.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


22 settembre 2015

Beppe Grillo, la massonofobia ed il nuovo fascismo

Beppe Grillo, tornato dalle vacanze nella sua villa, nel suo lungo sproloquio dal 2042 dell'altro giorno, non dimentica di tirare in ballo la Massoneria, dichiarando che, con il suo partito al governo, essa sarebbe abolita ed i massoni non potrebbero essere candidati.

Ora, come abbiamo scritto più volte, Beppe Grillo ed i suoi adepti si comportano esattamente come fecero i fascisti, i nazisti ed i comunisti autoritari di tutto il pianeta e, prima di loro, i monarchi autoritari ed i clericali: abolire un'istituzione di libero pensiero, nella quale, peraltro, nei Paesi latini, hanno trovato posto e fatto carriera anche noti rivoluzionari e riformatori sociali quali Voltaire, Simon Bolivar, George Washington, Benjamin Franklin, Giuseppe Garibaldi, Che Guevara, Gandhi, Salvador Allende e moltissimi altri.

Tutto ciò o Grillo lo ignora - ma ne dubitiamo - oppure il suo disegno autoritario è completo: mettere il bavaglio a possibili sobillatori della sua autorità indiscussa e quella degli imprenditori Casaleggio & Associati, mica di operai, impiegati, casalinghi qualsiasi !

Si noti come il Paese rischi di finire nelle mani, dopo gli autoritarismi antisociali di Berlusconi e Renzi, nell'ennesimo autoritarismo.

Si noti, peraltro, come il movimento di Grillo sia costituito non solo da un ricco comico già lanciato in Rai da Pippo Baudo e nella quale ha fatto ampia carriera, ma anche da imprenditori quali i Casaleggio, come imprenditore era Silvio Berlusconi (amico, peraltro, dell'oligarca autoritario Vladimir Putin) e come dagli imprenditori è finanziato Matteo Renzi, il premier che, più di tutti, ha attuato leggi antisociali e antidemocratiche. L'esatto opposto, insomma, di forze politiche nate dal basso, dalle esigenze dei diseredati, degli operai e delle operaie, degli impiegati e delle impiegate, dei casalinghi e dei casalinghi, degli insegnanti (martoriati da una riforma della scuola che tende ad escludere e a premiare il demerito e la raccomandazione) e così via.

Tutte forze politiche peraltro - i Cinque Stelle fra questi - elettoralistiche e quindi che non rappresentano affatto la maggioranza degli elettori che, in massa, non a caso, alle elezioni si astengono.

La parola, infatti, dovrebbe passare ai cittadini, ovvero alla vera democrazia diretta, fondata su comitati popolari o assemblee spontanee, volendo anche estratte a sorte, come ai tempi della democrazia ateniese. Abolendo, come sostiene il saggista belga David Van Reybrouck nel suo ultimo saggio, le elezioni che, nei fatti, rappresentano solo i politicanti e le loro lobby economiche di riferimento.

Pensiamo ad esempio alla tanto sbandierata riforma del Senato. Finalmente ci sarebbe la possibilità di dare la parola ai cittadini, rendendo il Senato non già elettivo e composto da politicanti, bensì da cittadini estratti a sorte. Finalmente la parola passerebbe davvero a rappresentanti comuni del popolo e potrebbe fungere da contrappeso agli interessi delle lobby politico-economiche, dei partiti, dei pagati dai contribuenti che impongono le loro leggi. Leggi non decise dai cittadini in primis.

Sappiamo purtuttavia come stanno andando le cose e le varie forze politiche - dal Pd a Forza Italia sino ai Cinque Stelle grillini - stanno studiando una riforma che favorisca questo piuttosto che l'altro partito, in un bailamme autoritario ed antidemocratico, in quanto non deciso dai cittadini.

Del resto, in un Paese addormentato come il nostro, ove la politica e l'economia hanno ucciso il pensiero, le persone hanno smesso di mostrare il loro volto rivoluzionario. Come accadde invece durante il Risorgimento, anche e proprio grazie all'istituzione massonica, guida morale ed intellettuale per e degli spiriti liberi e rivoluzionari. Come durante la Rivoluzione Americana. Come durante la Rivoluzione cubana, ove la maggioranza dei castristi era anche componente della Massoneria, Che Guevara in primis. Oppure durante la Rivoluzione nonviolenta dell'India ove il massone Mohandas Gandhi ispirò la sua azione a quella dei mazziniani e dei teosofi.

Oggi, diversamente, assistiamo a sedicenti massoni o a ex iniziati alla Massoneria che si divertono a scrivere libelli antimassonici, discettando di presunte “Ur-Lodges” (di cui dicono di aver fatto parte) ed il loro scopo è unicamente quello di occupare posti di potere (come fecero quando erano affiliati alle “Ur-Lodges”, peraltro !), fondando ulteriori partiti elettoralistici contigui, peraltro, al caravanserraglio di Beppe Grillo e della Casaleggio & soci.

Occorre che le menti si risveglino. Approfondiscano, studino, lottino con ogni mezzo contro l'avanzare di questo nuovo fascismo fatto, ancora una volta, da gente ricca e che, ancora una volta, vuole comandare su tutti.

Occorre che le menti libere ricerchino l'autogestione e l'autogoverno: delle imprese, della politica, dell'economia, del proprio corpo, della propria anima. Smettendo di andare a votare e imparando a ricercare nuovi (o, meglio, antichi quanto l'Agorà Greca e le società matriarcali) strumenti di governo e di gestione dell'economia. Puntando all'economia del dono tipica delle società matriarcali. Puntando all'abolizione del debito pubblico, all'abolizione del libero commercio (che, nei fatti, è prostituzuone), al ritorno allo stato di natura, ovvero alla ricerca della Civiltà dell'Amore, alternativa a quella attuale dell'odio, del dolore e della prevaricazione del Potere sulle menti e sui corpi.


Luca Bagatin



6 febbraio 2015

Una visita presso la sede della Massoneria italiana del Grande Oriente d'Italia, con un particolare ringraziamento al Gran Bibliotecario Bernardino Fioravanti

Sono detentore di un sacco di oscuri segreti...
Segreti in quanto spesso celati all'intelletto addormentato.
Oscuri in quanto necessitano dell'illuminazione interiore per poter essere compresi, svelati.





Coloro che entrano nella Massoneria solo per carpirne il segreto possono ritrovarsi delusi: può infatti accadere loro di vivere per cinquant'anni come Maestri Massoni senza riuscirvi. Il mistero della Massoneria è per sua natura inviolabile: il Massone lo conosce solo per intuizione, non per averlo appreso. Lo scopre a forza di frequentare la Loggia, di osservare, di ragionare e di dedurre. Quando lo ha conosciuto, si guarda bene dal far parte della scoperta a chicchessia, sia pure il miglior amico Massone, perché se costui non è stato capace di penetrare il mistero, non sarà nemmeno capace di profittarne se lo apprenderà da altri. Il mistero rimarrà sempre tale. Ciò che avviene nella Loggia deve rimanere segreto, ma chi è così indiscreto e poco scrupoloso da rivelarlo non rivela l'essenziale: come potrebbe, se non lo conosce? Conoscendolo, non lo rivelerebbe”. 

