Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

"ZANONI": un romanzo sul mistero dei Rosa-Croce



Chi è Zanoni, l'immortale Caldeo che si aggira per l'Europa di fine Settecento e sconvolge, con i suoi prodigi, la nobiltà napoletana ?
Nell'inquetante cornice costruita da Edward Bulwer Lytton si dipana la storia d'amore che coinvolgerà la bellissima attrice Viola Pisani, il nobiluomo inglese Clarence Glyndon e Zanoni, appunto, il Maestro Rosa-Croce.
Un romanzo di chiara matrice esoterica e misterica, "Zanoni", mette in luce la contrapposizione fra "bene" e "male", ovvero fra "ateismo" e "spiritualità" (quella dei Rosa-Croce appunto) che consente di comprendere il significato più profondo della Vita e del Tutto solo per mezzo del distacco dalla materialità delle cose terrene.
Ed è così che Zanoni, il Caldeo vecchio di 5000 anni, è ancora bello e giovane nel periodo della Rivoluzione francese e dispenserà generosità ed amore in una Napoli borbonica e pervasa dalla superstizione.
E così la vita di Zanoni s'intreccia a quella di Viola Pisani, attrice rimasta orfana e amata dal nobile Glyndon che pur ella respinge assieme al perfido pittore francese Jean Nicot, fervente ateo e sanguinario seguace di Robespierre.
Ed ecco che il romanzo di Bulwer Lytton diventa crocevia fra verità storica e verità occulta e riesce a conciliare la presenza di figure quali il tiranno Robespierre, simbolo del Terrore e dell'annientamento dell'amore umano e spirituale, con figure occulte e mistiche quali il Guardiano della Soglia e l'universo dei Rosa-Croce, la millenaria confraternita dispensatrice della Luce Universale.
Un romanzo inquietante ed allo stesso tempo bellissimo che fa assaporare un universo, ai più sconosciuto. Un universo che riconosce il libero arbitrio umano, che non lo giudica in sé, ma che mostra anche la strada verso la Divinità eterna priva della materialità tipica del mondo visibile.
Edward Bulwer Lytton, romanziere e politico della metà dell'800, fu amico di Charles Dickens e si occupò a lungo di esoterismo e di storia antica.
C'è chi dice che fu egli stesso membro della confraternita dei Rosa-Croce e l'occultista russa Madame Blavatsky - fondatrice della Società Teosofica - lo riconobbe come "uno che è ancora riconosciuto dalla misteriosa Fratellanza in India come un membro della loro organizzazione".
La Blavatsky parla dei Maestri della Fratellanza Bianca, la cui esistenza è attestata da tutte le scuole e tradizioni iniziatiche e gnostiche orientali ed occidentali e che insegnarono anche a lei tutte le arti occulte.
E così, fra letteratura ed esoterismo, "Zanoni" e indubbiamente un romanzo senza tempo (pur inserito in un preciso contesto storico) fondamentale per colui il quale sa scrutare oltre l'orizzonte.





Luca Bagatin

Pubblicato il 4/8/2008 alle 9.42 nella rubrica ARTICOLI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web