Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Intervista esclusiva di Luca Bagatin a Francesco Serra di Cassano, autore di "Tutta colpa di Berlinguer" (che inizialmente doveva intitolarsi "Prima di restare orfani")

Francesco Serra di Cassano è un amico con il quale ultimamente esco e chiacchiero spesso.

In realtà è un mio amico da poco tempo e la nostra conoscenza è avvenuta per caso.

Alla metà di giugno un'amica mi invita a presenziare ad un convegno a Montecitorio nel quale è presentato “Tutta colpa di Berlinguer”, il romanzo del giornalista Francesco Serra e che dovrebbe essere presentato dal Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. La mia amica sa che ho un debole per la Ministra Boschi e che le vorrei regalare una copia del mio ultimo saggio “Ritratti di Donna”.

Ci vado, dunque, ma il convegno alla fine è presentato da Veronica Gentili, attrice e amica dell'autore.

Ne faccio un articolo, purtroppo non entusiastico, in quanto si parla di tutto tranne che del romanzo di Serra. Si parla troppo di politica comunista e lo si fa con un piglio poco critico.

Francesco Serra, giorni dopo, legge il mio articolo e mi contatta, stranamente entusiasta. Mi dice di essere un lettore del mio blog da ben cinque anni, addirittura. Ne sono visibilmente felice e ci incontriamo.

Da allora scopro una persona squisita ed iniziamo ad uscire spesso assieme. Scopro uno spirito libero nato nel 1964, che vive a Roma ma che ha studiato filosofia a Pisa, che a vent'anni era giovane comunista e che i suoi avi erano i celebri Serra di Cassano di Napoli, che diedero un importante contributo alla causa della Repubblica napoletana del 1799.

Non posso, dunque, non intervistarlo, vista la moltitudine di spunti che la sua vita racchiude.


Luca Bagatin: Bene Francesco, non puoi sottrarti alla fatidica domanda di rito. Parlaci un po' di te e delle origini della tua famiglia.

Francesco Serra: Iniziamo con il dire che miei avi sono i Serra di Cassano, nobile famiglia napoletana di origine genovese che, nel 1799, si contraddistinsero per aver partecipato attivamente al movimento rivoluzionario della Repubblica napoletana, a fianco dei francesi.

Palazzo Serra di Cassano è stata proprio la sede del comitato rivoluzionario e si dice che il mio avo Gennaro Serra fosse non solo amico intimo, ma addirittura l'amante dell'eroina Eleonora Pimentel Fonseca.

Gennaro Serra, ad ogni modo, fu tradito da un libraio venduto ai Borboni e venne decapitato nella piazza di Napoli, a soli 27 anni.

Da allora i genitori di Gennaro decisero di chiudere il Palazzo per 200 anni, in segno di lutto e protesta contro il Regno Borbonico.

Mio nonno Francesco, che era un capitano d'industria, nel dopoguerra, si occupò del restauro del Palazzo e nel 1960 lo inaugurò, proprio in occasione delle Olimpiadi di Roma, dando a Palazzo una grande festa alla quale furono invitati, fra gli altri, Maria Callas e Aristotele Onassis.

Nel 1982, Palazzo Serra di Cassano, fu ceduto da mio nonno allo Stato ed è attualmente la sede dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.


Luca Bagatin: Di famiglia nobile, benché rivoluzionaria, dunque. Ma, come approdi al Partito Comunista Italiano?

Francesco Serra: Alla fine degli Anni '70 frequentavo l'Università statale di Pisa. Allora in città il partito più forte era quello comunista. Oltretutto mia madre fu, per diversi anni, la compagna dello sceneggiatore Franco Solinas, legato al PCI e fra l'altro sceneggiatore de “La battaglia di Algeri”. Respirai quell'aria sin da ragazzino, quindi.


Luca Bagatin: Come nasce il tuo rapporto con Enrico Berlinguer ? Raccontaci della tua gavetta di giovane comunista.

Francesco Serra: Nel 1989 mi laureo con una tesi su “Strategia del Compromesso Storico”. In quegli anni Antonio Tatò, segretario di Berlinguer, mi chiama a lavorare a Botteghe Oscure e, volendo io intraprendere la carriera del giornalista, inizio a collaborare a “L'Unità” e, successivamente, per due anni, divento collaboratore di Achille Occhetto. Anch'io, come lui, volevo che il PCI cambiasse nome. Io, purtuttavia, già allora mi sentivo uno spirito liberale - sarà che fra i miei avi ci sono stati anche liberali e repubbliani – e criticavo pesantemente l'ideologia comunista, sino a che uscii definitivamente dal partito.


Luca Bagatin: Dopo quell'esperienza nel PCI, hai continuato a fare politica ?

Francesco Serra: Negli Anni '90 inizio a collaborare e a lavorare come capo ufficio stampa di Alleanza Democratica, il partito di Ferdinando Adornato e Willer Bordon. Rappresentavano per me quella sinistra moderata di cui l'Italia aveva bisogno. Purtuttavia e purtroppo il partito scomparve presto dalla scena politica italiana. Dal 1995 al 1997 mi iscrissi al Partito Radicale Trasnazionale e quella fu definitivamente il mio ultimo rapporto con la politica attiva e di partito.


Luca Bagatin: Come nasce invece il tuo rapporto con la cultura ?

Francesco Serra: Nasce nel 2001. Allora decido di collaborare con il Festival della letteratura di Mantova e con la Fondazione cinema per Roma.


Luca Bagatin: Come nasce, invece, l'idea di un libro su Berlinguer ?

Francesco Serra: Nasce nel dicembre del 2012. Inizio a scrivere il romanzo perché mi disgusta la diatriba fra Renzi e Bersani e non è un caso che io non mi sia mai iscritto al PD. Questa diatriba rischiava nuovamente di far subire l'ennesima sconfitta alla sinistra e la causa l'ho individuata nel fatto che i dirigenti postcomunisti non hanno mai approfondito il loro passato, nel bene o nel male.

Il passato del PD non era né è stato metabolizzato, ovvero è stato sostituito da miti che non c'entravano nulla con la tradizione comunista, quali ad esempio Kennedy.

Ho voluto dunque far sì, con questo libro, che quelle persone ricordassero invece – nel bene o nel male – l'ultimo leader carismatico del PCI, ovvero Enrico Berlinguer.

Oggi non nego la mia simpatia per Renzi, che è più umana che politica e ciò perché Renzi ha, anche anagraficamente, oltre che politicamente, caratteristiche diverse rispetto agli eredi del PCI.

Tutta colpa di Berlinguer” è un romanzo prima di tutto autocritico, che fa leva su aspetti emozionali più che politici, infatti.


Luca Bagatin: Come mai un titolo così commerciale ? “Tutta colpa di Berlinguer”, come ho scritto in un mio precedente articolo, ricorda molto uno degli ultimi filmetti di grido, “Tutta colpa di Freud”.

Francesco Serra: Ti dirò che il titolo che avevo originariamente pensato doveva essere diverso e non a caso, ovvero: “Prima di restare orfani”. Poi, per ragioni di marketing e su consiglio anche di Concita De Gregorio, l'abbiamo cambiato in “Tutta colpa di Berlinguer”.


Luca Bagatin: Che cosa puoi dirmi del rapporto fra Berlinguer e Craxi ? Chi aveva ragione, secondo te ?

Francesco Serra: Il rapporto fra i due è certamente stato deleterio e per responsabilità di entrambi. Entrambi, peraltro, erano caratterialmente molto diversi fra loro. Craxi era arrogante e aveva una visione dinamica della società. Berlinguer, invece, era schivo e aveva una visione conservatrice, statica della società.

Sarebbe stato utile, per la sinistra, che le loro idee convergessero. Purtuttavia sarebbe stato impossibile in quanto Berlinguer si rifiutava di staccarsi dalla tradizione comunista e non avrebbe mai aderito al socialismo europeo.

Paradossalmente il PSI di Craxi dialogava molto di più con l'estrema sinistra (Lotta Continua, Autonomia Operaia) di quanto non lo facesse il PCI, anche perché aveva necessità di ritagliarsi uno spazio politico autonomo dai due blocchi PCI e DC.


Luca Bagatin: E come mai tu, spirito libero, non sei passato subito al PSI ?

Francesco Serra: Perché allora ero troppo giovane ed ideologizzato. Avevo una visione dottrinaria delle cose. Ne parlo anche nel mio romanzo, infatti.


Luca Bagatin: Che cosa rimane, oggi, di quella stagione ?

Francesco Serra: Non rimane nulla. Rimane, al massimo, nelle generazioni che quella stagione hanno vissuto, una consapevolezza superiore rispetto agli altri.


Luca Bagatin: E sulla politica di oggi, che mi dici ?

Francesco Serra: La politica, oggi, non mi appassiona più. Preferisco rimanere un battitore ed uno spirito libero.


Luca Bagatin

Pubblicato il 22/7/2014 alle 14.17 nella rubrica ARTICOLI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web