Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Syusy Blady e Patrizio Roversi alle prese con il mistero...a Pordenonelegge


Syusy Blady e Patrizio Roversi a Pordenonelegge, la manifestazione del libro che a Pordenone quest'anno si è tenuta dal 14 al 18 settembre.
Syusy Blady, al secolo Maurizia Giusti, un passato da femminista militante e Patrizio Roversi, conosciutisi negli anni '70, facendo animazione teatrale per ragazzi, sono decisamente una coppia comica che non ti aspetteresti.
Eh sì, perché noi, che siamo cresciuti con i primi successi di Antonio Ricci, ovvero programmi comici ed intelligenti come "L'Araba Fenice", "Drive In" o "La tivù delle ragazze" (quando ancora Serena Dandini non si era data alla militanza satiro-politica), non ci saremmo mai aspettati di trovare questi due a raccontare ed a raccontarci di viaggi e, soprattutto, di antropologia, misteriosofia, miti e, persino di esoterismo.
Senza pretese, ben inteso !
La verve ironica e curiosa del duo emiliano, infatti, non pretende affatto di sostutuirsi ai tanti, troppi "divulgatori scientifici" (seri o meno che siano) che da tempo si affacciano sui media nostrani.
Syusy e Patrizio sono semplicemente una coppia di persone curiose che, quando vanno in vacanza, amano approfondire e, dunque, presentare al pubblico quanto hanno visto ed appreso.
Syusy, in particolare, è un fiume in piena. Parla con passione dei suoi viaggi in Asia, iniziati con Patrizio nel 1991 in India, presso l'Ashram del Maestro Spirituale Sai Baba, recentemente scomparso. E poi dei loro viaggi in Sud America, alla scoperta dei miti Maya ed Aztechi e delle misteriose Linee di Nazca del Perù: curiosi geroglifi tutt'oggi oggetto di studio di numerosi antropologi.
Patrizio Roversi tenta di fermare l'ex moglie, intervallando battute che immancabilmente divertono l'uditorio, ma Syusy prosegue parlando di quello che in gergo prende il nome di Femminino Sacro, ovvero la presenza della Divinità come essere femminile, derivante dalla Terra Madre, Gea, ed esistente in tutte le culture del pianeta.
"Dio è donna", sostiene con convinzione Syusy Blady portando ad esempio numerosissime iconografie che vanno dall'Iside dell'Antico Egitto sino alla Madonna dell'iconografia cattolica. Iside con Horus in braccio, non sono altro che la Madonna con Gesù bambino, infatti. E Syusy racconta di come sia difficile parlare di questo nei programmi Rai senza scandalizzare gli autori ed incorrere in possibili censure.
"In televisione si rischia spesso di dover parlare non di ciò che potrebbe piacere, ma di ciò che disturba meno", chiosa. Purtuttavia lei e Patrizio Roversi, nella loro notissima trasmissione "Turisti per caso" (oggi diventata anche rivista periodica) hanno sempre cercato di parlare di ciò, portando a sostegno delle loro tesi immagini e documenti inediti. Sempre, ovviamente, con lo spirito del curioso e del turista.
Syusy vorrebbe continuare il discorso, raccontando di come esistano iconografie praticamente uguali in ogni cultura: dall'Antica Roma sino alla Mongolia. Il tempo, purtroppo, è tiranno.
Riesco ad avvicinare lei e Patrizio alla fine della conferenza, dopo i consueti autografi concessi al pubblico sul loro ultimo divertente ed interessante libro "Misteri per caso".
Chiacchiero in particolare con Syusy, che si conferma assetata di sapere e di conoscenza. Parliamo persino di massoneria, oltre che di esoterismo.
Li saluto, dopo esserci scambiati i rispettivi recapiti e penso, con grande compiacimento, di quanto interesse destino, al giorno d'oggi, tematiche di questo tipo che, nei fatti, riguardano l'origine della specie umana e la sua stessa evoluzione futura.

Luca Bagatin (nelle foto con Patrizio Roversi e Syusy Blady)

Pubblicato il 20/9/2011 alle 7.16 nella rubrica ARTICOLI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web