.
Annunci online

  lucabagatin [ Blog di Luca Bagatin, utopico, utopista, scrittore e liberalsocialista mazzinian-repubblicano..."Et in Arcadia ego". Questo blog è dedicato alla memoria dell'attore Peter Boom (1936 - 2011), già per lungo tempo collaboratore di questo spazio web ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


EDIZIONI MEDITERRANEE
Margheritando il Cuore
M.
IL MIO LIBRO: Universo Massonico
IL MIO (secondo) LIBRO: Ritratti di Donna
Eduard Limonov
FRENTE TRANSVERSAL Peronista y Kirchnerista
Alianza Pais
FEMEN
Movimiento Evita
PATRICIA VEZZULI
Nathalie Cardone
DEBDEASHAKTI: la Dea che viene da Venere
Studio Stampa
FRENTE AMPLIO
Lettera e Spirito - Rivista di Studi Tradizionali
TRE EDITORI
Partido Socialista Unido de Venezuela
ISTITUTO JUAN DOMINGO PERON
La Vera Cronaca
SERENA MARZUCCHI
Ursula Davis Hula Hop
ARCHIVIO PERONISTA
Mattatoio N. 5
AMORE E LIBERTA' Official Website
Amore e Libertà Blog
Ilona Staller per Roma 2013
DEBDEASHAKTI
Ente Nazionale Protezione Animali
LAVINIA GUGLIELMAN
Massimilano Giannocco
FONDAZIONE "CHE" GUEVARA
Domenico Mazzullo
ASSOCIAZIONE MOANA POZZI
Francesca Veronica Sanzari
PARTITO DELL'AMORE
Partido Justicialista
LA GAUCHE MODERNE
Venexia Editore
ELENA OVECINA
Dignitas
MELAGIOLI
Il Gioco dell'Eroe by Gianluca Magi
ALAIN DE BENOIST
LA VOZ DEL SANDINISMO
PETER BOOM
Imperial Club
CAOS TRA LE PENTOLE
Book Crossing
ORLANDO
George Washington Masonic Memorial
ALDO GRITTI
Museo di Simbologia Massonica
LUIGI PRUNETI
Notiziario Massonico Italiano
ERICA MELARGO
Parti Radical (France)
C.L.I.P.S.A.S.
Venezolana de Television
RON PAUL 2012
Montichiari CONTRO GREEN HILL
LIBERILIBRI
Scaffale Massonico
ENRICA BONACCORTI
Editions Maconniques Castelli
ISTITUTO DI STUDI "LINO SALVINI"
IlSudEst
Grand Orient De France
EVO MORALES Presidente
Socrate 2000
L.I.C.E.
Metis Di Meo
SENTIERI REPUBBLICANI
Moreno Neri
MU'AMMAR GHEDDAFI
Evita Peron
Mouvement Européen pour la Démocratie Directe
Hugo Chavez
EDGARDO SOGNO
Ipertesto Edizioni
CARLO MANCOSU EDITORE
Bocca di strada
EROS E' LIBERAZIONE: Tinto Brass blog
Manfredi Pomar
FRANC MAçONNERIE MAGAZINE
Loggia Heredom 1224
GRAN LOGGIA D'ITALIA UMSOI
Regime Scozzese Rettificato
PSICOSINTESI
Rondò Veneziano
ILARIA DRAGO
Blog maçonnique d un jeune franc-maçon sur la Franc-Maçonnerie en France
PIER CARPI: UN MAESTRO
Secreta Magazine
BYE BYE BEAUTIFUL
Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici
QUATUOR CORONATI
SECRETA: il forum
CUATRO F Periodico del PSUV
Padre Anthony Elenjimittam
LA LETTERA G
FEDERAZIONE GIOVANILE REPUBBLICANA di Romagna
A.M.O.R.C.
Gruppo Studi Swedenborghiani
PORTOBELLO by Enzo Tortora
Hiram Blog
ALICE BAILEY
ROSSLYN CHAPEL
Gran Loggia Italiana
POLAR FRANC-MACON
BLOG DEL RITO DI YORK
Ho fatto SPLASH !
Delitti sotto la cenere by Nathan Gelb: il video
NATHAN GELB
Cagliostro e il Rito Egizio
MAURIZIO NICHETTI
Nuova Carboneria Italiana
RITO DI YORK
Un simpatico gioco McCain Vs Obama
DOVE ERAVAMO RIMASTI ?
Helena is Red
PAMELA SAINO
Ordine Iniziatico dei Cavalieri della Luce
LOGGIA 33
Per il Diritto ad una Morte Dignitosa
ENZO TORTORA
SATHYA SAI BABA Bhajans
Scuola Internazionale della Rosacroce d'Oro
LANFRANCO PALAZZOLO
Giovannino senza paura
ANGELO PEZZANA
ELENA ORLANDO
L'Italia è la mia Patria: Ambra
DISINCANTO
Patrizia D'Amico
CRISTINA KIRCHNER
Pansessualità
PETER BOOM
Giuseppe Varlotta
SICK GIRLS
Kuthuma: periodico di Alchimia e Tradizione Iniziatica Occidentale
MAX BUNKER Press
Blog di Giordano Bruno Guerri
OMBRA D'ARGENTO
Libertarian Party
BrUNO BoZzettO
IL PADRETERNO
Spincon
TRACINGBOARDS: A MASONIC SITE
Amici di Garibaldi
Bombay !!!
GIORDANO BRUNO GUERRI
Solo Pittori Artisti Mutilati
JUPITER EDIZIONI
Non è la Rai
NON E' LA RAI: X ANNI DOPO
Il Mistero di Paul McCartney
LE DROIT HUMAIN
Robert Lomas
Fratellanza Bianca Universale
STORIA DI IERI, OGGI E DOMANI
The Buick Brothers
GIUSTIZIA GIUSTA
IL TIBETANO: Le Scuole Iniziatiche dell'Antica Saggezza
REMO REMOTTI
Mito di Donna: LUCIA "REHAB" CONTI
Partito d'Azione Liberalsocialista
MINA "VAGANTE" WELBY
Il Silenzio Infranto
SEMPRE SULLA BRECCIA
ALACRAN EDIZIONI
Decidere.net
SOCIALISMO LIBERALE PROGRESSISTA
Socialisti.net
MISS WELBY: LA NIPOTE SEGRETA DEL CALIBANO
MARIA MONSE'
Radicali italiani
ITALIA LAICA
La Voce Socialista
L'OPINIONE DELLE LIBERTA'
Fondazione Craxi
ANDREA G. PINKETTS
Il Blog di Panther
Sai Baba
Società Teosofica
UNO STORICO MILITANTE SOCIALISTA: PIER LUIGI BAGLIONI
Laetitia Casta
ASSOCIAZIONE MAZZINIANA ITALIANA
Gran Loggia d'Italia
ASSOCIAZIONE REDUCI GARIBALDINI
Ordo Templi Orientis
SITO DEL PROF. CLAUDIO NICOLINI
Sito di Davide Giacalone
QUADERNI RADICALI
Il Riformista
ANTICLERICALE.NET
Associazione Luca Coscioni
CENTRO MARIO PANNUNZIO
Antiproibizionisti.it
ALESSANDRO CECCHI PAONE
ESOTERIA: Massoneria e dintorni
Grande Oriente d'Italia
G. MAZZINI 2005
Psychomedia: Salute Mentale e Comunicazione
LIBERALCAFE
Un simpatico gioco pro-referendum sulla ricerca scientifica sulle cellule staminali
IO CI METTO LA FACCIA
Lega del Filo d'Oro
ITALIALAICA: IL GIORNALE DEI LAICI
Jiddu Krishnamurti
RIFORMATORI LIBERALI
Giordano Bruno
CARBONERIA
Rito Scozzese Antico ed Accettato
LA TRADIZIONE INIZIATICA TRA ORIENTE ED OCCIDENTE
La Loggia Montesion
WOODY ALLEN
La Melagrana: pagina di cultura esoterica
RITO SIMBOLICO ITALIANO
Federazione dei Liberaldemocratici
CARMELAAAAAA!!!
Ordine Martinista Universale
MOVIMENTO SUFI
Massoneria Italia
IL MANDIR DELLA PACE
Angelologia
LEGA ITALIANA ABOLIZIONE CONCORDATO
Movimento Federalista Europeo
LIBERTA' DI SPIRITO
Aislinn: la Fata-blogger
BAZARDELLEPAROLE
Picaresco: la BloggeRivista
NUVOLAROSSA: PASIONARIO DEL REPUBBLICANESIMO
DAL TRAMONTO ALL'ALBA: PORTALE DEL MISTERO
AKHENATON
MARTIN RUA: un blog massonico
Gran Loggia Regolare d'Italia
UNA STRONZA PERFETTA
Rito Orientale di Misraim e Memphis
BETTY FORD CENTER
Alice è sempre Alice
CALZETTA CHE PASSIONE
Bastogi: Casa Editrice esoterica
FILMOGRAFIA TRASH DI ANDREA G. PINKETTS
Pagine corsare di P.P. Pasolini
GIANFRANCO FUNARI
Le Trottoir
BerCamp: esperimenti democratici
OGGETTISTICA MASSONICA
Radicali di Sinistra
PROFONDO ROSSO STORE
LibMagazine
L'ORLANDO IL PORTENTO
Valeria la Vera
VIOLA VALENTINO
Valeria Manieri
LO SCIAMANO
Fuoco Sacro
AUTISMO ON-LINE
Epilessia Web
EDIZIONI TEOSOFICHE
Democrazia Laica
PER LA ROSA NEL PUGNO
Twin Peaks
TRENITALIA
Facciamo Breccia
Blog Italia
PLASTIC SOLDIER REVIEW
Arcana Intellego
IL FATTO ON LINE: BOLLETTINO D'ATTUALITA' ECO-COMPATIBILE
Severino Mingroni
SABRINA MARINANGELI
Critica Sociale
POLITICALINK
Massoneria sulla stampa
CHIESA EVANGELICA VALDESE
Capanno Garibaldi
SOCIETA' PER LA CREMAZIONE - TORINO
Cremazione.it
BLOG LAICI
Maria Montessori

