.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


29 gennaio 2015

"Eretico, erotico, eroico": aforismi e riflessioni by Luca Bagatin

..."quando si è vicini alla morte gli uomini e le donne si donano di più all'amore..."

"Si sta creando un'umanità molto diversa, molto conformista e omologata a livello continentale e mondiale.
La società di consumo ci domina in modo imperativo, da tutte le parti come una grandissima ragnatela dalla quale non riusciamo a uscire, che ci ruba la libertà e determina il fatto che non ci sia più bisogno dell'esercito militare per dominarci. A che scopo ? Oggi sarebbe troppo violento ! Ci domina sottilmente, con la propaganda televisiva, con le campagne di marketing, con i colori, con i programmi, governa le nostre vite e ci tiene assoggettati ben bene attraverso tutte queste cose.

(José "Pepe" Mujica, ex guerrigliero tupamaro ed ex Presidente della Repubblica dell'Uruguay.
(Tratto da "La felicità al potere" EIR edizioni)
 


L'elezione del nuovo Presidente della Repubblica non mi riguarda davvero. E a voi ? A voi riguarda ?

Assieme ad ebrei, testimoni di geova, zingari, oppositori politici ed omosessuali, nei lager nazisti finivano anche i massoni.
Ma perché i mass-media italiani OSCURANO ancora questa notizia ?
Dopo aver fatto politica per quasi vent'anni sono giunto alla conclusione che sarebbe preferibile una (pseudo)"dittatura" castrista o chavista ad una (pseudo)"democrazia" europeista, merkeliana, obamiana, globalista, imperialista.
La vera crescita dovrebbe essere umana, spirituale, sociale.
Lasciando la fredda economia e la fredda politica ai frustrati ed ai repressi di sempre.
A ragion veduta preferirei essere stato un componente della Loggia Propaganda nr. 2 piuttosto che un membro (e sottolineo membro) del Movimento 5 Stelle.
La Squadra ed il Compasso, simbolo cardine della Massoneria, è un'allegoria che rappresenta, per molti versi, l'unione fra il Cielo – principio maschile rappresentato dal Compasso – che si unisce con il principio femminile rappresentato dalla Squadra, la quale potrebbe allegoricamente rappresentare la Dea Madre Terra, in una perfetta unione d'amore cosmico che, per molti versi rappresenta a sua volta la vera Porta Alchemica che dà la vita, ovvero una Vagina





18 gennaio 2015

In memoria di Bettino Craxi a quindici anni dalla morte

E' paradossale che – a quindici anni dalla morte di un grande statista – l'Italia di oggi sia governata da un piccolo politico autoritario con tanti nei in faccia, amico dei Poteri Forti, amico dei banchieri e delle élite finanziarie d'Europa ed Occidente. Un piccolo uomo figlio peraltro dell'incultura cattocomunista, ovvero della conservazione all'italiana in salsa berlingueriana.

E' paradossale che, quello che i comunisti di allora definivano in modo spregiativo “il Cinghialone”, fosse in realtà l'unico leader riformista e di sinistra dell'epoca e soprattutto sia stato anche l'ultimo.

Con l'avvento del golpe di Tangentopoli che – cosa unica nel mondo cosiddetto civile – spazzò via i partiti di governo per aprire la strada alle destre (sia nere che rosse) e l'esilio di Bettino Craxi ad Hammamet, infatti, la sinistra italiana è per sempre morta. E così la democrazia in questo nostro Paese, sostituita da leggi elettorali incostituzionali ed autoritarie, come autoritarie sono le misure adottate in particolare da quest'ultimo governo, che ha fatto strage di disoccupati e lavoratori.

Del resto Bettino era figlio naturale di un socialista e fu figlio politico di un socialista che in gioventù fu persino anarchico e repubblicano, ovvero Pietro Nenni. La sua, insomma, fu una storia libertaria sin dalle origini. E non fu un caso se, nel 1976, volendo rompere con la tradizione reazionaria del movimento operaio, ovvero con la tradizione marxista, parlò di Proudhon, ideatore del socialismo anarchico; parlò di Garibaldi, recuperando l'idea del Socialismo Umanitario e Nazionale; perlò di Carlo e Nello Rosselli, ricollegandosi così alla tradizione mazziniana del Partito d'Azione.

E, sia prima che durante gli anni del suo Governo, mai smise di finanziare i Movimenti di Liberazione Nazionale da quello socialista greco guidato da Panagulis sino a quello cileno e mai smise di dialogare con le avanguardie libertarie, con i Radicali, con le avanguardie operaie, con Lotta Continua, Autonomia Operaia, Democrazia Proletaria ecc... Cosa che i cattocomunisti, sin dai tempi di Berlinguer, mai vollero fare, preferendo dialogare con la Democrazia Cristiana, al punto che i loro eredi, oggi, hanno fondato il Partito Democratico, un frammisto di moderatismo e conservatorismo che li porta naturalmente agli antipodi dell'Internazionale Socialista, di cui pur hanno – indebitamente – fatto parte.

