Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

"PEDOFILIA....da studiare" articolo by Peter Boom

PEDOFILIA: CRIMINE CONTRO L'UMANITA'
presentazione di Luca Bagatin



Gli atti di violenza sessuale contro un bambino sono forse il più atroce dei crimini che un individuo possa compiere contro l'umanità.
E' difficile dire altro se non che chi è colpevole è, non solo giusto che paghi, ma anche che si renda conto del crimine che ha commesso.
Detto ciò andiamo oltre, ma sino ad un certo punto.
Lo scrittore Aldo Busi è stato mediaticamente "messo in croce" in quanto gli è stata attribuita una presunta difesa della pedofilia.
Nulla di più falso.
Aldo Busi ha semplicemente e da sempre distinto fra "bambini e minori" e fra "consenzienti e non".
Distinzione sempre e comunque corretta e di buonsenso.
La Chiesa Cattolica Romana ed Apostolica, magari, non sarebbe necessariamente d'accordo: "Un rapporto sessuale va sempre e soltanto consumato dopo il sacramento del matrimonio".
La Chiesa Cattolcia Romana ed Apostolica ha, oggi, ben altri problemi a cui pensare.
Solidarietà alle vittime della pedofilia. Non certo al Sig. Ratzinger, Papa dei cattolici.
E con ciò vi lascio all'ottimo pezzo di approfondimento - inerente, appunto, al tema "pedofilia" -  dell'amico Peter Boom.

Luca Bagatin (nella foto con Peter Boom)


PEDOFILIA....da studiare
di Peter Boom



La pedofilia è argomento oggi molto dibattuto a causa delle migliaia di casi finalmente usciti fuori nell'ambiente dei preti cattolici, uno scandalo con l'aggravante che proprio loro si vantano di essere i veri detentori di una “alta moralità”. La politica di repressione sessuale attuata dalla gerarchia
del Vaticano ha avuto come risultato che i casi di pedofilia rimanevano per la maggior parte nascosti, quindi impuniti, rendendo così ulteriormente penosi i traumi subiti dalle piccole vittime.
Proprio a causa di questa repressione la maggior parte delle vittime ha paura di sporgere denuncia per non esporsi a vergogne culturalmente imposte. Le vittime del passato dovrebbero invece avere la forza morale di parlare e di denunciare i loro carnefici proprio per impedire che altri innocenti cadano vittime a loro volta.
La pedofilia non è ancora studiata a fondo nei suoi molteplici aspetti, studi difficilmente sponsorizzati da industrie farmaceutiche non essendoci un proficuo tornaconto come esiste invece per anti-influenzali, viagra, etc.
L'età legale dei minorenni non è fissata in modo uguale in tutti i paesi, non sono stati sufficientemente presi sotto la lente i diversi tipi di pedofilia (età diversa, con o senza violenza, con o senza danni fisici, rapporti cercati dai minori, nei riti di iniziazione, nella storia, nell'antropologia, quelli a causa di segregazione ed isolamento, prigionia, risultanti da traumi pregressi, etc.).
Come autore della Teoria e della Filosofia della Pansessualità (www.pansexuality.it ) ho sempre considerato che gli esseri umani in principio portano dentro di sé tutte le opzioni sessuali comprese quelle pedofile.
Naturalmente le possibilità nocive della nostra sessualità devono essere evitate, soprattutto quelle violente e/o senza consenso, come si riscontra spesso nei confronti di minori. Inoltre un minore d'età il più delle volte non è ancora capace di discernere cosa sia dannoso o no e di dare il proprio consenso o meno.
Più problematica si presenta la situazione di bambini poveri, subnormali, handicappati, come quelli sordomuti violentati sistematicamente in un istituto religioso nel nord Italia.
Ho sempre pensato che la pedofilia abbia attinenza con la necrofilia in
quanto né i bambini né quantomeno i morti si possono difendere e si trovano alla mercé di persone che spesso presentano problemi di comunicazione con gli altri.
L'opinione che un atto sessuale su un minore non procuri un trauma o soltanto un leggero stato di confusione sembra del tutto fuorviante. Forse questo potrebbe essere vero al limite soltanto nel caso di bambini più grandi quando sono loro a cercare le prime esperienze sessuali. Una spinta sessuale che sarebbe bene seguire senza imporre troppe regole, soprattutto religiose (sensi di colpa), che potrebbero condizionare negativamente e far insorgere conseguenti complessi psicologici.
Voglio citare qui nove punti  del lavoro di Ellen P.Lacter, psicologa americana da 24 anni specializzata nel trattamento di minori abusati e maggiorenni abusati quando erano minorenni (recentemente pubblicato sul sito del professor Erwin J. Haeberle, Humboldt University-Berlino, www.hu-berlin.de/sexology sotto il titolo “Is pedophilia ever acceptable?” (Wayne R.Dynes).
La psicologa Lacter ha riscontrato nei piccoli pazienti i seguenti disturbi e problemi:(liberamente tradotto dall'inglese)