(Giacomo Casanova)




Il mio ringraziamento ed affetto va al Gran Bibiliotecario Bernardino Fioravanti per avermi invitato a visitare la pregevole Biblioteca della Massoneria del Grande Oriente d'Italia presso Villa del Vascello in Roma; per avermi donato dei pregevoli volumi ed anche per aver voluto inserire nel catalogo della Bibilioteca medesima i miei due saggi "Universo Massonico" e "Ritratti di Donna".
Ed il mio primo pensiero, appena sono entrato nella Villa, è stato rivolto a Giuseppe Garibaldi Gran Maestro dell'Umanità ed a sua moglie Anita, le cui spoglie mortali riposano al Gianicolo.
Il loro esempio di Amore e Libertà rimane scolpito, quantomeno nel mio cuore.




Giuseppe Garibaldi

La Biblioteca del Grande Oriente d'Italia


Ernesto Nathan



10 novembre 2014

Stato dell'arte dei rapporti fra Chiesa cattolica e Massoneria: intervista esclusiva di Luca Bagatin al saggista Guglielmo Adilardi

Guglielmo Adilardi, giornalista, saggista e scrittore veneziano, collaboratore delle maggiori riviste italiane di cultura massonica e risorgimentale, oltre che autore di numerosi saggi sul Risorgimento ed in particolare sul rapporto fra Chiesa cattolica e Massoneria e che ho peraltro citato anche in un mio recente articolo sull'argomento, ha accettato di essere intervistato in esclusiva dal sottoscritto, proprio per approfondire meglio i rapporti spesso altalenanti fra la Chiesa cattolica e Massoneria, in particolare italiana.



Nella foto, secondo da sinistra, Guglielmo Adilardi. Accanto a lui l'attuale Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia Stefano Bisi

Luca Bagatin: Dunque Guglielmo, per i cosiddetti “addetti ai lavori”, ovvero per coloro i quali hanno – negli anni – approfondito i rapporti fra Chiesa e Massoneria, è noto che tu sei uno dei massimi esperti italiani dell'argomento. Quando hai iniziato ad occuparti di tale fenomeno ?

Guglielmo Adilardi: Direi l’8 marzo 1976 al mio ingresso nella Libera Muratoria. Una laurea in Diritto Ecclesiastico, ma ancor più un’educazione “di tipo ottocentesco” presso il collegio delle Scuole Pie fiorentine dirette dagli Scolopi, con don. Ernesto Balducci, prima, e successivamente presso il Collegio alla Querce retto dai Barnabiti, hanno stimolato in me l’approfondimento di questa secolare lotta fra la Chiesa cattolica e la massoneria.


Luca Bagatin: Il primo e forse anche unico uomo di Chiesa ad aprire i rapporti con la Massoneria italiana fu Padre Rosario Esposito, negli Anni '60 e che tu hai anche avuto modo di conoscere personalmente. Che cosa puoi dirci di lui ?

Guglielmo Adilardi: Don Rosario F. Esposito lo conobbi personalmente nel 1989, quando pubblicai dopo anni di studio Un ‘antica condanna. Le origini di un conflitto tra Chiesa Cattolica e Massoneria ( Bastogi ED. 1989), in cui per la prima volta riportavo alla luce la storia del primo martire massone: Tommaso Crudeli. Per l’occasione organizzai a Prato un convegno con il Centro per la Storia della Massoneria di Roma, diretto da Aldo A. Mola, in coincidenza anche del ventennale dell’incontro di Savona fra don Esposito ed il Gran maestro Giordano Gamberini (1969).

Don Rosario Esposito fu l’artefice non soltanto dell’apertura di un dialogo fra le due Istituzioni, cosa che per allora sembrava un ‘eresia per ambedue le parti, ma fu anche pioniere, insieme a Carlo Francovich e Aldo A. Mola, nel far prendere coscienza ai cattedratici di materie storiche della connessione fra la Massoneria e la società civile in tutti i tempi, fino allora quasi pressoché trascurata. Questi tre storici aprirono un filone di studi che diede in seguito molti succedanei.
Esposito, oltre ad essere stato uno studioso serio della materia – consideriamo anche la scarsità dei documenti che allora si potevano rinvenire - fino al punto di ritrattare coraggiosamente le sue prime tesi avverse sulla massoneria del 1956 (La massoneria e l’Italia dal 1800 ai nostri giorni. Ed. Paoline) nelle successive edizioni, per giungere a scrivere il saggio: Le Grandi concordanze tra Chiesa cattolica e Massoneria (Nardini ED. 1987Ed.) e La riconciliazione tra la Chiesa e la Massoneria ( Ed. Longo, 1979).

In don Esposito vi erano due direttive che lo spingevano ad approfondire tale argomento: la ricerca della verità epurata dai pregiudizi secolari e lo spirito missionario tipico della sua formazione di sacerdote paolino. Per il resto era un uomo molto coraggioso e aperto alla società in divenire, molto critico con alcuni suoi correligionari con cui combatteva la sua battaglia che era poi in definitiva la nostra, cioè tendente a togliere le maschere che denigravano ingiustamente la massoneria fuorviandone gli studi seri sulla stessa. Di ciò abbonda il mio archivio, geloso custode delle Sue corrispondenze, alcune delle quali, dopo la sua dipartita nelle Valli Celesti, pubblicate nei miei saggi sull’argomento.

Al di là della facile retorica per me fu un maestro di vita oltre che un esempio di studioso da imitare. Questo il suo insegnamento che ho fatto mio fin dal principio: “Guglielmo ricordati di non fare lo spazzino della storia”, volendo significare di andare a trovare anche il bene (il bello, la verità platonica) ove questa vi fosse, senza tesi preconcette od ideologiche.

Comunque non dobbiamo dimenticare che don Esposito non fu solo nel perseguire la conoscenza dei fatti sulla materia, in quanto ebbe a suo fianco don Giovanni Caprile (S.J.) scrittore de “La Civiltà Cattolica” e don Vincenzo Miano, segretario generale del Segretariato per i non credenti, più altri che riservatamente ne condividevano gli studi seri sulla materia e le iniziative pacificatorie, uno per tutti José Ferrer Benimeli (S.J.), docente emerito presso l’Università di Saragozza, direttore per circa un ventennio di un Istituto di Storia massonica, il primo in Europa di matrice Universitaria.


Luca Bagatin: Il primo Gran Maestro della Massoneria italiana, parimenti, a cercare un dialogo con la Chiesa cattolica è stato il già Vescovo Giordano Gamberini. Che cosa puoi dirci di lui ?

Guglielmo Adilardi: Giordano Gamberini, fu Vescovo di una Chiesa gnostica, della quale ho rintracciato con qualche incertezza e non poche difficoltà l’origine. Un’ ampia notizia si trova nella nota 192 pag. 275 del mio saggio: Chiesa Cattolica e Massoneria: antiche lotte nuovi orizzonti. (Bastogi, 2009) che è una continuazione, venti anni dopo, di Un’antica condanna… . E’ una Chiesa che discende da Jean Bricaud con deviazione verso Gerard Encausse “Papus”, fino alla sua chiusura dopo la fucilazione il 22 marzo 1944 del patriarca Costantin Chevillon ad opera dei nazisti nella Francia occupata. Alla liberazione la Chiesa gnostica, ebbe vari patriarchi; ne raccolse l’eredità Robert Ambelain con la sua Chiesa Gnostica Apostolica, di cui Gamberini ne divenne vescovo. Quindi una matrice, se vogliamo, Martinista – Martinezista. Questo percorso mistico-religioso fece di Gamberini un cultore delle discipline teologiche cristiane tanto da partecipare alla composizione della “Bibbia concordata” (Edizioni Mondadori) quale traduttore ed esegeta del Vangelo di Giovanni, quello che i massoni dovrebbero ben conoscere essendo obbligatoriamente sempre aperto durante i lavori di Loggia ordinari. In tale Bibbia concordata egli vi figura con la doppia appartenza, sia come Vescovo sia come Gran Maestro del GOI. Ricordiamo, per chi non ne fosse a conoscenza, che tale libro collettaneo fu voluto e partecipato sopratutto dalla Chiesa cattolica; addirittura la prima edizione fu pubblicata dalle Edizioni Paoline e, nonostante il successo, mai più ristampata; per fortuna ora la si trova nei Meridiani Mondadori; con buona pace del Fratello dott. Lucio Lupi (Segretario della Camera dei Deputati) con due lauree (Lettere e Filosofia), anticlericale d’antan, pessimo massonologo a giudizio de “La Civiltà Cattolica” che commentava, alla nomina di Gamberini quale Gran Maestro, che costui avesse soltanto un semplice diplomino chimico conseguito in Svizzera: “ausiliario preparatore di laboratorio”.