Sarà che da tempo nell'Internazionale Socialista non ci sono più i Papandreu, i Gonzales, i Mitterand, ovvero i rappresentanti autentici del socialismo delle origini, oggi sostituiti dai servi della BCE e del Fondo Monetario Internazionale quali Hollande e Schulz.

Bettino Craxi, amato dai laici al punto che il suo approdo voleva essere un grande partito della democrazia laica, che vedesse uniti socialisti, radicali, verdi, repubblicani, socialdemocratici e libertari, oltre che amato dalla destra nazionale che in lui vide il leader in grado di riportare il Made in Italy nel mondo e ridiede una nuova sovranità all'Italia, senza mandarle a dire nemmeno agli Stati Uniti d'America (vedi la vicenda di Sigonella), fu anche l'ideatore della Grande Riforma, ovvero il rafforzamento del governo in chiave presidenzialista e fu il principale acerrimo nemico di quei Poteri Forti bancari ed imprenditoriali che finiranno presto – grazie al golpe di Tantengopoli - per svendere l'Italia, attraverso indiscriminate privatizzazioni.

Craxi fu peraltro sempre molto critico nei confronti del rigoroso Trattato di Maastricht che egli avrebbe voluto rinegoziare, ovvero nei confronti di un'Europa unita che avrebbe avvantaggiato unicamente le élite economico-finanziarie a tutto scapito dei cittadini.

E' aberrante pensare che egli sia morto da sconfitto e che oggi al potere – quello con la P maiuscola – ci siano i suoi più acerrimi nemici, ovvero coloro i quali sono riusciti ad attuare quelle politiche anti-popolari che egli aveva tentato di contrastare.

Ed è aberrante pensare che costoro, travestiti da “uomini di sinistra”, si siano rivelati invece i più reazionari servi della BCE e del FMI.

Noi socialisti senza tessera, né di destra né di sinistra, noi libertari, noi repubblicani mazziniani e garibaldini, onoriamo, ad ogni modo, la memoria di questo grande uomo che – se oggi fosse ancora fra noi – avrebbe fatto grande questa Patria, da troppo tempo violentanta e vilipesa.


Luca Bagatin



16 dicembre 2014

L'inutilità clericale delle "Sentinelle in piedi" e la società dei consumi

Francamente non comprendo le cosiddette “battaglie” delle cosiddette “Sentinelle in piedi”.

Non comprendo perché ce l'abbiano con le coppie omosessuali che desiderano – legittimamente – veder riconosciuto il loro amore di fronte alla legge. Non comprendo la loro idea di “famiglia naturale”, quasi che esistessero forme di “famiglia innaturale”. Al massimo esistono famiglie snaturate, come quelle che maltrattano i propri figli (talvolta li uccidono anche...sic !), oppure sono fondate sul mero interesse economico. Ma su questo, a quanto pare, le “Sentinelle” rimangono sedute e silenti.

Non comprendo, poi, perché ad una coppia o ad un singolo individuo – indipendentemente dal sesso, perché il sesso non dovrebbe essere superiore ai sentimenti, all'amore, anche per un ipotetico figlio – dovrebbe essere negata l'adozione di un figlio.

Non comprendo nemmeno che cosa interessi a queste “Sentinelle in piedi” se una persona – preda di indicibili sofferenze fisiche e/o morali - decide di farsi praticare l'eutanasia, oppure decide di farsi praticare il suidicio assistito, come dignitosamente avviene nella civilissima Svizzera. Tutte cose, precisiamo – come per quanto concerne il matrimonio omosessuale e l'adozione a single o a omosessuali – peraltro non possibili in un Paese illiberale ed incivile come l'Italia !

Illiberale ed incivile perché lede la libertà di coscienza individuale del singolo.

Per cui, francamente, non comprendiamo queste “Sentinelle”, così come, parimenti, non comprendiamo i loro aggressori.

Tutti hanno il diritto di manifestare, anche la cosa più sciocca possibile ! Anzi, se la manifestazione è ritenuta sciocca, tanto vale ignorarla allora !

E' davvero triste pensare a quanto sia mutato il costume italiano al punto che le battaglie civili e libertarie dei nostri Anni '60 e '70 siano scomparse per lasciare spazio a ideologie clericali da una parte – quelle delle “Sentinelle” appunto - e ad ideologie commercial-consumistiche dall'altra.

In questo bailamme assistiamo a coppie che si sposano presto e presto divorziano (il famoso consumismo usa-e-getta dei prodotti viene quindi applicato anche alle persone ed ai sentimenti). Magari nel frattempo hanno anche figliato e quindi i loro bambini si trovano nella triste condizione di vedersi sballottare da un genitore all'altro !

