.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


19 agosto 2015

La Venezia dell'oscurantista Brugnaro o quella libera e libertaria di Casanova ?

E' davvero triste che la Venezia godereccia e romantica, tanto cara a Giacomo Casanova, sia oggi governata da un Sindaco assai triste come Luigi Brugnaro – berlusconiano e renziano al contempo - ovvero profondamente conservatore e bigotto al punto da vietare persino i libri per ragazzi che, a suo dire, lederebbero i diritti delle famiglie composte da madre e padre (sic !).

Ricordiamo che, nel corso della Storia, i libri li vietarono i nazisti, che peraltro dei cosiddetti libri “proibiti” ne fecero un rogo.

La cultura, diversamente, merita di essere diffusa, cosa che forse il Brugnaro – degno figlio politico di leader politici autoritari – ignora.

Curioso anche che il Brugnaro attacchi il cantante Elton John dandogli del “ricco”. Il Brugnaro è imprenditore e dirigente d'azienda e povero certamente non è. E non è nemmeno una questione di danari, ma di senso civico e civile.

La civiltà vuole che le persone siano libere di leggere ciò che vogliono. E anche di amare e di andare a letto con chi vogliono, senza che un'autorità politica che rappresenta solo una parte dei cittadini si metta a sindacare e a decidere per tutti.

Invochiamo pertanto lo spirito libertario e godereccio di Giacomo Casanova, libertino, massone e libero pensatore, che proprio la Santa Inquisizione condannò per i suoi liberi costumi. E finanche quello di Tinto Brass, che alla Mostra del Cinema di Venezia sbarcava sempre con splendide fanciulle scosciatissime.

Noi amanti di Venezia e che proprio da quelle parti proveniamo, vorremmo evitare che la città dell'Amore per eccellanza si trasformi in un centro di potere governato da bigotti e oscurantisti.

Vorremmo che chiunque, a Venezia come altrove, fosse libero di amare in libertà e di leggere ciò che vuole.

Perché, se la politica odierna ha ucciso il pensiero, non vorremmo che essa distruggesse anche la libertà, l'erotismo, la voglia di amare e godere con chi vogliamo.

E vorremmo rimarcare un concetto: una famiglia è composta da un uomo e una donna, ma anche da due uomini, da due donne, oppure da un individuo e il suo animale domestico. E un Sindaco non può certo venirci ad insegnare che cos'è l'amore !


Luca Bagatin



6 febbraio 2015

Una visita presso la sede della Massoneria italiana del Grande Oriente d'Italia, con un particolare ringraziamento al Gran Bibliotecario Bernardino Fioravanti

Sono detentore di un sacco di oscuri segreti...
Segreti in quanto spesso celati all'intelletto addormentato.
Oscuri in quanto necessitano dell'illuminazione interiore per poter essere compresi, svelati.





Coloro che entrano nella Massoneria solo per carpirne il segreto possono ritrovarsi delusi: può infatti accadere loro di vivere per cinquant'anni come Maestri Massoni senza riuscirvi. Il mistero della Massoneria è per sua natura inviolabile: il Massone lo conosce solo per intuizione, non per averlo appreso. Lo scopre a forza di frequentare la Loggia, di osservare, di ragionare e di dedurre. Quando lo ha conosciuto, si guarda bene dal far parte della scoperta a chicchessia, sia pure il miglior amico Massone, perché se costui non è stato capace di penetrare il mistero, non sarà nemmeno capace di profittarne se lo apprenderà da altri. Il mistero rimarrà sempre tale. Ciò che avviene nella Loggia deve rimanere segreto, ma chi è così indiscreto e poco scrupoloso da rivelarlo non rivela l'essenziale: come potrebbe, se non lo conosce? Conoscendolo, non lo rivelerebbe”. 

(Giacomo Casanova)




Il mio ringraziamento ed affetto va al Gran Bibiliotecario Bernardino Fioravanti per avermi invitato a visitare la pregevole Biblioteca della Massoneria del Grande Oriente d'Italia presso Villa del Vascello in Roma; per avermi donato dei pregevoli volumi ed anche per aver voluto inserire nel catalogo della Bibilioteca medesima i miei due saggi "Universo Massonico" e "Ritratti di Donna".
Ed il mio primo pensiero, appena sono entrato nella Villa, è stato rivolto a Giuseppe Garibaldi Gran Maestro dell'Umanità ed a sua moglie Anita, le cui spoglie mortali riposano al Gianicolo.
Il loro esempio di Amore e Libertà rimane scolpito, quantomeno nel mio cuore.




Giuseppe Garibaldi

La Biblioteca del Grande Oriente d'Italia


Ernesto Nathan



8 novembre 2014

Il demone di Casanova

Contemporanei ed entrambi massoni, oltre che dediti a pratiche esoteriche e talvolta occulte, purtuttavia così diversi.

Da una parte Alessandro conte di Cagliostro (1743 - 1795), il nobile amico del popolo e dei filosofi, il guaritore degli afflitti, il dispensatore dell'Antica Spienza Gnostica. Dall'altra Giacomo Casanova (1725 - 1798), il conservatore amante dell'Ancien Regime, il fautore del dispotismo illuminato, il nemico giurato di Voltaire e Rousseau, il libertino tollerante nei confronti dell'ateismo.

Due figure emblematiche di quel Secolo dei Lumi diviso fra fede nella Ragione - propugnata dagli Illuministi - e ricerca di quell'antica sapienza che troverà la sua massima sintesi nella fondazione della Massoneria Speculativa, che all'epoca ospitava spesso, nelle Logge, maghi, alchimisti ed occultisti di vario genere.

Di Alessandro conte di Cagliostro ci hanno parlato numerose opere, da noi in passato lungamente recensite, redatte da Pier Carpi, da Marc Haven e da numerosi altri memorialisti.

Di Giacomo Casanova ci parla, invece, con grande acume e proprietà di lunguaggio, il saggio “Il demone Casanova” del giornalista e scrittore Angelo Mainardi, edito dalla Tre Editori.

“Il demone Casanova”, che vanta un'ampia ed approfondita bibliografia, trae in particolare linfa dalla monimentale opera del libertino veneziano, ovvero “La Storia della mia vita”, scritta negli ultimi anni di vita - pubblicata postuma, quasi duecento anni dopo - , quando il Nostro si trovava nel Castello del conte di Waldstein a Dux, in Boemia, ove morì riuscendo a trovare conforto solo nella scrittura, ormai vecchio, stanco e preda delle angherie dei servitori del conte stesso.

L'opera di Mainardi è certamente completa e priva di quelle censure tipiche dei memorialisti casanoviani, i quali hanno preferito non scalfire troppo la figura del Veneziano, ricordandolo solo quale mito immortale.

Mainardi, diversamente, attraverso l'analisi delle Memorie casanoviane, ne traccia un profilo autentico. Appassionato di magia sin dalla tenera età, ovvero sin da quando una fattucchiera riuscì a guarirlo dai numerosi malanni causati da una salute cagionevole, Giacomo Casanova è figura singolare del XVIII secolo. Di umili natali, figlio di due attori, si farà presto strada nel gran mondo proprio grazie alla consapevolezza di “non essere nessuno”.

Uomo fra i più colti del suo tempo, come lo definiscono i suoi stessi memorialisti contemporanei, fu scrittore, filosofo, occultista, massone, diplomatico e spia al servizio delle grandi potenze dell'epoca.

In particolare divenne celebre per essere un grande seduttore, ma pochi ricordano o vogliono che – come scrive Mainardi, riferendosi a ciò che scrive lo stesso Casanova nelle sue Memorie – amava sedurre anche bambine, religiose compiacenti, oltre che non disdegnava i rapporti incestuosi, al punto da giudicarli del tutto naturali.

Altro aspetto curioso e per molti versi controverso del Casanova è il suo rapporto con l'occulto. Da una parte egli conosceva alla perfezione la sapienza antica della Cabala ebraica e se ne serviva per fare oracoli; dall'altra non vi credeva troppo, al punto da utilizzare detti oracoli o dette pratiche per imbrogliare il suo prossimo e trarne vantaggio, talvolta seduttivo – se su donne – talvolta pecuniario, se trattavasi di persone di sesso maschile.

Interessante, invece, il rapporto con l'esoterico ed in particolare con la Massoneria.

Iniziato massone nel 1750 nella Loggia di Lione “Amicizia”, le sue Memorie ci riportano la seguente frase, a proposito del cosiddetto “segreto massonico”, che denota – a dispetto del personaggio – una profonda cultura esoterica: Coloro che entrano nella Massoneria solo per carpirne il segreto possono ritrovarsi delusi: può infatti accadere loro di vivere per cinquant'anni come Maestri Massoni senza riuscirvi. Il mistero della Massoneria è per sua natura inviolabile: il Massone lo conosce solo per intuizione, non per averlo appreso. Lo scopre a forza di frequentare la Loggia, di osservare, di ragionare e di dedurre. Quando lo ha conosciuto, si guarda bene dal far parte della scoperta a chicchessia, sia pure il miglior amico Massone, perché se costui non è stato capace di penetrare il mistero, non sarà nemmeno capace di profittarne se lo apprenderà da altri. Il mistero rimarrà sempre tale. Ciò che avviene nella Loggia deve rimanere segreto, ma chi è così indiscreto e poco scrupoloso da rivelarlo non rivela l'essenziale: come potrebbe, se non lo conosce ? Conoscendolo, non lo rivelerebbe”.

La cultura, fosse essa esoterica, occultistica, oppure libresca, non mancò mai al Nostro, il quale, durante il corso della sua vita, dette alle stampe diverse opere letterarie, spesso pubblicate a sue spese, ad ogni modo. Oltre al celebre “Il duello”, ove racconta del suo duello vittorioso con il conte polacco Branicki, ricordiamo l'opera in cinque volumi “Icosameron”, ovvero il primo romanzo di fantascienza mai apparso nella Storia. Angelo Mainardi, nel suo “Il demone Casanova”, a tal proposito, ci presenta l'opera come la storia di un rapporto incestuoso fra fratello e sorella e del loro viaggio al centro della Terra che, per molti versi, anticipò l'opera di Jules Verne. Da notare che nell'”Icosameron” - che pur non ebbe alcun successo letterario al punto dall'indebitare l'autore stesso – sono prefigurate invenzioni avvenieristiche quali l'automobile, i gas asfissianti, l'aereo, il telegrafo e la televisione.

Grande viaggiatore e avventuriero, Giacomo Casanova frequentò tutte le corti d'Europa e divenne intimo del "Re Filosofo", ovvero Federico II di Prussia, il quale purtuttavia lo deluse, in quanto gli offrì un umile posto quale precettore dei cadetti dell'esercito. Impiego che rifiutò sdegnato.

Conobbe inoltre Voltaire con il quale si confrontò spesso con un certo astio, non condividendo con il filosofo l'idea che tutti gli uomini fossero eguali, in quanto il Nostro - figlio del suo tempo ed amante dell'Ancien Regime, come abbiamo detto - riteneva che la libertà di pensiero potesse essere concessa solo alle classi agiate e che il popolo, in buona sostanza, non fosse in grado di ragionare se non per il proprio tornaconto personale, al punto che egli scrisse: “Quanto al popolo, esso è dovunque della stessa natura: date sei franchi a un facchino perché gridi “Viva il Re”, egli vi farà questo favore, e per tre lire griderà un momento dopo “Che egli muoia”. (…) Esso non ha né leggi, né ordine, né religione; le sue divinità sono il pane, il vino e la poltroneria; crede che libertà voglia dire impunità, che aristocrazia significhi tigre, che demagogo stia per pastore amorevole del suo gregge. (...)”.

Misera, come abbiamo detto, la fine del Nostro, il quale, purtuttavia, mai si pentì dei suoi eccessi e della sua condotta tutta dedita esclusivamente al piacere, più che all'amore.

Questo in sostanza il “demone di Casanova” che lo rende inquieto, al punto che, ad un certo punto del saggio, lo stesso Mainardi si chiede se, in realtà, questa fuga continua del Nostro, ovvero questa ricerca del piacere effimero, del rincorrere incessantemente ogni donna, non voglia, in realtà, nascondere la ricerca della Donna Ideale ed al contempo un luogo ideale e perfetto. Un luogo ed un tempo così diverso dal Secolo dei Lumi, teatro dell'effimero e talvolta delle contraddizioni (Fede/Ragione/Spiritualità/Esoterismo).

Un'opera che getta nuova luce, quella del Mainardi – che recentemente ha pubblicato sempre per la Tre Editori “Casanova l'ultimo mistero” e che sarà nostra cura prossimamente recensire - e che va accompagnata alla lettura delle Memorie di Casanova che, chi vi scrive, lesse per intero alla sola età di quindici anni, con l'animo di un ragazzino curioso ed al contempo ammirato nei confronti di un personaggio unico nel suo genere. Comunque lo si voglia giudicare.


Luca Bagatin



11 settembre 2014

Riflessioni ed aforismi quotidiani. By Luca Bagatin



Ho iniziato ad interessarmi e ad appassionarmi di Massoneria da ragazzino (avevo 10 anni), sull'onda della mia passione per il Generale Giuseppe Garibaldi.
A quattordici anni, ad ogni modo, lessi tutta la "Storia della mia vita" di Giacomo Casanova, entusiasta massone anch'egli e via via iniziai, con gli anni, ad interessarmi del conte di Cagliostro.
Dopo anni di ricerche e di studi, ancora una volta, sono certo che Garibaldi, Casanova e Cagliostro - forse proprio in quanto anime trasgressive per i loro stessi tempi - siano stati gli unici, nella Storia della Libera Muratoria, ad incarnare davvero i principi di LIBERTA' (Casanova), UGUAGLIANZA (Garibaldi) e FRATELLANZA (Cagliostro).

Il giudizio pregiudica !

Il progresso non va arrestato, va semplicemente ignorato.

La vera barbarie è la politica dei governi o, meglio, dei malgoverni.
Poco importa se eletti o meno "democraticamente" (ammesso che i sistemi elettorali siano sistemi considerabili democratici).

Corrado Passera scrive "Io Siamo".
Che cosa sia la passera ben lo sappiamo.
Su Passera, invece, preferiamo soprassedere.

La dimostrazione del fatto che la coscienza popolare sta crescendo, in luogo dell'incoscienza dei politicanti, è il fatto che gli scozzesi stanno - finalmente - per decretare la loro indipendenza !





5 settembre 2014

Aforismi e riflessioni garibaldine d'Amore e Libertà. By Luca Bagatin

L'Internazionale dell'Amore è il Cuor dell'Avvenire.

Trovo che Massimo D'Alema sia un ipocrita. E trovo lo sia per due ragioni: la prima è che questo governo è espressione anche del suo partito. La seconda è che anche il suo governo, nel 1999 - 2000, non portò a buoni risultati.

La democrazia, specie se elettiva, ha i suoi limiti. La libertà, invece, è senza confini.

Il cattivo gusto è nel giudizio. Specie quando si trasforma in pre-giudizio.

Ogni qual volta penso ad inglesi o a tedeschi mi viene in mente che i loro avi erano barbari e che ci vollero i latini per civilizzarli.
Ogni qual volta penso agli statunitensi mi viene in mente che sono un popolo che non esiste, che i loro avi erano barbari e che il suolo che hanno usurpato era abitato da ben altro popolo civile.

Il mondo islamico radicale andrebbe "bombardato" di preservativi, di vibratori, di gadget sessuali d'ogni genere, anziché di missili ed armi.
Penso che il sesso, specie se fatto con amore, faccia bene a tutti. La cosa difficile per "quel" mondo, ma anche per il nostro di "mondo" occidentale e pseudo democratico, retto solo da mercificazione e pubblicità commerciale, penso sia il comprendere davvero che cos'è l'amore. Ed il sesso, di conseguenza.

Le donne sono da secoli bistrattate oppure oggetto di morbosità da parte di una società patriarcale, maschilista, frustrata, dedita alla ricerca di un piacere effimero e del guadagno facile. Io da sempre amo il mistero che emanano. Il mio modello ideale è una donna libera e liberata. La donna che sarà libera dal potere, dal danaro, dalla religione, saprà recuperare la cultura tipica delle antiche civiltà della terra. Per questo - nel mio ultimo saggio - ho dato ampio spazio al mito della Donna Selvaggia descritta da Clarissa Pinkola Estés nel saggio "Donne che corrono coi lupi".

Amore e Libertà è favorevole alla legalizzazione della prostituzione, ma solo nella forma dell'autogestione.
Lo sfruttamento delle menti e dei corpi lo lasciamo ad una società criminale.
L'autogestione delle menti e del corpo è ben altra cosa.




22 agosto 2014

Eros e Thanatos



Il rapporto fra Eros e Thanatos è forte e imprescindibile. Quando l'Amore fisico raggiunge l'apice, allora ti rendi conto che non sei lontano dal morire e che la morte non è così brutta come viene dipinta dalla cultura dominante. Purtuttavia, per avere una buona morte occorre aver avuto una buona vita. Una vita zeppa di desideri e priva d'Amore ti condurrà in uno stato di illusione tale da non comprendere nemmeno la sacralità della tua morte. E rimarrai, per sempre, un non-morto, ovvero il fantasma di te stesso.

Luca Bagatin





21 aprile 2014

"Aforismi e riflessioni politiche flash" by Luca Bagatin

A Giacomo Casanova, al Conte Alessandro Cagliostro, a Giuseppe Garibaldi,
tre Grandi Iniziati amati e rimasti nel cuore del Popolo
e che della politica autoritaria dei Paesi che visitarono si fecero beffe e contrastarono,
pagando spesso di persona, talvolta anche con la vita.



Sono troppo onesto per candidarmi a qualsiasi tipo di elezione politica, nel 2014 e negli anni a venire.

Politicamente posso definirmi liberale di sinistra e libertario di destra.

L'unica cosa che so, di preciso, di Forza Italia, è che il simbolo che presenterà alle elezioni europee recherà il nome di un noto pregiudicato.
Il partito di Ageletto Alfano, denominato NCD, ha nominato suo coordinatore nazionale quella quaglia clericale di Quagliariello.
Un motivo in più per seguitare a disgustarlo.
E' oltremodo vergognoso che, alle prossime elezioni europee, siano candidati dei Ministri della Repubblica.
E' vergognoso per una ragione molto semplice: allorquando saranno eletti, proprio in quanto Ministri, NON andranno mai al Parlamento europeo e NON si occuperanno mai di Europa (Debora Serracchiani insegna, visto che, a parte il suo essersi fatta pubblicità, in Europa non ha mai fatto nulla).
Stefania Giannini, Beatrice Lorenzin, Maurizio Lupi, ma perché vi candidate e non continuate, invece, ad occuparvi dei vostri rispettivi Ministeri ?
Allorquando il commendator Licio Gelli elaborava un piano di riforma in senso liberale dell'Italia - denominato Piano di Rinascita Democratica, alla faccia di coloro i quali lo tacciarono di autoritarismo - Beppe Grillo faceva il comico prezzolato su Rai 1, lottizzata dalla Democrazia Cristiana, sostenuto dal democristiano Pippo Baudo e a volte affiancato da Bruno Vespa...
Matteo Renzi è un ottimo affabulatore. Del resto ha avuto ottimi maestri del gioco delle tre carte: Ciriaco De Mita e Giulio Andreotti.
La libertà richiede sempre un alto senso di responsabilità. Libertà e responsabilità sono sinonimi, infatti. Mi viene da pensare che i politicanti italiani (ma non solo loro, spesso), non provuovono leggi di libertà proprio in quanto sono privi di ogni senso di responsabilità.  



24 febbraio 2011

Il conte di Saint-Germain "svelato" da Paul Chacornac



Paul Chacornac (1884 - 1964) fu l'editore della celebre rivista di studi esoterici "Etudes Traditionnelles", nella quale collaborò anche il celebre scrittore e studioso di simbolismo esoterico e massonico René Guénon.
Chacornac si occupò, nel corso della sua vita, di astrologia ed alchimia sotto il profilo tradizionale, dedicando numerose pubblicazioni a tali tematiche.
Fra queste è purtuttavia presente una singolare biografia, "Il conte di Saint-Germain", ripubblicata negli ultimi anni in Italia dalle prestigiose Edizioni Mediterranee.
Tale biografia tende a sgomberare il campo da tutte quelle leggende metafisiche che hanno accompagnato la storia del conte di Saint-Germain e che lo hanno voluto, di volta in volta: alchimista senza tempo, massone, Maestro dei Teosofi, esponente degli Illuminati di Baviera e dei Rosacroce.
La biografia di Chacornat è dunque la più completa e minuziosa opera dedicata a questo leggendario personaggio che, più che altro, secondo gli studi dell'autore, pare fosse un erudito avventuriero di nobilissima origine spagnola che, nel corso della sua vita, utilizzò vari nomi fra cui l'appellativo di "conte di Saint-Germain" (ovvero il Santo Fratello).
Erudito avventuriero che frequenterà le grandi corti europee del XVIII secolo, talvolta amato e talvolta odiati dai nobili e dagli intellettuali dell'epoca.
Di lui ci ha parlato ad esempio Giacomo Casanova nelle sue "Memorie", in senso totalmente denigratorio, quasi che il Saint-Germain fosse un "mago truffaldino". Per quanto si sa bene che - con tutto il rispetto per il celebre autore - le "Memorie" di Casanova non erano altro che uno zibaldone romanzato, ove l'autore amava punzecchiare e mettere in ridicolo i suoi vecchi nemici.
Il filosofo Voltaire narra al re di Prussia Federico II del conte di Saint-Germain come di un “essere immortale”, ma, probabilmente e secondo la biografia di Chacornac, lo fa in senso metaforico, vista l'ampia cultura ed i modi profondamente cortesi del conte.
Secondo i teosofi Madame Blavatsky ed Annie Besant, il conte di Saint-Germain sarebbe un "adepto", un "iniziato", un "agente della Gran Loggia Bianca" venuto su questa terra per scongiurare il materialismo ed i pericoli della Rivoluzione Francese, pur senza successo.
Chi può mai dirlo ?
Quel che è certo è che tale figura di nobile settecentesco, di cui possediamo un unico ritratto donato dal conte stesso alla marchesa d'Urfé nel 1760 e giunto sino a noi, continua ad affascinare nei secoli.
E l'ottimo studioso Paul Chacornac ha tentato di ricostruirne la storia e le gesta, spogliandolo dalle leggende che lo hanno circondato e lo circondano ed analizzando la sua figura sotto un profilo simbolico-tradizionale alla luce degli insegnamenti di René Guénon.

Luca Bagatin



17 agosto 2010

"Antoine Marcas: un Ispettore di polizia massone protagonista dei romanzi di Eric Giacometti e Jacques Ravenne": articolo tratto dal nr. 4 di "Secreta Magazine" Aprile 2010. Di Luca Bagatin

Antoine Marcas: un Ispettore di polizia massone protagonista dei romanzi di Eric Giacometti e Jacques Ravenne

di Luca Bagatin


Sono decisamente gli autori di thriller massonici più preparati e coinvolgenti.

Il loro primo romanzo - "Il rituale dell'ombra" – ha letteralmente spopolato in Francia (pubblicato da Fleuve Noir) ed anche in Italia ha avuto un ottimo successo pubblicato dalle edizioni Piemme.


Jacques Ravenne e Eric Giacometti

Sto parlando del giornalista d'inchiesta Eric Giacometti - che fra l'altro ha denunciato nel suo Paese numerosi scandali legati alla malasanità - e del Maestro massone Jacques Ravenne.

Insieme, prima di scrivere "Il rituale dell'ombra", non si erano mai occupati di Massoneria. A questo romanzo se ne sono poi succeduti altri come "I Fratelli Oscuri" ed il recentissimo "La congiura Casanova".

E tutti con protagonista l'Ispettore parigino e Maestro massone affiliato al Grand Orient de France Antoine Marcas.

Questi, almeno, i thriller pubblicati in lingua italiana sino ad oggi.

In Francia sono già usciti anche "La Croix des Assassins" ed "Apocalypse", dall'anno prossimo disponibili anche in Italia e sempre editati dalla Piemme. E hanno già in serbo un'altra chicca....."Il simbolo ritrovato", una sorta di risposta francese ad "Il simbolo perduto" di Dan Brown !

Cominciamo con il dire che la differenza fra i romanzi di Giacometti e Ravenne con quelli di Dan Brown è abissale.

Innanzitutto nello stile: decisamente meno puerile quello del duo francese, che peraltro forniscono al lettore - in appendice - un'accurato glossario massonico ed un'accurato profilo dei personaggi storici appartenenti alla Massoneria ai quali, di romanzo in romanzo, fanno riferimento.

Per quanto anche nei thriller di Giacometti e Ravenne ci sia ampissimo spazio per la fantasia degli autori, non viene mai meno il preciso riferimento alla storia dell'Istituzione massonica ed ai suoi rituali.

Riferimenti ai quali è peraltro legatissimo il protagonista - Antoine Marcas - il quale, pur laico e razionalista convinto, trae vera ispirazione dal simbolismo massonico e dalle Tornate di Loggia che frequenta.

Si noti bene che Giacometti e Ravenne si sono avvalsi peraltro – nello scrivere le loro opere - della consulenza dell'ex Gran Maestro del Grand Orient de France Jean-Michel Quillardet, il che contribuisce a rafforzare l'autorevolezza delle fonti e dei temi trattati.

Ed hanno anche messo in piedi due bellissimi siti web in lingua francese: www.polar-franc-macon.com e www.giacometti-ravenne.fr, molto curati sotto il profilo grafico e dei contenuti.

Nell'ultimo thriller, "La congiura Casanova", l'Ispettore Marcas si trova ad indagare in merito a delle morti bizzarre causate da ancor più bizzarre "estasi sessuali" indotte da particolari rituali ritrovati in un antico manoscritto (attribuito a Giacomo Casanova) dai membri di una setta che si rifà al controverso mago vittoriano Aleister Crowley (che si autonominò La Grande Bestia 666).

Antoine Marcas si troverà così a difendere Anais, una giovane donna che il capo della setta, Dioniso, cercherà di rapire in tutti i modi ed al contempo dovrà difendere la sua stessa Obbedienza massonica nella quale si sono infiltrati membri della setta al fine di screditarla.

Fra la Sicilia, Parigi, Granada e Venezia, erotismo, esoterismo, magia ed alchimia, riuscirà Antoine Marcas a prendere in mano la situazione anche con l'aiuto dei suoi Fratelli massoni che sono sempre disponibili ad aiutarlo nei momenti del bisogno ?

I thriller di Giacometti e Ravenne sono decisamente delle opere raffinate, dirette sia ad un pubblico massonico che profano. Romanzi dunque non banali e scontati, ricchissimi di simbolismo ed avventura e che fanno anche comprendere al lettore quanto il senso di fratellanza massonica sia qualcosa di veramente profondo ed incomunicabile.

Decisamente nulla a che vedere con le fantasie da cinematografo di Dan Brown.

Luca Bagatin



15 giugno 2009

Un viaggio nell'esoterismo e nel mistero in compagnia della Massoneria dell'Arco Reale - Rito di York in Italia


(al centro il Sommo Sacerdote dell'Arco Reale in Italia Giuseppe Fabbri. Alla sua sinistra Tiziano Busca, componente del Comitato Editoriale delle riviste YR Magazine e Secreta Magazine)


Ma chi l'ha detto che la Massoneria è un'entità oscura, segreta e cospirazionista ?
Taluni libelli, specie se culturalmente orientati, per così dire, che si rifanno alle scempiaggini elaborate nell'800 da Léo Taxil. Squinternato ex massone che, per farsi pubblicità come scrittore (mediocre ed allora sconosciuto), andò divulgando astrusità come l'adorazione del Diavolo da parte delle Logge ed il culto del Palladismo, culto inventato di sana pianta, così come il presunto carteggio fra Giuseppe Mazzini ed Albert Pike che è divulgato anche su taluni siti web.
Tutta pura fantastoria e/o fantaesoterismo.
E così, con la pazienza dello studioso, ovvero del curioso per definizione, possiamo scoprire come la più antica Obbedienza massonica italiana - il Grande Oriente d'Italia - sia un'istituzione più che aperta, impegnata socialmente e culturalmente, così come avviene in tutto il Mondo con particolare riferimento agli Stati Uniti d'America.
Certo, la discrezione nell'universo massonico ed esoterico, è d'obbligo . Ma ciò per il semplice fatto che, quando si parla di dimensione interiore e spirituale senza dogmi o ideologie di sorta, non è pensabile fare proseliti e/o divulgare concetti per lo più sperimentabili solo direttamente.
Il Fratello massone Giacomo Casanova, non a caso, scrisse che il Mistero della Massoneria è inviolabile in quanto il massone lo conosce solo per intuizione. E' un'emozione dello Spirito, per così dire.
Nell'ambito del Grande Oriente d'Italia, oltre che ai tre gradi della Massoneria Azzurra (Apprendista, Compagno, Maestro), è possibile intraprendere un percorso iniziatico più ampio ed approfondito nell'ambito dei cosiddetti Riti.
Negli ultimi mesi, il Rito che maggiormente si è aperto al pubblico cosiddetto profano, è il Rito di York che è senza dubbio il più antico.
Di origine e derivazione Templare, il Rito di York ha, dall'autunno scorso, avviato un processo di comunicazione esterna notevolissimo e di profonda rilievanza culturale.
Consta di un blog quotidianamente aggiornato grazie al lavoro del web master Almerindo Duranti: www.rdyork.blogspot.com; di un sito web ufficiale recentissimamente rinnovato: www.ritodiyork.it e di due riviste: una interna ed una esterna.
E' proprio su queste che vogliamo soffermarci.
“YR Magazine”, la rivista ufficiale del Gran Capitolo dell'Arco Reale Rito di York in Italia, è giunta al suo secondo numero.
Rivista patinatissima e dal taglio grafico giovane e multimediale curato dall'ottimo Direttore editoriale Gianmichele Galassi, “YR Magazine” si propone quale strumento di approfondimento esoterico e ritualistico nell'ambito del Rito e della Massoneria in generale.
Questo secondo numero consta infatti di articoli relativi all'Agape Rituale, al Principio Ermetico, alla Tavola di Smeraldo, all'Iniziazione massonica; all'esoterismo contenuto nelle opere dello scrittore Jules Verne (curata dal sottoscritto) ed al grado del Rito di York di Super Excellent Master con una tavola di approfondimento che proseguirà nel prossimo numero.
Ma veniamo alla rivista, per così dire, esterna: "Secreta Magazine: il Mistero, l'Uomo, l'Infinito".
Edita dall'Editoriale Olimpia ed in distribuzione mensile in tutte le edicole d'Italia, "Secreta", è l'unica rivista presente nel nostro Paese che tratti di esoterismo e mistero in maniera seria e senza voli pindarici.
A garanzia di ciò, nel Comitato Editoriale, è presente la Dott.ssa Patrizia Santovecchi, educatrice e Presidente nazionale dell'Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici (www.onap-italia.org), nonché autrice di numerosi testi di denuncia nei confronti dei presunti maghi.
"Secreta Magazine", già con il primo numero di giugno, offre ai lettori una sorta di viaggio iniziatico in mondi inusitati, ma patrimonio della nostra stessa Umanità.
Culture, Tradizioni spirituali altre, ma anche nostre. Sciamanesimo, Templarismo, Astrologia vista sotto una prospettiva simbolica, Tarocchi e loro origine, dossier contro maghi e fattucchiere succhiasoldi. Ed ancora: approfondimenti su San Francesco, il santo povero che arricchì il mondo con il suo messaggio e, non certo per ultima, un'intervista esclusiva ai Gran Maestri delle due più grandi ed antiche Obbedienze massoniche italiane: Gustavo Raffi (Grande Oriente d'Iitalia) e Luigi Pruneti (Gran Loggia d'Italia degli ALAM).
"Secreta" vanta la Direzione di Andrea Aromatico: esperto di esoterismo, giornalista, sceneggiatore del fumetto "Nermrod" ed autore di programmi televisivi nazionali sul mistero. La Direzione editoriale spetta sempre all'encomiabile Gianmichele Galassi e l'elenco dei collaboratori, come ci ricordano i due direttori stessi, è selezionatissimo (e personalmente mi auguro di essere all'altezza dell'arduo compito assegnatomi....).
Qualche anticipazione sul prossimo numero di luglio.....Isaac Newton, l'ultimo dei maghi; dossier Priorato di Sion; approfondimenti su Gerusalemme la città Santa e moltissimo altro ancora nel solco del Sacro.
E così, grazie all'enorme sforzo e lavoro dei Massoni del Gran Capitolo dell'Arco Reale in Italia, della casa editrice Olimpia di Firenze e di molti altri appassionati, ecco per la prima volta data la possibilità a tutti di penetrare il Mistero.
Il Viaggio è appena cominciato......


Luca Bagatin


sfoglia     luglio        settembre






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini