Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Altre tristi note dal Palazzo...Della serie: l'estate del nostro scontento, fra tasse, balzelli, aumenti delle spese postali, abolizione degli sconti al 30% sui libri e aumenti dell'IVA

Casini vuole colpire i consumatori



Pierferdinando Casini, leader dell'Udc, prima lamenta che l'attuale manovra colpisce il ceto medio e le famiglie e poi rilancia l'aumento dell'IVA.
Anche lui, insomma, vuole colpire i cittadini ed il loro consumi che, diversamente, proprio in quanto siamo in crisi, andrebbero rilanciati.

L.B.


Bossi staparla (ma questa, invero, non è una novità)



Umberto Bossi tuona contro Francia, Germania e la "massoneria internazionale".
Secondo questo assurdo politico italiano...ehm...padano (?!?) la colpa della crisi è tutta della "massoneria internazionale che vuole mettere le mani sui soldi della gente"  (come diceva peraltro un certo Hitler...parlando di massoni ed ebrei) e di Francia e Germania che vogliono le banche italiane.
Peccato che al governo dell'Italia ci sia anche lui e la sua Lega Nord: principale partito statalista e tartassone che si è opposto più di altri ai tagli alla "casta" a cominciare dalle Province.
Anche i bambini, di solito, quando colti con le mani nella marmellata, danno sempre la colpa al gatto.

L.B.



L'accozzaglia delle forze (a maggioranza "cattocom") contro il porcellum per tornare al mattarellum. Ovvero al porcellum precedente



Una manciata di forze politiche eterogenee a maggioranza "sinistra" (PD, IdV, SeL, PLI, Patto Segni), sta raccogliendo le firme per un referendum per abolire l'attuale legge elettorale - definita "porcellum" - per tornare al precedente "mattarellum", ovvero ad un sistema elettorale ugualmente antidemocratico e ugualmente incostituzionale.
Il mattarellum, infatti, prevede alleanze obbligate con chiunque, pur di accaparrarsi i collegi uninominali. Il sistema migliore, insomma, per sdoganare gli estremisti (Lega Nord, IdV, La Destra, SeL) di entrambi gli schieramenti e dunque, di fatto, farli comandare: qualsiasi sia il loro effettivo peso elettorale.
Diversamente, la nostra Costituzione prevede e stabilisce l'elezione del Parlamento su base proporzionale pura. Con un referendum incostituzionale, nel '93, è stato stravolto il senso stesso di tale legge. Introducendo, appunto, il mattarellum.
Ora non si capisce per quale motivo si debba tornare alla truffa del mattarellum e non alla Costituzione.
Ad ogni modo - a nostro parere - occorrerebbe una riforma costituzionale, con una apposita Assemblea che preveda l'elezione diretta del Presidente della Repubblica con funzioni di governo e slegato dai partiti e l'elezione del Parlamento su base proporzionale pura, con funzioni legislative.

L.B.


MA QUANTI PASTICCI E SCEMPI HANNO SAPUTO COMBINARE QUESTI POLITICI "BIPARTISAN" NEL GIRO DI QUALCHE GIORNO ??????

Pubblicato il 15/8/2011 alle 14.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web