Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Paese ingovernabile

Siamo, evidentemente, in una situazione di stallo.
Nessun vincitore netto è uscito dalle elezioni del febbraio scorso, come era prevedibile.
Un unico sconfitto: la politica.
Se la democrazia, in Italia, è morta nel 1993, la politica, per come l'abbiamo conosciuta per decenni, è definitivamente morta, ma in questo caso non è necessariamente un male.
E' evidente che, il fenomeno Beppe Grillo è un fenomeno del tutto nuovo e da studiare. E' un fenomeno mediatico ed antimediatico assieme. Politico ed antipolitico assieme. Un fenomeno che, senza l'avvento del web e della comunicazione "sulla rete", sarebbe stato impensabile.
A vincere, sotto il profilo comunicativo, ad ogni modo, non è tanto Grillo, quanto la voce di cittadini interessati alla politica, ma stanchi dell'autoreferenzialità degli ultimi vent'anni. E stanchi di una comunicazione unicamente televisivo-mediatico-giornalistica.
Il bipolarismo è morto. Oggi assistiamo al tri-quadri-polarismo, ove Beppe Grillo è uno dei contendenti. Ove il suo movimento è addirittura il primo partito d'Italia.
A votarlo, spesso, una maggioranza silenziosa che, anziché disertare le urne (come forse sarebbe stato meglio, in questa situazione impolitica ed antidemocratica), da il suo voto ad uno che ha messo in ostaggio i due principali contendenti: Bersani e Berlusconi.
Quando Grillo gridava, nei comizi, "Arrendetevi ! Siete circondati !", sapeva molto bene che avrebbe fatto il pienone nelle urne.
Ora, ad ogni modo, ci troviamo di fronte alla più assoluta ingovernabilità, ove Pd-PdL-Monti e, ovviamente, i Grillini, non dialogano fra loro. Sembra quasi che a nessuno freghi nulla dei destini di questo povero Paese alla deriva.
I Grillini, poi, di fatto, non esistono. Esistono persone nominate che non contano nulla, senza storia né cultura politica, comandate a bacchetta dal duo Grillo-Casaleggio. Persone che non hanno alcuna libertà di coscienza in Parlamento. E, forse, nemmeno fuori dal Palazzo (potranno, ad esempio, andare nei talk show ad esprimere la loro libera voce e non quella dei loro Padroni ?).
Grillo-Casaleggio, da parte loro, fanno benissimo a dire che non si alleeranno con nessuno: in questo modo aumenteranno i loro consensi, pur senza avere uno programma di governo di ampio respiro.
Pd-PdL, dall'altra parte, ancora non comprendono che la politica è finita e soprattutto non comprendono che, solo votando una fiducia esterna ad un governo monocolore Cinquestelle, potrebbero salvarsi e, dunque, mettere a nudo l'incapacità di Grillo. E quindi, solo allora, dargli addosso.
Il punto è che la lunga traversata dell'indistinzione impolitica che dura dal 1993, sta mostrando i suoi frutti. E la causa è tutta del CAF prima (che pur Craxi non voleva, ma i suoi tatticismi lo hanno costretto, di fatto, a metterlo in piedi), della magistratura orientata in chiave cattocomunista, del Pci-Pds, della sinistra demitian-democristiana, dell'avvento conseguente di Berlusconi, dei fallimenti di Prodi (che privatizzò senza liberalizzare) ed ora dell'avvento del grillismo.
Vent'anni perduti per l'Italia e che non torneranno mai più.
In tutto ciò, chi scrive, assieme all'amica Ilona Staller, già deputata radicale, ha proposto la candidatura autorevole di Marco Pannella alla Presidenza della Repubblica per il prossimo maggio.
Forse solo “Santo Marco da Teramo” potrà - con il suo rigore morale e la sua passione civile di sempre - dare autorevolezza ad un Paese che ha perduto ogni credibilità nazionale ed internazionale.

Luca Bagatin

Pubblicato il 6/3/2013 alle 15.22 nella rubrica ARTICOLI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web