Di questo, però, nessuno parla. Nessuno mette bocca, nessuno dice: ma prima di formarvi una famiglia sarete in grado di amarvi e onorarvi per tutta la vita, oppure lo fate solo per colmare la vostra vanagloria di persone insoddisfatte e bisognose di far credere a voi stesse che, con un matrimonio e figliando, le cose andranno meglio?

Il nocciolo della questione non è tanto il matrimonio omosessuale o meno, ma la capacità o meno di una coppia di amarsi nel lungo periodo. Ed è un problema sociologico e sentimentale, oltre che politico. E' un problema che nasce e si sviluppa anche e proprio in presenza di un sistema economico consumistico-pubblicitario, fondato sui cosiddetti “bisogni indotti” e sull'assenza di relazioni autentiche, siano esse relazioni sentimentali, amicali, famigliari...che magari vadano oltre l'utilizzo degli idioti e limitanti “social-network”.

Di questo, ad ogni modo, le cosiddette “Sentinelle in piedi”, che pur si autoproclamano paladine della “famiglia naturale composta da un uomo e una donna”, non parlano.

E non ne parlano nemmeno i cosiddetti “laici”, i cosiddetti “liberali”, i cosiddetti “socialpappisti all'italiana” venduti al renzismo imperante e dimentichi della spiritualità gandhiana, degli insegnamenti di Mario Pannunzio, di Ernesto Rossi e finanche di Moana Pozzi e di Roberta Tatafiore.

Ne scriviamo noi, per quel che può servire.


Luca Bagatin



11 dicembre 2014

L'inutilità dei partitini comunisti italiani e la necessità di una profonda svolta sociale in Italia e in Europa. Sull'esempio dell'America Latina

Pare che ritorni il vecchio PCI, anzi no, il vecchio Pcd'I.

Il comitato centrale del Pdci (Partito dei Comunisti Italiani) ha deciso in questi giorni di cambiare nome e di tornare alla denominazione del 1921, ovvero Partito Comunista d'Italia e ciò – si legge nel documento approvato dal comitato – per rilanciare una soggettività comunista più grande.

Che cosa ciò significi non è dato di saperlo, visto che, in Italia, esistono già innumerevoli sigle comuniste. Comuniste almeno a parole e tutte pressoché piccole e/o piccolissime.

I Comunisti Italiani, ad ogni modo, saranno ricordati come i servitori dei Governi Prodi, D'Alema e Amato, ovvero quelli che ruppero con la Rifondazione di Fauso Bertinotti che, tutto sommato, era un socialista libertario.

Cossutta, Diliberto, Bertinotti, ad ogni modo, sono oggi tutti pressoché scomparsi, così come i loro partitini. Persino Gennaro Migliore si è convertito al renzismo e quanto a Niki Vendola, al capitale si è venduto da quel dì.

Poveri Marx ed Engels che, oltretutto mai avrebbero voluto fondare un partito politico elettoralistico ma, con il loro Manifesto auspicavano un grande movimento di massa per l'emancipazione del proletariato. E si tenga conto, oltretutto, che Engels manteneva un fitto dialogo epistolare con Filippo Tutrati, che fu il padre del Socialismo italiano e che sarà vilipeso da generazioni di “comunisti” (a parole, come dicevamo prima, visto che lo stesso Palmiro Togliatti non disdegnò di votare l'introduzione dei fascisti Patti Lateranensi in Costituzione, assieme ai democristiani ed Enrico Berlinguer con i democristiani andava a nozze sin dai tempi di Moro) !

Il proletariato o, meglio, il nuovo proletariato italiano (parliamo dei molti precari, disoccupati, pensionati sociali ecc...) è stato prima martoriato da Prodi, D'Alema e Amato e successivamente dai vari governi Berlusconi, Monti ed infine Renzi. Attraverso politiche restrittive e di austertità mai davvero contestate da un serio movimento di massa organizzato. La stessa CGIL mai ha davvero garantito i non garantiti, i disoccupati, i precari, eccetera !

Più che di partiti o partitini comunisti, di starlette della “gauche au caviar”, oggi occorrerebbe una profondissima svolta sociale.

Come avranno osservato diversi miei lettori, da diverso tempo sono un osservatore attento dell'evoluzione sociale, politica, culturale ed umana dell'America Latina. Lì leader socialisti autentici quali Hugo Chavez, Evo Morales, José Mujica ed i coniugi Kirchner, hanno saputo davvero ridurre le diseguaglianze sociali, abbattere l'analfabetismo, ridurre la disoccupazione ed aumentare il prodotto interno lordo.

Lì il socialismo autentico ha trionfato. Qui da noi ed in tutta Europa, diversamente, il cosiddetto "socialismo" sembra essere una grande burletta al soldo delle élite. Renzi socialista ? Hollande socialista ? Schulz socialista ? Ma non fateci ridere !

