Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Simbolica massonica del Terzo Millennio

"Simbolica Massonica del terzo millennio" – di Irène Mainguy - è sicuramente l'opera più completa oggi in commercio per tutti coloro i quali - Massoni, studiosi o semplici curiosi - desiderano approfondire appieno il cammino iniziatico del Libero Muratore.


La curatrice - bibliotecaria e documentarista in carica presso la prestigiosa obbedienza massonica del Grande Oriente di Francia - Irène Mainguy, con questa sua "Simbolica", ha decisamente aggiornato, rivisto ed ampliato "La simbologia massonica" del massone francese Jules Boucher, che, dal 1948, è stata per decenni la pietra miliare di ogni buon Figlio della Vedova.
Edita dalle Edizioni Mediterranee e curata in Italia dal famoso alchimista e massone Paolo Lucarelli (noto negli ambienti esoterici per i suoi profondi studi sui misteri delle cattedrali, oltre che per quelli alchemico-gnostici), "Simbolica Massonica del terzo millennio" è un agile testo arricchito da preziose allegorie massoniche e diviso in capitoli e brevi sottocapitoli ove è possibile approfondire tutto lo scibile liberomuratorio: dalla simbologia di base passando per l'abbigliamento del massone; dai segni rituali ai toccamenti massonici sino alle parole sacre e "di passo"; dagli strumenti utilizzati dai massoni con il relativo significato simbolico, sino alle funzioni degli Ufficiali in Massoneria, alle virtù etiche ed ai doveri del massone. Un intero capitolo è inoltre dedicato alle Obbedienze presenti in Francia ed ai loro relativi riti; un altro è dedicato al Rito Scozzese Antico ed Accettato ed al Rito inglese di stile Emulation e l'ultimo alle principali Obbedienze massoniche in Italia.
“Simbolica Massonica del terzo millennio” è dunque sicuramente un testo di studio, ma anche e profondamente operativo, ovvero che va all'essenza della ritualità iniziatica senza perdersi troppo in dissertazioni storiche.
Impareggiabile, inoltre, la prefazione all'edizione italiana curata dallo stesso Paolo Lucarelli, il quale, lodando il lavoro di Irène Mainguy, affronta anche con massima apertura e competenza il tema della donna in Massoneria, ovvero esponendo due questioni fondamentali: nei cantieri operativi dei muratori medievali - a differenza di quanto erroneamente si tende a credere - vi erano anche donne ed inoltre i culti solari - come quello liberomuratorio, appunto - erano officiati soprattutto da sacerdotesse (si pensi ad esempio al culto di Apollo e Dioniso).
"Simbolica Massonica del terzo millennio", è infatti manuale che, forse per la prima volta nella Storia della Massoneria, si rivolge equanimemente a Massoni uomini e donne.
Figli e figlie di un unico Essere Supremo alla continua ed incessante ricerca del Buono, del Bello e del Vero, per mezzo della scuola di perfezionamento più antica e prestigiosa al mondo.

Luca Bagatin

Pubblicato il 20/11/2010 alle 7.26 nella rubrica SPIRITUALITA' - GNOSI - TEOSOFIA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web