Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Da "Lo straniero misterioso" by Mark Twain


- Perché ? -
- Perché il loro caso era uguale al tuo -
- Come può essere ? -
- Bé, c'erano sessantotto persone, e sessantadue non desideravano tirar sassi più di quanto non lo desiderassi tu -
- Ma Satana... -
- Oh, è così. Conosco la vostra razza. E' fatta di pecore. E' governata da minoranze: raramente, o mai, da maggioranze. Soffoca i suoi sentimenti, le sue convinzioni, e va dietro ai tre o quattro che fanno più baccano. A volte i tre o quattro che fanno baccano hanno ragione, a volte hanno torto; ma non ha importanza: la massa gli va dietro. La grande maggioranza della razza, selvaggia o civilizzata, è, nel suo intimo, portata alla pietà e rifugge dal fare del male agli altri, ma davanti alla maggioranza spietata e aggressiva non ha il coraggio di imporsi. Pensa ! Una creatura mite e onesta spia un'altra e fa il possibile per collaborare lealmente ad azioni inique che disgustano entrambe. Parlando da esperto, so che il novantanove percento della vostra razza era nettamente contraria all'uccisione delle streghe quando, molto tempo fa, questa stupida idea fu sbandierata per la prima volta da un gruppetto di devoti fanatici. E so che anche oggi, dopo secoli e secoli di pregiudizi tramandati e di assurdi precetti, solo una persona su venti approva nel suo intimo le torture inflitte alle streghe. Eppure, in apparenza, ognuno odia le streghe e vuole che siano uccise. Un giorno pochi insorgeranno dalla parte opposta e faranno un gran chiasso - forse anche un solo uomo, dalla voce possente e dall'aria decisa ci riuscirà - e in una settimana tutte le pecore muteranno direzione e lo seguiranno, e la caccia alle streghe finirà tutto ad un tratto.
- Le monarchie, le aristocrazie, le religioni sono tutte basate su questo grande difetto della vostra razza: la diffidenza di ogni individuo nei confronti del suo vicino, e il desiderio, per motivi di sicurezza e di comodità personale, di mostrarsi sotto una buona luce agli occhi del vicino. Queste istituzioni sussisteranno sempre e sempre prospereranno, e sempre vi opprimeranno, vi insulteranno, vi umilieranno, perché voi sarete sempre, e resterete, schiavi delle minoranze. Non c'è stato mai un solo paese in cui la maggioranza del popolo fosse, dentro di sé, sinceramente attaccata a queste istituzioni.


Pubblicato il 1/12/2007 alle 10.26 nella rubrica MEDITAZIONI FOLLI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web