Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

COSTRUIRE LO SGUARDO recensione di Peter Boom


In un magnifico volume, uscito da poco per i tipi del Gruppo Mancosu Editore, Plinio Perilli ha ricostruito una storia sinestetica del cinema in quaranta grandi registi abbellita con tantissime, interessanti e storiche fotografie.
Plinio Perilli oltre ad essere un valente e conosciuto poeta è uno dei massimi conoscitori del cinema, una cultura coltivata già da piccolo con un padre, lo sceneggiatore Ivo Perilli, vero pioniere del cinema che ha collaborato con i maggiori registi del mondo tra i quali King Vidor, John Houston, René Clement, Rossellini, Lattuada, Zampa, Monicelli, De Santis, Comencini, con scrittori del Novecento come Moravia, Flaiano, Zavattini, Soldati, Piovene, troppi per segnalarli tutti.
L'importante volume inizia con Chaplin, Eisenstein, Lang, Dreyer, Clair e Camerini, proseguendo, tra numerosi altri nomi altisonanti, con De Sica, Visconti, Spielberg, Pasolini, Bertolucci per finire con Scorsese, Moretti e Almodòvar.
Il curatissimo volume, una vera chicca per chi ama il buon cinema, documenta lo sguardo del regista sull'architettura, i laidi palazzoni di Roma contro le bellissime costruzioni e monumenti antichi, gli alienanti caseggiati popolari delle borgate, degenerazioni messe in bella mostra da Pierpaolo Pasolini e Nanni Moretti.
L'editore Carlo Mancosu, creatore con Bruno Zevi del Manuale dell'Architetto, con grande coraggio in questo periodo di crisi profonda, ha voluto ugualmente stampare questa preziosa testimonianza elaborata in anni di costante lavoro e ricerca  dal Perilli.
Cinema ed architettura, ambedue ci trasmettono immagini che, in modo conscio ma forse più inconsciamente, influiscono sulla nostra “qualità della vita”.
Quando vediamo i casermoni delle periferie comprendiamo il loro essere ispirazione di emarginazione, del vivere male, una negatività che è fortemente dannosa per coloro che sono costretti ad abitarli e di conseguenza altrettanto nociva per tutta la comunità.
Ancora oggi la natura, il verde viene sacrificato, una natura che apparentemente non sa difendersi dagli scempi se non attraverso cataclismi petroliferi, inquinamenti vulcanici e brutte malattie.

Peter Boom

Pubblicato il 7/6/2010 alle 7.38 nella rubrica TEORIA DELLA PANSESSUALITA' by PETER BOOM.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web