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


19 agosto 2015

La Venezia dell'oscurantista Brugnaro o quella libera e libertaria di Casanova ?

E' davvero triste che la Venezia godereccia e romantica, tanto cara a Giacomo Casanova, sia oggi governata da un Sindaco assai triste come Luigi Brugnaro – berlusconiano e renziano al contempo - ovvero profondamente conservatore e bigotto al punto da vietare persino i libri per ragazzi che, a suo dire, lederebbero i diritti delle famiglie composte da madre e padre (sic !).

Ricordiamo che, nel corso della Storia, i libri li vietarono i nazisti, che peraltro dei cosiddetti libri “proibiti” ne fecero un rogo.

La cultura, diversamente, merita di essere diffusa, cosa che forse il Brugnaro – degno figlio politico di leader politici autoritari – ignora.

Curioso anche che il Brugnaro attacchi il cantante Elton John dandogli del “ricco”. Il Brugnaro è imprenditore e dirigente d'azienda e povero certamente non è. E non è nemmeno una questione di danari, ma di senso civico e civile.

La civiltà vuole che le persone siano libere di leggere ciò che vogliono. E anche di amare e di andare a letto con chi vogliono, senza che un'autorità politica che rappresenta solo una parte dei cittadini si metta a sindacare e a decidere per tutti.

Invochiamo pertanto lo spirito libertario e godereccio di Giacomo Casanova, libertino, massone e libero pensatore, che proprio la Santa Inquisizione condannò per i suoi liberi costumi. E finanche quello di Tinto Brass, che alla Mostra del Cinema di Venezia sbarcava sempre con splendide fanciulle scosciatissime.

Noi amanti di Venezia e che proprio da quelle parti proveniamo, vorremmo evitare che la città dell'Amore per eccellanza si trasformi in un centro di potere governato da bigotti e oscurantisti.

Vorremmo che chiunque, a Venezia come altrove, fosse libero di amare in libertà e di leggere ciò che vuole.

Perché, se la politica odierna ha ucciso il pensiero, non vorremmo che essa distruggesse anche la libertà, l'erotismo, la voglia di amare e godere con chi vogliamo.

E vorremmo rimarcare un concetto: una famiglia è composta da un uomo e una donna, ma anche da due uomini, da due donne, oppure da un individuo e il suo animale domestico. E un Sindaco non può certo venirci ad insegnare che cos'è l'amore !


Luca Bagatin



15 giugno 2015

Anche ai ballottaggi ha vinto "Amore e Libertà" (53% di NON voto) ! Renzi, Berlusca, Salvini, Grillo tutti a casa a mangiare il baccalà !