Un Gran Maestro che rimarrà nella Storia anche per questi suoi studi, nonostante il processo massonico subito per opera dei vertici del GOI una volta che ne era andato in sonno, non avendo condiviso che nei Landmarks il Grande Architetto dell’Universo fosse fatto retrocedere da Verità Rivelata, come testimonia da secoli la Sacra Bibbia in Loggia, a semplice simbolo. Un processo massonico che ricorda tristemente il processo a papa Formoso, nel quale la Chiesa cattolica volle riesumare il cadavere per un’esemplare giudizio e condanna.
Ma Gamberini fu anche molto altro dal giorno in cui nel 1945 andò incontro alle truppe di liberazione alleate con il suo semplice grembiulino di stoffa da maestro Libero Muratore. Attivo nella vita politica come nella sociale attende ancora una biografia esaustiva sull’uomo, sul religioso, sul politico, sul massone. Qualche traccia si può trovare nel mio saggio: La massoneria di Lino Salvini (Ed. Pontecorboli, 2012).


Luca Bagatin: Nell'estate del 2013, in Francia, un sacerdote – Padre Pascal Vesin – ha dichiarato di appartenere alla Massoneria del Grande Oriente di Francia e si è detto desideroso di incontrare Papa Francesco al punto da aver percorso a piedi chilometri e chilometri per giungere sino a Roma. Personalmente ne fui talmente favorevolmente impressionato che gli dedicai un articolo. Tu che ne pensi del suo gesto ? In particolare, pensi che un gesto come il suo possa essere stato utile a far comprendere alle alte gerarchie ecclesiastiche che, di fatto, i valori propugnati dai massoni sono, di fatto, i medesimi di quelli propugnati dai cattolici, oltre che, ovviamente, da tutti i cristiani ?

Guglielmo Adilardi: Certamente il gesto eclatante, di poco successivo alla nomina di papa Francesco, ha destato l’attenzione non soltanto del mondo massonico. E’ stato un gesto alla Mazzini, i cui fallimenti ripetuti, le battaglie perse, avrebbero avvicinato la vittoria finale. Comunque quel gesto del Fratello Pascal Vesin, ora segregato in un convento francese per i consueti “rigorosi esercizi spirituali” riparatori ha segnato un punto a favore della Libera Muratoria, in quanto se la Chiesa cattolica considerasse ancora nemica la massoneria avrebbe dovuto, anche per il codice canonico del 1983, comminargli “l’interdetto” cioè la scomunica o sospenderlo a divinis , al contrario è stato soltanto rimosso dall’incarico e privato della congrua perché iniziato in una Loggia del Grande Oriente di Francia.

Similmente a ciò che accade ai Fratelli che si recano a confessarsi; non c’è sacerdote che ne impedisca la Comunione, previa qualche penitenziale, nonostante gli avvertimenti espressi da Ratzinger nel 1983 che vietava di ricevere la Comunione.


Luca Bagatin: L'attuale Papa dei cattolici Francesco si è espresso una sola volta sulla Massoneria, paragonando i massoni ad una lobby. Qual è lo stato dell'arte, per così dire, dei rapporti (se ci sono) fra la Chiesa di Papa Francesco e le maggiori Obbedienze massoniche italiane ?

Guglielmo Adilardi: Papa Francesco da fonti assai a Lui vicine deve confrontarsi con problemi giganteschi sia all’interno della Chiesa sia all’esterno (principalmente le persecuzioni dei cristiani e la scristianizzazione dell’Europa). La Libera Muratoria non è all’ordine del giorno, ma i rapporti con i sacerdoti di base ed i massoni sono ottimi e collaborativi su più fronti sociali.

La Chiesa cattolica ufficiale nei secoli ha avuto rapporti più vicini alla Libera Muratoria quando la stessa era un’entità sociale forte e determinante nella società. Senza entrare nella Storia del Settecento e nell’Ottocento, in cui la presenza degli ecclesiastici nelle logge era ben rappresentata, nello stesso Novecento, prima della vicenda P2, la Chiesa cattolica si dimostrò aperturista. Viene da riflettere come nella Storia la Chiesa cattolica ha dovuto fare i conti con chi “conta”, scusate il gioco di parole. Ad oggi perché dovrebbe riconsiderare la massoneria ? Ricordiamo che è sempre stata la Libera Muratoria a cercare la Chiesa cattolica, mai il contrario.
Pertanto alla Massoneria giova andare ancora a ricercare il dialogo con essa per due motivi. Il primo dei quali riguarda il cattomassone che vive questa esclusione con disagio (ripetiamo: è fatto divieto di ricevere la comunione almeno ufficialmente) non trovando nell’appartenenza alla massoneria alcun elemento che logicamente lo connoti quale “peccatore grave”. Il secondo punto riguarda più in generale tutta l’Istituzione massonica senza distinzione di appartenenze e cioè la diuturna diffamazione a mezzo media di alcune frange cattoliche che influenzano i fedeli, facendogli credere che i massoni siano gli adoratori di bafometto di taxiliana memoria e cose simili. In internet ve ne sono a schiere di tali aggregazioni cattoliche, più o meno aggressive. Tutto ciò getta una luce sinistra sulla massoneria in una nazione, ricordiamolo, è di base strutturalmente ed ipocriticamente cattolica.


Luca Bagatin: Oggi e ormai da parecchi decenni è la Gran Loggia d'Italia degli ALAM, più che il Grande Oriente d'Italia, ad avere un rapporto più morbido e conciliante con la Chiesa cattolica. Ricordiamo peraltro che lo stesso Padre Rosario Esposito fu iniziato – pochi anni prima della sua morte - alla Massoneria della Gran Loggia d'Italia, dall'allora Gran Maestro Luigi Danesin. Come è spiegabile, a tuo parere, questa cosa ?

Guglielmo Adilardi: Nel dopoguerra il dialogo con la Chiesa cattolica fu richiesto da varie componenti massoniche che avevano dimostrato anche con affermazioni scritte dei loro dirigenti la volontà di dialogo e pacificazione. Tutte le Obbedienze che richiedevano dei colloqui furono ascoltate ma “… I contatti principali – anzi esclusivi, a livello di gruppo – si ebbero con il Grande Oriente d’Italia (Palazzo Giustiniani ); ma quando esponenti di altre famiglie massoniche chiesero un incontro, sempre a livello individuale, questo non fu negato, anche se in pratica si rivelarono come casi sporadici ed isolati, senza seguito sistematico…( da Massoneria e Chiesa cattolica, ieri, oggi e domani. J.A. Ferrer Benimeli- Giovanni Caprile. Ed. Paoline)”. In pratica fu la determinazione di Giordano Gamberini e la continuità di Lino Salvini che crearono i presupposti di affidabilità per il dialogo.

