Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

"Pannunzio, quella lapide negata nel centro storico di Roma": da Il Velino del 9 aprile 2010

 
Pannunzio, quella lapide negata nel centro storico di RomaPannunzio, quella lapide negata nel centro storico di Roma

Roma, 9 apr (Il Velino) - È considerato tra i più fini intellettuali del Novecento italiano. A Roma, dove visse per quasi mezzo secolo e dove rischiò di finire alle Fosse Ardeatine, fondò la sua “creatura” più illustre: il giornale “Il Mondo”. Oggi, a Mario Pannunzio, mentre si celebra il centenario della nascita, la Capitale non trova modo di dedicare una targa commemorativa. È la paradossale vicenda denunciata da Pier Franco Quaglieni, presidente del Centro Pannunzio da lui fondato a Torino assieme ad Arrigo Olivetti nel 1968. “Lo scorso anno proponemmo al sindaco di Roma l'apposizione di una lapide per ricordare Pannunzio nel centenario della nascita – racconta Quaglieni al VELINO -. La Sovrintendenza ai Beni culturali, con grande rapidità e spirito di collaborazione, accolse la proposta e definì un testo bipartisan che avesse un valore eminentemente storico, come è giusto che sia per una lapide da apporre su un edificio nel centro storico di Roma”. Come luogo si pensò alla facciata di via Campo Marzio 24, angolo via dei Prefetti, dove Pannunzio nel 1949 fondò “Il Mondo” e dove il settimanale ebbe la sua prima redazione. La Sovraintendenza richiese il necessario nulla osta all’amministrazione condominiale del palazzo. Ma il via libera, dopo parecchio tempo di attesa, non è arrivato. Lo scorso 22 marzo il Pio Sodalizio dei Piceni, proprietario dell’edificio in questione, ha espresso parere negativo all’affissione della lapide motivando che in nessuno dei suoi palazzi “sono state apposte targhe commemorative di eventi che possano essere ricollegati alle attività degli inquilini occupanti”.

È la considerazione di Pannunzio come un “inquilino” qualsiasi ad amareggiare profondamente Quaglieni. “Non è colpa assolutamente della Sovrintendenza e non è neanche colpa del Pio Sodalizio dei Piceni che è proprietario dell'edificio e quindi titolare di diritti indiscutibili – osserva il presidente del Centro torinese -. Ma il problema sorge nel momento in cui si considera Pannunzio uno dei tanti inquilini e ‘Il Mondo’ non viene considerato come la rivista storica italiana più importante del secolo scorso”. E pensare che solo un mese fa Poste italiane ha dedicato a Pannunzio un francobollo commemorativo per il centenario riconoscendone la “storicità” del personaggio. Un valore che i dirigenti del Pio Sodalizio non hanno ritenuto di considerare. “A Roma Pannunzio visse ed operò a partire dagli anni Venti fino alla morte – ricorda Quaglieni -. Nella Capitale fondò due giornali importanti, venne arrestato, rischiò di finire alle Fosse Ardeatine ed è ricordato come uno dei padri fondatori della democrazia repubblicana”. Il presidente del Centro Pannunzio si chiede: “Può considerarsi la facciata di un edificio nel centro storico di Roma proprietà esclusiva del padrone dell'edificio? Il centro capitolino è un bene culturale e storico di per sé che appartiene ai romani e a tutti coloro che vedono Roma come capitale d'Italia e come concentrato di una storia unica e importante per l’intera l'umanità”.

Che la Sovraintendenza ai Beni culturali del Comune di Roma abbia le mani legate sulla vicenda, dal momento che il parere dei proprietari dell’edificio è vincolante, lo ribadisce Umberto Broccoli. “La legge è questa e non si può modificare – spiega al VELINO il sovraintendente -. Di mezzo ci sono innanzitutto il Codice civile e poi quello penale che vieta le affissioni sugli edifici. Nel caso specifico del palazzo di via Campo Marzio, si tratta di un edificio privato, non di un luogo pubblico e di conseguenza non possiamo attaccare targhe e lapidi senza il consenso dei proprietari, cioè del Pio Sodalizio dei Piceni”. Aggiunge Broccoli: “Purtroppo la regola è questa. Dico purtroppo perché Pannunzio è uno dei capisaldi del Novecento italiano assieme a Longanesi e Flaiano. Ho fatto spesso trasmissioni radio-televisive con materiali di Pannunzio e in passato ho pure vinto il premio a lui intestato. Figurarsi se avrei potuto essere contrario all’iniziativa pensata da Quaglieni. Anzi, mi piace ricordare che quando in commissione discutemmo la proposta, questa passò all’unanimità”.

Riguardo le considerazioni di Quaglieni sulla peculiarità di alcuni edifici del centro di Roma che per la loro storia dovrebbero appartenere a tutti, Broccoli commenta: “Sono d’accordo che a Roma tutto è storico. Però c’è anche da considerare l’altra faccia della medaglia. Perché ad esempio il proprietario di una casa a Trastevere, che già ora è quotata a prezzi stratosferici, nel momento in cui questa venisse qualificata come bene storico potrebbe vendersela come un pezzo di Colosseo. Lo stesso potrebbe accadere anche nel caso l’affittasse. Insomma ci sono mille sfumature da tenere in considerazione. Capisco, quindi, l’amarezza di Quaglieni che è la stessa che provo io. Però bisogna fare attenzione perché di ogni situazione bisogna vedere anche l’altra metà del cielo”. Broccoli lascia comunque una porta aperta. “La questione non finisce qui e vorrei risolverla – dichiara il sovraintendente -. Sicuramente eserciterò almeno un minimo di moral suasion sul Pio Sodalizio. Già ho dato disposizione ai funzionari della Sovraintendenza in questo senso. L’augurio è che si possa trovare una soluzione bonaria”.

Pannunzio, quella lapide negata nel centro storico di RomaPannunzio, quella lapide negata nel centro storico di RomaPannunzio, quella lapide negata nel centro storico di RomaPannunzio, quella lapide negata nel centro storico di RomaPannunzio, quella lapide negata nel centro storico di Roma

Pubblicato il 11/4/2010 alle 7.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web