Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Gesù il maestro muratore

Non sappiamo quali e quanti viaggi abbia compiuto Gesù prima dei trent'anni.
Se sia stato, come sostengono alcuni, in India, nel Tibet oppure finanche in Britannia.
Ciò che è certo è che la sua erudizione e preparazione spirituale non erano comuni e di certo non erano comuni per un semplice falegname, figlio di falegname.
Gesù conosceva, ad esempio, gli Antichi Misteri degli Egizi, dei Caldei, degli Indù, dei Pitagorici in particolare.
Quali, poi, le corrispondenze fra la geometria pitagorica ed il druidismo e fra i Druidi e Gesù stesso, è il tema centrale di "Gesù il maestro muratore" di Gordon Strachan - professore di Architettura presso l'Università di Edimburgo - edito in Italia dalle Edizioni Arkeios.
Nel volume sono riscontrate non poche similitudini fra i misteri druidici e l'insegnamento diffuso da Gesù. Entrambi i culti erano monoteisti e fondati sulla Trinità; entrambi erano affini alla Legge di Mosè; entrambi erano culti trasmessi inizialmente per via orale, come oggi avviene per il moderno culto massonico; entrambi fondavano la loro dottrina sulla Redenzione e su un Salvatore...di nome Yesu, guarda caso.
Strachan fa risalire alla scuola pitagorica tali dottrine, giungendo a identificare la figura di Gesù con Pitagora stesso.
Secondo la scuola pitagorica, tutte le cose sono ritenute numeri e le conoscenze relative alla geometria pitagorica sono state attinte dall'arte della costruzione degli Egizi, dei Caldei e dei Fenici. In questo senso, l'autore del volume, si sofferma nello studio del simbolismo numerico pitagorico contenuto nella Bibbia, con l'ausilio di studiosi e filosofi quali ad esempio la francese di origini ebraiche ma di fede cattolica Simone Weil.
Uno studio affascinante e complesso al contempo, fatto di calcoli matematici, geometria, simbolismo occulto e celato agli occhi dei profani.
Un simbolismo conosciuto da Gesù il quale, nel libro, si ipotizza essere o Pitagora stesso, o comunque un appartenente alla scuola pitagorica. Una sorta di Libero Muratore ante litteram, capace di realizzare Templi e teatri sulla base della Geometria Sacra, ovvero detentore di quelle conoscenze spirituali alle quali potevano attingere solo i Massoni Operativi, ovvero coloro i quali diverranno i costruttori delle cattedrali gotiche durante il Medioevo e, successivamente, nel XVII e XVIII secolo, i Massoni Speculativi, fondatori della moderna Massoneria.
Quello di Gordon Strachan è uno studio completo, che condurrà lo studioso ed il lettore in un percorso fatto principalmente di studi relativi all'architettura ed alla geometria. Un percorso che, dalla Palestina di Gesù e dall'Antica Grecia pitagorica, lo condurrà sino alla Britannia, per scoprire le corrispondenze fra i culti degli esseni, quelli degli antichi greci e quelli druidici. Delle corrispondenze che trovano il loro cuore centrale e pulsante nella figura di Gesù, il Messia detto "Il Cristo".
Il primo, forse, fra i Liberi Muratori che la Storia - e la Storia della Massoneria in particolare - abbia mai conosciuto.

Luca Bagatin

Pubblicato il 12/5/2013 alle 7.52 nella rubrica SPIRITUALITA' - GNOSI - TEOSOFIA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web