1) Dolore fisco, qualche volta fortissimo.

2) Un vero disgusto per gli atti sessuali, per la presenza di genitali e
delle emissioni.

3) Paura nei casi di violenza estrema, difficoltà respiratorie, conati di vomito, sensazione di soffocamento.

4) Paura conseguente a minacce alla propria persona, verso le persone amate, verso gli animali prediletti (pet) e altre persone e cose care allo scopo di assicurarsi sottomissione e per contrastare l'ansia di venire scoperta-o.

5) Il terrore basato sul fatto che la persona che abusa non lasci alcuna possibilità di scampo e che non tenga conto delle proteste di finirla.

6) Paura, vergogna e senso di colpa, basate sulla consapevolezza che le parti private del corpo dovrebbero rimanere coperte, la comprensione che il pedofilo o la pedofila fa di tutto per nascondere l'abuso, convincendo, certe volte con ulteriore violenza, il bambino o la bambina che questi atti sono dannosi e moralmente sbagliati e che deve tenerli segreti.

7) Tradimento e dolore nei casi di abuso da parte di persone amate che esigono atti dannosi ed immorali, in molti casi rafforzato dal fatto che i familiari ne sono a conoscenza e  permettono che l'abuso continui.

8) Sensi di colpa e di vergogna per l'incapacità di scappare e di difendersi fisicamente dall'assalitore.

9) L'idea di essere complice a causa dell'accettazione di regali o privilegi speciali da parte dell'abusatore.

La psicologa americana ha con questo enumerato problemi che per la maggior parte incidono sulle vittime vita natural durante.
La violenza sessuale può creare inoltre conseguenze come ansia, pianto, insicurezza, rabbia, insonnia, incubi, fissazioni, paranoia, nevrosi varie, scatti di nervi, desideri di vendetta, comportamenti asociali, problemi di apprendimento, droga, alcool, autolesionismo, aggressività, ed altresì danni fisici, inclusi lacerazioni di organi interni, malattie sessuali, gravidanza, suicidio ed in alcuni casi morte.
Un altro fenomeno da non sottovalutare è la rimozione psicologica che può arrivare fino alla negazione dei fatti avvenuti perfino a sé stesso.
Spesso anche le famiglie, qualora sono a conoscenza dei fatti, preferiscono non parlarne e cercano addirittura di tacitare le piccole vittime. Ogni psicologo sa che la prima condizione per liberarsi di un trauma è di parlarne.
Viene ancora da chiedersi se la pedofilia dev'essere punibile qualora non violenta e col consenso per esempio per un'età che va dai 14 ai 16 anni.
Un rapporto sessuale di una o un diciottenne che va con un quindicenne dev'essere considerato un reato?
Quando non c'è il consenso o nei casi di violenza sussiste in ogni caso il reato, prendendo in considerazione se viene attuato con o senza penetrazione,
con o senza danni fisici e/o psichici. I danni psichici non sono facili da valutare e possono uscire fuori anche dopo molto tempo.
Spero che questo mio articolo serva per approfondire l'argomento e per togliere il vizio di nascondere questo grave peccato.

Peter Boom
http://www.pansexuality.it

Pubblicato il 15/5/2010 alle 7.31 nella rubrica TEORIA DELLA PANSESSUALITA' by PETER BOOM.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web