Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

A VOLTE RI-TORNANO....."I racconti del Cubo", ovvero "le storielle surRenali" by Luca Bagatin


Da sinistra a destra: Ambra Angiolini a quindici anni nota icona anni '90 e sosia di Valentina Li Puma; parte del corpo femminile ambita dai maschietti quindicenni con rispetto parlando per gli stessi; Silvio Berlusconi scende in campo mostrando alla piazza la sua (di piazza).

QUANDO AVEVO QUINDICI ANNI, PER QUANTO E, ANZI, VISTO CHE CORREVA L'ANNO 1994, NON NE AVEVO GIUSTAMENTE SEDICI
racconto surRenale by Luca Bagatin

Quando avevo quindici anni scrivevo stronzate come questa: "L'anno si sta spegnendo ma il mio amore rimane acceso, come un fuoco che brucia i ricordi di un periodo lontano. Come la follia di un uomo che non si placherà mai. Come le onde di un mare oscuro allo sgomento, che si frangono impetuose su una spiaggia grigia e deserta. Non c'è amore, a questo mondo, senza dolore e tristezza".
Quando avevo quindici anni credevo di essere innamorato pazzo di Verusca De Pol di Malnisio di Montereale Valcellina (Pn) alla quale scrivevo miriadi di melense letterine ed alla quale dedicai anche la poesia di cui sopra nonché il mio primo romanzo mai pubblicato e tutt'ora inedito (una sorta di Elisa di Rivombrosa, ma ambientato in Prussia). Oggi chissà che fine ha fatto. Verusca intendo.
Quando avevo quindici anni anni lessi il "Manifesto del Partito Comunista" del duo Marx-Engels e mi convinsi di essere comunista anch'io sino a che, anni dopo, quando divenni maggiorenne, lo rilessi assieme ad altre opere e mi accorsi di quanto infantile ero stato. Da allora divenni più anticomunista di Berlusconi che fra l'altro giudicai (e giudico) assai più marxista di quanto volesse (e voglia) sembrare.
Quando avevo quindici anni non soffrivo di polluzioni né diurne né notturne, pur a dispetto della giovane età.
Quando avevo quindici anni ero terrorizzato dalla mia insegnante di italiano - tale Pasqualina Boldarin che incontrai anni dopo al Supermercato Pam Panorama di Corso Garibaldi - la quale mi fece odiare la mia materia preferita per un paio d'anni.
Quando avevo quindici anni ne avevo uno meno di sedici, benché a sedici anni dimostrassi fisicamente la stessa età di quando ne avevo quindici ed oggi, che ne ho ventotto, ne dimostro più o meno venti.
Quando avevo quindici anni ero un tipo assai taciturno e solitario al punto che non uscivo pressoché mai di casa tranne che per andare a scuola la mattina. Oggi sono un  tipo coriaceo, quindi, attenti a come mi rivolgete la parola.
Quando avevo quindici anni correva l'anno 1994 e Silvio Berlusconi stava per scendere in campo per contrastare la gioiosa macchina da guerra di Achille Occhetto e nella mia scuola, fra i ragazzini, andava per la maggiore la Lega Nord.
Quando avevo quindici anni mi sentivo come Asterix ed Obelix e non solo credevo che il cielo potesse cadermi sulla testa da un momento all'altro, ma lo sperimentai di persona.
Quando avevo quindici anni entravo in classe con un quotidiano sottobraccio che leggevo per intero escluse le pagine sportive.
Quando avevo quindici anni ancora non conoscevo la bionda Verena né tantomeno l'esistenza di codesto latinico nome. La conobbi tredici anni dopo sulla corriera delle 18.45 e non me ne pentii punto.
Quando avevo quindici anni lessi (oltre al "Manifesto" di cui molto più sopra), "Storia della mia vita" di Giacomo Casanova. Punto e a capo.
Quando avevo quindici anni ero appassionato di libri e film gialli (lo sono ancora oggi), ma allora non sapevo ancora che..." Perfino le più chiare e perfette prove indiziarie possono essere errate, per cui andrebbero considerate con cautela. Prendete il caso di una matita qualsiasi, temperata da una donna qualsiasi; se avete dei testimoni, scoprirete che ha usato un temperino; ma se prendete in considerazione soltanto l'aspetto della matita, direte che l'ha temperata con i denti".
Evidentemente, a quindici anni, non conoscevo ancora Wilson lo Zuccone.

Da sinistra a destra: simbolo dei "Progressisti per Sant'Anastasia" movimento che contrastò il Berlusca quando avevo 15 anni; io a 8 anni (a destra, riconoscibile dalla bassezza e dalla simpatica felpina); Mark Twain l'unico ed inimitabile Wilson lo Zuccone ti tutti i tempi.

Pubblicato il 16/11/2007 alle 17.22 nella rubrica FATQUAK SCHOOL.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web