Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

"NON TUTTO VIEN PER NUOCERE" racconto "rospante" by Luca Bagatin



L'Opera "San Rospo" è dell'artista Andrea Bonazzi

All’interno del cartoncino che conteneva il suo succo di frutta, vi era un rospo che nuotava.
Mentre lui succhiava nella cannuccia era inconsapevole di quella inconsueta presenza.
Chissà com’era entrato. Forse da solo mentre in fabbrica il succo era impacchettato nei brick, oppure  qualche operaio buontempone l’aveva inserito di proposito nel cartoncino, magari con l’intento di far ricadere l’incidente sull’intera impresa.
Luigi, il destinatario del succo, era arrivato a metà cartoncino senza accorgersi di nulla, quando sentì cantare: "Hare Krishna, Hare Krishna…" da un… tombino. 
Si avvicinò e vide un rospo che cantava mantra in sanscrito.
- Ma come, un rospo che canta? -
- Certo, perché no? Tu non hai mai cantato? – disse il rospo ricominciando poi  le sue litanie.
Luigi gettò il brick del succo di frutta a terra e svenne. Il brick con l'altro rospo dentro fece uno…due…tre balzi.
Luigi entrò in una nuvola di fumo (un sogno?) e vide le pareti della stanza che si coloravano e si riempivano di rospi e di rettili variopinti e percepì una musica rock provenire dal suo cuore.
L’illusione svanì e Luigi si risvegliò con addosso una moltitudine di rospi che saltellavano qua e là.
Non perse la calma. In fondo è solo un sogno, disse fra sé.
Infatti accadde che si risvegliò (questa volta realmente e definitivamente) e si ritrovò tranquillo a gracidare nel suo stagno: “Cra, cra…”.
‘Che incubo! Sognare di essere un uomo… di nome Luigi per giunta!’ pensò.


L'Opera "San Rospo" è dell'artista Andrea Bonazzi

Pubblicato il 15/12/2007 alle 10.54 nella rubrica RACCONTI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web