Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Seminario di rinascita del quotidiano l'"Avanti!" il 9 e 10 giugno: il mio saluto ed augurio



Sabato 9 e domenica 10 giugno, presso la Biblioteca Storica della rivista "Critica Sociale", al Teatro Borgo in Brera (MI) di Via Formentini 10, si terrà il seminario di rinascita del quotidiano di area socialista l'"Avanti!" (quello vero, senza "cammellate" lavitoliane).
Maggiori informazioni potete trovarle al sito www.criticasociale.net.
Ringrazio il direttore di Critica Sociale, Stefano Carluccio, per l'invito, ma, purtroppo, in quei giorni non mi sarà possible essere presente.
Ho pertanto inviato un breve testo di augurio, saluto ed auspicio che ho chiesto sia letto in mia vece al seminario e che riporto qui, in anteprima.

Saluto con grande simpatia la rinascita dell'Avanti che, mi auguro, possa essere anche la casa di chi, come me, non è né socialista né di sinistra, bensì repubblicano e liberale.
Penso che ad unirci sia una storia di comuni lotte per la libertà individuale e l'emancipazione, che fonda le sue radici nelle lotte risorgimentali contro l'oppressore straniero e clericale e, successivamente, la lotta al nazifascismo ed al comunismo, anche nella sua declinazione recente di cattocomunismo, vero, autentico responsabile della caduta della democrazia in Italia nel 1993.
Dal 1993, infatti, viviamo in una sorta di "dittatura mascherata", ove a farla da padrone sono presunti partiti o, meglio, "comitati d'affari" che si dicono "di destra" e/o "di sinistra", quando, nei fatti, sono entrambi uniti nella spartizione delle spoglie dello Stato, ai danni dei cittadini.
Personalmente non credo più ai partiti o alla necessità di costruirne di nuovi. Credo però alle radici culturali che accomunanoi nostri storici partiti laici e ritengo che tale storia debba "condizionare ed indirizzare" positivamente tanto coloro i quali si definiscono di destra, che coloro i quali si definiscono di sinistra.
Personalmente sono fra coloro i quali hanno creduto e credono che solo dalla parte opposta rispetto all'attuale "centrosinistra" possa nascere qualche cosa di autenticamente riformatore.
Credo in un nuovo, autentico, Movimento per le Libertà tutto da costruire. Libertà economiche, civili, sociali e sessuali. Oltre la destra e la sinistra. Che magari dialoghi anche con Beppe Grillo, perché no.
Ed auspico che l'Avanti possa essere la casa quotidiana di tutti i laici che lavorano per tali libertà. Senza "feticismi", senza "colori ideologici", bensì con contenuti avanzati.
Un caro saluto a tutti.

Luca Bagatin
scrittore e blogger

Pubblicato il 1/6/2012 alle 15.23 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web