.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


18 settembre 2015

XX Settembre: ricorrenza tradita dai liberal-giolittiani ed affossata prima dai fascisti e poi dalla partitocrazia

Con il 20 Settembre 1870, l'entrata dei bersaglieri a Porta Pia e la conseguente caduta del potere temporale del Papa dei cattolici, si compie l'Unità d'Italia.

Data storica che, prima dell'avvento dei fascismo - sceso a patti con la Chiesa cattolica – era anche considerata festa nazionale.

Festa nazionale ormai cancellata e la data pressoché dimenticata da tutti, salvo da noi anticlericali, repubblicani, mazziniani e massoni.

Non va dimenticato che il 20 Settembre vide per la prima vola uniti repubblicani mazziniani, socialisti e persino liberali che, con Cavour, dichiararono “Libera Chiesa in libero Stato”. Salvo tradire lo stesso Cavour, nel 1913, con il patto Gentiloni voluto da quello che Gaetano Salvemini definì il “Ministro della malavita”, Giovanni Giolitti.

Il patto, infatti, previde un accordo fra liberali e cattolici dell'Unione Elettorale Cattolica Italiana, che prevedeva una nutrita quantità di seggi cattolici in seno al partito liberale. E ciò per contrastare l'avanzare dei repubblicani e dei socialisti. Un patto che permise ai liberal-cattolici di ottenere il 51% dei voti. Ovviamente le elezioni erano a suffragio universale ristretto !

Ecco che lo spirito del 20 Settembre fu tradito dai liberal-giolittiani prima e affossato dal fascismo mussoliniano nel 1929 e dalla sedicente Repubblica italiana del 1948, la quale, fondata sul tacito accordo fra cattolici e comunisti, rimarrà in mano alla partitocrazia ed agli umori del Papa dei cattolici, non più Re, ma pur sempre condizionante l'attività del Parlamento, salvo essere contrastato dallo spirito libertario dei radicali, repubblicani, socialisti e liberali del dopoguerra, i quali riusciranno quantomeno ad ottenere la legge sul divorzio e sull'aborto, confermate dal voto popolare referendario.

Di questo oggi rimane ben poco. La Repubblica italiana rimane una non-Repubblica delle banane, ovvero un'oligarchia di politicanti senza arte né parte. La stessa legge sulle unioni civili che dovrebbe essere approvata è imposta da Bruxelles e sarà sicuramente all'acqua di rose. I diritti delle persone, come sempre da noi, calpestati in nome della stupidità dogmatico-religiosa, che di spirituale e di umanitario non ha mai avuto nulla.

A parte queste facili e desolanti constatazioni, desideriamo segnalare un interessante saggio, appena uscito per le ezioni Ibiskos, realizzato da Renato Traquandi, repubblicano mazziniano della prima ora, che con “Le strategie vaticane” racconta proprio le alterne vicende e rapporti fra il nascente Stato unitario e la Chiesa cattolica. Una lettura storica e politica interessante, che andrebbe suggerita anche al Papa dei cattolici Francesco o Sig, Bergoglio che dir si voglia, che ci appare piuttosto l'ennesimo burattino nelle mani di un potere che rappresenta tutto salvo che gli insegnamenti di fratellanza, povertà e uguaglianza dettati dal Cristo.


Luca Bagatin



10 maggio 2014

I moti mazziniani e garibaldini raccontati alle scuole medie

Era la prima volta che, dopo i miei trascorsi scolastici, entravo in una scuola media.

In particolare era la prima volta che intervenivo come relatore per parlare, ai ragazzi, di Risorgimento, moti mazziniani e garibaldini.

E' accaduto sabato 10 maggio – oggi per i lettori del mio blog – presso le scuole medie “Enrico Fermi” di Casarsa della Delizia (Pordenone), patria che peraltro fu di Pier Paolo Pasolini, cantore degli oppressi.

Accanto a me il componente dell'Associazione Mazziniana Italiana, sezione friulana, Sergio Cristante, che è un carissimo amico da molti anni e Loris Artuso, ex Presidente dell'Associazione Amici della Montagna.

Il pretesto era presentare ai ragazzi della terza classe di scuola media un video-documentario storico-naturalistico dal titolo “L'edera ed il maggiociondolo”, che, oltre a presentare la montagna friulana, ripercorre i moti mazziniani e garibaldini di Navarons di Meduno, piccolissimo ma importante Comune montano della provincia di Pordenone.

L'amico Cristante, infatti, fra gli applausi dei ragazzi, dopo un excursus storico relativo al periodo risorgimentale, ha così presentato l'impresa guidata dal medico affiliato alla Giovine Italia e amico intimo di Giuseppe Mazzini e di Giuseppe Garibaldi, Antonio Andreuzzi (1804 – 1874), il quale, nel 1864 guidò appunto i cosiddetti “Moti di Navarons” contro gli Imperiali austro-ungarici.

I Moti, come ricordato dal buon Cristante, fallirono, purtuttavia furono da stimolo per le genti friulane nel ribellarsi al dominio Asburgico e concorrere all'unificazione d'Italia..

Cristante, inoltre, ha presentato, con dovizia di particolari, il pensiero di Giuseppe Mazzini, che fu il primo a parlare di unificazione europea, di democrazia in Europa, di emancipazione dei lavoratori e dei fanciulli (allora costretti a lavorare, sfruttati nelle officine), giungendo persino a fare un parallelismo fra l'Italia e l'Europa dei tempi di Mazzini e quelle attuali.

L'intervento del sottoscritto, invitato in qualità di giornalista e studioso di Storia risorgimentale, è stato invece incentrato sull'attualità del pensiero e dell'azione mazziniana e garibaldina. Ho voluto infatti ricordare ai ragazzi della scuola media che, alla metà dell'Ottocento, era negata ai cittadini la libertà di parola, di associazione, di stampa e di culto e, chi si permetteva di esprimere le proprie idee, era condannato o alla prigione o addirittura alla forca !

Ho voluto in particolare soffermarmi sul più importante libro scritto da Mazzini - “Doveri dell'Uomo” - che si rivolge, non a caso, agli operai, ovvero agli oppressi e sulla successiva istituzione, da parte di mazziniani e garibaldini, delle prime Società Operaie di Mutuo Soccorso, ovvero le prime cooperative di lavoro, guidate unicamente da operai autogestiti, che non dovevano sottostare ad alcun padrone o potente di turno.

Ho colto altresì l'occasione per parlare di Garibaldi, ma, in particolare, della figura di Anita Garibaldi: una giovane brasiliana, di umili origini che già nell'America del Sud si era battuta per l'emancipazione degli oppressi. Una giovane brasiliana che, giunta con il marito in Italia, morirà sotto i colpi di fucile dei soldati francesi (venuti in aiuto del Papa), a soli 28 anni, per la libertà e la Repubblica Romana, nel 1849, ovvero la prima repubblica democratica che l'Italia abbia mai conosciuto.

Nel mio intervento ho in particolare voluto esortare i ragazzi a non abbassare mai la testa di fronte all'oppressione ed alle ingiustizie, di continuare a studiare, ad approfondire, ad emanciparsi sotto ogni punto di vista, ovvero seguire gli insegnamenti che hanno voluto lasciarci Mazzini e Garibaldi, con le loro lotte, che tanto mi appassionarono sin dall'età di tredici anni.

Le nostre relazioni si sono concluse con la visione del documentario storico-naturalistico ed una breve introduzione del sig. Artuso, utile anche a presentare i luoghi paesaggistici e naturalistici nei quali si svolsero le battaglie fra garibaldini e austriaci. Luoghi che, peraltro, gli stessi ragazzi visiteranno per la prima volta la settimana prossima, nell'ambito di una visita guidata organizzata dalla scuola stessa.

Una domanda di fondo, ad ogni modo, è rimasta. Perché mai dei Moti di Navarons nessuno parla mai nei libri di Storia ? Forse perché finirono male ed i “buoni” furono sconfitti.

Personalmente, come ho voluto ricordare anche ai ragazzi, ritengo che una, due o tre sconfitte, sui campi di battaglia, nelle idee, nella scuola o nella vita, non facciano testo.

L'importante è la perseveranza, ma, soprattutto, l'ideale per il quale ci si batte. Che, come fu per Mazzini e Garibaldi, fu prima di tutto un ideale di amore per l'umanità. Per gli oppressi, per coloro i quali, allora, non sapevano nemmeno di avere dei diritti e non conoscevano i loro propri doveri verso l'umanità medesima.

Il bilancio della giornata è stato assolutamente positivo. Contro ogni nostra possibile previsione i ragazzi della scuola media ci hanno ascoltati con passione ed attenzione, al punto che alla fine siamo stati sommersi dai loro applausi.

Magari in ogni scuola d'Italia e, perché no, d'Europa, si spiegasse ed attualizzasse il Risorgimento come abbiamo, umilmente, tentato di fare noi. Quando andavo a scuola io, francamente, questo non accadeva.


Luca Bagatin



27 ottobre 2013

Addio a Luigi Magni, cantore del nostro Risorgimento di popolo

E così ci ha lasciati anche Luigi Magni, cantore cinematografico del Risorgimento italiano.

L'unico a raccontarci, con profonda ironia e leggerezza, il periodo storico meno ricordato nella nostra Penisola, attraverso bellissimi affreschi quali “Nell'anno del Signore”, “In nome del Papa Re”, “In nome del popolo sovrano”, "Il generale", “La notte di Pasquino”, “O' Re”, “La Tosca” ed altri.