8 novembre 2014

Il demone di Casanova

Contemporanei ed entrambi massoni, oltre che dediti a pratiche esoteriche e talvolta occulte, purtuttavia così diversi.

Da una parte Alessandro conte di Cagliostro (1743 - 1795), il nobile amico del popolo e dei filosofi, il guaritore degli afflitti, il dispensatore dell'Antica Spienza Gnostica. Dall'altra Giacomo Casanova (1725 - 1798), il conservatore amante dell'Ancien Regime, il fautore del dispotismo illuminato, il nemico giurato di Voltaire e Rousseau, il libertino tollerante nei confronti dell'ateismo.

Due figure emblematiche di quel Secolo dei Lumi diviso fra fede nella Ragione - propugnata dagli Illuministi - e ricerca di quell'antica sapienza che troverà la sua massima sintesi nella fondazione della Massoneria Speculativa, che all'epoca ospitava spesso, nelle Logge, maghi, alchimisti ed occultisti di vario genere.

Di Alessandro conte di Cagliostro ci hanno parlato numerose opere, da noi in passato lungamente recensite, redatte da Pier Carpi, da Marc Haven e da numerosi altri memorialisti.

Di Giacomo Casanova ci parla, invece, con grande acume e proprietà di lunguaggio, il saggio “Il demone Casanova” del giornalista e scrittore Angelo Mainardi, edito dalla Tre Editori.

“Il demone Casanova”, che vanta un'ampia ed approfondita bibliografia, trae in particolare linfa dalla monimentale opera del libertino veneziano, ovvero “La Storia della mia vita”, scritta negli ultimi anni di vita - pubblicata postuma, quasi duecento anni dopo - , quando il Nostro si trovava nel Castello del conte di Waldstein a Dux, in Boemia, ove morì riuscendo a trovare conforto solo nella scrittura, ormai vecchio, stanco e preda delle angherie dei servitori del conte stesso.

L'opera di Mainardi è certamente completa e priva di quelle censure tipiche dei memorialisti casanoviani, i quali hanno preferito non scalfire troppo la figura del Veneziano, ricordandolo solo quale mito immortale.

Mainardi, diversamente, attraverso l'analisi delle Memorie casanoviane, ne traccia un profilo autentico. Appassionato di magia sin dalla tenera età, ovvero sin da quando una fattucchiera riuscì a guarirlo dai numerosi malanni causati da una salute cagionevole, Giacomo Casanova è figura singolare del XVIII secolo. Di umili natali, figlio di due attori, si farà presto strada nel gran mondo proprio grazie alla consapevolezza di “non essere nessuno”.

Uomo fra i più colti del suo tempo, come lo definiscono i suoi stessi memorialisti contemporanei, fu scrittore, filosofo, occultista, massone, diplomatico e spia al servizio delle grandi potenze dell'epoca.

In particolare divenne celebre per essere un grande seduttore, ma pochi ricordano o vogliono che – come scrive Mainardi, riferendosi a ciò che scrive lo stesso Casanova nelle sue Memorie – amava sedurre anche bambine, religiose compiacenti, oltre che non disdegnava i rapporti incestuosi, al punto da giudicarli del tutto naturali.

Altro aspetto curioso e per molti versi controverso del Casanova è il suo rapporto con l'occulto. Da una parte egli conosceva alla perfezione la sapienza antica della Cabala ebraica e se ne serviva per fare oracoli; dall'altra non vi credeva troppo, al punto da utilizzare detti oracoli o dette pratiche per imbrogliare il suo prossimo e trarne vantaggio, talvolta seduttivo – se su donne – talvolta pecuniario, se trattavasi di persone di sesso maschile.

Interessante, invece, il rapporto con l'esoterico ed in particolare con la Massoneria.

Iniziato massone nel 1750 nella Loggia di Lione “Amicizia”, le sue Memorie ci riportano la seguente frase, a proposito del cosiddetto “segreto massonico”, che denota – a dispetto del personaggio – una profonda cultura esoterica: Coloro che entrano nella Massoneria solo per carpirne il segreto possono ritrovarsi delusi: può infatti accadere loro di vivere per cinquant'anni come Maestri Massoni senza riuscirvi. Il mistero della Massoneria è per sua natura inviolabile: il Massone lo conosce solo per intuizione, non per averlo appreso. Lo scopre a forza di frequentare la Loggia, di osservare, di ragionare e di dedurre. Quando lo ha conosciuto, si guarda bene dal far parte della scoperta a chicchessia, sia pure il miglior amico Massone, perché se costui non è stato capace di penetrare il mistero, non sarà nemmeno capace di profittarne se lo apprenderà da altri. Il mistero rimarrà sempre tale. Ciò che avviene nella Loggia deve rimanere segreto, ma chi è così indiscreto e poco scrupoloso da rivelarlo non rivela l'essenziale: come potrebbe, se non lo conosce ? Conoscendolo, non lo rivelerebbe”.

La cultura, fosse essa esoterica, occultistica, oppure libresca, non mancò mai al Nostro, il quale, durante il corso della sua vita, dette alle stampe diverse opere letterarie, spesso pubblicate a sue spese, ad ogni modo. Oltre al celebre “Il duello”, ove racconta del suo duello vittorioso con il conte polacco Branicki, ricordiamo l'opera in cinque volumi “Icosameron”, ovvero il primo romanzo di fantascienza mai apparso nella Storia. Angelo Mainardi, nel suo “Il demone Casanova”, a tal proposito, ci presenta l'opera come la storia di un rapporto incestuoso fra fratello e sorella e del loro viaggio al centro della Terra che, per molti versi, anticipò l'opera di Jules Verne. Da notare che nell'”Icosameron” - che pur non ebbe alcun successo letterario al punto dall'indebitare l'autore stesso – sono prefigurate invenzioni avvenieristiche quali l'automobile, i gas asfissianti, l'aereo, il telegrafo e la televisione.

Grande viaggiatore e avventuriero, Giacomo Casanova frequentò tutte le corti d'Europa e divenne intimo del "Re Filosofo", ovvero Federico II di Prussia, il quale purtuttavia lo deluse, in quanto gli offrì un umile posto quale precettore dei cadetti dell'esercito. Impiego che rifiutò sdegnato.

