Blog: http://lucabagatin.ilcannocchiale.it

Ciao Khaled Fouad Allam, caro amico !

Conobbi Khaled Fouad Allam sedici anni fa, nella primavera del 1999.

Allora avevo vent'anni ed ero iscritto ai Verdi e mi fu presentato da Mario Puiatti, allora esponente di spicco dei Verdi friulani. Fouad, anche se nessuna testata e nemmeno Wikipedia lo riporta, fu allora candidato alle elezioni europee proprio per il partito ambientalista italiano per eccellenza.

In quel periodo, da dissidente, sostenni la campagna elettorale della Lista Emma Bonino, purtuttavia collaborai volentieri anche alla campagna elettorale dei Verdi e ricordo che cenai con Fouad, Mario Puiatti e Italo Corai in un risorantino udinese.

Anni dopo rividi Fouad a Pordenone per un convegno su “Fede e Libertà” e pranzammo ancora una volta assieme, condividendo entrambi una visione laica e libertaria dell'umanità.

Apprendere della sua morte ieri, addirittura ancora avvolta nel mistero, mi rattrista doppiamente.

Il mio pensiero va a quei giorni, alla sua cultura ed intelligenza.

Ovunque ti trovi ora, caro Fouad, il mio cuore e la mia memoria avranno sempre un posto per te.


Luca Bagatin

Pubblicato il 11/6/2015 alle 14.24 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web