Padre Esposito per dimostrare la sua autenticità e credibilità nella compatibilità fra massone e cattolico diverse volte aveva chiesto di essere iniziato, lo propose anche al sottoscritto in occasione della visita al Tempio di Prato e alla presenza di alcuni Fratelli (1989). Memore di tale atteggiamento e consapevole che alcuni Fratelli gli avevano chiesto più volte, per verificare l’attendibilità della sua tesi, perché non si facesse Fratello, egli con tale gesto, reputo, abbia voluto dare una testimonianza di veridicità e di amore fraterno col farsi uguale fra gli uguali. Fu così che il 2 dicembre 2006 don Esposito volle dimostrare con un gesto generoso presso gli ALAM che tutto ciò che aveva sostenuto in parole ed opere, circa la compatibilità fra massone e cattolico, era autenticamente veritiero. Il 23 novembre 2007 transitò per le Valli Celesti accolto dal Grande Architetto dell’Universo che è il Dio dei cattolici e parimenti il Dio dei Liberi Muratori, come attesta la Bibbia aperta al Vangelo di Giovanni.
 

Luca Bagatin



25 settembre 2013

L'ignoranza dei ragazzini di Forza Nuova e le loro sciocche bravate antimassoniche

Sò ragazzi, si dirà.

Sì, sò ragazzi e pure ignoranti che, forse, non sanno nemmeno che cosa sia l'ideologia alla quale fanno riferiento.

Ci riferiamo a quattro o cinque ragazzini di "Lotta Studentesca" (sic !), ovvero il fantomantico movimento che fa riferimento a Forza Nuova, la nota organizzazione neofascista che, di tanto in tanto, presentandosi alle elezioni, cerca sempre di rincorrere qualche seggio in Parlamento.

Questi ragazzini, in sostenza, che hanno fatto ? Una bravata dal sapore alquanto sciocco, ovvero hanno incollato all'ingresso del Liceo "Mamiani" di Pesaro, un manifesto invitando la scuola a cambiare nome. E perché mai ? Perché quel Terenzio Mamiani a cui è intestato il loro liceo fu nientepopodimenoche un massone ! Ah, però !

Un massone come lo fu Garibaldi, peraltro contemporaneo del Mamiani e peraltro carbonaro e dunque patriota risorgimentale. Uno che, insomma, a differenza dei ragazzini di Forza Nuova - che nella peggiore delle ipotesi rischieranno una denuncia - rischiò la vita per i suoi ideali di libertà e affinché l'Italia fosse unita e sovrana. Uno che divenne Ministro del'Istruzione e che, oltretutto, si attivò per includere l'insegnamento della religione cattolica fra le materie di studio fondamentali. Tutt'altro che un anticlericale, quindi e oltrettutto.

Purtroppo, è evidente che questi ragazzini neofasci non abbiano studiato la Storia e solo per questo meriterebbero - in luogo di qualsivoglia denuncia - di frequentare il liceo per almeno dieci o quindici anni, obbligatoriamente. In secondo luogo, è evidente che non sanno nemmeno che cosa sia la Massoneria in quanto, nel volantino che hanno ben pensato di appendere, si leggono le solite cialtronate complottiste che, francamente, hanno stancato:

La massoneria non è un’associazione normale, si basa sulla segretezza e ha finalità oscure. Segrete sono le loro riunioni, le sedi, i membri, i documenti e i sostenitori. Non possiamo dimenticare quelle cricche che, a livello nazionale, detengono il monopolio degli appalti milionari, dell’amministrazione scorretta del denaro pubblico, dell’uso fraudolento del sistema bancario e della distorsione degli apparati giudiziari al fine di favorire gli interessi dei ricchi, dei potenti o degli appartenenti alla cricca stessa.

Rispondiamo a costoro che:

- La Massoneria è un'associazione normalissima e riconosciuta dalla legge e, quando non lo fu, lo fu in quanto i massoni come Mamiani erano costretti ad agire in clandestinità proprio per garantire la libertà anche di questi ragazzini neofascisti, ed a rischio della vita.

- L'unico segreto che custodisce la Massoneria è mistico e spirituale ed è racchiuso nell'emozione che suscitano al massone i rituali che egli pratica in Loggia.

- Le finalità della Massoneria sono filantropiche e tutt'altro che oscure. Le sedi delle varie Obbedienze massoniche sono così segrete che...i loro indirizzi si trovano anche sul web e persino nell'elenco telefonico, a volte anche con tanto di Squadra e Compasso stampati.

- I nomi degli aderenti sono secretati, è vero, ma lo sono tanto quanto quelli di tutte le organizzazioni al mondo, compresa Forza Nuova, e questo per ragioni di privacy, come prevede la legge.

- Se la Massoneria, poi, avesse tutto quel potere che questi ragazzini neofascisti le attribuiscono, beh, allora sì che gli ideali di Fratellanza, Libertà ed Uguaglianza sui quali essa si fonda avrebbero già trionfato. Purtroppo, invece, non è così. Al punto che, se la Massoneria ha una pecca, è che esistono tante Obbedienze massoniche che si fanno la guerra fra loro e non riescono mai a trovare un'intesa.

- L'unica cricca che possiamo osservare qui all'opera è quella dei ragazzini ignoranti e quella dei loro cattivi maestri che, di volta in volta, per farsi notare dalla stampa, si inventano assurdità che non fanno certo loro onore. E lo fanno ancor meno all'Italia.

L'Italia di Terenzio Mamiani, ma soprattutto di Giuseppe Garibaldi, Primo Massone d'Italia ed Eroe senza macchia che rischiò la pelle anche per quegli italiani che, pur inconsapevolmente, oggi vivono nell'immeritato agio e nell'altrettanto immeritata bambagia e si permettono di imbrattare l'ingresso di una scuola pubblica ! Ma si vergognino !


Luca Bagatin



23 agosto 2013

Pascal Vesin: il sacerdote massone nuovo simbolo di libertà religiosa



Si chiama Pascal Vesin ed è un sacerdote cattolico francese.

Da qualche giorno si parla di lui poichè sospeso dal suo ministero religioso in quanto...ha dichiarato apertamente di appartenere alla Massoneria e di essere affiliato al Grande Oriente di Francia da tredici anni.

Apriti cielo !

Ecco l'antico anatema: se sei cattolico e, pergiunta, prete, non puoi essere anche massone.

Ma perché mai ?

Perché i massoni sono atei anticlericali ? Ma dove sta scritto ? Semmai alcuni di loro lo sono diventati, ma proprio a causa delle persecuzioni cattoliche contro l'Antica Istituzione dei Liberi Muratori che, checché se ne dica, ha una sola origine ed è gnostica, un solo credo ed è quello in Dio ed un solo scopo o, meglio, almeno tre: elevare culturalmente, spiritualmente e socialmente l'umanità intera.

E quindi Père Pascal è reo di che cosa ? Di predicare il verbo di Cristo e di farlo pergiunta due volte in quanto affiliato anche alla Massoneria ?

