamente amo rendere "buon" (umore vaginale) !
Un paio di settimane fa mi ha telefonato Renzo Tondo, candidato alla Presidenza della Regione Friuli Venezia Giulia per il PDL.
E' stato molto gentile e cordiale e mi ha anche dato un apppuntamento....salvo poi non rispettarlo !
Per carità, non è stata causa sua ! Un paio di venerdì fa aveva un impegno con gli Industriali (anche mio nonno Giovanni Bagatin classe 1893 lo era, ma dubito avrebbe voluto incontrare qualche "pezzo grosso" della politica...pardon dell'inciso !) di Pordenone e la cosa è andata per le lunghe.
Dopo una mezz'ora buona d'anticamenra con Isidoro Gottardo (sic !) impegnato in un'interminabile telefonata ho preferito consegnare alla receptionist un biglietto nel quale mi scusavo ma non potevo attendere oltre l'On. Tondo avendo già un altro impegno imminente.
E così addio Renzo Tondo: mai più sentito.
Vabé...ora non chidetemi se lo voterò. E' come la storia degli innamoramenti: meritano approfondimento.
Ah, Renzo Renzo....se almeno mi avessi ascoltato e avessi sganciato la Destra di Storace e quei retrogradi di Lega e Udc !
Forse avresti anche potuto dire con orgoglio che eri socialista e che negli anni che furono eri anche personalmente a fianco del friulano Loris Fortuna !
Ma, ditemi voi: che differenza c'è fra la pubblicità, la politica e la prostituzione ?
Per carità, lasciamo perdere e....RIAPRIAMO LE CASE CHIUSE !



PS: ringraziamo l'amichevole, seppur involontaria, partecipazione di Lucia Conti, Sbriciolina e dell'On. Renzo Tondo, ai quali auguriamo un buon proseguimento di attività nei rispettivi ambiti creativi.


sfoglia     aprile        giugno






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini