Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

UN AMORE SENZA FINE romanzo a puntate by Luca Bagatin (CAPITOLO OTTAVO E NONO)

Sedici anni fa cogitai questo FEUILLETTON ambientato nella Prussia settecentesca: fra guerre, intrighi e tradimenti.......
Un amore senza fine, un amore contrastato......un amore impossibile fra un semplice musicista ed una nobildonna......
Quattordici capitoli che vi terrenno con il fiato sul collo.
Altro che sospeso !
(tranquilli, il mio medico mi ha sconsigliato di mangiare aglio).

Luca Bagatin

Capitolo ottavo


La sconfitta

Turning era ormai morto e Mark ‘uscì dall'ombra’. Verusca gli venne incontro e lo abbracciò.

- Amore mio, perché abbracci colui che ci ha fatto passare tutti questi brutti momenti? -, chiese Einrich, adirato, alla sua amata.

La giovane lo guardò, e con le lacrime agli occhi gli rispose: - Einrich, devi capire che amo quest' uomo e non mi importa ciò che ha fatto in precedenza. L' importante è che non lo rifaccia mai più, vero, amore? -

Il Barone le sorrise e le disse: - Certo cara, ci sposeremo e vivremo sempre felici. Quanto a questo borghese, può anche tornarsene a casa! -

Einrich subì così la prima grande sconfitta della sua vita.


Capitolo nono


L' arruolamento

Einrich Von Breith era finalmente ritornato a Brema, anche se molto deluso e amareggiato per la presa di posizione della Duchessina Verusca.

Poco lontano dalla sua vecchissima dimora, udì una voce maschile che urlava a squarciagola: - Cittadini di Brema! Arruolatevi nel corpo dei Granatieri Giganti di Re Federico Guglielmo I. La paga è di un tallero al giorno e il vitto e l’alloggio sono entrambi a carico di Sua Maestà!-

Einrich fu lì lì per arruolarsi, tuttavia un vecchio lo prese per il braccio e lo fermò: - Ragazzo, non farlo, non sai che cosa ti aspetta nel Corpo dei Granatieri Giganti! Fatica ... sangue ... fame... -

- Lo so, Signore, ma voglio dimenticare il mio passato e crearmi un’altra vita. La carriera militare nel Corpo più prestigioso di Prussia è quello che ci vuole! -, rispose coraggiosamente il ragazzo.

Il vecchio per un po’ rimase ammutolito, ma poi disse: - Hai fegato, ragazzo. Sono pochi quelli che vogliono far carriera nell' esercito del maledetto Re ‘Sergente’ ed in particolare in questo periodo, in cui la Prussia è in guerra1! -

Einrich alzò le spalle e si arruolò ugualmente.

Gli venne poi consegnata un’attillatissima uniforme blu con i calzoni bianchi, un cappello appuntito grigio ed inoltre, la parrucca bianca che portava in testa, venne sostituita con un’altra parrucca castana che terminava con una lunghissima treccia.

In seguito gli vennero consegnate le armi: uno spadino in metallo da tenere alla cintura, un fucile munito di una baionetta affilatissima, della polvere da sparo ed uno stoppino per caricare il fucile e pulirne la canna.

Fu così pronto per la lunga marcia che lo avrebbe condotto, insieme ai suoi camerati, a Postdam, proprio dove egli era precedentemente stato.

L’austero ambiente militare di Postdam non era certo il posto adatto ad Einrich, che amava l' arte, le belle donne, gli scherzi e le burle. A Postdam vigevano infatti l’ordine e la disciplina e chi non rispettava gli ordini dei superiori, veniva severamente punito. La pena più comune consisteva nell' essere frustati dagli ufficiali o dagli stessi camerati, con gli stoppini in metallo utilizzati per caricare i fucili!

Einrich, come si è già detto, odiava inizialmente quell' ambiente e i duri esercizi fisici a cui era sottoposto, ma ben presto cominciò ad amare tutto ciò, riuscendo a comprendere che per fare di un uomo un buon soldato, era necessario essere rigidi e inflessibili, senza mai cedere.

1 Guerra di Successione Polacca.

Pubblicato il 28/11/2009 alle 7.30 nella rubrica FEUILLETTON.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web