E quanto ai “nuovi comunisti”, ci chiediamo davvero a chi ed a che cosa possano essere utili se non alla vanagloria di qualche vecchio o nuovo esponente in cerca di notorietà politico-mediatica.

Il futuro è altro, ovvero il Socialismo del XXIesimo secolo made in Latinoamerica, senza dimenticare la proposte libertarie di Ron Paul negli USA, che vanno dall'abolizione della Federal Reserve (l'equivalente della nostra Banca Centrale Europea) sino al ritorno della sovranità monetaria ed alla promozione dei diritti civili !


Luca Bagatin



13 marzo 2014

Quando la politica fa strage di libertà e non rispetta le sue stesse leggi

L'Italicus...oops...l'Italicum passa alla Camera.

Più che un Italicum, in effetti, ricorda la strage dell'Italicus, come scrivemmo nemmeno un mese fa.

Una strage politica ai danni dei cittadini e della Costituzione. L'ennesima strage.

Una strage che – appunto – fa strage, oltre che di milioni di voti, anche della recente sentenza della Corte costituzionale che aveva bocciato il Porcellum proprio in quanto le liste erano bloccate e si era in presenza di sbarramenti.

Sbarramenti e liste bloccate ancora una volta presenti del pastrocchio Renzusconiano.

Una legge degenere e degenerata dunque l'Italicum, fotografia della classe politica odierna e degli ultimi vent'anni.

Una legge che passa sopra a chiunque pur di proclamare la dittatura del Partito Unico destrocentrosinistrico, ovvero la dittatura del Potere contro l'interesse e la libertà del cittadino.

Una dittatura che va fermata quanto prima, con la legislazione vigente, prima che anche questa sia spazzata via da politicanti che non hanno più il consenso di nessuno ormai da parecchi anni.

A legislazione e a Costituzione vigente, infatti, scrivevamo nel nostro articolo del dicembre scorso: Sarebbe corretto andare al voto, con il proporzionale puro e candidando solo personale politico che non abbia né scritto né mai votato leggi incostituzionali. Sarebbe corretto inoltre che, lo ribadiamo, quelle forze politiche che in tutti questi anni hanno sostenuto, scritto e votato leggi incostituzionali in Parlamento fossero sanzionate (magari pecuniariamente, così da rimpinguare le casse dell’erario con denaro finalmente non proveniente dalle tasche dei contribuenti, bensì da quelle dei politicanti).

La Costituzione repubblicana, piaccia o non piaccia, infatti, prevede solo ed unicamente il proporzionale puro.

E' evidente che Renzi e Berlusconi – ammiratori della Russia di Putin e dei suoi metodi stalinisti - della Costituzione repubblicana non sanno che farsene. Urge fermarli al più presto, attraverso il non voto, l'astensione consapevole alle elezioni europee e politiche e la testimonianza civile e nonviolenta contro una classe politica che sta coprendo l'Italia di vergogna e di ridicolo ogni giorno di più, togliendo ai suoi stessi cittadini la libertà di esprimersi.


Luca Bagatin



13 gennaio 2014

Bettino Craxi: colui il quale rese protagonista il Socialismo liberale in Italia

Sono passati quattordici anni da quando Bettino Craxi lasciò questa terra.

Uno statista a cui furono negati i funerali di Stato. Uno statista bollato come “criminale matricolato”.

Uno statista che, ad ogni modo, non ebbe bisogno di alcuna riabilitazione postuma, giacché la sua storia politica e personale vinsero su tutto il resto.

Il Socialismo liberale rilanciato da Bettino Craxi dal 1976 in avanti, ovvero il recupero della tradizione dei Filippo Turati e dei fratelli Carlo e Nello Rosselli - con punte di garibaldinismo e di mazzinianesimo repubblicano - hanno trionfato già alla fine degli Anni '80 in tutto il mondo.

Fu quel Socialismo, inviso alla tradizione cattolica, comunista e fascista italiana che rese Bettino Craxi il nemico numero uno, da battere e combattere con ogni mezzo.

E fu un peccato proprio perché, con la fine politica e personale di Bettino Craxi, in Italia morirà anche la Sinistra.

Un interessante saggio a cura di Andrea Spiri e edito da Marsilio alcuni anni fa, dal titolo “Bettino Craxi, il riformismo e la sinistra italiana”, il quale raccoglie numerosi interventi di studiosi ed autorevoli esponenti socialisti, ripercorre un po' il rapporto fra il Psi di Craxi ed il Partito Comunista Italiano. Un rapporto duro ma franco, almeno da parte di Craxi, il quale, con a caduta del Muro di Berlino propone ai comunisti di entrare nel Psi e di costituire un grande partito di sinistra di Unità Socialista. Fu un'illusione durata poco, in quanto i comunisti, sin dal 1948 e con sempre maggiore vigore negli Anni '70 – '80 e '90, cercheranno un rapporto privilegiato unicamente con il mondo cattolico e conservatore. Non sarà un caso se, proprio la caduta del sistema dei partiti democratici in Italia, porterà alla nascita di due grandi comitati d'affari che, solo nominalmente, si schiereranno uno a destra (il Polo berlusconiano in salsa fascio-leghista) e l'altro a sinistra (il carrozzone cattocomunista).

A Bettino Craxi sarà attribuito di tutto e di più, proprio a lui che, nel 1993 affermerà candidamente che il sistema di finanziamento pubblico illegale ai partiti era un sistema che tutti conoscevano e ne facevano uso ed abuso. Fece comodo, allora, anche nel suo stesso Psi fare gli gnorri e attribuire a lui ed unicamente a lui tutte le colpe.

Ma, andiamo con ordine. Chi fu Bettino Craxi ?

Figlio di un avvocato socialista, antifascista della prima ora, Craxi respirerà sin da ragazzo l'aria riformista di Milano, che lo porterà presto a ricoprire importanti incarichi di Assessore al Comune e, via via, importanti incarichi nella Direzione Nazionale del Psi.

Nel 1976, socialista autonomista sostenuto dal Padre della Nazione Pietro Nenni riuscì, grazie all'appoggio della sinistra socialista di Claudio Signorile, a farsi eleggere Segretario nazionale del partito. Un partito, quello socialista, che Craxi saprà rinnovare culturalmente, politicamente e sotto il profilo dell'immagine. Il Psi craxiano diventerà finalmente un partito moderno, liberale, libertario, nazionale, interclassista. Aperto al mercato ed al mondo del lavoro in un'Italia che stava rapidamente mutando.

Il Psi di Craxi sarà sì anticomunista, ma farà di tutto per “socialdemocratizzare” i comunisti. Purtuttavia non riuscendovi mai.

Aspre furono le lotte “a sinistra”, ma la Storia diede ragione ai socialisti e torto ai comunisti: con l'abbattimento della scala mobile, voluto da Craxi, infatti, l'inflazione scenderà vertiginosamente e chi ricorda gli Anni '80 craxiani li ricorda come una nuova età dell'oro sotto il profilo economico e sociale.

Inoltre Craxi, pur perseguendo una politica atlantista, fu amico e sostenitore, anche finanziario, di tutti i movimenti di liberazione da quello socialista greco guidato da Panagulis sino a quello cileno. In questo senso recuperò, coscientemente, lo spirito internazionalista incarnato da Giuseppe Garibaldi, che fu l'eroe al quale si ispirò per tutta la vita, possedendone anche numerosi cimeli.

Interessante e profondo fu poi il rapporto fra il Psi di Craxi ed il Partito Radicale di Marco Pannella, che li vide uniti in battaglie come il divorzio, l'aborto, il voto ai diciottenni, la separazione delle carriere dei magistrati e la responsabilità civile dei giudici. Rapporto che, negli Anni '80, portò anche ad una lista comune che vide uniti, in alcuni collegi senatoriali, il Psi, il Psdi ed il Partito Radicale.

Purtuttavia, pur essendovi allora le condizioni per la nascita di una terza forza laico-radicalsocialista (come accadde qualche tempo prima in Francia, con Mitterand), tutto sfumò ben presto a causa della diffidenza craxiana nei confronti di Pannella da una parte e dalle strategie pannelliane, che a tutto tendevano tranne che a creare una terza forza laica.

Fu un vero peccato perché in questo modo il 25% dell'elettorato laico divenne, ben presto, via via ininfluente, finendo per favorire i due conservatorismi, quello cattolico e quello comunista che, dal 1994, finirono per prendere il sopravvento assieme ai neofascisti ed ai leghisti, sdoganati da Berlusconi.

E' improprio dire che Berlusconi fu l'erede di Craxi. E ciò per molte ragioni. E' vero che Berlusconi gli fu amico, ma è altrettanto vero che i due avevano idee e prospettive politiche molto distanti, se non diametralmente opposte.

Se Craxi da una parte vedeva Berlusconi come un innovatore in ambito televisivo, da contrapporre al monopolio lottizzato e partitocratico della Rai, dall'altra Berlusconi utilizzò Craxi unicamente per il proprio tornaconto personale.

Purtuttavia va notato che, allorquanto i partiti democratici e laici della Prima Repubblica scomparvero, uccisi dalla mannaia giustizialista del biennio 1992-1993, gli elettori socialisti preferirono in massa il Polo berlusconiano rispetto a quello cattocomunista.

E non fu un caso, peraltro, che intellettuali marxisti (poi su posizioni socialiste liberali) come Lucio Colletti, aderissero e diventassero deputati della “prima edizione” di Forza Italia.

Allora Forza Italia, almeno a parole, portava avanti un programma di riforme liberali e laiche che coagularono presto attorno ad essa energie liberalsocialiste e repubblicane. Ma fu un breve idillio, al punto che il Polo berlusconiano, alleato ai neofascisti, ai leghisti ed ai democristian-clericali, divenne ben presto il polo dell'inciucio con i cattocomunisti ed il ricettacolo del peggior conservatorismo italiano che ha portato l'Italia all'attuale declino.

Purtroppo molti furono coloro i quali, prima fedeli craxiani, divennero poi fedeli berlusconiani. Più per tornaconto personale e per incapacità di prospettiva politica che per altro.

Bettino Craxi, dunque, fu tradito da più parti: dai postcomunisti con i quali pur cercò un'intesa; dai social-opportunisti che albergavano nelle sue stesse fila e che trovarono presto casa chi nel carro cattocomunista chi in quello berlusconiano, molti dei quali persino al governo con Berlusconi ed infine fu tradito da quell'elettorato che - però qui forse a ragione - non gli perdonava di essersi arroccato su posizioni di potere vicine - se non contigue - a quelle di Forlani e Andreotti.

E' un fatto, ad ogni modo, che quella stagione storica, ovvero quella di un Partito Socialista protagonista della scena politica italiana e mondiale, è terminata per sempre.


Luca Bagatin



4 novembre 2013

La mia scelta laica eretica-erotica

Confesso, che poi non è nemmeno una confessione per chi mi conosce bene, di essere sempre stato un eretico.

Eretico in politica, nella vita privata ed in ambito culturale.

Ho fatto parte, sin da quando avevo sedici anni, di molti partiti politici ad esempio. Ne sono stato iscritto e talvolta ho ricoperto anche diverse cariche pubbliche, per così dire. Purtuttavia ho sempre e solo pensato con la mia testa e sono sempre rifuggito dalle ideologie e dai feticismi-fanatismi di partito.

Per me concetti quali “centralismo democratico”, oppure “disciplina di partito” sono sempre stati estranei ed astrusi.

Ho sempre avuto di fronte e per scelta personale, invece, poche ma chiare idee: libertà individuale spasmodica, laicità, onestà intellettuale e morale, arte e bellezza.

Allorquando queste prospettive collimavano con il tal partito, solo allora mi inscrivevo e iniziavo a lavorare...per portare avanti questi e solo ed unicamente questi princìpi.

Entrai così nei Verdi (salvo un rapidissimo passaggio nei giovani comunisti di Rifondazione, ma solo perché a sedici anni avevo letto quasi tutto Marx e ne rimasi affascinato...pur per un brevissimo lasso di tempo), successivamente bazzicai fra i Radicali, poi mi iscrissi ai partiti della galassia liberalsocialista ed infine approdai al Partito Repubblicano Italiano e, più recentemente, prima dando una mano al movimento di Oscar Giannino e poi riproponendo Ilona Staller in politica - ideandone la candidatura - mi candidai con lei nel Partito Liberale Italiano alle Amministrative romane, sperendo così di “erotizzare” gli “sclerotizzati” laico-liberali (che, fu subito evidente, preferirono rimanere "sclerotizzati").

Frequentai così, e per bene, le varie anime della sinistra, almeno quella autentica, libertaria e laica. Pur discostandomi sempre dalla ideologia e dalle visioni ideologiche, feticistiche e voyeuristiche del partitismo.

Invero, alla fine della fiera, nell'ambito di tali partiti non riuscii a soddisfare appieno i miei princìpi e così, in quasi vent'anni di militanza, me ne discostai totalmente, preferendo non avere più tessere di partito.

Del resto nell'ambito dei medesimi partiti feci sempre di testa mia: prima teorizzando (anticipando i tempi su quella che sarebbe diventata la Rosa nel Pugno) un'unificazione fra Verdi-Radicali e Socialisti e, successivamente, puntando ad un polo laico che si battesse per le libertà civili, sessuali, sociali ed economiche, contro il Potere Pd-PdL (anticipando per molti versi le denunce del Movimento Cinque Stelle). Ciò non avvenne né, credo ormai, in ambito politico-partitico, potrà mai avvenire.

I partiti ragionano secondo regole fisse, alchimie stantìe e di Potere, senza alcuna onestà morale ed intellettuale, mentre il sottoscritto crede nell'eresia, nell'erotismo e dunque anche nell'erezione, che è aspetto condannato e combattuto dalla “cultura” dominante del Potere-Prepotente-Impotente (PPI).

I Radicali, almeno per ciò che attiene al periodo dei mitici Anni '60 e '70 (e per certi versi '80), furono gli unici a comprendere la necessità di un linguaggio diverso. Un approccio nuovo alla politica-partitica-sclerotica. Introdussero l'arte, l'erotismo, la goliardia nelle loro battaglie di libera-Azione, ovvero di liberazione. Il Partito Radicale fu, per decenni, il partito delle donne, degli ecologisti, degli omosessuali, dei transessuali, delle prostitute, dei libertari, liberisti, libertini, anarcosocialisti, degli spiritualisti e delle pornostar.

Fu il partito del sincretismo fra Sacro e Profano. Dell'intelligenza controculturale che, negli USA, affondava le sue radici nella cultura beatnik, mai approdata davvero (nonostante i contributi di Nanda Pivano) nelle coste della buonista, bigotta, conformista, clericofascista e cattocomunista Italia.

Purtroppo anche i Radicali, con gli anni, si sono mutati e globalizzati. Ovvero inglobalizzati in un sistema conformista-consumista e di Potere al punto che – e non è un caso – oggi Emma Bonino siede al governo della Famiglia Letta-Berlusconi.

Quanto ai verdi, socialisti, liberali e repubblicani, si sono divisi equamente le poltrone elargite loro dal Potere dei Prodi, dei D'Alema e dei Berlusconi, dimenticando totalmente le loro antiche battaglie e oggi rimanendo addirittura con il cerino in mano, visto che non esistono più né verdi, né socialisti, né liberali, né tantomeno repubblicani-mazziniani.

E' anche per questo che ho smesso di andare a votare e farmi prendere per il deretano. La libertà, l'eresia non hanno prezzo.

Mai rinunciare al pensare con la propria testa, attraverso un constante studio ed approfondimento della realtà.

Mai rinunciare a ciò per il Potere, ovvero per quella che chiamano “politica” che, nei fatti, ne è la sua più becera espressione e che da secoli danneggia l'intelligenza umana.


Luca Bagatin



23 aprile 2013

La fine della politica e l'ultimo Papa Re (Giorgio): dall'elezione del "vecchio" Presidente della Repubblica alla vittoria dell'astensionismo in Friuli Venezia Giulia

L'elezione del nuovo (leggi "vecchio") Presidente della Repubblica e le elezioni regionali del Friuli Venezia Giulia, sono state un banco di prova.
Un banco di prova per una partitocrazia defunta. Partitocrazia di cui fa parte totalmente il Movimento di Beppe Grillo e di Casaleggio, che ha proposto quale candidato Presidente il già pluricandidato comunista Rodotà, già autore di una pessima legge sulla privacy.
Nessuno dei partiti al Potere, non a caso, ha optato per l'elezione dell'unica donna autenticamente Garante della Costituzione, ovvero Emma Bonino.
Si è optato prima per Amato, poi per Marini, poi per Prodi: tutti vecchi arnesi della politica e tutti affossatori dell'unico vero centrosinistra che l'Italia ricordi, ovvero quello composto da laici, liberali, socialisti, repubblicani e Dc.
Infine, per far contento il neo-comunista Berlusconi, hanno rieletto Giorgio Napolitano, uomo d'apparato buono per tutte le stagioni, già autore del Governo Monti e dei cosiddetti "Saggi" inconcludenti. Bella roba davvero.
In Friuli, il segnale dei cittadini-elettori non si è fatto attendere: solamente il 50% degli aventi diritto al voto si è recato alle urne. Sconfitta piena dei berluscones, grave flessione del Movimento grillesco e perdita del 3,5% dei voti del carro cattocomunista.
La partitocrazia è morta e gli elettori si stanno svegliando.
Non vogliono più essere né imbrogliati né rimanere imbrigliati. Peccato solo che "questi" partiti non abbiano ancora colto il segnale.
Se lo avessero colto, infatti, tutti i loro dirigenti si sarebbero dimessi (anche dalla carica di deputato e senatore), si sarebbero ritirati a vita privata e si sarebbero indette elezioni per un'Assemblea Costituente, capace di riscrivere le regole del gioco.
Occorre ripensare un nuovo modo di fare politica, con partiti completamente rinnovati, che abbiano cultura e memoria storica e che i candidati siano selezionati attraverso criteri meritocratici.
Occorre una Grande Riforma elettorale e costituzionale, sull'esempio della Repubblica Romana di Giuseppe Mazzini, ovvero che introduca un Presidenzialismo che parta dal basso, al di fuori delle beghe e delle alchimie partitico-clientelari. Purtroppo, sin dai tempi di Mazzini, tutti coloro i quali hanno proposto codesta Grande Riforma sono stati annientati e/o criminalizzati.
Ricordiamo qui i partigiani antifascisti ed anticomunisti Randolfo Pacciardi ed Edgardo Sogno, ingiustamente accusati di "golpismo" dal comunista Luciano Violante. E ricordiamo Bettino Craxi, lasciato morire ad Hammamet come "latitante matricolato", anziché essere ricordato come grande statista, capace di annientare i disegni autoritari del clericofascismo e del cattocomunismo giustizialista, sin dalla fine degli Anni '70.
L'elettorato italiano, ad ogni modo, non è più disposto a perdonare.
I politicanti sono ormai avvisati.

Luca Bagatin



21 aprile 2013

Brevi considerazioni garibaldine sulla Presidenza della Repubblica e la Laidità del Non Stato

Francamente non comprendo coloro i quali esultano per la rielezione di Napolitano a Presidente della Repubblica, ovvero un comunista d'apparato espressione della peggior partitorcazia Pd-Pidiellin-Montiana.
Le Elite al Potere ringraziano.
I cittadini intellettualmente onesti no.
Ho avuto la conferma che non ci sono peggiori nemici di quelli che, potenzialmente, potrebbero pensarla come te.
Ho più nemici fra i laico-repubblican-liberal-massoni che fra fascisti, comunisti, clericali e grillini messi assieme. E questo pressoché da sempre.
Purtroppo però è l'ennesima conferma che - in certi ambienti e paradossalmente (forse perché i nobili ideali e princìpi sono una cosa, mentre il cervello umano, che devia da essi, un'altra) - non si riesce a guardare oltre la punta del proprio naso.
Ho detto.

Personalmente non sono né comunista né capitalista, bensì mazziniano e garibaldino, ovvero alternativo ai due sistemi anti-umanitari imposti dalla politica del Potere e dei media.

Penso che, in Italia, siamo giunti all'ennesimo tradimento della Repubblica ed in particolare di quella Romana del 1849.

Il liberalismo ed il repubblicanesimo, come princìpi ispiratori, sono definitivamente stati ammazzati.
Occorre farli Risorgere. Al di fuori della partitocrazia.



19 aprile 2013

In nome del popolo sovrano

"In nome del popolo sovrano" è un bellissimo affresco storico che la Rai ha recentemente ritrasmesso sul piccolo schermo.
Film di Luigi Magni e dello storico Arrigo Petacco del 1990, ambientato ai tempi della Repubblica Romana di mazziniana e garibaldina memoria, ovvero fra il 1848 ed il 1849.
E' la storia del frate barnabita Ugo Bassi (Jacques Perrin) che, in nome di Cristo e di Mazzini, si immola alla causa dell'Unità d'Italia e della cacciata del Papa Re da Roma, affinché questi rinunci al "demoiniaco" potere temporale, per riaffermare unicamente quello spirituale, di pastore di anime, di rappresentante del Verbo sulla terra.
E' la storia del condottiero garibaldino Giovanni Livraghi (Luca Barbareschi), innamorato della nobile Cristina Arquati (Elena Sofia Ricci).
E' la storia dell'oste romano Ciceruacchio (Nino Manfredi) - al secolo Angelo Brunetti - e di suo figlio Lorenzo, immolati entrambi alla causa della Repubblica.
Ma è anche la storia del marchesino Eufemio Arquati (Massimo Wertmuller) che, per riconquistare sua moglie, divenuta l'amante del Livraghi, si unirà alla causa degli insorti e, successivamente, dei Piemontesi.
Una storia vera, autentica, tenerissima, appassionata ed a tratti irriverente, quella raccontata da Luigi Magni, autentico interprete cinematografico del Risorgimento italiano.
Un insieme di storie nella Storia. Di vite di patrioti, idealisti romantici che, con sprezzo del pericolo, volevano una Roma laica, civile, democratica, nel rispetto della religione e dell'essere umano (la Repubblica Romana, infatti, pur nella sua breve durata, abolì definitivamente la pena di morte).
Una storia, quella della Repubblica Romana, spazzata via dalle criminali truppe di Napoleone III giudate dal temibile generale Oudinot, al servizio del Papa Re Pio IX.
Una storia, quella di una Repubblica democratica in Italia come mai più vi fu e che, raccontata oggi, oscura completamente la "Repubblica dei partiti" del 1948 che, nei fatti, fu ed è ancor oggi se non peggio, una sorta di Monarchia partitocratico-burocratica, con a capo un Presidente che, ieri come oggi, non rappresenta - invero - alcun Popolo, ma solo gli interessi dell'Elite al Potere.
Nel nome di Mazzini e Garibaldi, morirono, assieme – trucidati dagli Austriaci - il frate Ugo Bassi ed il condottiero Giovanni Livraghi, come assieme morirono Ciceruacchio e suo figlio Lorenzo, nemmeno maggiorenne, ancora oggi figure rimaste nel cuore del popolo romano. E, a difesa della Repubblica Romana - sotto i colpi dei Francesi - morirono l'aiutante di campo di Garibaldi - l'uruguaiano Andrea Aguyar - il bersagliere Luciano Manara ed il piccolo e leggendario Righetto.
Martiri di una Resistenza liberale e repubblicana, tradita un secolo dopo ed oggi pressoché del tutto dimenticata.
Solo quest'affresco di Luigi Magni, con la collaborazione del grande storico Arrigo Petacco, ci restituisce e restituisce all'Italia la dignità della sua Storia.
Una Storia che, ancora oggi, vorremmo vedere attuale, nel nome di un Popolo Sovrano stanco di mediaticità grillesca e partitocrazia Pd-Pidiellina.

Luca Bagatin



sfoglia     dicembre        febbraio






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini