Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

"Massoneria": un nuovo saggio riassuntivo sull'argomento del prof. Aldo A. Mola


La Massoneria è, per molti, indice di mistero, per altri di segretezza, per altri ancora addirittura di nefandezze.
Nulla di più sbagliato e, ancora una volta, a chiarirlo ai lettori italiani, è il prof. Aldo Alessandro Mola, medaglia d'oro per la Cultura, la cui "Storia della Massoneria Italiana" (Bompiani), è giunta ormai all'VIII edizione.
Con l'agile volumetto "Massoneria", edito da neanche un mese da Giunti nella collana Storia Poket, il Mola riassume, anche per il lettore più frettoloso, che cos'è e che cosa non è la Massoneria.
Da fine studioso dell'epopea risorgimentale italiana qual è il prof. Mola, egli ricorda la pubblicazione, nel 1908, del bellissimo "Libro del massone italiano" di Ulisse Bacci, direttore della Rivista Massonica del Grande Oriente d'Italia. Libro che, in Italia, per la prima volta, spiegava tutti i "segreti e misteri" della Massoneria.
Scartando origini fantastiche e mitologiche, il Bacci, raccontò, senza fronzoli, le autentiche origini gnostiche ed esoteriche della Massoneria, partendo dallo Zoroastrismo, il Brahamanesimo, il culto di Iside, i Misteri Eleusini, Pitagora, le sette druidiche, i Templari, sino a giungere ai Rosacroce.
L'opera del Bacci, inoltre, per la prima volta, riportava i rituali massonici che, evidentemente, nulla avevano del satanismo di cui erano tacciati dalla Chiesa cattolica e da ex massoni farlocchi come Léo Taxil.
La Massoneria, come ricorda il Mola, ufficialmente nacque il 24 giugno 1717, a Londra e, via via, si diffonderà, nel corso del '700, in tutta Europa e, con grande successo, anche nelle Americhe.
La prima Loggia massonica italiana fu installata a Firenze nel 1730 e, purtroppo, sarà proprio l'Italia a conoscere le uniche vittime della persecuzione antimassonica, operata in particolar modo dalla Chiesa cattolica. Tommaso Crudeli e Alessandro Cagliostro saranno infatti barbaramente torturati ed incarcerati con un'unica accusa: quella di essere massoni.
Invero, la Massoneria, non essendo una religione, non avrebbe mai potuto porsi in competizione con alcuna Chiesa, purtuttavia, nonostante ciò, per molti anni, la scomunica papale si abbattè sul capo dei massoni cattolici e tutt'oggi, putroppo, la ferita non è ancora sanata.
La Massoneria, considerata "eretica" persino nel periodo della Rivoluzione francese, conoscerà un vero splendore durante il periodo napoleonico, il quale, peraltro, sarà all'origine dell'idea di unificazione nazionale italiana.
Aldo A. Mola, infatti, racconta come i primi patrioti italiani, massoni a loro volta, quali Gian Domenico Romagnosi e Francesco Saverio Salfi, preconizzarono l'unificazione nazionale in nome della Roma pagana degli antichi, contrapposta alla Roma bigotta dei papi.
La Massoneria ed il Risorgimento, troveranno ad ogni modo in Giuseppe Garibaldi, nominato Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, il più grande simbolo di libertà sino al punto che, Garibaldi, fu il primo Gran Maestro a volere l'entrata delle donne nelle Logge massoniche, cosa ancora oggi tristemente vietata nel GOI (ma ammessa nella Gran Loggia d'Italia degli ALAM).
Una volta ottenuta l'unificazione nazionale, finalmente, la Massoneria riuscì non solo ad ottenere quel respiro che le era mancato per troppo tempo, ma persino a proporre le sue idee in seno al Governo ed al Parlamento, in quanto molti dei suoi rappresentanti erano eminenti massoni. E non certo di idee turpi trattavasi, bensì di riforme come quella dell'istruzione elementare laica e gratuita per tutti, l'assistenza sociale per i meno abbienti e la creazione della Direzione generale per la sanità.
Non mancarono polemiche anticlericali in seno all'istituzione massonica, ciò che portò il Sovrano Gran Commendatore del Rito Scozzese Antico ed Accettato Saverio Fera, nel 1908, a staccarsi dal Grande Oriente d'Italia per fondare la Serenissima Gran Loggia d'Italia, su posizioni liberali ed aperte a qualsiasi orientamento religioso, senza alcuna polemica con la Chiesa cattolica.
Un ampio capitolo del saggio "Massoneria" di Aldo A. Mola è dedicato, giustamente, all'Antimassoneria e, dunque, a tutte le persecuzioni che i massoni dovettero subire dalla creazione delle prime Logge sino ai giorni nostri, allorquando fu montato ad arte il falso scandalo P2, ove peraltro tutti i suoi componenti saranno assolti, con sentenze definitive della Corte di Assise di Roma del 1994 e del 1996. Per non parlare poi, dall'inchiesta antimassonica del giudice Agostino Cordova, anch'essa finita con assoluzioni piene, ma che costò la gogna mediatica per i massoni ingiustamente coinvolti ed accusati.
Mi si deve consentire un ringraziamento particolare al prof. Aldo A. Mola, per avermi fatto dono di questo suo ultimo lavoro che ho qui brevemente recensito ed in particolare per la toccante dedica che ha voluto farmi e che non scorderò mai: "A Luca Bagatin, che ama la ricerca e non teme la verità né il dubbio. Con fraterna amicizia. Aldo A Mola".

Luca Bagatin

Pubblicato il 3/8/2012 alle 16.43 nella rubrica ARTICOLI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web