Forse i prelati francesi e quelli italiani non sono a conoscenza di un testo, peraltro da noi recentemente recensito, ovvero “Gesù il Maestro Muratore” di Gordon Strachan, che dimostra come lo stesso Gesù detto Il Cristo, fosse un libero muratore, ovvero un costruttore di Templi in onore a Dio.

A quale Dio si dirà ? A quello degli Ebrei, dei Cristiani, dei Buddhisti, degli Indù e persino dei Musulmani. Al Dio che pervade ogni fibra e ogni atomo del nostro corpo e dell'Universo. Al Dio della Bibbia, del Corano, del Talmud e delle Upanishad.

E' questo che dà fastidio alla Chiesa cattolica ? Lo si dica apertamente e si apra anche un confronto fra le varie fedi. Ma lo si faccia lasciando da parte le antiche rivalità e le antiche Crociate che - tesori veri o presunti dei Templari a parte - hanno causato solo morti e continuano a causarne nei Paesi ove vige il fondamentalismo religioso e la teocrazia.

Oggi, Père Vesin, dopo un pellegrinaggio a piedi - dalla Francia all'Italia - durato ben 39 giorni, è giunto a Roma ed è determinato ad incontrare il suo Papa, ovvero Jorge Mario Bergoglio, detto "Papa Francesco". A tal proposito è sorto anche un gruppo Facebook di sostenitori del sacerdote massone, intitolato "Groupe de suotien au Père Vesin", che ha all'attivo numerosissime adesioni da tutto il mondo e che ha incontrato anche il nostro più sincero consenso.

Non sappiamo quale sarà la decisione che prenderà il signor Bergoglio in merito, purtuttavia, sommessamente, desideriamo qui ricordare che la fede in Dio è un fatto di cuore, che sfugge alle leggi terrene e della pura razionalità.

Non sappiamo, dunque, se Père Vesin - che peraltro in ottemperanza al Verbo del Cristo, esempio di libertà per tutti, si è espresso anche a favore dei matrimoni omosessuali - potrà continuare a servire il Signore nella Chiesa cattolica, come egli desidera, oppure potrà farlo solo nella sua Loggia massonica. Il suo esempio, ad ogni modo, è encomiabile e merita tutto il nostro sostegno di credenti.

Credenti nella libera spiritualità del cuore, al di là del dogma.


Luca Bagatin



22 agosto 2013

Nel segno di Cagliostro: AlchimiAlchimie 2013 dal 23 al 26 agosto




Anche quest'anno le due maggiori Obbedienze massoniche italiane, ovvero la Gran Loggia d'Italia degli ALAM ed il Grande Oriente d'Italia, con il contributo del Comune di San Leo, nel Montefeltro, e dell'Istituto di Medicina Naturale di Urbino, daranno vita alla manifestazione AlchimiAlchimie, in onore del Grande Iniziato conte Alessandro di Cagliostro, ingiustamente torturato ed incarcerato nella fortezza di San Leo dall'Inquisizione cattolica ed ivi morto il 26 agosto 1795.
Alessandro Cagliostro - peraltro autore del motto "Libertà - Uguaglianza - Fratellanza" e del Tricolore a cui si ispirerà la bandiera italiana -  la cui storia autentica è stata raccontata solamente dallo scrittore Pier Carpi, da Philippa Faulks e da Robert L. Cooper, ritrova, da diversi anni, con AlchimiAlchimie, il posto che merita nel panorama cuturale, esoterico, storico e spirituale italiano e mondiale.
AlchimiAlchimie 2013, che anche quest'anno proporrà conferenze, mercatini, mostre, visite alla fortezza di San Leo, giochi e fuochi d'artificio, si terrà dal 23 al 26 agosto nella città di San Leo ed il programma completo della manifestazione è il seguente:

Mercatino Magico-Alchimico: per le vie del centro storico un grande mercatino dal 24 al 26 agosto. 

Dal 24 al 26 al Giardino Belvedere verrà allestito uno spazio speciale e magico per i bambini e adulti con:

- Bolle giganti di Alessandro Angeli

- Laboratori e trucca bimbi 

- Giochi storici in legno con Daniele di CAI Mercati

- Figliditrottola di Nicola di Urbino

- Water bubbles, minipiscina con palloni galleggianti 

- Jumbing

- Illoom Baloon, magia notturna di palloncini luminosi

 

Nelle giornate di Sabato 24, Domenica 25 e Lunedì 26 entra in un paesaggio d’Arte!

Prenota la tua visita guidata animata ai Balconi di Piero della Francesca di San Leo. Un viaggio nel paesaggio del Rinascimento attraverso una escursione in compagnia di insoliti protagonisti.   

Prenotazione obbligatoria presso Ufficio Turistico IAT di San Leo. 

Ritrovo e partenza dal Parcheggio Bus dei 4 Venti alle ore 18.00. Biglietto unico ridotto € 3,00 dai 12 anni in su.

Montefeltro Vedute Rinascimentali www.montefeltroveduterinascimentali.eu


Venerdì 23 agosto 

Ore 18.00, Palazzo Mediceo

Apertura della rassegna, intervengono: Mauro Guerra, Sindaco di San Leo, Carla Bonvicini, Assessore alla Cultura …..

Incontro con l'autore: Paolo Aldo Rossi presenta il libro di Luigi Pruneti "A volte s'incontrano... Folletti, gnomi e oscure presenze in Toscana e nel mondo" 

Ore 20.30, Fortezza 

Cena in memoria di Cagliostro nella magica atmosfera della fortezza.

Prenotazione entro il 22 agosto presso Ufficio Turistico di San Leo

Tel. +39 0541-926967 dalle 9.00 alle 18.00 info@sanleo2000.it . 

Costo € 35,00 Scarica dagli allegati il Menù


Sabato 24 agosto 

Palazzo Mediceo dalle ore 10.00 alle 13.30 

Presentazione della rivista Aletheia 

Luigi Pruneti "Ma la Terra interamente illuminata, splende all'insegna di Trionfale Sventura (Adorno "Dialettica dell'Illuminismo")

Ida Livigni "Secoli d'oro o secoli di ferro, quale Rinascimento?"

Renato Ariano "Ciclicità e irreversibilità in Natura" 

Antimo Zazzaroni "Verso un nuovo paradigma..."


Palazzo Mediceo  dalle ore 15.30 alle 19.00 

Paolo Aldo Rossi " Evoluzione, regresso e stasi nel cammino umano fra scienza ed Umanesimo "

Mauro Cucci  "Taoismo, qualità della vita e tutela della salute: approccio olistico della Medicina Tradizionale Cinese"

Fabrizio Bartoli  "La nuova scienza olistica: la fisica quantistica, la medicina e l'epigenetica"

Nicholas Caposiena "Human Design System: dall'Uomo Sapiens all'Uraniano"

 

Palazzo Mediceo  Ore 19.30 - Incontro con l'Autore. Antimo Zazzaroni presenta il libro di Massimo Corbucci "Alla scoperta della particella di Dio"

 

Animazioni e Spettacoli dal tardo pomeriggio a notte fonda 

Piazza Dante e vie del centro storico 

>"Archimossi". La prima orchestra itinerante di archi. Mentre è tutto pronto per iniziare succede che gli archi iniziano a muoversi dando origine ad un mutamento continuo, ad una alchimia musicale; dal caos all'ordine e dall'ordine al disordine.  www.terzostudio.it   Novità 2013

>"Farfalle". Parata itinerante su trampoli e  macchina scenica. Personaggi in costume che danzano per le vie del centro creando magiche atmosfere.  Compagnia  Teatrale Piccolo Nuovo teatro, www.piccolonuovoteatro.it

>"Celestia".  Spettacolo visionario che mette in scena l'elemento aria come simbolo di indipendenza e fiducia verso il futuro.   Spettacolo su trampoli.  Compagnia  Teatrale Piccolo Nuovo teatro, www.piccolonuovoteatro.it

Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo

>"Asante Kenya Acrobats Show". Spettacolo acrobatico con giochi di fuoco, equilibrismo e salti acrobatici. La magica atmosfera del Kenya si fonde con l'alchimia degli elementi.  Asante Kenya Acrobats. www.asantekenya.it

 

Pozzo di Cagliostro

>“Storie di Incantesimo”. Spettacolo di teatro di marionette dove il gioco e la poesia sono gli ingredienti principali. Marionette a filo di Eduardo Lopes. Teatro del Molino, www.teatrodelmolino.com Novità 2013

Fuochi in fortezza 

>Travolgente spettacolo piromusicale con brani epici.

