Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

A proposito dell'espulsione del medico massone da parte di Grillo & Associati

Da IL GAZZETTINO di Pordenone del 7 aprile 2013

MASSONE ESPULSO.
BAGATIN: GRILLINI COME IL FASCISMO


"Cacciando dalla loro lista il medico massone Fulvio Di Cosmo i grillini hanno fatto un gravissimo errore. Si sono comportati esattamente come fece il fascismo che sciolse le logge massoniche. La Massoneria non ha nulla a che fare con la politica, gesti come quello dei Cinque Stelle non fanno che criminalizzare". A parlare è il pordenonese Luca Bagatin, studioso della Massoneria e autore del libro Universo Massonico (Editore Bastogi) uscito nel dicembre scorso. "Ma lo sanno i grillini - aggiunge Bagatin che si definisce un laico-liberale, non ateo - che la prima cosa che viene chiesta per entrare in qualsiasi loggia è il certificato penale ? Inoltre non si dimentichi che la Massoneria ha ispirato i principi fondatori di molti stati democratici a partire dagli Usa. Perciò Grillo ha compiuto un errore gravissimo, sotto il profilo della democrazia e della libertà".


Dal MESSAGGERO VENETO di Pordenone del 7 aprile 2013


BAGATIN: SOLO NELLE DITTATURE SI EMARGINA CHI E' MASSONE


«La massoneria non c’entra nulla con la politica, è un’associazione filosofica e culturale». Il pordenonese Luca Bagatin interviene sul caso dell’esclusione dal movimento del medico dell’ospedale Santa Maria degli Angeli Fulvio Di Cosmo, candidato dei 5 stelle alle regionali nella circoscrizione di Trieste, perché iscritto alla massoneria. Lo fa a ragion veduta in quanto ha recentemente pubblicato un libro “Universo massonico”, edito da Bastogi, che raccoglie un lungo percorso di studi proprio sulla massoneria. «Quello di Gelli e della P2 - continua Bagatin - fu un falso scandalo tant’è che tutti gli imputati risultarono nel ’94 e ’96 assolti dall’accusa di aver complottato contro lo Stato. Solo nelle dittature - aggiunge - la massoneria è stata ferocemente repressa». Bagatin probabilmente presenterà il suo volume, che gode della prefazione del Gran maestro della Grande loggia d’Italia, Luigi Pruneti, alla mostra del libro di Torino.

Pubblicato il 13/4/2013 alle 7.20 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web