Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

"La mia vita è un Caos Calmo: "Meccaniche celesti". Dialogo by Baglu & Emilia

Guardo le foto di Lei e mi emoziona.

Mi emoziona rivedere ancora il suo sorriso ed i suoi occhietti. "Occhietti", la chiamavo

spesso, infatti.

Ha anche un bellissimo abito, nero e a quadretti, con gonne svolazzanti e stivali ai

piedi. Quanto mi eccita vederla, con i suoi capelli lisci e violetti !

Mi piacerebbe starle vicino, magari poterla anche aiutare a risolvere ed a farle superare

le cose che la inquietano...ultimamente e non solo.

E' giovane ed ha tutta la vita davanti. Certo. Cadrà e si rialzerà da sola. Certo. E' che

forse avrei la pretesa di evitare che si facesse male. Anche se Lei preferisce cadere.

Poi ho anche il timore di fare peggio...

Non lo so, Emilia, tu che dici ?


Essere o non essere, ossia muoversi o non muoversi. Ma non è un problema, si può

sbagliare pensando di fare bene e pensando di far male. Le buone intenzioni…quello

che per noi sono buone intenzioni arrivano agli altri, a volte, come azioni che mirano ad

altri scopi.


Mi sento un po' come il palloncino di cui parli tu. O forse un palloncino vorrei esserlo

davvero. Rosso, leggero, che vola via, in alto, dopo che è stato usato da un bambino,

per gioco, oppure è stato perduto. Per disattenzione, incuria oppure per semplice caso.

Un palloncino che sale, sale, sale sino a scoppiare e la cui aria/anima si disperde

nell'infinito.

Infondo essere come un palloncino è come non essere mai esistiti per davvero.


Oh, no ! Essere un palloncino significa proprio il contrario: significa avere visto il mondo dall’alto. Essere stato unito al dito di un bambino e pensa la fiducia che quel bambino ripone in quel palloncino: rimarrà con lui, il vento lo porterà via ? O sarà il palloncino a voler scappare ? Il palloncino vola via e si porta con sé lo sguardo di quel bambino. Cosa vedrà il palloncino adesso che non è più qui ? Per il bambino vive ancora. Il palloncino vola in alto sempre più sù, il bambino rimane sulla terra; è così che s’impara a guardare il cielo, a rivolgere lo sguardo in alto quando intorno non vediamo niente. La forza di rivolgersi al cielo dipende da quanti palloncini sono volati via e quanto noi abbiamo desiderato che tornassero. Se penso a questo, direi di non essere atea. Il Dio Palloncino…pensi che possa esistere ? E Lei ? Aveva gli “occhietti” perché li stringeva a cercare il palloncino volato via ?


No. Lei il palloncino l'ha solo fatto volare via, direi. Ma di questo non vorrei parlare. Dio Palloncino ? Io non sono ateo, ma lo vorrei. Vorrei sperare che lassù non esista nessuno, che noi non siamo stati prodotti da nulla se non dal caso. E che, una volta morti, scompariremo per sempre.
E' vero, il palloncino significa vedere o aver visto il mondo dall'alto. Io il mondo avrei voluto non vederlo. Perché è malvagio. Anzi no, non è il mondo ad essere malvagio. Lo sono i suoi squinternati abitanti e ciò che è grave è che non ci fanno nemmeno caso, pensano che la malvagità alberghi altrove. Si sono creati, nel corso dei secoli, persino dei mostri immaginari, popolandone la mitologia, le fiabe, i racconti e, oggi, persino i film horror.

Penso che l'amore sia un sentimento troppo nobile per essere sporcato dalla sofferenza. Credo nell'amore e, poiché ho sofferto e soffrirei per averlo, vorrei scomparire in esso. Scomparire per esso.

Vorrei essere un palloncino che scoppia o, meglio, l'aria del palloncino che si disperde nel mondo. Che, detto così, può sembrare anche un preservativo che si buca, per errore o per incuria, ove il seme che conteneva si effonde.

Forse avrei voluto fecondare il mondo, per renderlo migliore. Ergermi a Dio che si è fatto carne e che ha vissuto nella carne. Un Dioniso che l'ha conosciuta. O forse avrei voluto essere un padre e non solo biologico. Che di questi tempi significherebbe anche moltissimo.


Pubblicato il 23/1/2013 alle 15.7 nella rubrica RACCONTI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web