Conobbe inoltre Voltaire con il quale si confrontò spesso con un certo astio, non condividendo con il filosofo l'idea che tutti gli uomini fossero eguali, in quanto il Nostro - figlio del suo tempo ed amante dell'Ancien Regime, come abbiamo detto - riteneva che la libertà di pensiero potesse essere concessa solo alle classi agiate e che il popolo, in buona sostanza, non fosse in grado di ragionare se non per il proprio tornaconto personale, al punto che egli scrisse: “Quanto al popolo, esso è dovunque della stessa natura: date sei franchi a un facchino perché gridi “Viva il Re”, egli vi farà questo favore, e per tre lire griderà un momento dopo “Che egli muoia”. (…) Esso non ha né leggi, né ordine, né religione; le sue divinità sono il pane, il vino e la poltroneria; crede che libertà voglia dire impunità, che aristocrazia significhi tigre, che demagogo stia per pastore amorevole del suo gregge. (...)”.

Misera, come abbiamo detto, la fine del Nostro, il quale, purtuttavia, mai si pentì dei suoi eccessi e della sua condotta tutta dedita esclusivamente al piacere, più che all'amore.

Questo in sostanza il “demone di Casanova” che lo rende inquieto, al punto che, ad un certo punto del saggio, lo stesso Mainardi si chiede se, in realtà, questa fuga continua del Nostro, ovvero questa ricerca del piacere effimero, del rincorrere incessantemente ogni donna, non voglia, in realtà, nascondere la ricerca della Donna Ideale ed al contempo un luogo ideale e perfetto. Un luogo ed un tempo così diverso dal Secolo dei Lumi, teatro dell'effimero e talvolta delle contraddizioni (Fede/Ragione/Spiritualità/Esoterismo).

Un'opera che getta nuova luce, quella del Mainardi – che recentemente ha pubblicato sempre per la Tre Editori “Casanova l'ultimo mistero” e che sarà nostra cura prossimamente recensire - e che va accompagnata alla lettura delle Memorie di Casanova che, chi vi scrive, lesse per intero alla sola età di quindici anni, con l'animo di un ragazzino curioso ed al contempo ammirato nei confronti di un personaggio unico nel suo genere. Comunque lo si voglia giudicare.


Luca Bagatin



6 settembre 2014

Scontro di civiltà o di barbarie ?

Scontro di Civiltà, o, piuttosto, scontro di Barbarie ?

Barbarie dei barbari che non conoscono Dio, ma che si nascondono dietro le Religioni Monoteiste Istituzionalizzate al fine di farsi la guerra e lucrare sul proprio prossimo, al fine di imporre la propria visione e controllarne mente, corpo e azioni.

Barbarie dei barbari che invadono Paesi sovrani, imponendo la loro visione pseudo-democratica di un Occidente che è arrivato alla fine dei suoi giorni, attanagliato da una crisi economica causata dalle Banche Centrali, dai Governi, dal sistema del signoraggio bancario, del Fondo Monetario Internazionale che seguita ad impoverire chi è già povero e ad arricchire chi è già ricco.

Barbarie di coloro i quali hanno una visione della donna schiava, della donna sottoposta: da una parte alle volontà dei patriarchi, dei mariti, del loro “Dio” che non conoscono (perché Dio è Amore, in tutte le lingue del mondo e questo cattolici, ebrei ed islamici, evidentemente, non lo sanno ancora) e dall'altra è schiava della pubblicità commerciale, della prostituzione del suo corpo e della sua mente. Prostituzione televisiva, commerciale, legata al profitto.

In realtà non esiste un Occidente democratico e civile ed un Islam antidemocratico ed incivile. O viceversa. Esistono due realtà contrapposte solo in apparenza, ovvero schiave del Potere. Schiave dei Governi (poco importa se eletti “democraticamente”), dei dittatori, degli oligarchi. Schiave di un sistema monetario internazionale e di un'economia che non contempla l'Amore, ma che ha ucciso l'Umanità per aprire le porte al profitto, al guadagno, ovvero allo sfruttamento dei popoli, degli individui, delle menti, dei corpi, delle donne.

Non vi può essere vera cultura dei diritti se, nel mondo, vi sono ancora bambini che soffrono, che muoiono, che hanno fame. E la stessa cosa vale per donne e uomini, trattati come carne da macello e schiavi della dittatura del Potere, del Danaro, della Religione.

Quando, poco più di un anno fa, fondai “Amore e Libertà”, un movimento-non-movimento, un partito-non partito (un Partito Unico, per molti versi, alternativo ai “partiti” pseudo-democratici di oggi), un pensatorio (anti)politico e (contro)culturale (anti “questa” politica del profitto, contro “questa” cultura dell'odio), parlavo anche e proprio di questo, ovvero del costruire la Civiltà dell'Amore dalle macerie dell'inciviltà dell'odio, dell'inciviltà del piacere effimero tipico della società capitalistico-borghese, della religione utilizzata come strumento di controllo dei corpi e delle menti.

Ciò che sta accadendo in Medioriente è inaccettabile: da una parte e dall'altra. Ciò che sta accadendo in Ucraina è inaccettabile: da una parte e dall'altra. Nella fattispecie andrebbe fatta una riflessione, ovvero da dove deriva tale crisi ? Deriva dallo sfruttamento. La caduta del Muro di Berlino, nella fattispecie, anziché liberare i popoli dal giogo sovietico, li ha costretti ad una nuova schiavitù. Pensiamo ad esempio alle tante donne e ragazze dell'Est, costrette a prostituirsi nell'Occidente pseudo-democratico. Sfruttate, malmenate da papponi senza scrupoli e mai tutelate dagli Stati, dai Governi che, intanto, a Bruxelles, si spartivano la torta imponendo una moneta unica che, di fatto, ci ha impoveriti tutti quanti e resi schiavi della Banca Centrale Europea (come nel 1913 furono resi schiavi del sistema monetario e del conseguente signoraggio bancario gli statunitensi, attraverso la creazione della Federal Reserve).

Questa non è civiltà, ma barbarie. Lo scontro vero non è fra due civiltà, bensì fra due barbarie. Fu così durante la Guerra Fredda, che vide contrapposti due grandi imperialismi a tutto svantaggio del Terzo Mondo e dei popoli di tutti il pieneta ed è così oggi, ove agli imperialismi si sono sostituiti i Governi, il sistema monetario internazionele, il “libero commercio” (spesso di armi), la pubblicità commerciale, la religione come mezzo di offesa e non di evoluzione spirituale, il moralismo senza morale, il razzismo e così via.

Occorre essere consapevoli di ciò e riconoscere che occorre riunire ciò che è sparso. Smetterla con le contrapposizioni sterili e comprendere che l'unica contrapposizione vera è fra Civiltà dell'Amore da una parte ed inciviltà dell'odio, del piacere effimero e del dolore dall'altra.

L'Amore fra i popoli potrebbe essere l'unica ideologia possibile da contrapporre al Potere ed allo sfruttamento. L'unica alternativa al sistema capitalistico ed a quello delle Religioni e delle Ideologie istituzionalizzate che, di fatto, ci stanno costringendo, ogni giorno, a pagare un prezzo altissimo in termini economici, umani ed intellettuali.

L'obiettivo di “Amore e Libertà”, in questo senso, è di un ripristino dell''Agorà dell'Antica Grecia, ovvero un sistema che permetta a chiunque di autogestirsi, di auto-governarsi. E' la nascita dell'Internazionale dell'Amore, che, recuperando gli ideali della Prima Internazionale dei Lavoratori del 1864, vada a sanare le divisioni ideologiche fra mazziniani, anarchici e socialisti e vada a recuperare il meglio del pensiero mazziniano, anarchico e socialista. Per un'alternativa libertaria, umanitaria e sentimentale. L'obiettivo di “Amore e Libertà” è la socializzazione dell'economia, ovvero l'autogestione delle aziende da parte dei singoli cittadini, affinché siano loro stessi a trarne vantaggio, con amore e libertà. Perché l'avvenire o può seguitare a mostrarci un mondo fatto di violenza e sfruttamento, oppure può essere radioso e gestito o, meglio autogestito, da tutti i cittadini uniti, come fratelli.

Questo è peraltro anche il messaggio del Cristo e di tutti i Grandi Iniziati che mai vollero fondare religioni o sostenere governi, ma predicarono l'eguaglianza, l'amore e la libertà fra le genti.


Luca Bagatin
Presidente e fondatore di “Amore e Libertà”
www.amoreeliberta.altervista.org
www.amoreeliberta.blogspot.it
www.lucabagatin.ilcannocchiale.it



11 dicembre 2013

Il Generale Umberto Granati ed io

In questa foto di pochi giorni fa, scattata a Venezia, sono in compagnia del carissimo amico - Generale dell'esercito italiano in pensione - Umberto Granati, tessera P2 nr. 248.
Ci siamo incontrati per organizzare un complotto, ovviamente, che è consistito in un pranzo a base di cotolette alla milanese e patatine fritte ed in una piacevole conversazione a base di arte e cultura: io a raccontargli del mio prossimo libro sull'universo femminile, lui a raccontarmi della sua nuova guida turistica multimediale.
Sono onorato di essere amico del "piduista" Granati. Persona onestissima ed aperta, come poche. E sono soprattutto onorato di essere stato il primo ed il solo a parlare del suo libro, che racconta la sua storia e quella (vera) della P2.
Storia che desidero qui ripubblicare a beneficio dei molti, troppi, che parlano a vanvera di argomenti che non hanno approfondito.


28 anni dopo: diario di un Piduista
articolo di Luca Bagatin
del 6 luglio 2011

Il Colonnello Umberto Granati fu il primo che, allo scoccare del presunto "scandalo P2", nel maggio 1981, dichiarò di essere affiliato a tale Loggia massonica del Grande Oriente d'Italia.
La P2 era infatti una Loggia regolare e per nulla segreta - come invece millantò certa stampa - ideata, come rivela lo stesso Granati, dall'Eroe dei due Mondi Giuseppe Garibaldi e fondata ufficialmente dal Gran Maestro garibaldino Giuseppe Mazzoni nel 1877 al fine di raccogliere personalità di prestigio del mondo della cultura, della politica, della magistratura, delle forze armate, che desideravano mantenere riservata la loro appartenenza all'Ordine liberomuratorio.
Dov'era lo scandalo ? Lo volle sapere lo stesso Col. Granati, il quale non solo informò i suoi superiori della sua appartenenza alla P2, ma persino i Carabinieri.
Fu un fesso ? No, semplicemente un uomo onesto, un Servitore dello Stato, che si rifiutava di dichiarare il falso, come invece furono invitati molto suoi Fratelli di Loggia a fare.
Tutto questo e molto altro è raccontato dallo stesso Umberto Granati -  oggi ottantaduenne e Generale di Corpo d'Armata in pensione - nel suo libro: "28 anni dopo: diario di un Piduista", edito dalla casa edittrice indipendente Ipertesto Edizioni (www.iperedizioni.it).
Granati era animato da ideali massonici, spirituali e filosofici e si iscrisse alla P2 e dunque alla Massoneria. Non ne poteva trarre vantaggi per il semplice fatto che, nel 1977, data della sua iscrizione, aveva una carriera già ben avviata che si sarebbe conclusa comunque con una promozione pochi anni dopo.
Che cosa ne ricavò, invece ? Nulla, solo guai personali e giudiziari che lo porteranno, come i pochi suoi Fratelli che avevano dichiarato l'appartenenza alla P2 (fra questi lo scrittore e regista Pier Carpi, che sarà emarginato dal mondo letterario ed artistico sino a morire in miseria) all'emarginazione. Per quanto nessuno gli abbia mai attribuito alcun reato.
La P2, come documentato dallo stesso Umberto Granati nel suo libro - ma già anni prima dai saggi di Pier Carpi ("Il caso Gelli: la verità sulla Loggia P2" del 1988 e "Il Venerabile" del 1993) e del prof. Aldo A. Mola ("Gelli e la P2 fra cronaca a storia" del 2008) - divenne il capro espiatorio del malaffare di gran parte delle forze politiche di allora (in particolare le due forze del "compromesso storico"), le quali montarono ad arte la famosa "teoria cospirazionista ai danni dello Stato", istituendo addirittura una costosissima ed inutile Commissione Parlamentare d'Inchiesta presieduta da Tina Anselmi e che si concluse con nulla di fatto e con l'assoluzione piena di tutti i cosiddetti "piduisti" per mezzo delle sentenze della Corte d'Assise di Roma che fra il '94 ed il '96, assolsero sia la P2 dalle accuse di "complotto ai danni dello Stato" che lo stesso Venerabile della Loggia, Licio Gelli, per le innumerevoli accuse attribuitegli.
Umberto Granati racconterà la sua vicenda pubblicamente sul Corriere di Siena nel 1987 con degli articoli a puntate dal titolo: "Storia di un piduista". Una vicenda che nel suo recente saggio-documento riprende per intero e non risparmia accuse, non solo al mondo politico di allora, a certi mass media ed a certi settori della magistratura, ma anche allo stesso Licio Gelli, il quale non fece nulla per difendere gli affiliati alla sua Loggia, ma scappò all'estero.
Umberto Granati è infatti convinto che, se tutti i membri della Loggia fossero usciti allo scoperto come aveva subito fatto lui, il caso si sarebbe sgonfiato da solo.
Come potevano, infatti, personalità diverissime fra loro e che non si erano nemmeno mai riunite (fra cui il cantante Claudio Villa e l'eroe della lotta al terrorismo ed alla mafia Carlo Alberto Dalla Chiesa), complottare contro lo Stato ?
Altra cosa di cui il Granati è convinto è che il famoso elenco dei "piduisti", diffuso dalla stampa e da internet sia incompleto. Non solo molti dei nomi degli affiliati mancherebbero all'appello, ma persino molti di quelli contenuti nell'elenco sarebbero persone completamente estranee alla vicenda. Persone estranee che, ad ogni modo, ancora oggi vengono ingiustamente additate come "delinquenti e stragisti".
Umberto Granati parla senza reticenze e raccontando una vicenda senza aver nulla nè da perdere nè da guadagnare, anzi.
Racconta ad esempio di quando fu oggetto di insulti e minacce telefoniche da parte di uno sconosciuto che, solo perché componente della P2, lo riteneva un criminale.
Il Colonnello Granati fu insignito nel 1985 dell'Onoreficenza dell'Ordine di Giordano Bruno da parte del Grande Oriente d'Italia ed è oggi Generale di Corpo d'Armata in pensione. Da diversi anni è dedito al giornalismo ed alla redazione di guide turistiche. Nel suo libro racconta di come fu emarginato nel suo ambiente di militare, senza capirne il perché e di come fu ostacolato, assieme a sua moglie, persino nella sua umile attività di giornalista di riviste turistiche.
Di che cosa era infatti accusato lui, che non aveva mai mentito in vita sua e la cui carriera era immacolata ?
Come mai ancora oggi la P2 ed i "piduisti" fra i quali, come dice lo stesso Granati, ci saranno anche state delle pecore nere, ma per il resto erano galantuomini, sono considerati il male assoluto ?
A chi giova tutto ciò ?
Possibile che il Generale Granati, uscitone completamente pulito come molti suoi pari, debba ancora vedere diffuso il suo nome sulla stampa e sul web, come se fosse un pericoloso criminale ?
"28 anni dopo: diario di un Piduista" è un documento prezioso e che getta nuova luce sul caso P2, forse ponendo finalmente la parola fine alla questione e riabilitando degli uomini onesti che hanno pagato la loro appartenenza ad una Loggia massonica regolare.




17 settembre 2012

"Bella Addormentata" di Marco Bellocchio: metafora dell'Italia

"Bella Addormentata" di Marco Bellocchio è un pugno nello stomaco dello spettatore.
Immagini forti, tutt'altro che scontate, ma, soprattutto, tematica forte e profondamente importante quella del diritto alla morte, poiché non ci può essere vero diritto alla vita, se prima di tutto non è rispettato il diritto alla dignità della morte.
Sullo sfondo la vicenda di Eluana Englaro, il cui corpo è trasportato alla clinica "La Quiete" di Udine ove, forse, potrà finalmente essere liberato dall'indegnità di una vita-non più tale, da diciassette anni.
Era il 2009, solamente tre anni fa, ma sembra il Medioevo. Vedere gruppi di persone invasate, a pregare, brandendo ceri e bottogliette di acqua, e gridare che "Eluana si deve svegliare", che non deve essere "uccisa". Persone incuranti di ogni pietà, veri bestemmiatori di quel Dio nel quale dicono di credere. Ed invece lo mortificano. Perché, come afferma il vero protagonista del film di Bellocchio, un Senatore del PdL interpretato dal magistrale Toni Servillo, la sofferenza mortifica la vita, perché umilia l'essere umano.
"Bella Addormentata" è la storia di Eluana, ma anche di un politico di ispirazione laica che, a costo di ribellarsi ai voleri del suo partito - il PdL - prende la decisione di dimettersi. Alla faccia della tanto decantata "disciplina di partito" che, in ogni partito, è totale mancanza di libertà e di rispetto d'ogni tipo di onestà morale ed intellettuale.
E' la storia di un medico, che salva dal suicidio una ragazza tossicodipendente. E' la storia di una madre profondamente cattolica, che, pur struggendosi e distruggendosi dal dolore, vuole a tutti i costi che sua figlia, nelle stesse condizioni di Eluana Englaro, rimanga per sempre attaccata ad una macchina.
E' la storia di una ragazza cattolica che comprenderà le scelte ideali del padre, il Senatore Beffardi, anche di fronte alla scelta di accorciare le sofferenze di sua madre, alla quale egli praticherà l'eutanasia. Ed è la storia di un amore fra questa ragazza ed un giovane che cerca disperatamente di accudire il fratello, il quale ha spesso violente crisi di nervi.
E' una storia di ordinaria sofferenza, di cui però nessuno parla. Perché tocca profondamente le corde più intime dell'animo italico, abituato ad essere fintamente "rassicurato" da religiosi senza alcuna intima fede, da politici corrotti e corruttori delle menti e da mezzi di comunicazione di massa volutamente deformatori.
E' un film nel quale non vi è alcuna speranza autentica (forse perché è la vita stessa di ciascuno a non dare alcuna certezza ed è bene averne consapevolezza), se non la capacità di ciascuno di ragionare con la propria mente e di aprire il proprio cuore al sentimento. Verso il prossimo, verso i propri famigliari più cari ed intimi, nel momento di più estrema sofferenza.
"Bella Addormentata" è forse la metafora di un Paese addormentato, che si rifiuta di parlare della morte, di comprenderla, di accettarla, sublimandone la sofferenza che non è mai santità, ma chiusura dell'anima, imbarbarimento, violenza.
E' forse l'Italia la "bella addormentata" di Bellocchio, che non ha una legge sul testamento biologico e che costringe i malati terminali e i loro famigliari a praticare comunque l'eutanasia, ad abbreviare in qualche modo le sofferenze del proprio caro.
Dov'è la pietà cristiana in tutto ciò ? Non certo nelle aberranti parole dei Gaetano Quaglieriello, che ebbe il coraggio di affermare che Eluana Englaro è stata uccisa. Da chi ? Da suo padre Beppino che la amava ? E' sconvolgente come è sconvolgente risentire le parole di quel “rappresentante del popolo”, nel film di Bellocchio.
E' sconvolgente quanto politica e religione, in Italia, possano essere sorde di fronte alle vicissitudini umane.
E non potrete uscire dalla sala cinematografica, dopo aver visto "Bella Addormentata", senza un profondo senso di smarrimento, mitigato forse solamente dalla presenza di quel medico che, solo perché animato da un briciolo di umanità, si accosterà alle sofferenze di una tossicodipendente, evitata da tutti.

Luca Bagatin



4 settembre 2012

"La mia vita è un Caos Calmo: Acque": monologo by Baglu



Stavo leggendo il giornale, seduto sulla mia panchina.
Anche oggi, come ieri e l'altro ieri ed il giorno precendente, quella ragazza passeggiava, con il suo cane. E mi salutava, con un sorriso appena accennato.
Era la ragazza che mi aveva fatto il prelievo del sangue, il mese scorso. Capelli neri lisci, occhi verdi, molto, molto alta. Passeggiava sempre, con il suo cane, per il parco.
"Domani la fermo", mi ero sempre detto, senza mai averne il coraggio.
No, non è che mi mancasse il coraggio, è che non avevo voglia di parlare con qualcuno. Tantomeno con lei, perché, forse, non volevo disturbarla.
"Salve"
"Salve, lei è..."
"Sì, Alessandra".
"Sì, mi ricordo"
"Ci vediamo, arrivederci"
"No, aspetti...No, non è che voglio disturbarla è che, mi chiedevo se..."
"Se ?"
"Mah, no, mi chiedevo se, ne avesse voglia, potevamo andare a berci un caffè qui, da Mario"
"Perché no ? Un giorno magari"
"Eh perché no mi sa, però"
Lei mi guardò con un'aria interrogativa, ma senza farmi sentire in imbarazzo.
"Perché vede, lei mi è molto simpatica, io la vedo passeggiare, tutti i giorni. La saluto, osservo i suoi occhi verdi che mi ricordano quelli di Duchessa, che era una gatta che avevo quando avevo pressappoco dieci anni. Era il 1989. Si ricorderà certo, lei, l'89. Infondo avremo più o meno la stessa età. Se li ricorda, i Pink Floyd che, il 15 luglio del 1989, suonarono "The Wall" a Venezia ? Erano in diretta mondiale mi sembra. Allora stava per cadere il Muro. E' difficile che la maggior parte delle persone mi risulti simpatica. E' che lei mi fa sentire a mio agio, ogni volta che passa di qui e mi saluta, però mi fa sentire a mio agio così, senza che ci conosciamo troppo. Perché poi, se ci si conosce troppo, si finisce per odiarsi. E poi io ho un pessimo carattere e....ecco, lo vede ? Parlo troppo. Penso e ripeto sempre ciò che penso, così, ad alta voce. Lei mi prenderà per pazzo, è così, vero ?"
"No, assolutamente, anzi, la capisco. Lei mi sembra solo un uomo uscito da un romanzo, tutto qui"
"Lo prendo con un complimento, allora"
"Lo è", mi disse lei, sorridendo.
"Arrivederci, Alessandra"
"Arrivederci, Baglu".
Rimasi così, a bocca un po' aperta. Consoceva il mio nome. Forse mi aveva sentito chiacchierare con Mario o con qualcuno che, di tanto, veniva a trovarmi qui al parco, sulla mia panchina.



10 giugno 2011

"FRATELLI D'ITALIA" presentato a Venezia

ll giorno Venerdì 10 Giugno p.v., alle ore 17,30, presso la sala "Tintoretto" dell'Ateneo Veneto a Venezia, si terrà la presentazione del libro "FRATELLI D'ITALIA" scritto da Stefano Momentè, Maurizio Dal Maschio e Claudio Nobbio sui fratelli Liberi Muratori che lottarono e diedero la vita per l'Unità d'Italia.
Alla presentazione presenzierà il Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro Luigi Pruneti.



2 giugno 2011

"Randolfo Pacciardi": una raccolta di scritti curata da Renato Traquandi


Randolfo Pacciardi fu il più combattivo fra i repubblicani italiani.
Nato nel 1899 a Giuncarico (Grosseto), Pacciardi, fu massone, mazziniano ed antifascista della primissima ora.
Fu eroico combattente e condottiero della Brigata Garibaldi nella Guerra di Spagna contro il regime franchista e proseguì poi l'attività antifascista all'estero.
Guidò il PRI nel primo dopoguerra e fu Ministro della Difesa dal 1948 al 1953 nei governi centristi (DC, PSDI, PRI, PLI) presieduti da De Gasperi. Si oppose alla formula di Centro-Sinistra e quindi ad Ugo La Malfa che purtroppo lo espulse dal partito negli anni '60.
Celebre la frase di Pacciardi quando gli si chiedeva il motivo per il quale egli preferiva i governi centristi con la DC, piuttosto che un'alternativa di sinistra con il PCI : "Meglio una messa al giorno piuttosto che una messa al muro".
Una volta espulso dal PRI, Pacciardi fondò il movimento politico Unione Democratica per la Nuova Repubblica, con posizioni schiettamente presidenzialiste e forse per questo fu sospettato ingiustamente di simpatia fasciste e golpiste (proprio lui che aveva combattuto il nazifascismo !) e di aver appoggiato il cosiddetto Piano Solo che avrebbe dovuto portare ad una svolta autoritaria nel nostro Paese.
Niente di più falso e vergognoso fu detto su di un personaggio al quale la Repubblica e la democrazia italiana devono moltissimo.
Randolfo Pacciardi fu riammesso nel PRI negli anni '80 e Repubblicano rimase sino alla morte.
Questa, in estrema sintesi, la vita politica di Randolfo Pacciardi, ma, perché mai si è voluto cancellarne la memoria storica ?
Basta leggere la sua vita, per comprendelo, infondo.
E basta leggere l'unico libro a lui dedicato, pubblicato proprio quest'anno da Albatros e curato dall'amico repubblicano Renato Traquandi, che fu per lungo tempo collaboratore di Pacciardi.
"Randolfo Pacciardi" è infatti l'unica raccolta di scritti, discorsi ed articoli del Nostro, che parlano nel concreto della sua attività politica: una vita basata sugli ideali di emancipazione sociale propugnati da Giuseppe Mazzini, ovvero in totale concorrenza – a sinistra - con i socialisti, i quali, a parere di Pacciardi, inseguivano le masse, ma raramente pensavano ai problemi della collettività.
Fu per questo che Pacciardi avversò sempre la formula dei governi di Centro-Sinistra, nei quali i socialisti facevano il bello ed il cattivo tempo, pensavano ad accaparrarsi posti di potere, strizzavano l'occhio ai comunisti ed all'Unione Sovietica ed aumentavano burocrazia e tasse.
Nel libro curato da Traquandi vi è questo e molto altro: vi è l'epopea del giornale repubblicano fondato da Pacciardi "Etruria Nuova", quello di "Nuova Repubblica" e, per finire, il periodico “L'Italia del Popolo”.
Si potrà dunque scoprire che Randolfo Pacciardi fu il primo politico – peraltro totalmente isolato – che si battè contro la dilagante partitocrazia ed il sistema delle tangenti che egli, già alla metà degli anni '60, denunciò: inascoltato da tutti, persino da una magistratura che pensava ad insabbiare...piuttosto che ad indagare (mentre negli anni '90 utilizzò la clava giudiziaria per colpire solo una parte – quella democratica ed occidentale – della classe politica).
Pacciardi nella lotta al potere dei partiti giunse dunque decenni prima dei radicali di Pannella che, chissà perché, lo ignorarono totalmente.
E Pacciardi arrivò prima persino di Bettino Craxi, proponendo, nei primi anni '70, una Grande Riforma di stampo presidenziale: Presidente della Repubblica con funzioni di governo eletto direttamente dal popolo e Parlamento - con funzioni di organo legislativo - eletto su base proporzionale. Nonchè magistratura con carriere separate ed intipendente dal potere politico ed eletta dal popolo.
Tutto questo gli causò, purtuttavia, solamente grane: espulsione dal PRI di Ugo La Malfa ed accusa di cospirazione politica da parte del magistrato comunista Luciano Violante.
Accusa che finì con un nulla di fatto, visto che nè Pacciardi nè Edgardo Sogno, suo amico liberale, volevano realizzare un golpe, bensì propugnavano una Repubblica presidenziale, ove i partiti non fossero comitati d'affari, ma tornassero alla loro funzione rappresentativa.
Ovviamente ciò dava fastidio alla sinistra comunista, ai socialisti ante-Craxi - amici dei comunisti - ed al centro democristiano in particolare la corrente di sinistra, che, con Moro e Fanfani, aveva fatto del Potere la sua arte.
Renato Traquandi con il suo "Ranfolfo Pacciardi" colma dunque una lacuna nel panorama politico dell'Italia repubblicana e del Partito Repubblicano Italiano.
Racconta - per mezzo dei suoi stessi scritti - le vicissitudini di un combattente antifascista, anticomunista ed antipartitocratico che morì nel 1991 senza alcun rimpianto ed in piena onestà intellettuale e morale.


Luca Bagatin



21 settembre 2010

Dario Argento a Pordenonelegge 2010: una cerriera cinquantennale nel segno dell'horror

Dario Argento, parafrasando Nanni Moretti nel suo "Caro diario", è decisamente uno splendido settantenne.
Nessuno, infatti, vedendolo di persona presso la sala stampa della manifestazione del libro/incontro con gli autori Pordenonelegge, tenutasi appunto a Pordenone - domenica 19 settembre - avrebbe detto che il "Maestro del cinema horror" è, infatti, classe 1940 e che ha alle spalle una carriera quasi cinquantennale.
Amante della lettura e della scrittura e dal carattere introverso, ma assolutamente colloquiale, Dario Argento si dice deluso dal cinema italiano di oggi, reso mediocre dalla televisione. Una televisione che impedisce agli autori - siano essi sceneggiatori o registi - di sperimentare creativamente. Una televisione che presume, dunque, che il pubblico sia sostanzialmente stupido ed incapace di comprendere schemi e modelli che vadano oltre la banalità.
Vero è che lui stesso si è prestato ad una comparsata in una fiction per il piccolo schermo, ovvero "Tutti pazzi per amore 2", ma si è trattato di un semplice favore fatto all'amico regista, al punto che lui, quella puntata, non l'ha nemmeno voluta vedere.
All'estero, come ad esempio in Francia, Spagna o Germania, ricorda Argento, il ruolo della televisione è ben più marginale ed il cinema è decisamente più vivo.
Da amante della parola scritta, Dario Argento, ha iniziato come giornalista e sceneggliatore prima ancora che come regista. Ed è diventato regista allorquando, deluso dall'inadeguatezza del precedente regista del suo "L'uccello dalle piume di cristallo", ha deciso di sostituirlo con sè medesimo.
Il Maestro dell'Horror, per definire poi la sua naturale predisposizione per il genere trhiller o horror, ha utilizzato l'espressione: "sono prigioniero dei sanguinosi fantasmi della mia coscienza", ovvero non comprende affatto da dove e come scaturiscano i soggetti per i suoi film. Ha ironizzato semplicemente, fra un sorriso e l'altro: "Sono una persona normalissima, ma, evidentemente, il mio inconscio ha dei turbamenti".
Pur non volendo addentrarsi troppo sul presente e futuro del cinema horror, Argento ha citato i suoi registi preferiti, che sono anche suoi amici e contemporanei, ovvero Romero, Carpenter, Wes Craven e poi ha ricordato anche il grande Lucio Fulci al quale è stato molto vicino anche durante la sua malattia e con il quale ha prodotto e sceneggiato "Maschera di cera", realizzato poi dal regista Sergio Stivaletti.
Attualmente, il Nostro, sta studiando la tecnologia che permette di realizzare film in tre dimensioni e conta, in un prossimo futuro, di realizzare un film completamente in 3D.
Prima di concludere, ha colto l'occasione per dire che in Italia "c'è stata una precisa volontà politica di affossare il cinema e la cultura, come sta avvendendo oggi con la scuola pubblica".
E se lo dice lui che ha cinquant'anni di carriera alle spalle, c'è davvero, tristemente, da crederci.
Il vero orrore, forse, è proprio questo.

Luca Bagatin


sfoglia     luglio        settembre






"La vita mi pesa, ma credo sia debito di ciascun uomo
di non gettarla se non virilmente o in modo che rechi
testimonianza della propria credenza."

 Giuseppe Mazzini