Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

UN AMORE SENZA FINE romanzo a puntate by Luca Bagatin (CAPITOLO SETTIMO)

E con questo siamo alla metà dell'opera del mio FEUILLETTON che scrissi ben sedici anni fa.
Sette capitoli su quattordici, dunque !
Perdonate ancora una volta la mia scrittura giovanile ed "inesperta"...ma lasciatevi comunque avvincere quest'oper(ett)a in stile settecentesco scritta - peraltro - ben prima di Armida di Rovombrombretta dalla Cinzia col Tiacca Torrigiani.

Luca Bagatin

Capitolo settimo



Il tradimento


    Alcuni giorni dopo, Morgan Turning venne a conoscenza del fallimento del suo piano, mediante un informatore e ne diede conoscenza al Barone Von Grimbukow, il quale propose di uccidere personalmente Einrich.
    Il vecchio tuttavia gli disse: - Messere, lasciate che ce ne occupiamo io ed i miei uomini, dato che abbiamo più dimestichezza in questo genere di cosette...-
    - Quel maledetto borghese insidia la mia amata e per questo ho il diritto e il dovere di battermi con lui e di ucciderlo! -
    Il vecchio insistette ancora: - Barone, guardate la cosa da un altro punto di vista: se sarà Von Breith ad uccidervi, morirete con disonore ed inoltre non potrete più rivedere la Duchessina e mettere mano alle sue ricchezze; mentre ciò non potrà di certo accadere a me o ad uno dei miei uomini! -
    - Bene, Morgy, mi avete convinto! Partite pure alla ricerca del giovane borghese! -
    Una volta partito il vecchio, Mark lo seguì, ormai deciso a porre fine all' esistenza del giovane Von Breith.
    Einrich, Verusca ed Alexandra, salutarono e ringraziarono il Principe Federico ed il Conte e quest’ultimo donò loro una nuova carrozza con la quale avrebbero proseguito il viaggio, dato che ormai troppi erano a conoscenza del loro soggiorno a Weimar.
    Einrich decise che era il caso di dirigersi verso Berlino. Là, infatti, avrebbero goduto della protezione del Re di Prussia. Tuttavia il misterioso informatore di Turning , venne ben presto a conoscenza di ciò e ne diede comunicazione al suo padrone, mediante il solito messaggio legato ad un piccione viaggiatore.
    Dopo alcuni giorni, Einrich e le due dame, arrivarono a Postdam, principale presidio militare di Re Federico Guglielmo I.
    Poche ore dopo arrivò anche Morgan Turning, il quale, intercettato Einrich, estrasse la spada.
    - Von Breith, finalmente possiamo scontrarci e per giunta nella città cara al Re "Sergente"(soprannome del Re di Prussia Federico Guglielmo I con il quale passò anche alla Storia. N.d.A.) ! -
    A quelle parole Einrich sguainò la spada e, con uno scatto furtivo, fu immediatamente dinnanzi al vecchio Morgy.
    I due iniziarono a duellare senza sosta, osservati a distanza, non solo dalle spaventate dame, ma anche dal Barone Von Grimbukow, il quale era momentaneamente nascosto dal muretto di una piccola abitazione.
    Entrambi i duellanti erano stremati dal combattimento, ma d’un tratto Turning lasciò cadere la spada, estrasse la pistola dalla tasca della giubba, prese violentemente il braccio di Verusca e gliela puntò alla tempia.
    - Von Breith, non siete morto, ma siete stato ugualmente sconfitto! Ora tornerò a Brema con la Duchessina e chiederò un riscatto di duemila talleri al suo fidanzato, anche se, fino a ieri, è stato un mio fido alleato! -
    - Che cosa intendete dire con: “è stato un mio fido alleato”? -, chiese Einrich sorpreso.
    - Il Barone Von Grimbukow non è stato altro che una pedina fra le mie mani; gli avevo promesso di uccidervi in cambio delle ricchezze della Duchessina che ci saremo equamente spartiti, ma ora voglio molto di più di quanto mi sarebbe spettato! Von Breith, sappiate che tramavo tutto ciò fin dal momento in cui scrissi l’orribile minaccia che trovaste in camera vostra! -
    D' un tratto si udì uno sparo e successivamente Morgan Turning cadde a terra privo di vita. Il colpo era partito dalla pistola del giovane Von Grimbukow, il quale aveva così vendicato il tradimento subito dal vecchio ‘Satana’.


Pubblicato il 16/11/2009 alle 7.46 nella rubrica FEUILLETTON.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web