L'unico a mettere assieme cast d'eccezione ove il capostipite era pressoché sempre l'intramontabile Nino Manfredi, a volte nei panni del cardinale illuminato, altre volte nei panni del Ciceruacchio rivoluzionario.

Con Luigi Magni se ne va lo sceneggiatore ed il regista che meglio di altri riuscì a raccontare la Storia non tanto dei Grandi del Risorgimento (Mazzini e Garibaldi in primis), quanto piuttosto la storia dei tanti patrioti, spesso dimenticati. Dei tanti mazziniani, garibaldini, carbonari e massoni morti per gli ideali di Fratellanza, Uguaglianza, Libertà, Emancipazione dal giogo papalino, austriaco, borbonico e napoleonico.

La storia degli Angelo Targhini e dei Leonida Montanari, dei Ciceruacchio e di suo figlio Lorenzo Brunetti, dei Righetto (il più giovane martire del Risorgimento), degli Andrea Aguyar, del bersagliere Luciano Manara, del condottiero Giovanni Livraghi, del sacerdote mazziniano Ugo Bassi, dei patrioti Monti e Tognetti.

Storie di persone semplici, giovanissimi cittadini romani ed italiani, giovanissimi patrioti amanti della libertà di cui attualmente nessuno o quasi rammenta i nomi e di cui, invece, Luigi Magni solo recò memoria e restituì loro nuova vita in un'Italia ove oggi va tanto di moda quel revisionismo leghista e neoborbonico ove si dice – a torto – che la Storia la scrivono i vincitori, senza però ricordare che quei patrioti, carbonari, massoni, mazziniani e garibaldini, furono sconfitti dalla Storia e relegati nell'oblìo di un'Italia fondata sull'imbroglio dei Cavour, dei Crispi, dei Savoia già imparentati con i Borbone e dei Mussolini di ieri...e non solo di ieri.

Luigi Magni, con i suoi affreschi cinematografici, era lì a ricordarci come fosse arretrata e schiavista la Roma del Papa Re e così il Regno delle due Sicilie dei Borbone. E ci rammentava i principi della Costituzione della Repubblica Romana del 1849, unica Costituzione che potremmo definire davvero “la più bella del mondo”, altro che quella della Repubblica italiana del 1948, fondata sul compromesso cattocomunista e clericofascista dei partiti a maggioranza traditori dei principi del Risorgimento (democristiani e comunisti, che, sino a qualche anno prima, militavano nelle file del Partito Nazionale Fascista o nella Repubblica di Salò, o comunque non vi si erano opposti, se non tardivamente).

Questa l'opera di educazione civile laica di Luigi Magni, già membro d'onore del Comitato del “Premio Righetto”, dedicato al dodicenne popolano trasteverino, garzone in una bottega di fornaio, il quale si assunse il compito di spegnere le micce delle bombe papaline prima che scoppiassero e che divenne martire del Risorgimento e della Repubblica Romana allorquando una bomba gli scoppiò fra le mani.

A Magni va l'onore di averci fatto scoprire i tanti Righetto e Ciceruacchio, ovvero i tanti popolani che contribuirono all'Unità d'Italia ed alla Repubblica, quella vera, fondata sul e con il cuore e non sul potere o sui partiti.

E sarà attraverso le sue opere che potremo raccontare alle generazioni presenti e future come il Risorgimento fu una lotta di popolo e per il popolo.

Un popolo sovrano che, ancora oggi, fa fatica a prendere coscienza di sé e che è immemore della sua stessa Storia.


Luca Bagatin

Le recensioni di www.lucabagatin.ilcannocchiale.it ad alcuni celebri film di Luigi Magni sono leggibili ai seguenti link:

In nome del Papa Re


In nome del popolo sovrano



10 aprile 2013

Ilona Staller candidata alle Amministrative di Roma del 26 e 27 maggio

Sono lieto che lo storico Partito Liberale Italiano abbia accettato la mia proposta di candidare l'amica Ilona Staller nelle liste Liberali e Repubblicane in vista delle imminenti elezioni comunali di Roma del 26 e 27 maggio.
E' una proposta che caldeggiai già dall'inverno scorso, ma che mi sovvenne già dalla scorsa estate, allorquando Ilona stava per tornare sulla scena politica italiana con un programma liberale, libertario ed ambientalista.
Fu così che, su facebook, aprii il gruppo "Liberali Ambientalisti per Ilona-Cicciolina" (L.A.I.CI.), ove iniziarono ad arrivare le prime adesioni.
Chi meglio, dunque, dei Liberali e soprattutto dei Repubblicani, nei quali io stesso militai in tempi non sospetti, per portare avanti questa nuova sfida ?
Il progetto, in sé, racchiude la necessità di valorizzare una storia politica dimenticata, ovvero quella dei diritti civili ed in particolare dei diritti civili portati avanti da Ilona Staller negli anni che vanno dal 1987 al 1993, con i Radicali e successivamente ripresi anche da Liberali e Repubblicani, in alternativa al bigottismo cattocomunista e clericofascista.
Ilona è stata la prima personalità politica a rendersi conto che, un certo tipo di politica, stava finendo ed occorreva passare all'alterità politica, ovvero all'alternativa.
Il Beppe Grillo di oggi, in sostanza, non fa che dire le stesse cose che diceva Ilona Staller nel 1989. Con l'unica differenza che, Ilona, in Parlamento era presente e ci metteva la faccia ogni giorno.
Nel biennio di Tangentopoli, peraltro, ci fu l'esempio del Partito dell'Amore (che esiste tutt'oggi), fondato dalla stessa Ilona Staller, che successivamente portò avanti Moana Pozzi, con un programma di lotta alla corruzione e per una città eco-sostenibile e libertaria. Una vera rivoluzione libertaria alle Amministrative romane del 1993 !
Ecco, dunque, tornare sulla scena politica comunale una donna coraggiosa, con un programma di lotta agli sprechi nella pubblica amministrazione ed all'oppressione fiscale e - soprattutto - a garanzia dei diritti delle coppie omosessuali, dei detenuti, delle donne oppresse sotto ogni punto di vista. Tematiche quali la legalizzazione delle non droghe, della costituzione dei Parchi dell'Amore, della tutela dell'ambiente e degli animali, sono da sempre parte della nostra storia e della storia stessa di Ilona Staller.
E' per questo che, chi scrive, ha deciso di proporre e sostenere questa iniziativa culturale e di alternativa politica, candidandosi a fianco di Ilona Staller nella lista Liberale e Repubblicana per una Roma laica e civile.

Luca Bagatin

(AGENPARL) - Roma, 10 apr - In vista delle elezioni comunali di Roma del 26 e 27 maggio, l'ex Onorevole radicale ed ex pornodiva Ilona Staller sarà candidata nella lista Liberale e Repubblicana, assieme all'ideatore e promotore della candidatura - lo scrittore, blogger e giornalista Luca Bagatin - e l'attivista politico Andrea Ladillo. La candidatura di Ilona Staller nelle liste dei Liberali e dei Repubblicani, accettata con entusiasmo dall'ex deputata de ex pornodiva, è funzionale al rilancio dei diritti civili, alla lotta alla corruzione ed agli sprechi nella pubblica amministrazione, in favore dei diritti dei disabili, per l'istituzione dei parchi dell'amore ed in favore della tutela dell'ambiente, del verde pubblico e degli animali nella città di Roma.



11 marzo 2013

BREVI NOTE SU GUGLIELMO OBERDAN di Carlo A.R. Porcella

Riceviamo e pubblichiamo volentieri l'articolo "Brevi note su Guglielmo Oberdan" - patriota mazziniano ed irredentista - inviatoci, in esclusiva, dallo storico Carlo A.R. Porcella.

L.B.

BREVI NOTE SU GUGLIELMO OBERDAN

di Carlo A.R. Porcella


Ricorre in questo anno il 130/mo anniversario della morte di Oberdan, parlare oggi del processo che lo condannò a morte è ancora per l’Austria molto imbarazzante poiché riapre una delle pagine di cattiva giustizia che purtroppo molte volte caratterizzano la storia delle nazioni anche europee. Tuttavia per completare l’informazione occorre precisare che il comportamento di Oberdan, durante la fase processuale, fu tale, voluto da lui stesso, per peggiorare le condizioni giudiziarie.

Guglielmo Oberdan o forse più esattamente come fu realmente registrato alla nascita Oberdank ma al di là della rappresentazione grafica nelle lingua nazionale del suo cognome egli resta sempre un patriota per cui due popoli, come disse Carducci, allora chiamavano giustizia a Dio.

Personalmente, per rispetto del volere dell’eroe in quanto segue parlerò sempre di Oberdan perché un giorno egli affermò che scrivere il cognome con la k finale era d’austriaco.

Egli nacque a Trieste il primo febbraio del 1858 e fu battezzato il giorno sette dello stesso mese nella parrocchiale di S. Antonio Nuovo, .con i nomi di Dionisio, Guglielmo e Carlo.

Il primo nome in ricordo del nonno paterno il secondo in ricordo del padrino, Guglielmo Rossi, mercante triestino. La madre era Gioseffa Oberdank, nata a Gorizia nel 1830 residente nella borgata di Sampasso da moltissimi anni con cittadinanza italiana. Cittadinanza confermata dall’ufficio anagrafico di Gorizia, infatti nei “ censimenti “ dell’impero la famiglia aveva sempre dichiarato di essere di nazionalità italiana. Il padre naturale era Falcier Valentino (o Falzier) era veneto di professione panettiere e allora prestava servizio nell’armata austriaca.

