Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

I "Testimoni del mistero" di Pier Carpi



Pier Carpi è indubbiamente l'autore più versatile ed eclettico che sia mai esistito nel Novecento.

Saggista, giornalista, fumettista, narratore, poeta, regista e ricercatore del mistero, Pier Carpi morì nel 2000 a soli sessant'anni, dimenticato da tutti, nonostante egli abbia lasciato un solco profondo nella cultura del nostro Paese.

Autodidatta cresciuto in un rigido collegio emiliano, senza aver mai conosciuto i genitori, iniziò ben presto a disegnare e a lavorare prima come fumettista - nel corso degli Anni Sessanta - ideando personaggi noir quali Zakimort e Teddy Bob e collaborando a numerose storie di Diabolik e Topolino e, successivamente, appassionandosi al mistero, all'occulto, all'esoterismo, diventando autore di pietre miliari nella storia del genere, quali "Storia della Magia", "Le società segrete", "Cagliostro", "Rasputin" e numerosi altri volumi.

E' dai suoi saggi, del resto, che nascono i film che ha diretto quali "Un'ombra nell'ombra", "Cagliostro" e "Povero Cristo", nei quali lavorarono attori del calibro di Bekim Fehmiu, Valentina Cortese, Irene Papas, Massimo Girotti, Rosanna Schiaffino, un giovanissimo ed allora sconosciuto Mino Reitano ed anche il mio caro amico fraterno Peter Boom.

Ho recensito diversi saggi di Pier Carpi, in questi anni, ne ho parlato diffusamente anche nel mio libro "Universo Massonico" e, in questi giorni, mi sono imbattuto nel suo ennesimo capolavoro saggistico, ormai, come gli altri, fuori catalogo da anni e reperibile solamente in qualche mercatino dell'usato, presso qualche appassionato del genere o su ebay, anche a modico prezzo.

"Testimoni del mistero", edito da Rusconi nel febbraio del 1979, è una raccolta di sei racconti-incontri che Pier Carpi ha avuto con personaggi curiosi e misteriosi, tutti appassionati di esoterismo e mistero, quali Agatha Christie, Giorgio Strheler, Irene Papas, Felix Yussupoff, Giuliana d'Olanda e Walt Disney.

Personaggi curiosi ed al contempo insospettabili. Agatha Christie con la sua strana amnesia che la portò lontana da casa per giorni, senza che lei stessa sapesse ove si fosse recata e la sua convinzione che ogni autore di romanzi gialli sia, in sé, un anticipatore della realtà; Giorgio Strehler, già iniziato alla Massoneria in gioventù, poi "bruciato fra le colonne", ovvero espulso, da Maestri incapaci di insegnargli l'arte Libero Muratoria e la sua passione per il mago John Dee, grande alchimista Cinquecentesco, conoscitore del segreto delle macchine magiche del teatro elisabettiano; Irene Papas ed i fantasmi che la perseguitarono allorquando recitò nel film "Un'ombra nell'ombra" e si fece beffe del rituale magico che Pier Carpi aveva allestito per girare la scena madre del film, dopo averlo studiato negli anni approfonditamente; Felix Yussupoff, incontrato da Pier Carpi assieme allo scrittore Pitigrilli a Parigi, negli Anni Sessanta, il quale si dice che avesse ucciso il monaco-mistico russo Rasputin, la cui figura lo stesso Pier Carpi tentò di riabilitare in un suo saggio, anni dopo; la Regina Giuliana d'Olanda e la sua passione per la stregoneria, ovvero le sue gite a Castletown, nell'Isola di Man, in Irlanda, presso la quale ha sede il museo internazionale di stregoneria, gestito da moderne streghe e stregoni, i quali hanno il compito, attraverso rituali antichissimi, di diffondere energia positiva laddove ve ne sia bisogno. E, infine, l'incontro fra Pier Carpi ed il mitico Walt Disney, in una villa veneta, presso un raduno Internazionale dell'Ordine Templare Jacques de Molay, al quale, notoriamente, Disney era affiliato. Ed ecco, dunque, Walt Disney, amabilmente discorrere con Pier Carpi della storia e dei segreti dell'Ordine del Tempio, tutt'oggi esistente e tutt'oggi depositario di millenarie conoscenze esoteriche, le quali, nei secoli, furono ostacolate dal Potere politico e religioso.

"Testimoni del mistero" è un saggio breve, ma allo stesso tempo molto illuminante.

Pier Carpi, ancora una volta, come nel suo stile, presenta i fatti per quelli che sono e pone ai suoi intelocutori domande precise, con autentico approccio giornalistico, alla ricerca delle verità celate, nascoste, velate. Storie di questo e dell'altro mondo, ove avvenimenti storici si succedono ad avvenimenti supernormali e soprannaturali, che hanno visto protagonisti scrittori, registi, attori, nobili e fumettisti celebri del Novecento, tutti conosciuti, incontrati e dunque intervistati personalmente dall'autore.


Luca Bagatin

Pubblicato il 13/10/2013 alle 7.34 nella rubrica SPIRITUALITA' - GNOSI - TEOSOFIA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web