Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

"Cortometraggi per un film" by Luca Bagatin

Il 29 settembre di un anno fa pubblicai su questo blog i tre seguenti "cortometraggi per un
film" che magari un giorno mi piacerebbe vedere realizzato da qualcuno del mestiere (io
mi limito alle sceneggiature ed alla scelta delle immagini).
Ve li ripropongo qui di seguito nella loro semplicità tutt'altro che banale.

Luca Bagatin

Maria Valeria si è svegliata anche quest'oggi. Ma oggi è un giorno diverso. Oggi ha scoperto di essere madre.

Ha telefonato a Miguel, il suo ragazzo. Lui ha finto di non capire. Poi l'ha
invitata a cena. Al solito ristorantino. E' lì che lei è sbottata e gli ha tirato uno
schiaffo. E poi acqua. Tanta acqua. Cascate d'acqua. E lacrime.
Miguel, composto come sempre, si è alzato e se ne è andato.
Infondo Maria Valeria lo aveva tradito qualche settimana prima. Quando era andata a
Filadelfia per girare un film.

Maria Valeria è un'attrice drammatica. Ora il dramma lo sta vivendo lei. Non si tratta
tanto del bimbo quanto della sua esistenza. Valeria è depressa. E vuole farla finita.
Almeno con Miguel.

Ma perché quell'autore di fotoromanzi sexy odiava le automobili al punto che tutte le
mattine doveva litigare con ogni automobilista che tentava di prenderlo sotto ?
Eh, sì. Luigi Magri, scrittore di romanzi rosa da supermercato e di fumetti pornografici
era proprio arrivato alla frutta. Al punto che lui gli automoblisti li avrebbe fatti fuori
freddandoli alla tempia con un colpo di pistola ("bastardi figlidiputtana !"). Non prima
però di aver sfasciato qualche carrozzeria con annessi e connessi.
E così quella mattina, in Rue XXX Avril, con una spranga in mano avrebbe preso a
randellate una Ferrari testarossa distruggendone lunotto anteriore, fari, lunotto posteriore,
amputando specchietti e...pisciandoci sopra.

Non c'è due senza tre. Carlo Tre, tecnico informatico omosessuale si sarebbe trasferito
presto in Colombia con il suo compagno se non avvesse scoperto di avere l'Aids.

E doveste vedere quanto i suoi amici lo sfottessero: tre coglioni a ridere alle sue spalle.
Uno magro magro e nasone, uno serio e con il naso a patata di nome Miguel ed un trippone
con barba e vestito tirato in giacca&cravatta.
Affaristi mangiatori di cioccolata. In Ferrari testarossa.

P.S.: ringrazi Maria Guidone in arte AnneHall per essersi involontariamente prestata nel
prestare la faccia ad un personaggio letterar-cinematografico da me creato.

Pubblicato il 25/10/2007 alle 16.45 nella rubrica RACCONTI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web