Poiché il matrimonio tra i genitori non fu contratto, Guglielmo assunse il cognome della madre, quando aveva già quattro anni, la madre si sposò regolarmente con Francesco Ferencich da cui nacquero altre figli che ebbero sempre un ottimo rapporto con Guglielmo.

Occorre anche evidenziare che nel censimento del 1865 il Ferencich inserì Guglielmo nel foglio di famiglia, atto questo che lascia ampiamente ipotizzare anche la volontà di legittimarlo, presumibilmente ostacolato da difficoltà di carattere legale dell’epoca. Pertanto è possibile affermare che ombre o dubbi sulla nazionalità di Guglielmo sostanzialmente non sono tali da attribuirgli nazionalità diversa da quella Italiana. Per completezza delle informazioni è doveroso ricordare che spesso il cognome della madre Oberdank è stato scritto anche con la ck finale e qualche volta anche con ch finale ma ciò non contrasta con il fatto che la famiglia d’origine della madre da diverse generazioni era iscritta fra quelle di nazionalità italiana. Certo tale “discussione” spesso anche con toni accesi non scalfì mai l’amore di Guglielmo per l’Italia. –

Le modeste condizioni economiche della famiglia non impedirono ai genitori di avviare Guglielmo agli studi anche se l’inizio non fu incoraggiante, tuttavia egli concluse i suoi studi il 20 luglio del 1877 con il massimo dei voti e fu proclamato maturo con distinzione per l’ammissione ad un Politecnico. Dai documenti scolastici e dalle testimonianze dei compagni di studio si evidenzia un carattere generoso con fermezza d’animo esemplare, l’amore per il bello e l’ardore per le idealità civili. Fu sempre amato ed apprezzato dai suoi maestri e benché di condizioni economiche modeste fu ammesso ai salotti letterati e politici della città, ove le sue doti umane e culturali furono sempre apprezzate. Ricordi relativi a quel periodo sono in gran parte della pittrice Argelia Butti e di Piero Vendrame, ma tale periodo nella sua formazione spirituale assume notevole importanza poiché allora si realizzò la coscienza politica di Guglielmo, grazie anche ad una profonda conoscenza degli scritti di Mazzini che con notevoli difficoltà riuscivano ad evitare i sequestri della polizia austriaca o a passare quasi indenni tra la corrispondenza privata. Dagli scritti di Mazzini Oberdan apprese la religione del sacrificio inoltre apprezzò molto l’opera del Guerrazzi ricordando anche che questi nell’opera Lo Assedio di Roma aveva voluto rendere omaggio ai triestini che avevano difeso Roma ed in particolare a Giacomo Venezian deceduto per le ferite riportate nello scontro del Vascello. Benché giovanissimo Oberdan non poteva avere un concetto ed un criterio politico completo e ben definito

Riuscì a perseguire un ideale che era quello della patria irredenta che con impegno costante si dedicò ad esso. Tuttavia nell’autunno del 1877 (il 12 ottobre) a soli diciannove anni Oberdan per proseguire gli studi presso il Politecnico si recò a Vienna ove seguì con regolarità gli studi almeno fino al luglio dell’anno successivo. Gli studenti italiani a Vienna erano numerosi ed in quel periodo molti avevano legami di amicizia con i polacchi presenti nella capitale austriaca, e tutti speravano che il trattato di Berlino in corso di definizione decretasse l’unità politica e l’indipendenza della Polonia. Quando il 1 luglio 1878 fu comunicato ufficialmente che il Congresso di Berlino aveva dato mandato all’Austria di invadere la Bosnia Erzegovina per sedare le agitazioni interne a tale regione, l’Austria proclamò una mobilitazione ridotta per poter adempiere al mandato ricevuto (era stato concordato con Germania ed Inghilterra). Inoltre il giorno 16 dello stesso mese fu vietato alla stampa austriaca di pubblicare qualsiasi notizia in merito ai preparativi militari in corso.

A Trieste tale circostanza provocò notevole disagio tra i giovani poiché vedevano abolito il diritto a non prestare l’obbligo del servizio militare che era stato in vigore per Trieste fino ad alcuni decenni prima, inoltre i giovani istriani e dalmati non gradivano indossare l’uniforme austriaca..

Sempre il 16 luglio 1878 un proclama di Garibaldi ed Avezzana unitamente ad un appello del Comitato Triestino per le Alpi Giulie con parole forti invitava i giovani trentini, triestini ed istriani ad insorgere. Tali appelli produssero numerose diserzioni nell’esercito austriaco tanto che l’Imperatore chiese al presidente del consiglio di essere costantemente informato in merito.

A tal punto è necessario evidenziare quali erano gli obblighi militari di Guglielmo verso il governo austriaco. Al compimento del ventesimo anno i giovani residenti nelle terre irredente avevano l’obbligo di sottoporsi all’esame personale per la leva ed Oberdan adempì a tale obbligo il 26 marzo 1878. Pertanto fu arruolato nel reggimento di fanteria Maresciallo Giuseppe barone Weber . Reparto questo a cui erano assoggettati tutti i giovani delle province meridionali dell’impero asburgico. Inoltre ad Oberdan fu riconosciuto il diritto di un anno di volontariato e fu iscritto fra i volontari a proprie spese. La chiamata alle armi, era prevista per l’ottobre 1880 ed era possibile anche ottenere una dilazione per il completamento degli studi, ma la mobilitazione parziale indetta dall’Austria anticipò la chiamata alle armi al luglio del 1878. Sul ritorno di Oberdan da Vienna a Trieste e la successiva fuga in Italia sono state riportate diverse narrazioni pertanto ritengo più corretto considerare la narrazione fatta dal patrigno di Oberdan alle autorità austriache anche perché essa è quella più documentata. La deposizione resa dal patrigno il 13 settembre 1878 al Tribunale provinciale di Trieste riporta che il foglio di chiamata fu inviato dal padre a Vienna preavvisandolo a mezzo telegrafo. Pertanto Oberdan ritornò a Trieste e si presento subito in caserma. Inoltre gli fu concessa la possibilità di dormire a casa ove aveva una sua cameretta. Una sera ritornando tardi da Sesana il patrigno, notata l’assenza di Guglielmo, chiese notizie a sua moglie che rispose dicendo che Guglielmo verso le 19 era arrivato a casa aveva indossato gli abiti borghesi per recarsi con amici alla trattoria Wastl, dopo tale comunicazione andò a letto tranquillo, ma al mattino successivo notò che Guglielmo non era ritornato a casa. Dopo qualche ora un caposquadra venne a chiedere di Guglielmo ma non essendoci, andò via per ritornare dopo circa due ore e ritirare l’uniforme e per invitarmi a presentarmi in caserma, cosa che fu fatta regolarmente.

Quella notte Guglielmo con altri due compagni fuggì in barca e dopo tre notti di viaggio fortunoso sbarcarono su una spiaggia tra Fano e Senigaglia successivamente proseguirono per Ancona.

In questa città furono accolti calorosamente dal direttore del “Lucifero” Domenico Basilari (tale giornale repubblicano è ancora in vita ed io lo ricevo regolarmente) unitamente al conte Bosdari ed all’avvocato Aurelio Salmona per il quale Oberdan aveva una lettera di presentazione. In Ancona era presente una numerosa comunità di profughi istriani giunta in quei giorni per gli stessi motivi.

In occasione di un comizio conobbe Matteo Renato Imbriani Poerio che il 21 maggio del 1877

Aveva fondato a Napoli l’Associazione “Pro Patria Irredenta” da allora i due non solo furono amici ma l’amicizia divenne quasi una venerazione per entrambi tanto che ogni azione progettata o attuata da Oberdan fu sempre concordata e preparata con Imbriani.

Imbriani è anche colui che per primo nel 1872 utilizzo il termine “irredentismo” per esporre le aspirazioni dei cittadini istriani e dalmati dell’impero asburgico.

Un amico di Oberdan residente in Roma, appreso del suo arrivo lo invitò a raggiungerlo, ma egli preferì restare in Ancona fino all’autunno. Giunse poi a Roma si unì ai numerosi esuli triestini ed istriani e con alcuni abitò in una cameretta di una casa tra Montecitorio e Piazza Navona.

Presto fu noto fuori della cerchia degli esuli tanto da partecipare con un proprio discorso alla commemorazione dei fatti di Villa Glori del 1867 .