Fonti Pirotecnica e Alterecho

 

Domenica 25

Palazzo Mediceo dalle ore 10.00 alle 13.30 

Vinicio Serino "Louis Claude de Saint Martin e l’uomo di desiderio"

Aldo Mola “Il bello della decadenza”

Morris L. Ghezzi "Dal Segno del Compasso all'Umanesimo giuridico"

Paolo Virginio Gastaldi "La misura delle cose"

Stefano Bisi "Conoscenza (e informazione)"

 

Palazzo Mediceo dalle ore 15.30 alle 19.30 

Ivan Iurlo "Le ideologie terribili del Novecento sono figlie dell'Illuminismo?”

Maurizio Bonsignori "Che tipo di mondo medico vogliamo???"

Alberto Bevilacqua "Grafologia Clinica e Medicina Integrata"

Silio Bozzi "Un mistero del Rinascimento: l’enigma della Flagellazione di Cristo"

Marco Rocchi "Cagliostro e Casanova: Due destini incrociati nel nome dell'Uomo"

 

Palazzo Mediceo Ore 19.30 - Incontro con l'autore. Alessandro Meluzzi presenta il libro di Rosalba Corti "Solo per un'ora"

 

Animazioni e Spettacoli dal tardo pomeriggio a notte fonda 

Piazza Dante e vie del centro storico 

>"Archimossi". La prima orchestra itinerante di archi. Mentre è tutto pronto per iniziare succede che gli archi iniziano a muoversi dando origine ad un mutamento continuo, ad una alchimia musicale; dal caos all'ordine e dall'ordine al disordine.  www.terzostudio.it   Novità 2013

>"Farfalle". Parata itinerante su trampoli e  macchina scenica. Personaggi in costume che danzano per le vie del centro creando magiche atmosfere.  Compagnia  Teatrale Piccolo Nuovo teatro, www.piccolonuovoteatro.it

>"Terra e Fuoco". Rappresentazione visionaria di terra e fuoco come elementi della forza alchemica della natura. Spettacolo su trampoli.   Compagnia  Teatrale Piccolo Nuovo teatro, www.piccolonuovoteatro.it

>"Asante Kenya Acrobats Show". Spettacolo acrobatico con giochi di fuoco, equilibrismo e salti acrobatici. La magica atmosfera del Kenya si fonde con l'alchimia degli elementi.  Asante Kenya Acrobats. www.asantekenya.it

 

Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo

>“La Forma elastica”. Spettacolo e gioco. Un variegato schermo elastico da dove nasce uno spettacolo di colore, musica e poesia. Omaggio a Niki De Saint Phalle. Molino Rosenkranz , www.molinorosenkranz.it

Pozzo di Cagliostro

>“Storie di Incantesimo”. Spettacolo di teatro di marionette dove il gioco e la poesia sono gli ingredienti principali. Marionette a filo di Eduardo Lopes. Teatro del Molino, www.teatrodelmolino.com Novità 2013

Torre Campanaria, Novità assoluta per San Leo!

>“Atto bianco”. La particolarità della Compagnia Il Posto, testimonial italiana della  Danza Verticale, è di danzare su  'palcoscenici verticali'. Marco Castelli Small Ensemble, ideazione e coreografia Wanda Moretti, Wall Dancer  Elena Annovi e Simona Forlani, costumi Micaela Leonardi. www.ilposto.org 

 

Lunedì 26

Animazioni e Spettacoli dal tardo pomeriggio a notte fonda 

Piazza Dante e vie del centro storico 

>"Archimossi". La prima orchestra itinerante di archi. Mentre è tutto pronto per iniziare succede che gli archi iniziano a muoversi dando origine ad un mutamento continuo, ad una alchimia musicale; dal caos all'ordine e dall'ordine al disordine.  www.terzostudio.it   Novità 2013

>"Farfalle". Parata itinerante su trampoli e  macchina scenica. Personaggi in costume che danzano per le vie del centro creando magiche atmosfere.  Compagnia  Teatrale Piccolo Nuovo teatro, www.piccolonuovoteatro.it

>"Il Bianco e il Nero".  La lotta tra il bianco e il nero, forze positive e negative. Spettacolo su trampoli.   Compagnia  Teatrale Piccolo Nuovo teatro, www.piccolonuovoteatro.it

>"Asante Kenya Acrobats Show". Spettacolo acrobatico con giochi di fuoco, equilibrismo e salti acrobatici. La magica atmosfera del Kenya si fonde con l'alchimia degli elementi.  Asante Kenya Acrobats. www.asantekenya.it

Piazzetta sotto il Palazzo Mediceo

>“La Forma elastica”. Spettacolo e gioco. Un variegato schermo elastico da dove nasce uno spettacolo di colore, musica e poesia. Omaggio a Niki De Saint Phalle. Molino Rosenkranz , www.molinorosenkranz.it

Pozzo di Cagliostro

>“Storie di Incantesimo”. Spettacolo di teatro di marionette dove il gioco e la poesia sono gli ingredienti principali. Marionette a filo di Eduardo Lopes. Teatro del Molino, www.teatrodelmolino.com Novità 2013

 

Torre Campanaria, Novità assoluta per San Leo!

>“Atto bianco”. La particolarità della Compagnia Il Posto, testimonial italiana della  Danza Verticale, è di danzare su  'palcoscenici verticali'. Marco Castelli Small Ensemble, ideazione e coreografia Wanda Moretti, Wall Dancer  Elena Annovi e Simona Forlani, costumi Micaela Leonardi. www.ilposto.org 

 

Incendio della  fortezza 

> Spettacolo piromusicale dedicato a Cagliostro con musica e fuochi Barocchi.

Incendio della Fortezza con fuochi e coreografia musicale curata appositamente per l’evento in anteprima assoluta per San Leo.

Fonti Pirotecnica e Alterecho

Il 24 il 25 e il 26 agosto, biglietto di ingresso al centro storico € 5,00 (dai 10 anni in su).

Il biglietto comprende anche l'ingresso alla fortezza. 

Il 24 e il 26, la fortezza chiude alle ore 20.00

Il 25 la fortezza chiude alle 23.30

Il 24, 25 e 26 servizio di navetta a pagamento dal centro storico alla Fortezza

Parcheggi comodi e gratuiti serviti da navette

Il 24 il 25 e il 26 servizio di navetta a pagamento € 1,50 a persona A/R dal parcheggio in loc. “Campo della Fiera” Madonna di Pugliano fino alla biglietteria dell’evento.  Lo stesso biglietto sarà valido anche per la navetta interna al centro storico per la fortezza.

Nel centro storico stand gastronomici, street food e taverne per gustare le prelibatezze del Montefeltro.


Miei articoli dedicati a Cagliostro:

Alessandro Cagliostro contro Giuseppe Balsamo

Cagliostro: il Mago Massone

Corrado Augias parla del conte Alessandro Cagliostro. A sproposito




31 luglio 2013

PERCHE’ “PAPA” FRANCESCO CONTRO LA MASSONERIA ? SE SA PARLI ! di Aldo A. Mola

Riporto qui di seguito le riflessioni dell'amico fraterno Aldo A. Mola - storico di fama nonché Direttore del Centro per la Storia della Massoneria - a proposito delle recenti assurdità proferite dal Sig. Jorge Mario Bergoglio - proclamato papa dei cattolici con il nome di Papa Francesco - a proposito di presunte lobbies gay e massoniche.

Il Sig. Bergoglio dovrebbe piuttosto prendersela con una ed una sola lobby, potentissima e dannosissima da secoli, ovvero la lobby Vaticana.

La verità, ad ogni modo, presto o tardi si farà strada.

L.B.




PERCHE’ “PAPA” FRANCESCO CONTRO LA MASSONERIA? SE SA PARLI!

di Aldo A. Mola

Da Pio XII al 29 luglio 2013, nessun papa aveva più nominato la Massoneria in alcun documento della Chiesa cattolica. L’attuale vescovo di Roma, Francesco (Bergoglio) S.J., che non tiene al titolo di papa, dichiara che non “condanna” gli omosessuali in cerca della Chiesa cattolica ma la (o le?) loro (quali?) lobbies; e, per chissà quale strana associazione di pregiudizi, deplora altre lobbies, inclusi i massoni. A quali fatti documentati si riferisce? Se sa parli! Anzi, si rivolga ai tribunali competenti. Oppure eviti condanne generiche, fonite di ben note discriminazioni e persecuzioni.

V’è da domandarsi quali letture il vescovo di Roma abbia fatto sulla Massoneria, oltre ai romanzi di Antonio Bresciani, e quali ubbie conservi al riguardo. Auspichiamo che in cartella, accanto al rasoio (attrezzo pericoloso e minace) il vescovo di Roma metta anche uno specchietto per vedervi riflesse altre lobbies e la memoria delle sofferenze che uomini liberi e di buoni costumi hanno vissuto solo perché aggregati in un Ordine, la massoneria, un umanesimo filantropico ed educante che, pur tra errori e discontinuità, affratella al di là di ogni discrimine: di etnia, ideologie, lingua e religione. Non v’è motivo di farsi trascinare da una provocazione, forse non occasionale, forse strumentale. Gli uomini liberi guardano con indulgenza decine di vescovi che si sbracciano in inni e canti; sanno di dover tutelare il diritto di non associarsi al coro, la libertà di tenersi lontani dalle piazze, teatri di fanatismo; e continuano a percorrere la via maestra della razionalità. In silenzio operoso.

Aldo A. Mola
Direttore del Centro per la Storia della Massoneria



9 maggio 2013

Recensione di "Universo Massonico" di Luca Bagatin redatta da Marcella Andreini per "Officinae" del marzo 2013

Per la Befana 2013, mi trovavo sul sito di Luigi Pruneti, stavo per inviare il mio 3° messaggio nell’arco degli ultimi 3 o forse 4 anni, quando mi accorgo che anche i due precedenti, li avevo mandati nei giorni di festa: Pasqua, di non ricordo quale anno, e l’Epifania del 2012. Mi sono chiesta perché nei giorni di festa mi ritrovassi casualmente (esiste la casualità? esiste un richiamo? sento il respiro delle costellazioni?) ad inviare messaggi proprio in quel sito. E così, per la Befana 2013, mi ritrovo il libro “Universo Massonico” di Luca Bagatin, consegnatomi, non da una gobba vecchietta a cavallo di una scopa, ma da un corriere: si sa, con il tempo si sono accorciati i tempi. Ma i regali arrivano ancora. E la prefazione scritta da Luigi Pruneti inizia con un ricordo personale di Pruneti con l’immagine di una gerla che conteneva i regali portati, rieccola di nuovo lei, dalla Befana a Luigi Pruneti bambino.

Era inevitabile che accettassi di scrivere questa recensione, la Befana lo pretende, mi ha inviato troppi segnali che non posso certo ignorare.

Come ci dice l’autore, Luca Bagatin, nella nota introduttiva all’opera Universo Massonico (Bastogi editore), il volume raccoglie i suoi scritti pubblicati dal 2005 in riviste che affrontano tematiche massoniche ed esoteriche e nel suo blog (www.lucabagatin.ilcannocchiale.it)

Bagatin non scrive tenendo per mano il lettore, non lo coccola, non lo guida, piuttosto lo trascina in un viaggio che lo porta dalle Radici gnostiche della Massoneria, con cui si apre il primo capitolo, per arrivare alle interviste attuali a chi la Massoneria la vive e ne porta avanti gli ideali nella propria quotidianità, ricoprendo ruoli di dignitari di loggia come Gabriella Bagnolesi Gran Maestra della Gran Loggia Massonica Femminile d’Italia; storici della Massoneria come il Prof. Aldo A. Mola; e, tra gli altri, l’articolo-intervista al Prof. Luigi Pruneti Sovrano Gran Commendatore e Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia degli ALAM; la Prof.ssa Francesca Vigni che ha rilasciato un’interessante intervista sulla questione femminile in Massoneria; e, da non dimenticare, Nathan Gelb autore del thriller Delitti sotto la cenere che vede come protagonista il Gran Maestro della Massoneria partenopea, Raimondo de Sangro.

Da mettere in evidenza il terzo capitolo, dedicato ai ritratti di grandi iniziati, partendo da Cagliostro (…l’emblematica figura del Gran Cofto Alessandro Cagliostro, dimostra, insieme a quella dell’altrettanto misterioso Conte di Saint Germain e dei fondatori del Martinismo Martinez de Pasqually e Louis Claude de Saint-Martin, come il Secolo dei Lumi non fu solamente mera ragione e mero materialismo, bensì diede l’impulso per una rinnovata apertura verso gli antichi concetti Ellenistici, Ermetici e dunque Gnostici del Vero, del Bello e del Buono. Che sono anche alla base di ogni Civiltà degna di questo nome.); Luca Bagatin ci ricorda poi le figure del conte di Saint Germain di Helena Petrovna Blavatsky fondatrice della Società Teosofica (a cui ho aderito nel 2001, condividendone totalmente i principi: Fratellanza Universale dell’Umanità senza alcuna distinzione; studio comparato delle fedi, delle filosofie e delle scienze; ricerca dei poteri latenti dell’individuo.); e poi la figura di Saverio Fera a cui si deve la fondazione della Gran Loggia d’Italia (Il Fera, in linea con lo spirito originario della Massoneria, non potendo sopportare la politicizzazione dell’Istituzione, ovvero la sua trasformazione in vero e proprio partito politico, ricostituì – nel 1908 – la Massoneria Scozzese con buona parte del Supremo Consiglio di cui faceva parte e, nel 1910, diede vita alla Serenissima Gran Loggia d’Italia, poi Gran Loggia d’Italia degli ALAM); seguono i profili di Giordano Gamberini, Lino Salvini e Giovanni Ghinazzi.

Interessante, a mio avviso, il quarto capitolo Letteratura e Massoneria. Ancora un viaggio. La letteratura permette un’infinità di viaggi: tra le righe, tra le parole spesso sacre e quasi sempre un simbolo; un viaggio nel profondo e poi verso la cima “a riveder le stelle”; un viaggio letterario esoterico è anche, spesso in orizzontale, quanti personaggi vanno alla ricerca, nelle loro avventure, della risoluzione di se stessi e delle loro vite, succede nelle Avventure di Pinocchio, succede nel Decameron, succede un po’ dovunque lo si voglia trovare. Ecco che Luca Bagatin ci presenta un esempio di quel viaggio “V.I.T.R.I.O.L”, dedicando ampia analisi al Viaggio al centro della terra di Jules Verne, in quel centro terrestre da identificare con il nostro io interiore, dove troviamo la nostra vera pietra, il nostro oro interiore; è in quelle viscere terrestri che Guenon ne Il Re del mondo, come ricorda Luca Bagatin, colloca l’Agarthi. Si giunge al più recente (2009) Il sentiero del bosco incantato di Luigi Pruneti, un viaggio esoterico nella letteratura partendo dall’opera di Apuleio, fino a giungere alla modernità del fumetto, non tralasciando la fiaba che, di quel bosco incantato e luogo di sacralità segreta, è la protagonista assoluta.

Universo Massonico, di pagina in pagina, ci porta a spaziare in un mondo che sempre ha affascinato l’uomo desideroso di conoscenza; libro che si pone come punto di partenza per chi è ancora nella fase di curioso che di conoscitore; ma anche un libro di grande interesse, per le sorprese che rivela - in quanto Bagatin ha potuto attingere da fonti non a tutti note – per coloro che già sono profondi conoscitori dell’universo massonico.


Marcella Andreini

www.orlando-kokoro.blogspot.it



28 aprile 2013

Intervista di Lanfranco Palazzolo a Luca Bagatin su Radio Radicale a proposito del volume "Universo Massonico" (Bastogi Editrice)




La massoneria non cerca il potete politico (intervista di Lanfranco Palazzolo)



Intervista a Luca Bagatin
Voce Repubblicana, 10 aprile 2013
di Lanfranco Palazzolo

La massoneria è indipendente rispetto ad ogni potere politico. Lo ha detto alla “Voce” Luca Bagatin, autore di “Universo massonico” (Bastogi),  libro che ripercorre la storia della massoneria. Il libro si avvale della prefazione del Gran Maestro Luigi Pruneti.
Luca Bagatin, come è nata l’idea di questo libro? Ritiene che la massoneria sia stata la principale artefice del nostro processo unitario?
“Ho cominciato ad interessarmi di massoneria sin da giovanissimo. Sono sempre rimasto attratto dall’aspetto simbolico della massoneria.  Molti commettono un errore quando ritengono che la massoneria sia qualcosa di segreto ”. In realtà, la massoneria è un’istituzione segreta. Una sorta di religione laica che si occupa di migliorare la coscienza dell’individuo. Per quanto riguarda la massoneria e il processo unitario italiano, credo che nel nostro paese sia accaduto quello che è avvenuto nella seconda metà del XVIII secolo negli Stati Uniti, dove alcuni esponenti della massoneria hanno partecipato al processo di emancipazione nazionale. C’è stata una massoneria vicina alla monarchia e una, di rito scozzese, più vicini agli ideali repubblicani. Rispetto alle Chiese i massoni non fanno proselitismo. Sono i singoli individui che hanno la vocazione agli ideali massonici. La diceria che vede la massoneria come un’organizzazione segreta nasce proprio con il Risorgimento visto che molte delle organizzazioni patriottiche erano fuori-legge e quindi nascoste”.
Perché si è concentrato sugli aspetti della vita massonica più lontana dai rapporti con il potere politico?
“La massoneria non ha mai fatto politica. Io ho fatto un excursus che parte dalle origini della massoneria, che sono precedenti alla nascita ufficiale della massoneria nel 1717. I primi massoni erano dei muratori operativi che costruivano le cattedrali attraverso i maestri costruttori che avevano attinto dagli studi degli antichi greci e degli antichi egizi. C’è tutta una tradizione millenaria di pensiero gnostico, rituale massonico. Nel 1717 questa tradizione è diventata massoneria speculativa che ha accettato alchimisti, filosofi e professionisti”.
Ma come viene trattato il rapporto tra massoneria e politica?
“Nel libro sono stato costretto a parlarne anche a causa del falso scandalo della P2, che ha portato alla gogna molte persone che facevano parte della massoneria, ma che non avevano cospirato contro lo Stato”. 
I partiti disprezzano la massoneria? Nel Pd era scoppiata una grossa polemica su questo argomento.
“Non è successo solo nel Pd. Anche AN aveva una norma che vietava l’iscrizione alla massoneria. E’ un odio trasversale che ha toccato tutti i partiti. L’indipendenza della massoneria ha fatto concorrenza all’ortodossia cristiana e dal potere statuale come la monarchia”.



13 aprile 2013

A proposito dell'espulsione del medico massone da parte di Grillo & Associati

Da IL GAZZETTINO di Pordenone del 7 aprile 2013

MASSONE ESPULSO.
BAGATIN: GRILLINI COME IL FASCISMO


"Cacciando dalla loro lista il medico massone Fulvio Di Cosmo i grillini hanno fatto un gravissimo errore. Si sono comportati esattamente come fece il fascismo che sciolse le logge massoniche. La Massoneria non ha nulla a che fare con la politica, gesti come quello dei Cinque Stelle non fanno che criminalizzare". A parlare è il pordenonese Luca Bagatin, studioso della Massoneria e autore del libro Universo Massonico (Editore Bastogi) uscito nel dicembre scorso. "Ma lo sanno i grillini - aggiunge Bagatin che si definisce un laico-liberale, non ateo - che la prima cosa che viene chiesta per entrare in qualsiasi loggia è il certificato penale ? Inoltre non si dimentichi che la Massoneria ha ispirato i principi fondatori di molti stati democratici a partire dagli Usa. Perciò Grillo ha compiuto un errore gravissimo, sotto il profilo della democrazia e della libertà".


Dal MESSAGGERO VENETO di Pordenone del 7 aprile 2013


BAGATIN: SOLO NELLE DITTATURE SI EMARGINA CHI E' MASSONE


«La massoneria non c’entra nulla con la politica, è un’associazione filosofica e culturale». Il pordenonese Luca Bagatin interviene sul caso dell’esclusione dal movimento del medico dell’ospedale Santa Maria degli Angeli Fulvio Di Cosmo, candidato dei 5 stelle alle regionali nella circoscrizione di Trieste, perché iscritto alla massoneria. Lo fa a ragion veduta in quanto ha recentemente pubblicato un libro “Universo massonico”, edito da Bastogi, che raccoglie un lungo percorso di studi proprio sulla massoneria. «Quello di Gelli e della P2 - continua Bagatin - fu un falso scandalo tant’è che tutti gli imputati risultarono nel ’94 e ’96 assolti dall’accusa di aver complottato contro lo Stato. Solo nelle dittature - aggiunge - la massoneria è stata ferocemente repressa». Bagatin probabilmente presenterà il suo volume, che gode della prefazione del Gran maestro della Grande loggia d’Italia, Luigi Pruneti, alla mostra del libro di Torino.


sfoglia     agosto        ottobre






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini