Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Spettacolo e cultura indipendente a Pordenone e dintorni


La "cultura", intesa nella concezione classico-umanistica, è quell'aspetto dell'esistenza attraverso cui si "coltiva l'animo umano".
E come coltivare l'animo umano se non attraverso strumenti con cui divertirlo ed intrattenerlo ?
A Pordenone e dintorni ciò è possibile per mezzo dell'Associazione culturale Odeia che dal 2002 si occupa di eventi teatrali e musicali ed il cui Presidente, l'attivissimo ex musicista Paolo Piuzzi, ci introduce nelle sue molteplici ed accattivanti attività.
Odeia, in primis, gestisce alcuni teatri della provincia di Pordenone: il Teatro Don Bosco di Pordenone città, il Teatro Pileo di Prata di Pordenone ed il Teatro comunale di Polcenigo e collabora con il Comune di San Vito al Tagliamento nell'ambito dell'attività teatrale. Di mese in mese, da ottobre a marzo, Odeia organizza specifici eventi che vengono pubblicizzati per mezzo di un notiziario mensile che illustra la programmazione di ogni singolo teatro e viene distribuito gratuitamente ln 8.000 copie nei principali locali pubblici.
Tutto ciò rientra nel progetto denominato "TeatriAssociati" (www.teatriassociati.org) che nasce proprio con la funzione di dare visibilità ai teatri di piccole e medie dimensioni, al fine anche di ottimizzare i costi di promozione e produzione, nonché per sostenere produzioni artistiche locali e spesso poco valorizzate dalle "major".
Ed ecco che qui entriamo nel "vivo" della funzione di Odeia: essere indipendenti rispetto ai "soliti canali", a quella che Odeia stessa definisce la "cultura propagandistica", in cui ciò che è realmente cultura passa in secondo piano per favorire ciò che è "mass media". Un conto è insomma proporre eventi di qualità, magari anche con pochi mezzi e con artisti semi-sconosciuti ma che raggiungano davvero il cuore e l'animo dello spettatore, un altro è organizzare un evento con lo scopo ultimo di presentare uno spettacolo che ha come protagonista il personaggio mediatico del momento, magari foraggiato da fior fior di quattrini !
Odeia è stata trampolino di lancio per numerosi artisti locali fra cui Juri Dal Dan, Francesco Bearzatti e la Pordenone Big Band, oltre che aver proposto per prima a Pordenone lo spettacolo di Giorgio Tirabassi "Coatto unico senza intervallo", scritto anche dallo stesso attore e, a novembre dell'anno scorso, "Sotto spirito" di Alberto Patrucco con musiche di Georges Brassens, nell'ambito della rassegna "A suon di risate" che vede unite, in un'armonica sinergia, comicità e musica.
Attualmente l'attività di Odeia è tutta concentrata nell'evento più prestigioso da essa ideato proprio alla sua fondazione nel 2002: "Pordenone Jazz Koinè".
"Pordenone Jazz Koinè" si svolge da febbraio a marzo e vede protagonista la musica afroamericana preferita dagli autori della Beat Generation, Jack Kerouac in primis: il jazz.
Dal 2002 ad oggi "Pordenone Jazz Koinè" ha ospitato, oltre ad artisti locali, anche ospiti di fama nazionale ed internazionale fra cui Aldo Romano, Antonello Salis, Daniele D'Agaro, Carlo Actis Dato, Vetiptons, Rita Marcotulli, Andy Sheppard, Sax Pistols, Hiram Bullock e Alex Acuna.
L'edizione di quest'anno sarà interamente dedicata al mitico bassista degli Art Ensemble of Chicago, Malachi Favors, scomparso nel gennaio 2004 e sono previsti cinque concerti di cui tre ospitati al Teatro Don Bosco di Pordenone, uno al Teatro Pileo di Prata e uno al Teatro di Polcenigo e vedranno protagonisti: la Pordenone Big Band e Stefania Petrone in "Strani frutti"; Furio Di Castri in "L'esigenza di andare verso il basso"; l'Orchestra Zlatko Kaucic Kombo in "Suite for Malachi Favors"; Stefano Battaglia in "Re: Pasolini" (a commento delle immagini del film di P.P. Pasoilini "Il Vangelo secondo Matteo") e Alessandro Turchet con Paolo Corsini in "Rivolti dal Basso".
Ci attende quindi una stagione pregna di eventi in cui immergerci a suon di sax ed improvvisazione.....targata Odeia.


Luca Bagatin

Pubblicato il 29/1/2008 alle 17.50 nella rubrica ARTICOLI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web