Inoltre cercò di continuare i suoi studi e per vivere si procurò lezioni e lavori di disegnatore ebbe anche un sussidio di emigrazione erogato tramite il Comitato Triestino Istriano per le Alpi Giulie in Roma . Tale associazione nel gennaio del 1879 si costituì in Società assumendo la denominazione Associazione per le Alpi Giulie, Unione di Roma e per raccogliere fondi pubblicò anche una strenna a cui Oberdan partecipò attivamente. L’ingegno di Guglielmo fu ben presto apprezzato, tanto che durante l’ultimo anno ricoprì l’incarico di assistente di chimica presso il Regio Istituto Tecnico di Panisperna, fece alcuni lavori per la Direzione di statistica e fu anche disegnatore presso il ministero dell’agricoltura e commercio. Chi lo vide in Roma dal 1878 al 1882 narra che egli era sempre raggiante di entusiasmo, e che i suoi occhi cerulei si figgevano sempre in un punto ignoto e lontano, quasi a cercarvi un ideale irraggiungibile. Oberdan non pensava, non viveva che per la sua Trieste. Era quello l’ideale purissimo per cui egli non si lagnava della miseria, non sentiva tutta la sua sventura, per cui trovava di poter vivere. La vita esemplare, l’ingegno pronto, la seria tempra di studioso, la franca collegialità, i sentimenti magnanimi, gli entusiasmi patriottici, il complesso carattere insomma di giovane virtuoso che era in lui fecero si che non solo tra i suoi compaesani e compagni di lotta , ma anche fra la gioventù universitaria romana Guglielmo fosse ben voluto e stimato, tanto che negli ultimi tempi, quale socio del Circolo Universitario Democratico ne divenne rapidamente un esponente di primo piano. Le sue parole vibravano come dardi, parlava di rado ma con senno e spesso della sua Trieste, era uno dei migliori studenti. Condannò l’alleanza italo austriaca poiché provava uno sdegno profondo, come davanti ad un crimine di lesa patria. Negli anni romani lo spirito di sacrificio si radicò in Guglielmo per cui ritenne necessario che per la causa di Trieste fosse necessario un martire, allora nel suo animo restò ferma la risoluzione suprema, come da vero matematico la definì Cavallotti, per cui quando gli eventi furono per lui maturi passò all’azione.

Oberdan partecipò anche ai funerali di Garibaldi in Roma, portava la bandiera di Trieste abbrunata gli era stato accordato un posto d’onore dietro al feretro, subito dopo la rappresentanza della municipalità parigina. Quando il corteo passò davanti piazza Colonna egli notò che ai balconi di palazzo Fiano sede dell’ambasciata austriaca vi erano l’ambasciatore e gli impiegati, alzò lo stendardo minacciosamente in atto di sfida tanto che i poggioli si spopolarono immediatamente.

Nel maggio dell’anno precedente a Trieste su iniziativa del barone de (von) Pretis Cagnodo si preparavano i festeggiamenti per il quinto centenario dell’appartenenza all’Austria di Trieste mediante l’allestimento di una esposizione, logicamente la parte democratica dei cittadini ed una buona parte del Consiglio Comunale fu contraria ma le pressioni da Vienna nonché i contributi dei ministeri resero possibile il primo agosto del 1882 l’inaugurazione dell’Esposizione da parte dell’Arciduca Carlo Lodovico d’Austria. Tuttavia già nei giorni precedenti le organizzazioni irredentistiche presenti in Trieste erano decise a non rendere tranquilla la manifestazione, infatti nella note tra il 29 e 30 agosto era stato distrutto il vessillo sociale della società Unione Operaia Triestina, sodalizio fortemente austriacante, inoltre nella città furono distribuiti molti proclami delle associazioni irredentiste. La sera del giorno 2 agosto alle 21 mentre la fiaccolata dell’ Adunata dei veterani austriaci, partita dalla Caserma Grande e si dirigeva verso il Corso per rendere omaggio all’arciduca Carlo Lodovico, fu gettata una bomba in prossimità di via San Spiridione causando la morte di uno spettatore e ferendo dodici persone tra i quali il presidente dell’associazione dei veterani Raeeke ed il direttore del giornale Triester Zeitung dott. Dorn. Tale azione fu preparata dall’Oberdan che riuscì a varcare il confine dopo essersi sbarazzato della bomba all’Orsini non utilizzata buttandola in mare.

Tuttavia il ritorno in Italia di Oberdan fu tempestivo tanto che lasciò presso l’anziana signora Caterina Anagno nata Cerkvenik una valigetta contenete alcune lettere a lui indirizzate. A causa del successivo sfratto per morosità dell’Anagno nel successivo mese di settembre le lettere furono consegnate alla polizia e furono poi oggetto di tre interrogatori dopo l’arresto di Oberdan nel mese successivo.

Logicamente la polizia austriaca indagò con impegno senza riuscire almeno allora ad individuare l’autore o gli autori di quell’episodio. L’unico risultato concreto raggiunto fu un maggiore controllo della stampa irredentistica clandestina che veniva introdotta nella città di Trieste e per tali fatti alcuni marittimi furono denunciati.

Dopo la fuga da Trieste Oberdan per qualche tempo soggiorno in Friuli prima a Udine e poi a San Daniele ove fu ospite di Maria Ongaro superstite di una famiglia di patrioti friulani che avevano partecipato anche all’insurrezione mazziniana del 1864 nonché parente dei Delfino di Trieste. Si narra che Oberdan fu accolto con molto entusiasmo anche dalle figlie della signora Maria e pronunciò la seguente frase:

Beate loro che hanno la patria libera e che hanno avuto un Andreuzzi e tanti altri che seppero lottare e cooperare per la redenzione della patria. Bisognerebbe che anche Trieste avesse tali uomini e sopra a tutto bisognerebbe che anche Trieste avesse un martire.” .

Dopo il soggiorno in San Daniele, partì per Udine per recarsi prima a Napoli poi a Roma e per qualche giorno a Genova per poi ritornare a Roma. Qui verso la fine di agosto, fu presentato agli amici di un giornale repubblicano “il Dovere” a cui espose il suo progetto ideato con Ragosa e già approvato anche dai comitati triestini. Tuttavia si ritenne opportuno richiedere anche il parere dei principali esponenti del partito repubblicano che erano a Forlì questi ultimi disapprovavano il progetto, ma Guglielmo ancor più di Ragosa era fermamente deciso ad attuarlo. Il dodici settembre venne ufficialmente annunciata, con relativo programma, la visita dell’imperatore a Trieste per celebrare degnamente il quinto centenario della presenza austriaca a Trieste, l’arrivo dell’imperatore era previsto per il giorno 17 settembre.

Oberdan e Ragosa, partirono per Udine per vie diverse Ragosa via Orte Firenze Bologna e Oberdan

passando per Pisa Genova Milano Verona giunsero a Udine al mattino del giorno 15 settembre ma in ore diverse. A Udine si incontrarono con il Pontotti su indicazione di Imbriani. Pontotti comunicò ai due che dopo l’attentato del 2 agosto i confini con l’Austria erano presidiati con particolare attenzione inoltre la stessa polizia italiana vigilava costantemente sull’attività delle organizzazioni irredentistiche. A Udine prestava servizio un ispettore di pubblica sicurezza toscano Giamboni già al servizio del granduca e secondo alcuni fu questi ad informare la polizia austriaca della presenza di Oberdan.

Solo così può essere spiegato il sicuro arresto di Oberdan. Anche Cavallotti nel suo discorso a Pistoia parla dell’iscariota indicando Giamboni. Tuttavia il prefetto di Udine Gaetano Brussi, cospiratore e fervente patriota inviò due suoi agenti fidati per fermare Oberdan ma questi giunsero troppo tardi.

Molti storici o meglio la gran maggioranza di essi ritiene che ci fu un vero e proprio caso di delazione da parte di qualcuno che conosceva il piano si dice anche di un telegramma “convenzionale” fu inviato da Roma a da Venezia per segnalare la partenza di Oberdan.

Inoltre è da ricordare che in quel periodo l’azione del governo Depretis provocò lo sdegno della Società Friulana dei Veterani e Reduci delle Patrie Battaglie tanto da emettere un ordine del giorno con il quale si biasimava e si protestava per il controllo da parte della polizia di cittadini che avevano combattuto per la patria. Il 15 settembre Oberdan e Ragosa si recarono a Buttrio ove furono ospitati dal farmacista Giordani e cercarono anche un contrabbandiere per varcare il confine.

(QUANTO SEGUE è negli atti giudiziari dell’epoca poiché esistono diverse versioni sull’arresto di Oberdan ma tutte con scarsa documentazione attendibile anzi molto spesso incompleta)

La persona trovata fu Angelo Tavagnacco che a causa delle pessima condizioni atmosferiche di quella notte rinviò il passaggio del confine al giorno seguente. Il mattino seguente alle cinque partirono per varcare il confine. Oberdan nel lasciare la casa del Giordani lasciò alcuni oggetti oltre al bastone ed una piccola valigia con un libro che furono tutti nascosti dalla moglie del Giordani quando si ebbe notizia dell’arresto di Oberdan.(tali oggetti sono ora custoditi nel museo civico di Udine).

I due patrioti e la guida giunsero a Versa verso le sette del mattino ed ivi Oberdan pagò il contrabbandiere per proseguire il viaggio in vettura condotta dal vetturale Sabbadini che alle ore dieci giunse a Ronchi presso la locanda di Giovanni Berini ove Oberdan si fermò perché stanco e Ragosa proseguì il viaggio per Trieste con altra vettura.

Intanto il contrabbandiere guida Tavagnacco nel suo viaggio di ritorno a Buttrio incontrò l’agricoltore Giorgio Gregoratti e il fattore del conte Agricola di Udine Antonio De Marco

che lo interrogarono su quelli che aveva accompagnato. Il Tavagnacco riferì ai due che uno dei forestieri, Oberdan, lo aveva avvertito che in caso di incontro con la forza pubblica occorreva separarsi e scappare. Successivamente il Gregoratti riferì tutto al ricevitore doganale di Chiopris mentre il De Marco riferì al podestà di Lodovico Serravalle obbligando il Tavagnacco a ripetere quanto detto prima.

Successivamente il De Marco ed il Serravalle, si recarono a Gradisca per denunciare tutto al capitano distrettuale avvertendo anche il podestà di Versa Gian Natale Baldassi. Questi invio un messo comunale ad avvertire il capo dei gendarmi di Versa Tommasini, che era per servizio a Gradisca intanto a Versa veniva fermato il vetturale Sabbadini di ritorno da Trieste.

Il capo dei gendarmi Tommasini ricevuta la notizia si recò a Gradisca ove incontrò tutti i sopra citati per poi farsi accompagnare dal Sabbadini a Ronchi all’osteria dove i due giovani si erano fermati. Tommasini ipotizzando di essere in presenza di disertori dell’esercito italiano,. giunti all’osteria si recò nella stanza di Oberdan, dopo averlo fatto riconoscere dal Sabbadini, chiese le generalità e gli furono mostrati documenti intestati a Giovanni Rossi. Qualche istante dopo Oberdan tirò fuori un revolver senza riuscire a sparare per cui seguì una violenta colluttazione che terminò con l’arresto di Oberdan grazie all’intervento dell’oste e di due avventori dicui uno era il Gregoratti e l’altro un certo Minassi.

Oberdan fu pertanto condotto dal consigliere di Luogotenenza Vintasgau che dispose una immediata perquisizione della stanza in cui era stato Oberdan rinvenendo così le due bombe e le munizioni portate al seguito. Verso le cinque del pomeriggio giunse anche il giudice conte Dandini che iniziò l’istruttoria interrogando l’arrestato che continuò a chiamarsi Giovanni Rossi, senza curarsi in alcun modo di limitare le proprie responsabilità anzi esagerò volutamente i suoi intendimenti e l’italianità di Trieste. Pertanto fu indiziato di alto tradimento e sottoposto a custodia preventiva. Intanto Ragosa giunto a Trieste proseguì per l’Istria ma durante il viaggio seppe dell’arresto di Oberdan si nascose da amici per tre giorni per poi fuggire in barca a Venezia e proseguire poi per Roma. Ancora oggi non si conosce con esattezza quanto Oberdan si fece riconoscere con le proprie generalità, presumibilmente quando fu certo il suo trasferimento a Trieste, il primo verbale di interrogatorio in cui appare il suo vero nome è quello del 27 settembre

I giornali triestini avevano già pubblicato il suo nome il 18 settembre giorno successivo al suo arrivo a Trieste che coincise anche con la visita del sovrano asburgico. Oberdan fu sottoposto ad interrogatorio ancora il 30 settembre dagli organi giudiziari civili. Il 7 ottobre fu consegnato alle autorità militari e solo il 9 ottobre fu interrogato dagli organi giudiziari militari, Quello stesso giorno indirizzò una lettera alla madre per ringraziarla della visita fatta dal padre. Il processo ad Oberdan ancora oggi per l’ Austria rappresenta un processo svolto con molte ombre sul rispetto delle norme penali dell’epoca, esse apparvero già sulla stampa viennese del giorno 19 ottobre ossia il giorno successivo della visita della madre a Guglielmo il 15 ottobre con lo scopo di indurlo a chiedere la grazia. Al termine della visita la madre cadde svenuta e successivamente si recò a Vienna accompagnata da un legale per consegnare una domanda di grazia all’imperatore e al conte Taaffe, il primo era a Budapest per cui la domanda fu spedita ed il secondo ricevette la donna per dichiararle di non essere utile perché trattatasi di questione militare per cui era opportuno sperare nella grazia dell’imperatore. Secondo alcuni organi di stampa dell’epoca la sentenza era già stata pronunciata dal Tribunale Militare supremo di Vienna il 20 ottobre. Inoltre ci fu disparità di giudizio tra i componenti del collegio giudicante. Infatti il comandante militare di Trieste già ex capo di stato maggiore generale Schonfeld si sarebbe rifiutato di firmare la condanna a morte, e un vecchio uditore giudiziario di Innnsbruck, consultato per un parere dichiarò inammissibile la condanna a morte, inoltre il procuratore di stato Schrott sosteneva che la pena massima da concedere era di 20 anni di fortezza. Questi tre esponenti del mondo giudiziario poco tempo dopo dalla sentenza capitale, furono trasferiti ed uno di essi collocato in quiescenza. La sentenza di morte costituiva una evidente forzatura della norma relativa al reato di lesa maestà, ciò soprattutto in considerazioni del fatto che le prove certe erano solo costituite dalla diserzione, dalla resistenza a mano armata a pubblico ufficiale, di possesso illegale di ordigni esplosivi e di aver espresso l’opinione di voler attentare all’imperatore. Occorre anche ricordare che per lungo tempo i giovani triestini erano stati esentati dal servizio militare ed una alterazione di tale “privilegio” fu proprio la mobilitazione per la Bosnia Erzegovina.

A caratterizzare le anomalie del processo fatto ad Oberdan è anche un difetto di competenza giurisdizionale infatti il tribunale competente doveva essere quello di Gorizia poiché Monfalcone dipendeva da esso. Effettivamente il giorno 17 settembre il giudice istruttore di Gorizia avuta notizia dell’arresto si recò con il procuratore di stato si recò a Ronchi per i rilievi del caso anche in accordo con il giudice di Monfacone , ma quello stesso giorno giunse l’ordine non dal tribunale ma dal direttore di polizia in accordo con il procuratore superiore di stato il trasferimento di Oberdan a Trieste. Il procuratore superiore Schrott inoltre elimina di autorità ogni obiezione e invia il processo alla procura di Trieste. Il giorno seguente il tribunale di Gorizia ratifica il trasferimento a Trieste ai sensi dell’articolo 56 del codice di p.p. senza però accertare se la fattispecie del caso Oberdan è tra quelli previsti dal codice per il trasferimento. Inoltre dai documenti relativi all’avvio del processo a Trieste non si fa alcuna menzione al reato di diserzione, ciò fu dovuto al fatto che il tribunale di Trieste voleva accampare meriti presso la corte. Infatti le autorità militari per ben due volte sollecitarono la consegna del prigioniero e solo il 4 ottobre fu consegnato ad essa, in tale circostanza tutti i documenti della consegna furono retrodatati al primo ottobre. Tutte queste irregolarità generano notevoli dubbi sulla correttezza del comportamento delle autorità austriache.

A condannare Oberdan furono sicuramente le sue continue dichiarazioni di ostilità verso il governo e l’imperatore austriaco rese alle autorità inquirenti. Non dimentichiamo che nel 1849 dopo la caduta di Venezia a Udine fu fucilato, con sentenza di un tribunale militare Giacomo Grovic solo perché aveva parlato male dell’Austria mentre vigeva ancora la legge di guerra. Il processo a Oberdan già allora manifestò alcune pesanti ombre tanto che il giornale Allgemeine Zeitung riportò un articolo molto critico che si terminava con la seguente frase: “la situazione di Trieste richiede luce e non misteri”. L’atteggiamento non corretto della autorità giudiziaria fu essenzialmente dovuta al fatto che il ministero della giustizia austriaca già dopo l’episodio del due agosto aveva la ferma intenzione di sottrarre i processi all’ambiente locale, tale comportamento costituiva una palese violazione del diritto dell’imputato ad essere giudicato dal suo giudice naturale. Tale situazione giuridica ebbe ulteriore conferma con il processo al Sabbadini che iniziato tempo dopo e concluso con la pesante condanna a 12 anni di carcere per aver solo trasportato due patrioti di cui ne ignorava le generalità. Il tribunale supremo militare di Vienna emise la sentenza di condanna a morte mediante impiccagione il 4 novembre 1882 fu firmata dal Luogotenente Feld Maresciallo Knebel . In Italia la notizia della condanna a morte provocò numerose manifestazioni antiaustriache soprattutto quelle degli universitari bolognesi. La mattina del 19 dicembre 1882 il tribunale militare si riunì per leggere la sentenza a Oberdan che l’ascoltò scrollando le spalle senza tradire alcuna emozione.

Fu ricondotto in cella e sottoposto alla vigilanza di due sentinelle, durante tutto il giorno fumò più del solito e si divertiva gettando il fumo sulle sentinelle. Inoltre gli furono offerti i conforti religiosi che rifiutò per ben due volte dicendo: “ Sono matematico e Libero Pensatore, né credo nell’immortalità dell’anima” inoltre rifiutò l’incontro con i suoi congiunti. A tal punto è corretto evidenziare che Oberdan aderì alla Libera Muratoria soprattutto per il particolare legame di amicizia e di “cospirazione” che lo legava a Matteo Renato Imbriani Poerio . Trascorse la notte precedente all’esecuzione con tranquillità ma costantemente spiato dalle guardie per prevenire atti di autolesionismo. Oberdan si svegliò alle cinque del mattino e per evitare segni di agitazione lesse un libro almeno fino alle ore sei per poi sorbire una tazza di caffè latte, trascorse il resto del tempo fumando e passeggiando nella cella.

La forca allestita nel carcere non era una forca di forma classica ossia di L rovesciata ma semplicemente un palo di circa quattro metri di altezza sulla cui sommità era fissato un robusto uncino dal quale pendeva un robusto capestro.

Oberdan fu condotto fuori dalla cella nel cortile dove erano gia schierati un battaglione del reggimento Arciduca Alberto e altre due compagnie con bandiera e tamburi (questi listati a lutto)

Guglielmo indossava solo la giubba del reggimento Weber e dopo che il maggiore Fongarolli lesse nuovamente la sentenza fu consegnato al carnefice, in quel momento si avvicinò ancora il cappellano ma Obedan gli disse “Va via prete, non ho bisogno di te” e tolta la giubba gridò al boia

“ fa presto “ mentre il boia con due aiutanti gli legava le braccia pronunciò le seguenti parole (riportate da un soldato ungherese che conosceva bene la nostra lingua) “Muoio esultate, perché spero che la mia morte gioverà in breve a riunire la mia cara Trieste alla madre patria” .

Che Oberdan abbia parlato tutti poterono affermarlo benché il rullo dei tamburi coprisse le sue parole. Alle sette il capestro austriaco strozzava l’ultimo grido del martire “Viva Trieste libera, viva l’Italia, viva l’It “…ma ancora per altri sei minuti il corpo di Oberdan si dibattè nell’agonia e solo dopo che il medico del reggimento accertò la morte il cadavere fu staccato dalla forca e portato nella cella..

Alle 17 la salma fu portata all’ospedale militare ove fu sottoposta a sezione giudiziaria che terminò alle 20 e alle 23 fu rinchiusa in un cassone e condotta con un furgone, sotto scorta, al cimitero militare ove fu sepolta.

Secondo voci dell’epoca pare che al cadavere del patriota durante l’autopsia sia stata troncata la testa da inviare al museo antropologico di Vienna per studiarne il teschio. Tale voce non stupisce se si pensa che secondo alcuni storici la testa di Giacchino Murat (1815) fu inviata a Ferdinando IV di Borbone che la tenne presso di se fino alla sua morte.

Il sacrificio di Oberdan resta dunque sempre, ancora oggi, monito ai popoli, ai governi, ai despoti, ai dittatori. Gli avvenimenti politici successivi non hanno offuscato il valore della sua testimonianza di fede nell’idea mazziniana di libertà.


CARLO A.R. PORCELLA

Bibliografia

Nel 25/mo anniversario dell’impiccagione di Guglielmo Oberdan- appunti biografici e storici a cura del Comitato segreto della Gioventù triestina – Udine premiata Tipografia Tosolini 1907

Guglielmo Oberdan secondo gli atti segreti del processo carteggi diplomatici e altri documenti inediti- Francesco Salata – Bologna – Zanichelli 1924

Guglielmo Oberdan – Numero unico in occasione del centenario della nascita 1858- 1 febbraio 1958- scritti di A. Bandini Butti, G. Bruni, V. Furlani, G. Stuparich – Trieste Associazione Mazziniana sezione di Trieste 1958 – Udine Del Bianco.

In memoria di Antonio Giordani – Comitato onoranze nel 40/mo anniversario dell’ospitalità offerta ad Oberdan, 22 settembre 1922- Udine – Stab. Tip. Gustavo percotto & Figlio 1922

L’ora di Trieste – Giulio Caprin - Firenze- Bemporad& Figlio – Libreria A. Feltrami 1915

XX dicembre – in memoria di Guglielmo Oberdan –s.n. 1883

Quando non si poteva parlare … ed altri discorsi- Ferdinando Pasini – Trieste Libreria Internazionale c.u. Trani 1921



11 gennaio 2013

Chi tiene alta e fiera la bandiera dell'Edera e della Liberaldemocrazia è "Fermare il Declino"



Ma, insomma, questi Repubblicani mazziniani esistono ancora ?
Parliamo degli eredi di Ugo La Malfa e Randolfo Pacciardi, ovvero di coloro i quali portarono - dal dopoguerra agli anni '90 - l'Italia nel Patto Atlantico, nell'Unione Europea, resero il nostro Paese più laico, libero e civile.
La risposta è affermativa. La cultura Repubblicana mazziniana è ancora vitale, anche se non alberga più nel PRI da un pezzo.
O, meglio, sarebbe opportuno chiarire un po', così come ha fatto l'ottimo Oscar Giannino alcuni giorni fa dalle colonne de "La Voce Repubblicana", storico organo del Partito Repubblicano Italiano.
Oscar Giannino è sempre stato un Repubblicano storico che, coerentemente con la sua storia liberaldemocratica, ha fondato l'estate scorsa il movimento d'opinione "Fermare il Declino", assieme ad otto fondatori - fra professionisti ed accademici - con un elenco di dieci punti programmatici di impostazione economica liberale.
"Fermare il Declino", nel corso dei mesi, è diventato un vero e proprio movimento politico che non si propone tanto di occupare posti in Parlamento o dare testimonianza, quanto piuttosto proporre dieci interventi per la crescita:

  1. Ridurre l'ammontare del debito pubblico
  2. Ridurre la spesa pubblica di almeno 6 punti percentuali del PIL nell'arco di 5 anni
  3. Ridurre la pressione fiscale complessiva di almeno 5 punti in 5 anni
  4. Liberalizzare rapidamente i settori ancora non pienamente concorrenziali
  5. Sostenere i livelli di reddito di chi momentaneamente perde il lavoro anziché tutelare il posto di lavoro esistente o le imprese inefficienti
  6. Adottare immediatamente una legislazione organica sui conflitti d'interesse
  7. Far funzionare la giustizia
  8. Liberare le potenzialità di crescita, lavoro e creatività dei giovani e delle donne
  9. Ridare alla scuola e all'università il ruolo, perso da tempo, di volani dell'emancipazione socio-economica delle nuove generazioni
  10. Introdurre il vero federalismo con l'attribuzione di ruoli chiari e coerenti ai diversi livelli di governo.

Ora, il Partito Repubblicano Italiano al quale anche il sottoscritto fu iscritto, da parecchi anni, pur proponendo a parole un fantomatico "Progetto Liberaldemocratico", non ne ha mai delineato un programma di massima, né tantomeno ha presentato un progetto politico di ampio respiro.

Il "Progetto Liberaldemocratico" è rimasto un non-progetto, una parola vana da snocciolare così, tanto per riempire di contenuti enfatici discorsi senza alcuna prospettiva concreta.

Il PRI, da parecchi anni, diciamocelo pure, non ha nemmeno una linea politica vera e propria, è prigioniero di una Segreteria nazionale "calabrocentrica" ed autoreferenziale, da inutili litigi con un Giorgio La Malfa che non si sa nemmeno più che fine ha fatto e da una recente alleanza con Berlusconi che non ha portato alcun risultato concreto in termini politico-programmatici.

In tutto ciò è più che comprensibile che autorevoli membri della Direzione Nazionale del PRI (a cominciare dallo stesso Giannino) abbiano preso le distanze da questo partito e oggi si presentino fra le fila di "Fermare il Declino", che non è un partito politico, bensì un contenitore "non ideologico" che mira a raccogliere i consensi di tutti coloro i quali - siano essi di destra, centro, sinistra o apartitici, condividano i dieci punti programmatici delineati.

Tutto ciò mi pare ed appare ineccepibile. Il Progetto Liberaldemocratico, quello vero, sostanzioso e sostanziale, l'hanno realizzato Oscar Giannino, Luigi Zingales, Michele Boldrin ed altri autorevoli esponenti del mondo del lavoro, dell'impresa, dell'economia e della società civile.

Tornando al PRI, ovvero a coloro i quali, come il sottoscritto, hanno a cuore il destino dell'Edera, chi scrive, da parecchi anni, propone una soluzione non solo dignitosa, ma anche utilissima alle nuove generazioni.

Non sciogliere il partito, ma trasformarlo. Trasformarlo in una Fondazione culturale e ciò per tutelare un patrimonio storico-politico che, dal 1895, ha attraversato questo nostro Paese.

Del resto, e questo molti Repubblicani tendono a dimenticarlo o a non dirlo, Giuseppe Mazzini non fondò mai un partito politico con fini elettoralistici. Tutt'altro. Nel 1853 fondò il Partito d'Azione, ovvero un partito di giovani combattenti, con lo specifico copito di combattere il Trono e l'Altare, restituendo la sovranità al Popolo.

In questo PRI, ovvero in ciò che ne resta, non ci sono più né giovani, né tantomeno combattenti. Rimangono persone legate a talune poltrone, che peraltro con uno 0,1% alle elezioni politiche non onorano nemmeno più la storia gloriosa dell'Edera.

Viva dunque il Progetto Liberaldemocratico e Repubblicano di Oscar Giannino !

Viva una possibile e necessaria Fondazione Partito Repubblicano Italiano !


Luca Bagatin



7 luglio 2012

Le indagini di Marx ed Engels


Karl Marx e Friedrich Engels. Che cosa vi fanno venire in mente ?
Certo, i massimi teorici del comunismo e del socialismo scientifico. Fini filosofi ed economisti, per quanto non totalmente condivisibili, in particolare nella nostra epoca.
Il loro fu un sodalizio che andava, purtuttavia, ben oltre l'attività politica ed intellettuale. Come ricorda Eleanor Marx, figlia del celebre filosofo, i due erano uniti da un profondo senso di amicizia, legata spesso da un fine umorismo che li faceva ridere a crepapelle.
Il lato umano, ma anche filosofico ed in particolare umoristico del duo più celebre della Storia del comunismo, è tratteggiato ottimamente da Dario Piccotti ed Alvaro Torchio, entrambi laureati in Filosofia ed insegnanti di materie umanistiche. I due autori, infatti, in "Marx ed Engels: indagini di classe" (Rubbettino editore), immaginano il duo più celebre della Storia imbattersi in efferati delitti ed in storie curiose, popolate di spettri...ma davvero si tratta di fenomeni soprannaturali ?
A scoprirlo saranno gli stessi Marx ed Engels, che, indossati i panni di investigatori per caso, riusciranno a risolvere cinque enigmi dai risvolti sociali, psicologici e filosofici.
Nei racconti vedremo un Marx umile, a tratti iracondo, ma comunque innamorato della moglie e delle figlie; mentre Engels, ricco industriale inglese, sarà più pragmatico e meno idealista, ma immensamente generoso, particolarmente con l'amico.
In "Delitti spiritico", Marx ed Engels si imbatteranno in un illusionista in grado di far resuscitare i morti ma...ecco che nel teatro ove ha luogo la rappresentazione, muore un celebre membro della borghesia capitalista londinese !
In "Il vampiro assassinato", un celebre banchiere è trovato morto con un paletto conficcato nel cuore all'interno del suo studio chiuso dall'interno ! Per scagionare la classe operaia ecco pronti Marx ed Engels ad investigare.
In "Indagine durante il congresso" ci troviamo in piena preparazione della Prima Internazionale dei Lavoratori, che avrebbe visto uniti per la prima volta marxisti, mazziniani, socialisti ed anarchici. Purtuttavia uno del mambri di spicco dell'Internazionale, Georg Eccarius, ha un problema grave da risolvere: il suo futuro genero è stato coinvolto in un presunto omicidio. Gli amici Marx ed Engels, saranno dunque pronti ad offrirgli i loro servigi ed a scoprirne di più.
In "Spettri a Ramsgate", i padri del comunismo, si troveranno a risolvere un caso, per così dire, dai risvolti "soprannaturali". Purtuttavia il loro spirito positivista verrà loro in soccorso.
Per finire "Morte di un sovversivo", ove i due, giunti in Italia a trovare Giuseppe Garibaldi, si imbatteranno nell'omicidio di un giovane anarchico, seguace di Bakunin.
Lo stile dei racconti è impeccabile ed accattivante. Dei brevi "gialli di classe" in tutti i sensi, quelli di Piccotti e Torchio, ove Storia, analisi sociologica, economica, filosofica (da Kant ad Hegel passando per Feuerbach) e politica si fondono con il genere giallo.
Racconti, quelli di Dario Piccotti ed Alvero Torchio, che proseguiranno nel recente "Marx ed Engels, investigatori - Il filo rosso del delitto" (Stampa Alternativa), che prossimamente sarà nostra cura recensire.

Luca Bagatin



19 maggio 2012

Randolfo Pacciardi: profilo politico dell'ultimo mazziniano



Il clima di sfiducia endemica da parte dei cittadini nei confronti della politica italiana ci riporta alla mente un grande leader Repubblicano: Randolfo Pacciardi.
Pacciardi fu forse il primo a denunciare la crisi dei partiti, trasformatisi, dopo il centrismo degasperiano, in veri e propri centri di potere, talvolta palese, talvolta occulto.
Di Randolfo Pacciardi si ricorda poco, in quanto l'intellighenzia culturale partitocratica, cattocomunista e clericofascista, fecero di tutto per offuscarne la memoria e le battaglie politiche e culturali.
A un anno dalla bellissima raccolta di scritti e discorsi curata dall'amico repubblicano Renato Traquandi, già stretto collaboratore di Pacciardi, ed edita da Albatros, ecco approdare in libreria, per i tipi della Rubbettino, "Randolfo Pacciardi. Profilo politico dell'ultimo mazziniano", del prof. Paolo Palma.
Una biografia completa e corredata anche da rarissime foto in appendice del leader politico repubblicano, durente la Guerra di Spagna; la lotta al fascismo; nei primi comizi ed assieme a Capi di Stato e di Governo italiani e stranieri.
Paolo Palma, che Pacciardi conobbe bene, tratteggia il profilo del leader grossetano di Giuncarico, nato nel 1899, interventista della prima ora a fianco delle forze dell'Intesa e contro gli Imperi Centrali, al fine di completare l'Unità d'Italia, sull'esempio del suo maestro Arcangelo Ghisleri, uno dei padri del repubblicanesimo mazziniano.
E fu così, con l'ideale di Giuseppe Mazzini nel cuore, che Pacciardi, appena quindicenne, si iscriverà al Partito Repubblicano Italiano e successivamente sarà iniziato alla Massoneria e, nel 1917, si arruolerà nell'esercito italiano e sarà inviato al fronte, ove brillerà per ardimento, in particolare collaborando con le truppe anglo-francesi e sarà decorato con la Military Cross e della Croix de guerre avec palme.
A guerra terminata, nonostante i fascisti lo corteggino affinchè passi nelle loro fila, Pacciardi sarà fra i primi a rifiutare tali tendenziosi inviti e a denunciare il pericolo totalitario e filo-monarchico del nascente movimento mussoliniano.
Fonderà dunque giornali antifascisti della primissima ora (cosa assai rara, per quei tempi, se pensiamo che numerosi comunisti e socialisti passeranno presto nelle file del Duce e che lo stesso Giovanni Spadolini, successivamente Segretario del PRI, sarà collaboratore dell'organo antisemita "La Difesa della Razza") e ben presto fonderà il primo movimento antifascista denominato "Italia Libera",  su principi mazziniani, repubblicani, contro ogni tipo di lotta di classe e per l'esaltazione del socialismo etico e dell'insurrezionalismo risorgimentale.
Rondolfo Pacciardi, infatti, fu Repubblicano che seppe rivalutare il pensiero liberalsocialista di Giuseppe Mazzini, contrapposto al nascente bolscevismo e, ovviamente, al fascismo nazionalista.
Fu così che, nel 1925, partecipò ad un tentativo insurrezionale per rovesciare il regime fascista, che, purtroppo, fallì e fu così che, nel 1926, Pacciardi, sarà affidato al confino, ma riuscì a fuggire in Svizzera, rimanendo in contatto con il movimento antifascista "Giustizia e Libertà" e gli anarchici e tentando, nel 1931, di organizzare un'attentato dinamitardo contro Mussolini, anch'esso fallito.
Nel 1936 parteciperà alla Guerra civile spagnola, al comando della celebre e prestigiosa Brigata Garibaldi, contro le truppe nazifasciste e franchiste ed opponendosi persino ai tentativi dei comunisti di annientare socialisti ed anarchici.
Pacciardi, da buon mazziniano, fece poi di tutto per fondere il PRI al Partito d'Azione ed attestando il movimento repubblicano nel solco del socialismo non marxista e liberale e questo sarà il suo obiettivo per tutto il dopoguerra, ove, nel frattempo, fu eletto più volte Segretario del PRI.
Sarà dunque chiamato da Alcide De Gasperi alla Vicepresidenza del Consiglio e successivamente a presiedere il Ministero della Difesa sino al 1953, nei primi governi centristi DC-PRI-PSLI-PLI.
Fu, assieme a Sforza ed Einaudi, fra i più accesi sostenitori del Piano Marshall per la ricostruzione e del Patto Atlantico, anche in funzione anticomunista.
Priorità di Pacciardi fu sempre, infatti, quella di arginare un nuovo pericolo totalitario, nel dopoguerra proveniente dall'URSS e dal suo partito satellite, il PCI.
Fu così che Pacciardi iniziò a sviluppare la sua idea presidenzialista, sull'esempio dell'antifascista francese De Gaulle, e a sviluppare le sue idee federaliste in funzione anti-separatista ed anti-nazionalista, anche sull'esempio della Costituzione degli Stati Uniti d'America.
Feroci furono le critiche al sistema partitocratico, ovvero a quella che Pacciardi definiva una nuova dittura dei partiti, fatta da interessi di retrobottega ai danni dei cittadini. Ed in questo fu il primo a denunciare il sistema diffuso delle tangenti, della corruzione e delle correnti nei partiti.
Il suo anticomunismo lo porterà ad esaltare il centrismo degasperiano e a diffidare dei socialisti di Nenni, i quali erano ancora troppo vicini al PCI ed al marxismo. Fu così che egli votò contro il primo governo di Centro-Sinistra allargato al PSI.
Pacciardi avrebbe preferito infatti la costituzione di una Terza Forza laica, comprendente repubblicani, socialdemocratici e liberali, da contrapporre, con il tempo, sia alla DC che al PCI.
Il suo voto contrario al Centro-Sinistra, oltre che le critiche alla partitocrazia, ad ogni modo, gli costò l'espulsione dal PRI di Ugo La Malfa e l'ostracismo di gran parte dell'arco parlamentare che, da allora, lo bollerà come fascista e da allora sarà persino fatto seguire dal servizio segreto italiano, il Sifar.
Pacciardi, ad ogni modo, non si perderà d'animo e nel 1964, fonderà il movimento d'ispirazione gollista, nè di destra, nè di sinistra, Unione Democratica Nuova Repubblica, recante per simbolo una primula stilizzata, il quale, pur avendo vita breve e scarsi risultati elettorali, porrà le basi per una nuova battaglia politico-culturale ancora oggi di strettissima attualità: la proposta di far eleggere il Presidente della Repubblica, con funzioni di governo e slegato dai partiti, da parte dei cittadini.
Randolfo Pacciardi, richiamava così l'antica battaglia di Mazzini per una Repubblica democratica di popolo, lontana dai giochi di potere e restituita ai cittadini.
Ciò, ad ogni modo, gli costerà nuove diffidenze, in particolare quando alla battaglia presidenzialista si unirà l'ambasciatore Edgardo Sogno, liberale e già eroe antifascista, ingiustamente accusato di golpismo solo perché aveva dichiarato che avrebbe arginato, assieme a Pacciardi, ogni tentativo di presa del potere da parte del PCI, allora finanziato dalla dittatura sovietica, ed auspicato un governo di emergenza presieduto dallo stesso Pacciardi.
L'ultima battaglia presidenzialista ed antipartitocratica di Pacciardi e Sogno, ad ogni modo, si terrà nel 1975, al Teatro Adriano di Roma, dal titolo "Una soluzione democratica alla crisi di regime", con i giovani del Partito Liberale, pronti ad ostacolare la polizia qualora avesse tentato di far arrestare Sogno.
Randolfo Pacciardi, ad ogni modo, rientrerà nel PRI nel 1980, per morire, ultra noventenne, nel 1991.
La sua idea di riforma presidenziale sarà ripresa dal socialista Bettino Craxi, il quale, confiderà proprio di essersi ispirato a Pacciardi.
Tutto ciò e molto altro è scritto e documentato dal prof. Paolo Palma nell'agile biografia che abbiamo, testè, tentato di riassumere.
E' un testo, assieme a quello dell'amico Traquandi, pubblicato lo scorso anno, da leggere e diffondere in quanto di strettissima attualità.
Probabilmente se oggi, in luogo dei Beppe Grillo, ci fosse un Randolfo Pacciardi, ovvero una personalità di questo tipo, con solide radici culturali e democratiche, forse, una reale speranza di rinascita onesta, civile e democratica per l'Italia, ci sarebbe davvero.
Occorre dunque ai nuovi mazziniani e presidenzialisti, riprendere questa battaglia non ancora vinta.

Luca Bagatin



7 febbraio 2012

Per una Nuova Repubblica...ricordando quella Romana


La Repubblica Romana e chi se la ricorda più ?
Se non ci si ricorda di essa allora significa che non la si è voluta ricordare. Ed in effetti, se andiamo alle cronache scolastiche, non è che la si approfondisca poi molto, per quanto, tale storico avvenimento è e fu per l'Italia la base della sua futura democrazia.
Ma, andiamo con ordine.
Che cosa accadde esattamente il 9 febbraio del 1849 ?
Fu proclamata, appunto, la prima Repubblica libera, democratica e laica d'Italia. Con una Costituzione ben più libera, democratica e laica, persino della Costituzione della Repubblica italiana del 1948 che, invero, nacque dal tristissimo compromesso fra clericali e comunisti, ovvero i continuatori di quel fascismo che, a parole, dicevano di voler combattere.
Ordunque della Repubblica Romana e della conseguente Costituzione, Giuseppe Mazzini ne fu il propugnatore ed ispiratore politico e fu grazie al valore militare ed al sangue versato dai garibaldini e dal popolo romano, se i moti insurrezionali ebbero successo ed il Papa Pio IX si vide costretto a fuggire a Gaeta.
Fu dunque una rivoluzione di popolo quella che porterà Mazzini al Quirinale, trimunviro assieme ai repubblicani Aurelio Saffi e Carlo Armellini.
Una volta scacciato Papa Pio IX, dunque, la Repubblica si dotò immediatamente di una Costituzione liberale la quale, agli Articoli I e II, stabiliva che la sovranità spettasse unicamente al Popolo, il quale si dava per regola tre principi fondamentali: l’eguaglianza, la libertà e la fraternità, senza riconoscere alcun privilegio di casta o di titolo nobiliare.
In tutto il Documento si può peraltro notare come essa ricalcasse perfettamente i principi della Costituzione democratica degli Stati Uniti d’America redatta alla fine del ‘700, ovvero quanto gli USA avevano scacciato il tirannico regime monarchico inglese. Inoltre si può notare quanto fosse liberale e tutt’altro che antireligioso lo spirito di tale Costituzione, la quale, all’Articolo VIII dei Principi Fondamentali stabiliva che al Papa sarebbero comunque state concesse tutte le “guarentigie necessarie per l’esercizio indipendente del potere spirituale” e, all’Articolo precedente, si stabiliva la piena libertà religiosa dei cittadini della Repubblica.
I risorgimentali mazziniani, peraltro, fondarono la Repubblica non su valori materialisti ed ateistici, bensì su valori spirituali e teisti, considerando la Divinità - ovvero il concetto "Dio e Popolo" impresso nella bandiera Tricolore della Repubblica - quale entità adogmatica al di sopra di ogni Potere costituito o, peggio, prostituito come invece era quello papalino.
La Repubblica Romana sopravvisse solamente cinque mesi: soffocata nel sangue il 3 luglio 1849, dopo un mese di assedio, dai soldati francesi di Napoleone III alleati al Papa. Purtuttavia essa fu un evento storico fondamentale e di svolta nelle lotte risorgimentali per l’Unità d’Italia nonché per gettare il seme della speranza verso la creazione di uno Stato laico, civile e repubblicano.
Uno Stato libero dall’influenza della Chiesa e di Casa Savoia, entrambe ree di aver gettato gli italiani, specie i popolani e le classi sociali meno abbienti in generale, nel più nero sottosviluppo.
Oggi, dicevamo, a parte qualche fugace passaggio televisivo come ad esempio la fiction dedicata alla figura di Anita Garibaldi, recentemente andata in onda su Rai Uno, della Repubblica Romana non vi è quasi traccia fra il popolo, spesso bue, che rischia ogni giorno di più di involvere e di mandare al Potere la solita masnada clericale, cattocomunista, leghista o conservatrice senza nè arte nè parte.
Occorrerebbe tornare allo spirito dei giovani mazziniani che si immolavano per la Repubblica. Una Repubblica che, con Randolfo Pacciardi, vorremmo Nuova: senza finanziamenti pubblici a partiti e sindacati; Presidenziale nel solco degli insegnamenti di Mazzini; laica perché non asservita a nessuna volontà religiosa o di parte.
Occorrerebbe un'unità dei laici, dei repubblicani, dei liberali, dei liberalsocialisti sparsi in ogni dove. Occorrono soprattutto giovani che delle "mummificate celebrazioni" accademiche non ne possono più. E che non ne possono più di essere soggetti e personale politico incapace o quasi centenario.
Sono appena passate le celebrazioni dei 150 anni di Unità d'Italia, ma nessuno ancora si rende conto che, forse, l'Italia andrebbe riunificata nuovamente. Andrebbero denunciate ed annullate le sacche di parassitismo, clientelismo, corruttela presenti in ogni dove. Andrebbero decurtati del 40 - 50% tutti gli emolumenti e stipendi alla classe politica, che dovrebbe svolgere una funzione di servizio alla comunità e non vivere alle spalle di essa. Andrebbero laicizzati e democratizzati i programmi di insegnamento, introducendo nelle scuole i "Doveri dell'Uomo" di Mazzini, piccolo compedio di vita morale, etica e civile, lontana anni luce dalle assurdità anti-umanitarie del marxismo che corruppe un'infinità di menti a cavallo fra gli anni '60 e '70 del Novecento.
Occorre, insomma, tornare sulle barricate per una nuova Repubblica Romana, anzi, per una nuova Repubblica Italiana.
Perché questa qui non ci piace punto.


Luca Bagatin



3 ottobre 2011

La Rossa e il Garibaldino

Maria la Rossa ed Emanuele, anzi, Manue.
Lei una contadina ligure dai capelli rossi, lui un garibaldino che combettè - assieme al Generale Giuseppe Garibaldi - nella battaglia di Mentana.
Maria, grande lavoratrice ed "iniziata" alla medicina popolare, con la quale cura misticamente i malati del paese.
Manue, cittadino fiero ed appassionato. Colto ed amante dei circoli massonici risorti dopo l'Unità d'Italia e nei quali si riunisce periodicamente a Genova. Poco dedito al lavoro, Manue, ma sicuramente fedele a Maria la quale, purtuttavia, in campagna ha un gran da fare fra mungitura e raccolta delle olive.
Sarà proprio per queste ragioni che caccerà di casa Manue e frequenterà un altro uomo, Angelo, contadino e fervente cattolico, anche se non sempre fedele alla moglie.
Tale l'affresco risorgimentale e post-unitario del piccolo romanzo di Agostino Pendola, quasi un racconto lungo “La Rossa e il Garibaldino”, edito da De Ferrari di Genova, in un'elegante edizione che reca in copertina la foto storica del garibaldino Luigi Canessa, eroe di Mentana.
Agostino Pendola, classe 1953, di Rapallo, già collaboratore de "La Voce Repubblicana" e de "Il Pensiero Mazziniano", ha, in passato, già dato alle stampe importanti saggi quali: "Anticlericali e mazziniani nella Rapallo di fine Ottocento" e "L'Eccidio del Muraglione e altre storie della Resistenza Rapallese".
In questa sua ultima opera ci presenta, senza troppe pretese, alcuni piccoli protagonisti dell'Unità d'Italia: siano semplici contadini o reduci garibaldini. Una società innocente, in sostanza, anch'essa protagonista - a pieno titolo, al pari dei Grandi del Risorgimento - della Storia d'Italia.

Luca Bagatin


sfoglia     agosto        ottobre






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini